GIAL­LO... ROS­SI CAM­PIO­NI!

Una Ro­ma pra­ti­ca­men­te per­fet­ta bat­te l'Ur­be­te­ve­re con un po­ker e al­za con me­ri­to la cop­pa al cie­lo. Il bom­ber di Ru­bi­nac­ci rea­liz­za una gran­de tri­plet­ta

Gazzetta Regionale - - GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE - Ga­brie­le Piastra ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Da­vi­de che bat­te Go­lia. Un ce­le­bre epi­so­dio bi­bli­co, da sem­pre me­ta­fo­ra del­le gran­di im­pre­se, quel­le che non ti aspet­ti, quan­do il pic­co­lo scon­fig­ge il gi­gan­te. Ma me­ta­fo­re del ge­ne­re tro­va­no ri­scon­tro con­cre­to po­che vol­te nel­la real­tà di tut­ti i gior­ni: è pro­prio que­sto a ren­der­le co­sì spe­cia­li. Nel­la real­tà di tut­ti i gior­ni è Go­lia a bat­te­re Da­vi­de per­ché, sem­pli­ce­men­te, è lui il più gros­so fra i due. Non sap­pia­mo se in un uni­ver­so pa­ral­le­lo l'Ur­be­te­ve­re ab­bia fe­steg­gia­to, al­zan­do al cie­lo quel­la cop­pa che sa­reb­be sta­ta la ter­za con­se­cu­ti­va per Pa­squa­le Bar­ba. Non lo sa­pre­mo mai. In que­sto di uni­ver­so in­ve­ce, il no­stro, la Ro­ma ha più che me­ri­ta­ta­men­te scrit­to il mi­glior epi­lo­go a un ro­man­zo di suc­ces­so: il suo cam­pio­na­to. At­tra­ver­so una pro­va ma­sto­don­ti­ca, che ha mes­so in lu­ce un di­ver­so pas­so non di uno, ma di tut­ti gli in­ter­pre­ti in cam­po, la Ro­ma fir­ma un ton­do suc­ces­so per 4-0 nell'ul­ti­mo at­to. Stop. Ap­plau­si. Ti­to­li di co­da. Ro­ma e Ur­be­te­ve­re si con­trap­pon­go­no in una ve­ste no­ta a en­tram­be: il 4-3-3. In cam­po, tut­ti vol­ti no­ti e at­te­si: nes­su­na sor­pre­sa sul­la scac­chie­ra. Rullo di tam­bu­ri ed è su­bi­to par­ten­za su­per­ba del­la Ro­ma, che do­po so­li tre mi­nu­ti di gio­co tro­va la re­te del van­tag­gio con Ros­si, che si in­se­ri­sce al­la gran­de rac­co­glien­do e sfrut­tan­do al me­glio il sug­ge­ri­men­to di capitan Pa­ga­no. Ur­be­te­ve­re sot­to shock, ma la ga­ra è ap­pe­na ini­zia­ta. La for­ma­zio­ne di Pa­squa­le Bar­ba non for­za (giu­sta­men­te) la gio­ca­ta, pre­oc­cu­pan­do­si di im­bri­glia­re al­cu­ne del­le frec­ce del­la fa­re­tra di Ru­bi­nac­ci. In par­ti­co­la­re Cam­pa­na tie­ne sot­to stret­to con­trol­lo Pa­ga­no, no­to pe­ri­co­lo sia in fa­se di ri­fi­ni­tu­ra dell'azio­ne che per le im­prov­vi­se ster­za­te con ta­gli nel mez­zo. Kof­fi, poi, è un gio­ca­to­re straor­di­na­rio. Lo san­no tut­ti, lo sa l'Ur­be, per que­sto cer­ca di evi­ta­re per quan­to pos­si­bi­le si­tua­zio­ni di uno con­tro uno del ta­len­tuo­so ester­no of­fen­si­vo con il buon Far­fa­rel­li. Ma è pro­prio l'esi­gen­za di pre­sta­re at­ten­zio­ne a mi­nac­ce pro­ve­nien­ti da en­tram­bi i la­ti a crea­re un pro­ble­ma nel mez­zo del cam­po. Con Men­chi­nel­li spes­so co­stret­to a non po­ter­si sgan­cia­re dal­la si­ni­stra e Cam­pa­na im­pe­gna­to a far gli straor­di­na­ri sul­la de­stra, si vie­ne a crea­re un vuo­to. Per cer­car di col­mar­lo, Giun­ca­to si ab­bas­sa a da­re una ma­no (non è un ca­so se l'ester­no gial­lo­blù di­scen­de in pro­fon­di­tà so­lo in due cir­co­stan­ze a ini­zio pri­mo tem­po poi non più) e con lui spes­so ar­re­tra Bor­ni a com­bat­te­re. Ca­pua­no po­treb­be (e do­vreb­be) al­lo­ra es­se­re in teo­ria il prin­ci­pa­le ele­men­to di rac­cor­do fra i re­par­ti avan­za­ti, ma nel­la pra­ti­ca si muo­ve e spa­zia tan­to, sen­za riu­sci­re a in­ci­de­re. Le­gnan­te? Le­gnan­te è il più avan­za­to, chia­ra­men­te. Ma le pra­te­rie lo pre­ce­do­no, con­dan­nan­do­lo ad un esi­sten­za so­li­ta­ria in par­ti­ta, ma­lin­co­ni­co sa­tel­li­te vo­len­te­ro­so ma sof­fo­ca­to dal­la re­tro­guar­dia gial­lo­ros­sa che ine­vi­ta­bil­men­te ha tut­ti gli oc­chi e le lan­ce del­la sua fa­lan­ge pun­ta­te su di lui. La Ro­ma dal can­to suo è pa­dro­na del cam­po e non sde­gna il ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta prin­ci­pa­le del­la fi­na­le che le vie­ne af­fi­da­to dal de­sti­no. Tor­nan­do al­la cro­na­ca asciut­ta: do­po la ve­lo­cis­si­ma re­te del van­tag­gio, non si fa at­ten­de­re a lun­go la rea­zio­ne dei gial­lo­blù, che si ren­do­no per la pri­ma vol­ta pe­ri­co­lo­si po­co do­po. Giun­ca­to sfon­da a de­stra, re­si­sten­do al du­ro con­fron­to fi­si­co con Fa­la­sca, per poi smi­sta­re in mez­zo all'area do­ve Bor­ni, spal­le al­la por­ta, cer­ca di gi­rar­si per­den­do pe­rò il tem­po uti­le per co­glie­re di sor­pre­sa la re­tro­guar­dia gial­lo­ros­sa. La Ro­ma vo­la sul­le ali dell'en­tu­sia­smo e, ben pre­sto, va a per­der­si l'im­pres­sio­ne dell'equi­li­brio in cam­po. Nel­la fa­se cen­tra­le del pri­mo tem­po i ra­gaz­zi di Ru­bi­nac­ci mon­ta­no l'ac­cam­pa­men­to nel­la me­tà cam­po av­ver­sa­ria, sfio­ran­do in più oc­ca­sio­ni il raddoppio. Al 13' Kof­fi ser­ve Pa­ga­no, pron­to per an­da­re a far ma­le ar­rem­ban­do in area di ri­go­re, ma c'è la gran­de chiu­su­ra di Chil­lé (au­to­re di tre in­ter­ven­ti im­por­tan­ti nei pri­mi 35') a sven­ta­re la mi­nac­cia. Poi è Pa­du­la a ren­der­si pe­ri­co­lo­so sul­la si­ni­stra: il nu­me­ro set­te gial­lo­ros­so pun­ta da fer­mo Cam­pa­na, lo sal­ta e do­na pal­la a Ros­si, che in sci­vo­la­ta spin­ge il pal­lo­ne ver­so la por­ta, sen­za pe­rò riu­sci­re a im­pri­me­re suf­fi­cien­te for­za, ve­nen­do neu­tra­liz­za­to da Del­la Sa­la. Un ti­ro di Bor­ni e un pe­ri­co­lo­sis­si­mo col­po di te­sta di Pellegrini a di­sim­pe­gna­re (ri­schian­do l'au­to­goal) spez­za­no mo­men­ta­nea­men­te il mo­no­lo­go del­la Ro­ma, ma al 33' ar­ri­va il raddoppio dei ra­gaz­zi di Ru­bi­nac­ci gra­zie ad, an­co­ra una vol­ta, Ros­si, ra­pa­ce in area di ri­go­re nel tra­sfor­ma­re nel 2-0 un'azio­ne ori­gi­na­ta da un fal­lo la­te­ra­le. Nel­la ri­pre­sa l'Ur-

be­te­ve­re cam­bia ve­sti­to. Con l'in­gres­so di Mer­cu­rio, che si va a si­ste­ma­re sul­la cor­sia di si­ni­stra, i gial­lo­blù si si­ste­ma­no con il 4-1-4-1 con Men­chi­nel­li da­van­ti al­la di­fe­sa e Le­gnan­te con­fer­ma­to in at­tac­co. La dop­pia li­nea di uo­mi­ni do­vreb­be aiu­ta­re a con­te­ne­re le di­rom­pen­ti fo­la­te dei gial­lo­ros­si, ma non c'è tem­po per ve­ri­fi­car­lo. Pri­ma che il cam­bio av­ven­ga, in­fat­ti, su cal­cio di pu­ni­zio­ne di Fa­la­sca, c'è lo sfor­tu­na­to col­po di te­sta di Giun­ca­to a spe­di­re la sfe­ra al­le spal­le di Del­la Sa­la, per il pe­san­te 3-0. Al 16' Le­gnan­te pro­va a rug­gi­re, ru­ban­do pal­la a Pa­ga­no per poi li­be­rar­si in drib­bling e ti­ra­re: pal­la fuo­ri. Vo­la un gi­ro di lan­cet­te e Ros­si, so­vra­no in­con­tra­sta­to in cam­po, la­scia sul po­sto Buf­fa per poi in­flig­ge­re il col­po del 4-0. La ga­ra è fi­ni­ta in an­ti­ci­po: que­sta sen­sa­zio­ne riem­pie su­bi­to lo sta­dio e il cam­po. Sin­to­ma­ti­co al 23' un ti­ro vel­lei­ta­rio di Le­gnan­te dal cer­chio di cen­tro­cam­po, a mo­ri­re sul fon­do. Nel fi­na­le di ga­ra un epi­so­dio po­treb­be ad­dol­ci­re un po­co l'ama­ris­si­mo sa­ba­to dell'Ur­be­te­ve­re. Le­gnan­te pro­cu­ra un cal­cio di ri­go­re, che vie­ne bat­tu­to da Vul­tag­gio, ma Sem­pri­ni si con­qui­sta me­ri­ta­ta­men­te gli ap­plau­si, pa­ran­do l'estre­ma pu­ni­zio­ne e sal­va­guar­dan­do un ri­sul­ta­to che non la­scia scam­po a dub­bi: è la Ro­ma la re­gi­na in­con­tra­sta­ta e be­lis­si­ma di que­sta an­na­ta.

©Del Gob­bo

La Ro­ma al­za la cop­pa al cie­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.