AN­TO­NIO RA­NIE­RI “Io, pre­si­den­te con­tro­cor­ren­te Il Giar­di­net­ti è una fa­mi­glia”

Gazzetta Regionale - - SERIE D - PLAY OFF E POULE SCUDETTO - Ric­car­do Manai

Il pa­tron del club bian­coros­so ci rac­con­ta la sua so­cie­tà, sve­lan­do­ci i se­gre­ti e i pro­get­ti per il pros­si­mo an­no “L’obiet­ti­vo è quel­lo di con­fer­mar­si per poi al­za­re l’asti­cel­la, ma sem­pre se­guen­do la fi­lo­so­fia dei pic­co­li pas­si” Quan­do var­chi quel can­cel­lo, ca­pi­sci su­bi­to di non tro­var­ti in una so­cie­tà co­me le al­tre. An­cor pri­ma che nel ret­tan­go­lo ver­de, il Giar­di­net­ti ha sa­pu­to in­fat­ti crea­re un am­bien­te uni­co, in cui si re­spi­ra­no quei va­lo­ri che in­car­na­no al­la per­fe­zio­ne la pas­sio­ne che il pre­si­den­te An­to­nio Ra­nie­ri, e la sua fa­mi­glia (perchè an­che il fi­glio Leo­nar­do nel ruo­lo di di­ret­to­re spor­ti­vo sta di­mo­stran­do di aver get­ta­to le ba­si per qual­co­sa di im­por­tan­te, ndr), han­no sa­pu­to tra­smet­te­re a chiun­que si tro­vi a pas­sa­re dal­le par­ti di via dei Ru­de­ri di Tor­re­no­va. For­se il se­gre­to di “To­ni­no” è pro­prio nel suo sa­per es­se­re di­ver­so, un pre­si­den­te ma­ga­ri po­co av­vez­zo nel

re­sta­re in­gab­bia­to die­tro al­la scri­va­nia ma che pro­prio per que­sto ha sa­pu­to la­scia­re un se­gno indelebile in ogni più pic­co­la sfac­cet­ta­tu­ra di quel­la che, mai co­me ora, è giu­sto de­fi­ni­re co­me la sua so­cie­tà.

To­ni­no Ra­nie­ri, un pre­si­den­te de­ci­sa­men­te fuo­ri dai so­li­ti sche­mi

“Am­met­to di es­se­re in con­tro­ten­den­za. Non mi sen­to co­me uno di quei pre­si­den­ti che a vol­te si pren­do­no trop­po sul se­rio, sen­ten­do­si pro­fes­sio­ni­sti e di­men­ti­can­do­si che, in fon­do, sia­mo nel mon­do dei di­let­tan­ti, con pro­ble­ma­ti­che e di­na­mi­che ben di­ver­se”.

Fuo­ri da­gli sche­mi ma to­tal­men­te im­mer­so nel­la real­tà del Giar­di­net­ti

“Io vi­vo la so­cie­tà di cui mi sen­to par­te in­te­gran­te. Mi pia­ce sta­re a con­tat­to con tut­ti i ra­gaz­zi che ve­sto­no la ma­glia del Giar­di­net­ti perchè già que­sto per me è mo­ti­vo di ono­re. Vi­ver­la co­sì mi da la ca­ri­ca, mi aiu­ta ad af­fron­ta­re le pro­ble­ma­ti­che e poi in que­sto mo­do an­che i ri­sul­ta­ti si vi­vo­no in ma­nie­ra di­ver­sa”.

A pro­po­si­to di ri­sul­ta­ti, l’an­no che si è ap­pe­na chiu­so è sta­ta la di­mo­stra­zio­ne tan­gi­bi­le di co­me il club ab­bia sa­pu­to con­so­li­dar­si ne­gli an­ni nel­la giun­gla del cal­cio ro­ma­no

“Die­tro c’è tan­ta pas­sio­ne, vi­ve­re la so­cie­tà non di­co 24 ore su 24 ma ci sia­mo vi­ci­ni e fa­re le co­se in mo­do se­rio sen­za ven­de­re fu­mo. Al­la ba­se c’è si­cu­ra­men­te un’or­ga­niz­za­zio­ne va­li­da con per­so­ne qua­li­fi­ca­te. Non ci so­no for­mu­le ma­gi­che, que­sto è l’uni­co se­gre­to”.

Un’idea che poi si è ri­fles­sa an­che in cam­po

te fi­gu­re ma an­zi gio­can­do­ce­la a vi­so aper­to. I me­ri­ti so­no di Leo­nar­do che ha mes­so in pie­di del­le ro­se com­pe­ti­ti­ve in gra­do di con­fron­tar­si con chiun­que e ca­pa­ci di ot­te­ne­re ri­sul­ta­ti im­por­tan­ti su cam­pi sto­ri­ci do­ve non c’era­va­mo mai riu­sci­ti”.

Tra­guar­di im­por­tan­ti ar­ri­va­no an­che dal­la Ju­nio­res

“Eh sì, ab­bia­mo vin­to il cam­pio­na­to pro­vin­cia­le sa­len­do nei Re­gio­na­li an­dan­do co­sì a col­ma­re quel­la che era l’uni­ca la­cu­na che al mo­men­to ave­va­mo”

E la Pri­ma Squa­dra?

“Non la se­guo per­so­nal­men­te ma mi fa pia­ce­re di­re che mi­ster Rus­so con il suo staff sta fa­cen­do un gran­dis­si­mo la­vo­ro, in fi­na­le di Cop­pa La­zio e ad un pas­so dall’obiet­ti­vo del sal­to in Pro­mo­zio­ne”.

Una cre­sci­ta ge­ne­ra­le che poi si tra­du­ce con la ca­pa­ci­tà di trat­te­ne­re i gio­ca­to­ri mi­glio­ri di fron­te agli ap­prez­za­men­ti del­le al­tre. Uno co­me Bu­glia, ad esem­pio, pa­re pro­prio sia sta­to cor­teg­gia­to da pa­rec­chie big ep­pu­re è ri­ma­sto...

“E’ ve­ro, Fe­de­ri­co è un ra­gaz­zo che è l’em­ble­ma di co­me nel cal­cio a vol­te si dia­no giu­di­zi un po’ trop­po fret­to­lo­si. E’ ar­ri­va­to da una real­tà do­ve gio­ca­va po­co e gra­zie al no­stro aiu­to e al­le sue ca­pa­ci­tà è riu­sci­to ad emer­ge­re. E’ sta­to ri­chie­sto da mol­te so­cie­tà e ora ve­dre­mo di aiu­tar­lo a tro­va­re la si­ste­ma­zio­ne mi­glio­re se c’è la pos­si­bi­li­tà”.

Ab­bia­mo ap­pe­na par­la­to con il re­spon­sa­bi­le del­la tua Scuo­la Cal­cio e a sen­ti­re lui il tuo la­vo­ro non si li­mi­ta all’ago­ni­sti­ca

“Spes­so e vo­len­tie­ri la pri­ma per­so­na che i bam­bi­ni ve­do­no quan­do ar­ri­va­no qui so­no pro­prio io. Li aiu­to, co­no­sco il 90% dei ra­gaz­zi che fre­quen­ta­no la scuo­la cal­cio e que­sto per me è mo­ti­vo di sod­di­sfa­zio­ne perchè una so­cie­tà non de­ve mai di­men­ti­ca­re qua­le è la lin­fa che la so­stie­ne sem­pre”.

In ca­sa Giar­di­net­ti dun­que il set­to­re di ba­se ha un ruo­lo im­por­tan­te

“La Scuo­la Cal­cio ren­de vi­va una so­cie­tà, la ren­de una real­tà pul­san­te, che par­te­ci­pa at­ti­va­men­te e gior­no do­po

An­to­nio Ra­nie­ri

gior­no al­la cre­sci­ta ver­so il fu­tu­ro”.

In at­te­sa di sco­pri­re co­sa vi ri­ser­va il fu­tu­ro, una do­man­da sul pas­sa­to. Guar­dan­do in­die­tro, a co­me è cam­bia­to il Giar­di­net­ti ne­gli an­ni, qua­le è la sod­di­sfa­zio­ne più gran­de?

“E’ quel­la di aver pre­so il Giar­di­net­ti con 80 bam­bi­ni di scuo­la cal­cio e di aver­lo por­ta­to tra le pri­me 20 so­cie­tà del La­zio. Aver di­mo­stra­to che con il la­vo­ro si pos­so­no ot­te­ne­re ri­sul­ta­ti im­por­tan­ti, io non so­no del­la bor­ga­ta Giar­di­net­ti ma so­no fie­ro di aver por­ta­to in al­to que­sto no­me. Io, co­me tan­ti, so­no ti­fo­so di una squa­dra pro­fes­sio­ni­sti­ca ma le emo­zio­ni che mi dà il Giar­di­net­ti non rie­sce a dar­me­le nes­su­no”.

Dal pas­sa­to al fu­tu­ro, qua­le è ades­so l’obiet­ti­vo?

“Sia­mo ar­ri­va­ti ad un mo­men­to im­por­tan­te perchè spes­so è più fa­ci­le ar­ri­va­re che con­fer­mar­si. Ho vi­sto esem­pi in cui c’è sta­to chi ha fat­to fa­ti­ca a ri­ma­ne­re a cer­ti li­vel­li, il no­stro obiet­ti­vo ora è pro­prio que­sto. Man­te­ne­re quel­lo che ab­bia­mo per poi al­za­re ul­te­rior­men­te l’asti­cel­la ma sem­pre con la fi­lo­so­fia di fa­re pas­si pic­co­li ma so­li­di e im­por­tan­ti”.

Que­sto il mo­ti­vo per cui hai scel­to di in­cre­men­ta­re ul­te­rior­men­te lo staff

“Mi so­no re­so con­to in que­sti an­ni che per rag­giun­ge­re de­ter­mi­na­ti obiet­ti­vi si ha bi­so­gno di per­so­ne se­rie e qua­li­fi­ca­te. Nel cal­cio non è fa­ci­le tro­var­ne, ho quin­di cer­ca­to di af­fian­car­mi fi­gu­re che an­che uma­na­men­te ab­bia­no de­ter­mi-

na­ti re­qui­si­ti”.

Pa­ro­le da cui tra­spa­re un chia­ro sen­so di fa­mi­glia che va ben ol­tre quel­lo dei nor­ma­li rap­por­ti che re­go­la­no le di­na­mi­che all’in­ter­no di una so­cie­tà

“Il Giar­di­net­ti è il mo­ti­vo per cui io, mia mo­glie, mio fi­glio e il mio so­cio Mau­ri­zio ci al­zia­mo la mat­ti­na. En­tra­re den­tro un tuo im­pian­to e ve­de­re tan­ti ge­ni­to­ri e bam­bi­ni fe­li­ci è in­cre­di­bi­le. Ci so­no tan­ti mo­men­ti dif­fi­ci­li, ma ci so­no an­che tan­ti mo­men­ti che ti re­ga­la­no emo­zio­ni uni­che gra­zie al­le qua­li ca­pi­sci che tut­to que­sto non ha prez­zo”.

La dif­fe­ren­za, in fon­do, è tut­ta qui...

“La dif­fe­ren­za sia­mo pro­prio noi. La mia fa­mi­glia, i miei col­la­bo­ra­to­ri, en­tra­re in que­sta so­cie­tà e ve­de­re un sor­ri­so è la dif­fe­ren­za che cre­do ci sia, e lo di­co con il mas­si­mo ri­spet­to, con le al­tre so­cie­tà. Que­sto è un luo­go do­ve de­ter­mi­na­ti va­lo­ri so­no an­co­ra im­por­tan­ti. La­scia pe­rò che chiu­da di­cen­do una co­sa a cui ten­go”.

Pre­go

“Vo­glio di­re gra­zie a tut­ti i miei col­la­bo­ra­to­ri, quel­li che ci so­no qui at­tual­men­te e quel­li che ho avu­to da quan­do ho ini­zia­to. Tut­ti so­no sta­ti im­por­tan­ti, chi più chi me­no, e vo­glio rin­gra­ziar­li perchè cia­scu­no di lo­ro ha sa­pu­to la­sciar­mi qual­co­sa dan­do un con­tri­bu­to fon­da­men­ta­le per la no­stra cre­sci­ta. Se il Giar­di­net­ti è di­ven­ta­ta que­sta pic­co­la bel­la real­tà il me­ri­to, in fon­do, è an­che lo­ro”.

Il pre­si­den­te del Giar­di­net­ti An­to­nio Ra­nie­ri ©Gaz­zet­ta Re­gio­na­le

©Giar­di­net­ti

Il team bian­coros­so ha con­qui­sta­to l’ac­ces­so nei Re­gio­na­li

“Un an­no im­por­tan­te per il set­to­re gio­va­ni­le, 4 ca­te­go­rie d’Elite in cui ab­bia­mo rag­giun­to tut­ti gli obiet­ti­vi con lar­go an­ti­ci­po ri­spet­to al­la sta­gio­ne pre­ce­den­te”. “L’or­go­glio più gran­de è quel­lo di aver sa­pu­to af­fron­ta­re, con tut­te le no­stre squa­dre, le for­ma­zio­ni più bla­so­na­te del pa­no­ra­ma di­let­tan­ti­sti­co la­zia­le sen­za fa­re brut-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.