Pa­le­stri­na, svol­ta per lo Sbar­del­la? De An­ge­lis: "Tri­bu­ne aper­te per il 2019"

Il Sin­da­co del­la cit­ta­di­na pre­ne­sti­na fa so­gna­re i ti­fo­si aran­cio­ver­di: "Ri­sol­ve­re­mo la si­tua­zio­ne a giorni, pur­trop­po non po­te­vo con­trad­di­re l'or­di­nan­za del pre­fet­to. Tut­to pron­to per l'anno nuo­vo? Cre­do pri­ma"

Gazzetta Regionale - - SERIE D - Die­go Ca­va­lie­re

“Il cen­tro spor­ti­vo? Que­stio­ne di giorni”. Le pa­ro­le del Sin­da­co Adol­fo De An­ge­lis suo­na­no co­me mu­si­ca al­le orec­chie dei ti­fo­si del Pa­le­stri­na e do­na­no nuo­va spe­ran­za al club con­ces­sio­na­rio dell'An­to­nio Sbar­del­la, chiu­so ai ti­fo­si ormai dal 2011 per or­di­nan­za dell'al­lo­ra Pre­fet­to Pe­co­ra­ro, do­po i pro­ble­mi di or­di­ne pub­bli­co sor­ti du­ran­te una sfi­da ca­sa­lin­ga contro il Ci­vi­ta­vec­chia. Sem­bra pe­rò che la squa­dra aran­cio­ver­de, at­tual­men­te pri­ma nel gi­ro­ne B di Pro­mo­zio­ne e con am­bi­zio­ni nean­che trop­po ve­la­te di sal­to in Ec­cel­len­za, tra qual­che settimana po­trà di nuo­vo con­ta­re sul ca­lo­re del­la pro­pria cit­tà.

Sin­da­co, in occasione del­la sfi­da contro il Ti­vo­li si è crea­ta una si­tua­zio­ne pa­ra­dos­sa­le: da una par­te i ti­fo­si che han­no crea­to pro­ble­mi di or­di­ne pub­bli­co non so­no sta­ti con­te­nu­ti, con­tem­po­ra­nea­men­te le for­ze dell'or­di­ne han­no scor­ta­to fuo­ri dal cen­tro spor­ti­vo al­cu­ni ge­ni­to­ri che as­si­ste­va­no ad una par­ti­ta di scuo­la cal­cio. Non il mi­glior spot per il cal­cio.

“So­no a co­no­scen­za che ci so­no sta­ti que­sti due pro­ble­mi, as­so­lu­ta­men­te non col­le­ga­ti uno con l'al­tro: da una par­te i ge­ni­to­ri del­la scuo­la cal­cio, dall'al­tra le pro­ble­ma­ti­che le­ga­te ai ti­fo­si. So­no due co­se ben di­ver­se. Il pro­ble­ma dell'al­lon­ta­na­men­to dei ge­ni­to­ri na­sce pro­ba­bil­men­te per­ché si so­no ri­tro­va­ti all'in­ter­no di quel par­ti­co­la­re con­te­sto. Pe­rò è an­che ve­ro che quel­lo dell'im­pian­to del Co­mu­ne, in con­ces­sio­ne al Pa­le­stri­na, na­sce an­ni fa”.

Dal lon­ta­no 2011.

“Esat­ta­men­te. Al tem­po il Sin­da­co che mi ha pre­ce­du­to con­ce­de­va una de­ro­ga per far en­tra­re nell'im­pian­to un massimo di 200 per­so­ne, in at­te­sa che ve­nis­se­ro com­ple­ta­ti i la­vo­ri. Pri­ma del­la par­ti­ta con il Ci­vi­ta­vec­chia, il Pa­le­stri­na av­vi­sò il club ospi­te del­la si­tua­zio­ne, ma es­sen­do una ga­ra di car­tel­lo si pre­sen­ta­ro­no ti­fo­si in ec­ces­so e ci fu­ro­no pro­ble­mi di or­di­ne pub­bli­co che, de­vo di­re con ocu­la­tez­za e gran­de sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà, con­vin­se­ro le for­ze dell'or­di­ne a far ac­ce­de­re all'in­ter­no tut­te le per­so­ne ac­cor­se per as­si­ste­re all'even­to. Non so­lo, per evi­trae ul­te­rio­ri pro­ble­ma­ti­che han­no chie­sto rin­for­zi del­la Po­li­zia da Ro­ma. Se non ri­cor­do ma­le ven­ne­ro in­via­ti due blin­da­ti di­ret­ta­men­te dal­lo sta­dio Olim­pi­co, do­ve era in pro­gram­ma un mat­ch di Se­rie A e que­sto, agli oc­chi dell'al­lo­ra Pre­fet­to Pe­co­ra­ro, se­con­do la mia opi­nio­ne suo­nò co­me un cam­pa­nel­lo d'al­lar­me: di­mi­nui­re la si­cu­rez­za all'Olim­pi­co per un mat­ch di Ec­cel­len­za a Pa­le­stri­na. Da lì l'or­di­nan­za che di­chia­ra­va lo sta­dio non agi­bi­le e che tut­te le ga­re di­spu­ta­te al­lo Sbar­del­la fos­se­ro di­spu­ta­te a por­te chiu­se fi­no all'av­ve­nu­to ri­la­scio del pa­re­re di agi­bi­li­tà”.

Quan­to c'è da aspet­ta­re an­co­ra?

“Mi au­gu­ro che ven­ga ri­la­scia­ta a bre­ve. An­che per­ché quan­do ab­bia­mo pro­va­to ad ar­ri­va­re al­la so­lu­zio­ne del pro­ble­ma, la Com­mis­sio­ne Pub­bli­ci Spet­ta­co­li, che vie­ne con­vo­ca­ta su ri­chie­sta del­la so­cie­tà spor­ti­va e no­mi­na­ta dal sot­to­scrit­to, ha ri­le­va­to qual­che pre­scri­zio­ne”.

Con con­se­guen­ti po­le­mi­che.

“Ogni tan­to qual­cu­no vie­ne da me ac­cu­san­do­mi di non ave­re il co­rag­gio di da­re l'agi­bi­li­tà, ma non è una que­stio­ne di co­rag­gio. Sem­pli­ce­men­te non pos­so sca­val­ca­re il prov­ve­di­men­to di un Pre­fet­to. Que­sta è la si­tua­zio­ne. Mi au­gu­ro che da qui a qual­che gior­no si ar­ri­vi al­la so­lu­zio­ne del pro­ble­ma. Co­me ac­ca­du­to per il Pa­laz­zet­to del­lo Sport. Do­me­ni­ca, una vol­ta con­sta­ta­to che i pro­ble­mi ri­le­va­ti so­no sta­ti su­pe­ra­ti, ho con­ces­so la de­ro­ga per gio­ca­re, in at­te­sa del pa­re­re del­la Com­mis­sio­ne”.

Al­cu­ne pro­ble­ma­ti­che, pe­rò, non ri­guar­da­no

Pa­le­stri­na Nel­la fo­to prin­ci­pa­le uno scor­cio del cen­tro spor­ti­vo An­to­nio Sbar­del­la, nel ri­qua­dro il pri­mo cit­ta­di­no Adol­fo De An­ge­lis

esclu­si­va­men­te il con­ces­sio­na­rio, ma an­che la vec­chia Am­mi­ni­stra­zio­ne, co­me le tri­bu­ne.

“Ci so­no pro­ble­ma­ti­che che ri­guar­da­no la pre­ce­den­te Am­mi­ni­stra­zio­ne, quan­do oc­cu­pa­vo il ruo­lo di As­ses­so­re, al­tre che in­ve­ce so­no ri­con­du­ci­bi­li al con­ces­sio­na­rio. Ci so­no da ri­sol­ve­re al­cu­ne co­se, pen­so che sia­mo al­la fi­ne del per­cor­so, quin­di...”.

Il Pa­le­stri­na lot­ta da an­ni contro que­sta si­tua­zio­ne.

“Par­tia­mo da un pre­sup­po­sto: co­me Am­mi­ni­stra­zio­ne noi pos­sia­mo so­la­men­te es­se­re gra­ti al Pre­si­den­te Au­gu­sto Cri­sto­fa­ri. Ha in­ve­sti­to tan­to e mi di­spia­ce che deb­ba sop­por­ta­re que­sta si­tua­zio­ne, ma non pos- so con­ce­de­re una de­ro­ga fi­no all'av­ve­nu­to ri­la­scio dell'agi­bi­li­tà”.

Che vie­ne da­ta dal­la Com­mis­sio­ne Pub­bli­ci Spet­ta­co­li.

“Esat­ta­men­te. La Com­mis­sio­ne è com­po­sta dal Sin­da­co, dal tec­ni­co co­mu­na­le, dal co­man­dan­te del­la Po­li­zia Lo­ca­le e dai de­le­ga­ti del co­man­do di Vi­gi­li del Fuo­co, ASL e Co­ni La­zio. Que­sta com­mis­sio­ne si riu­ni­sce su mia con­vo­ca­zio­ne, ve­ri­fi­ca la si­tua­zio­ne e con­ce­de o me­no l'agi­bi­li­tà. Si può con­ce­de­re an­che con pre­scri­zio­ne, ma quan­do l'ab­bia­mo con­vo­ca­ta qual­che anno fa, con­vin­ti che fos­se tut­to quan­to a po­sto, ven­ne­ro a gal­la tanti pic­co­li pro­ble­mi”. “Non pen­so co­sti trop­po in­gen­ti, si trat­ta di pic­co­le co­se ed è mia in­ten­zio­ne con­vo­ca­re la Com­mis­sio­ne a giorni. An­che per­ché è no­stra vo­lon­tà al­lun­ga­re la con­ces­sio­ne al pre­si­den­te Cri­sto­fa­ri. La ri­te­nia­mo la scel­ta più giu­sta, han­no spe­so tanti sol­di ed è op­por­tu­no con­ce­der­gli il tem­po per l'am­mor­ta­men­to de­gli in­ve­sti­men­ti. Da Am­mi­ni­stra­to­re di­co che se la cit­tà è pro­pie­ta­ria di un be­ne e c'è una per­so­na che quel be­ne non so­lo lo uti­liz­za nel mi­glio­re dei mo­di, ma ad­di­rit­tu­ra lo mi­glio­ra, è nel no­stro in­te­res­se per­met­te­re che se ne oc­cu­pi il più a lun­go pos­si­bi­le. Una vol­ta si­ste­ma­ti i ba­gni e fat­to un pic­co­lo in­ter­ven­to al­le tri­bu­ne che ac­con­ten­ti il Co­ni, il pro­ble­ma sa­rà ri­sol­to”.

Ma se il Co­ni ha det­to no tre an­ni fa per le tri­bu­ne, co­me può di­re di si in que­sto mo­men­to?

“So che il club sta in­ter­lo­quen­do con il Co­ni, de­vo­no pre­sen­ta­re a lo­ro la ri­chie­sta di con­vo­ca­zio­ne del­la Comm­mis­sio­ne”.

Il pro­ble­ma del co­no vi­si­vo re­ste­reb­be.

“Può dar­si che ci sia una so­lu­zio­ne al pro­ble­ma, ma­ga­ri an­che con una de­ro­ga per l'in­ter­ven­to sui pri­mi due sca­li­ni, que­sta po­treb­be es­se­re un'ipo­te­si. Ades­so non so, co­me par­lo sba­glio. Da Am­mi­ni­stra­to­re quel­lo di cui mi de­vo pre­oc­cu­pa­re io è la si­cu­rez­za de­gli spet­ta­to­ri”.

Par­lia­mo di un cen­tro spor­ti­vo di pri­mo li­vel­lo.

“Lo Sbar­del­la chiu­so gri­da ven­det­ta. È una strut­tu­ra che va­le più del di­let­tan­ti­smo”.

Uno stal­lo di set­te an­ni, co­me pen­sa si pos­sa sbloc­ca­re?

“Man­ca­no pro­prio gli ul­ti­mi det­ta­gli. Pen­so che si deb­ba ri­sol­ve­re il pro­ble­ma dei ba­gni per gli in­va­li­di, rea­liz­za­re i ba­gni ester­ni o in­stal­la­re i ba­gni chi­mi­ci. Non cre­do si par­li di ci­fre astro­no­mi­che, do­po­di­ché co­me si di­ce, il fu­mo del­la pi­pa è fi­ni­to”.

An­che per­ché il dan­no so­cia­le per la cit­tà di Pa­le­stri­na è tan­gi­bi­le. Que­sta è una piaz­za che vi­ve di sport e che ha sem­pre se­gui­to la squa­dra.

“Se non c'era l'or­di­nan­za del Pre­fet­to avrei im­me­dia­ta­men­te con­ces­so la de­ro­ga una vol­ta ri­spet­ta­te le mi­su­re di si­cu­rez­za e mes­so a nor­ma i ba­gni. Con l'or­di­nan­za del Pre­fet­to, pe­rò, ho avu­to le ma­ni bloc­ca­te da que­sto pun­to di vi­sta”.

Il Pa­le­stri­na in Cop­pa ha gio­ca­to a Ca­ve. È legato a qual­che mo­do a que­sta si­tua­zio­ne?

“È una scel­ta di op­por­tu­ni­tà”.

Sin­da­co, tra po­chi me­si si en­tre­rà nell'anno del cen­te­na­rio. I ti­fo­si del Pa­le­stri­na po­tran­no vi­ve­re le emozioni dei fe­steg­gia­men­ti nel lo­ro sta­dio?

“Que­sta settimana do­vreb­be­ro svi­lup­par­si al­cu­ne si­tua­zio­ni, poi non do­vreb­be­ro es­ser­ci più pro­ble­mi. Spe­ro di po­ter con­ce­de­re l'agi­bi­li­tà mol­to pri­ma dell'ini­zio del 2019”.

E noi, co­me ab­bia­mo pro­mes­so al Sin­da­co, ad ini­zio di­cem­bre sa­re­mo di nuo­vo a Pa­le­stri­na spe­ran­do di po­ter en­tra­re, da spet­ta­to­ri, all'An­to­nio Sbar­del­la.

© US Pa­le­stri­na/you­tu­be “Ho gi­ra­to per cam­pi a lun­go, con due fi­gli che gio­ca­va­no a pal­lo­ne po­te­te im­ma­gi­na­re. Ho vi­sto mol­te tri­bu­ne che al­tro che co­no vi­si­vo...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.