NI­CO­LA FERRIGNI “Tut­ti noi re­spon­sa­bi­li La vio­len­za è una so­la”

Il so­cio­lo­go del­la Link Cam­pus Uni­ver­si­ty: “Se im­pre­ca­te su­gli spal­ti, sa­pe­te che ef­fet­to ge­ne­ra­te sui gio­va­ni che ascol­ta­no?”

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - Tom­ma­so Ros­si­ni

Par­la il so­cio­lo­go del­la Link Cam­pus Uni­ver­si­ty: “Fi­si­ca, ver­ba­le, psi­co­lo­gi­ca o ge­stua­le: non cam­bia mol­to. Sa­pe­te co­sa pro­vo­ca­te nei gio­va­ni quan­do im­pre­ca­te da­gli spal­ti? Il vio­len­to al­lo sta­dio è un po’ co­me il bul­lo a scuo­la...”

Que­sta set­ti­ma­na ab­bia­mo avu­to la for­tu­na di in­con­tra­re Ni­co­la Ferrigni, So­cio­lo­go pres­so la Link Cam­pus Uni­ver­si­ty. Un con­fron­to che of­fre un pun­to di vi­sta di­ver­so e che ci per­met­te di am­plia­re la visione so­cia­le del­la vio­len­za sui cam­pi di cal­cio.

Par­tia­mo dal­la di­men­sio­ne so­cia­le del­la vio­len­za.

“L’in­sta­bi­li­tà so­cia­le ed eco­no­mi­ca so­no ele­men­ti che fa­vo­ri­sco­no la vio­len­za, un fe­no­me­no so­ste­nu­to an­che dal ti­po di co­mu­ni­ca­zio­ne che ca­rat­te­riz­za i so­cial net­work, do­ve la con­trap­po­si­zio­ne so­sti­tui­sce con­fron­to e ri­fles­sio­ne”.

Nell’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo i cam­pi di cal­cio ap­pa­io­no co­me am­bi­ti so­cia­li con un mag­gior per­mis­si­vi­smo?

“As­so­lu­ta­men­te. Pren­dia­mo il ca­so del­le “fa­mi­ge­ra­te” bar­rie­re al­lo sta­dio Olim­pi­co, un prov­ve­di­men­to “PER” pen­sa­to per as­si­cu­ra­re la si­cu­rez­za del ti­fo­so (ren­de­re agi­bi­li le vie di fu­ga e di emer­gen­za , ecc...) poi stru­men­ta­liz­za­to in­ve­ce co­me prov­ve­di­men­to “CON­TRO” dal­le ti­fo­se­rie. A fron­te di un in­ter­ven­to per la si­cu­rez­za del­le per­so­ne c’è sta­ta la per­ce­zio­ne di un’azio­ne con­tra­ria, fi­na­liz­za­ta al con­trol­lo del­le ti­fo­se­rie in un con­te­sto, lo sta­dio, do­ve vi­ge­va un co­di­ce in­ter­no per cui tut­to era con­ces­so. Il vo­ler as­si­cu­ra­re la non vio­len­za nel cal­cio non è una que­stio­ne che ri­guar­da so­lo un in­ter­ven­to ester­no, nor­ma­ti­vo o di po­li­zia, ma in­ter­no che par­te dal­la re­spon­sa­bi­li­tà di cia­scu­no di noi”.

C’è una sor­ta di au­to­com­pia­ci­men­to o di ri­vin­ci­ta so­cia­le in chi si at­teg­gia con fa­re da bul­lo sul­le tri­bu­ne? Chi ur­la in­sul­tan­do l’ar­bi­tro spes­so pa­re vo­ler rac­co­glie­re con­sen­si...

“Ol­tre al­la gra­vi­tà cul­tu­ra­le che ca­rat­te­riz­za il fe­no­me­no del­la vio­len­za, nel ca­so dell’ag­gres­sio­ne all’ar­bi­tro si ag­giun­ge un ul­te­rio­re ele­men­to cri­ti­co per­chè col­pi­sce il ri­spet­to del­le re­go­le, dei­sti­tu­zio­na­liz­za la fi­gu­ra. Sia­mo so­li­ti fa­re un or­di­ne di sca­la per cui la vio­len­za fi­si­ca è più gra­ve di quel­la ver­ba­le: non è af­fat­to co­sì, la vio­len­za è vio­len­za, poi si può de­cli­na­re. La be­stem­mia con­tro un quat­tor­di­cen­ne de­ve ave­re lo stes­so gra­do di de­nun­cia so­cia­le di un’ag­gres­sio­ne: que­sto per­chè an­che la vio­len­za ver­ba­le col­pi­sce al­la ba­se i sa­ni va­lo­ri del­lo sport”.

Che co­sa le­git­ti­ma que­sto ti­po di at­teg­gia­men­to?

“Il cal­cio è uno sport po­po­la­re, tan­ti fat­to­ri di na­tu­ra so­cia­le ed eco­no­mi­ca lo han­no in­qui­na­to: la cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta, il cal­cio scom­mes­se, e l’im­ma­gi­ne me­dia­ti­ca del cal­cia­to­re. Tut­ti ele­men­ti che in que­sta so­cie­tà in­si­cu­ra ed in­cer­ta fan­no ac­cel­le­ra­re quel fe­no­me­no af­fin­chè un gio­va­ne vo­glia di­ven­ta­re a tut­ti i co­sti un atle­ta pro­fes­sio­ni­sta per fa­re una vi­ta agia­ta. Nel rac­con­to me­dia­ti­co si è sem­pre da­to una re­spon­sa­bi­li­tà di si­cu­rez­za spes­so in ter­mi­ni di for­ze di po­li­zia. Gen­ny la Ca­ro­gna so­spen­de una par­ti­ta e de­ve intervenire la po­li­zia co­me in­ter­lo­cu­to­re: la re­spon­sa­bi­li­tà è an­che di tut­te quel­le per­so­ne pre­sen­ti che an­zi­ché in­di­gnar­si as­se­con­da­no o an­co­ra peg­gio osan­na­no quel­la per­so­na”.

Un fe­no­me­no che si può pa­ra­go­na­re al bul­li­smo?

“Il vio­len­to al­lo sta­dio e il bul­lo a scuo­la so­no un po’ la stes­sa co­sa: un po’ co­me per il bul­lo a scuo­la in­fat­ti, al­lo sta­dio chi cer­ti­fi­ca il bul­lo è il pub­bli­co, è la mag­gio­ran­za si­len­zio­sa, e l’uni­co in­gre­dien­te per com­bat­te­re que­sto fe­no­me­no è una cre­sci­ta cul­tu­ra­le. Mi pia­ce sot­to­li­nea­re che nel cor­so de­gli ul­ti­mi an­ni è sta­to fat­to tan­to, io cre­do che per com­bat­te­re la vio­len­za nel cal­cio bi­so­gna in­tra­pren­de­re un pro­ces­so cul­tu­ra­le e ser­vo­no an­ni di sto­ria. Non si può cam­bia­re so­lo con una nor­ma; ogni pro­ces­so ha bi­so­gno di tem­po, in que­sto ca­so il pro­ces­so è quel­lo del­la sen­si­bi­liz­za- zio­ne. Par­lo di una re­spon­sa­bi­li­tà con­di­vi­sa, ini­zia­mo noi, cia­scu­no nel­la pro­pria in­di­vi­dua­li­tà, ad in­di­gnar­ci di fron­te ad un epi­so­dio di in­ci­vil­tà e di vio­len­za nel cal­cio e a de­nun­ciar­lo”.

Di chi è la re­spon­sa­bi­li­tà di que­sto cam­bia­men­to cul­tu­ra­le?

“Di tut­ti noi, cia­scu­no nel­la pro­pria in­di­vi­dua­li­tà (che sia lo spet­ta­to­re, il gio­ca­to­re, l’al­le­na­to­re, ecc...). Si­cu­ra­men­te una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà ce l’han­no in pri­mis le stes­se so­cie­tà spor­ti­ve, a vol­te di­strat­te da di­na­mi­che com­mer­cia­li e me­no spor­ti­ve. Poi i me­dia, la stam­pa: ad esem­pio il ri­cor­so al­le eu­ri­sti­che, a quel­le im­ma­gi­ni for­ti (si pen­si al mo­to­ri­no lan­cia­to dal­la cur­va di un de­cen­nio fa e spes­so ri­pro­po­sto quan­do ac­ca­do­no epi­so­di di vio­len­za) che ri­chia­ma­no giu­di­zi pre­co­sti­tui­ti, fa in mo­do che si con­ti­nui ad iden­ti­fi­ca­re la vio­len­za so­lo con cer­te im­ma­gi­ni quan­do la pro­ble­ma­ti­ca è mol­to più am­pia. I club so­no i pri­mi che de­vo­no da­re il mes­sag­gio po­si­ti­vo di cre­sci­ta, non fo­men­ta­re aspet­ta­ti­ve nel­le fa­mi­glie, poi che na­sca il ta­len­to di gran­de va­lo­re ben ven­ga, ma il va­lo­re è es­se­re un gran­de spor­ti­vo. Co­me Ty­son, è sta­to un gran­de spor­ti­vo ma nell’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo è sta­to quel­lo che ha mor­so l’orec­chio a Ho­li­field, un vio­len­to”.

L’aspet­ta­ti­va so­cia­le ha un gros­so pe­so?

“L’im­ma­gi­ne del cal­cia­to­re vin­cen­te trop­po spes­so non è bi­lan­cia­ta da quel­la del­la squa­dra, an­che a li­vel­lo me­dia­ti­co, e que­sto crea uno squi­li­brio nel­la per­ce­zio­ne dei va­lo­ri del cal­cio. Va­lo­ri che un gio­va­ne non può re­ce­pi­re in ma­nie­ra in­di­vi­dua­le se non tra­mi­te chi rac­con­ta il cal­cio e so­pra­tut­to chi lo in­se­gna”.

Nel qua­dro che ab­bia­mo trac­cia­to, l’ar­bi­tro è da sem­pre il ber­sa­glio pre­di­let­to: si trat­ta di sfogo oc­ca­sio­na­le o un ra­di­ca­men­to del mal­co­stu­me?

“È l’ef­fet­to di un mal­co­stu­me e que­sto va di pa­ri pas­so con la cul­tu­ra. Un ar­bi­tro inol­tre, in quan­to giu­di­ce del­la par­ti­ta, ha una re­spon­sa­bi­li­tà e que­sto di per sé lo espo­ne al­le cri­ti­che e ai giu­di­zi del pub­bli­co. L’im­por­tan­te è che la cri­ti­ca non si tra­sfor­mi in vio­len­za gra­tui­ta. La stes­sa di­na­mi­ca va­le an­che nei con­fron­ti del­la squa­dra av­ver­sa­ria o de­gli al­tri spet­ta­to­ri”.

La giu­sti­zia spor­ti­va ha una re­spon­sa­bi­li­tà so­cia­le?

“Si. Un’isti­tu­zio­ne co­me que­sta, che si espri­me at­tra­ver­so del­le sen­ten­ze, crea dei pa­ra­me­tri di ri­fe­ri­men­to e am­pli­fi­ca la sua re­spon­sa­bi­li­tà pro­prio per­chè quei pa­ra­me­tri rap­pre­sen­ta­no il mo­del­lo a cui ispi­rar­si”.

Le pe­ne più se­ve­re so­no una so­lu­zio­ne?

“Spes­so si par­la di ina­spri­men­to del­le pe­ne, non so­lo nel­lo sport, co­me so­lu­zio­ne ai pro­ble­mi. Ina­spri­re vuol di­re al­za­re un mu­ro, co­sì poi ne dob­bia­mo ab­bat­te­re due. Le san­zio­ni si pos­so­no au­men­ta­re, ma hai po­co ef­fet­to se non spie­ghi i mo­ti­vi. Quan­do il ca­sco è di­ven­ta­to ob­bli­ga­to­rio, ci so­no vo­lu­ti an­ni per com­pren­de­re il ri­schio di gui­da­re sen­za di es­so. Af­fin­chè un pro­ces­so cul­tu­ra­le ab­bia com­pi­men­to bi­so­gna spie­ga­re al­le per­so­ne le con­se­guen­ze di un’azio­ne. Il ter­mi­ne di que­sto pro­ces­so è la con­sa­pe­vo­lez­za del­le con­se­guen­ze, se im­pre­chi da­gli spal­ti qual’è l’ef­fet­to sui gio­va­ni che ascol­ta­no? Nel mo­men­to in cui non hai chia­ro que­sto, puoi ina­spri­re le pe­ne ma non hai ri­sol­to a mon­te la que­stio­ne: è il cam­bia­men­to so­cia­le quel­lo da rag­giun­ge­re, poi la nor­ma­ti­va di­ven­ta un co­rol­la­rio, una ri­spo­sta a quei ca­si, più li­mi­ta­ti, di chi non ac­cet­ta le re­go­le”.

Il cal­cio ha sem­pre su­bì­to il pro­ble­ma del­la vio­len­za, si può de­bel­la­re?

“Si, ne so­no fer­ma­men­te con­vin­to. Il cal­cio di­ven­te­rà sa­no, poi la de­vian­za fa par­te di tut­ti i con­te­sti in cui ci so­no tan­te per­so­ne, non po­trà mai es­se­re com­ple­ta­men­te im­mu­ne. Ab­bia­mo già rag­giun­to gran­di ri­sul­ta­ti, al­tri­men­ti non ci sa­reb­be il fair play, i pro­get­ti di sen­si­bi­liz­za­zio­ne, quei ge­sti for­ti da par­te di rap­pre­sen­tan­ti del­le so­cie­tà spor­ti­ve. Tan­ti fe­no­me­ni po­si­ti­vi, for­se an­co­ra trop­po po­co rac­con­ta­ti”.

©ww­w­ni­co­la­fer­ri­gni.it

So­cio­lo­go del­la Link Cam­pus Uni­ver­si­ty

Ni­co­la Ferrigni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.