Emi­lio Condello: “Si­mo­ne al­la Ju­ve sen­za nes­sun agen­te”

Gazzetta Regionale - - LE NOSTRE INCHIESTE - Ric­car­do Ma­nai

An­da­re al­la Ju­ve è un so­gno per qual­sia­si cal­cia­to­re pro­fes­sio­ni­sta, fi­gu­ria­mo­ci se par­lia­mo di un ra­gaz­zo di ap­pe­na 14 an­ni. E’ la sto­ria di Si­mo­ne Condello, gol­den boy di scuo­la Tor Tre Te­ste, da que­sta esta­te neo bom­ber dell’Un­der 15 bian­co­ne­ra. Un’asce­sa straor­di­na­ria che rac­chiu­de al pro­prio in­ter­no al­cu­ne del­le te­ma­ti­che più de­li­ca­te che stia­mo trat­tan­do in que­sta no­stra in­chie­sta. Chi me­glio di pa­pà Emi­lio per ave­re una te­sti­mo­nian­za di­ret­ta di co­me il rap­por­to tra pro­cu­ra­to­ri, o se­di­cen­ti ta­li, e cal­cio gio­va­ni­le di­let­tan­te sia sem­pre più in­si­dio­so: “Pur­trop­po l’idea che sta pren­den­do pie­de è che se uno non ha un pro­cu­ra­to­re non ar­ri­va. Una sug­ge­stio­ne so­prat­tut­to ro­ma­na pe­rò per­chè, ad esem­pio, a To­ri­no di­ver­si ra­gaz­zi dell’Un­der 15 non ce l’han­no”. Sfa­ta­to dun­que il pri­mo mi­to con Emi­lio che poi con­ti­nua: “Si­mo­ne è sta­to bloc­ca­to dal­la Ju­ven­tus cir­ca un an­no e mez­zo pri­ma del suo tra­sfe­ri­men­to e già al­lo­ra i pri­mi pro­cu­ra­to­ri han­no ini­zia­to a far­si avan­ti. Non ho pe­rò da­to mol­to pe­so al­le lo­ro pa­ro­le, tant’è che Si­mo­ne quan­do era al­la Tor Tre Te­ste non era se­gui­to da nes­su­no per­chè per me a 14 o 15 an­ni ave­re un pro­cu­ra­to­re non ser­ve”. Pro­va tan­gi­bi­le di co­me, se si pen­sa al pro­cu­ra­to­re co­me sci­vo­lo ver­so i pro­fes­sio­ni­sti, si stia fa­cen­do un er­ro­re: “For­tu­na­ta­men­te il no­stro per­cor­so è sta­to li­nea­re ma in que­sto sen­so è sta­ta pre­zio­sa an­che la Tor Tre Te­ste che ci ha fat­to sen­ti­re pro­tet­ti e tu­te­la­ti. Di Bi­sce­glia, Li­ve­ra­ni, Pa­ne, ci han­no sem­pre elen­ca­to ogni pos­si­bi­li­tà, mo­stran­do­ci i pro e i con­tro ma sen­za in­fluen­zar­ci. Si­mo­ne è an­da­to al­la Ju­ven­tus per­chè lo ha scel­to lui e al­la fi­ne per for­tu­na è sta­to tut­to per­fet­to. No­no­stan­te ma­ga­ri qual­che pro­cu­ra­to­re un po’ più in­tra­pren­den­te ci aves­se det­to di an­da­re al­tro­ve per una no­stra mag­gio­re con­ve­nien­za”. La Ju­ven­tus è un pal­co­sce­ni­co d’ec­ce­zio­ne su cui esi­bir­si e quin­di la do­man­da sor­ge qua­si spon­ta­nea. E’ ora che co­min­cia a sor­ge­re l’esigenza di ave­re un pro­fes­sio­ni­sta al qua­le af­fi­dar­si? “Ora ci so­no de­gli ami­ci che ci aiu­ta­no, ci sia­mo co­no­sciu­ti qua­si due an­ni fa. Fan­no par­te di una so­cie­tà im­por­tan­te ma, que­sto ci ten­go a pre­ci­sar­lo, ora mi fi­do di lo­ro per­chè in que­sti 2 an­ni ab­bia­mo co­strui­to un rap­por­to pro­fon­do che va ol­tre il me­ro aspet­to spor­ti­vo. E poi ri­pe­to, ci dan­no qual­che con­si­glio e ci so­no vi­ci­ni, nien­te di più per­chè a que­sta età un pro­cu­ra­to­re non è che ti ser­ve poi a mol­to”. Ciò che sem­bra ser­vi­re di più è in­ve­ce il te­le­fo­no, stru­men­to in­di­spen­sa­bi­le per col­ma­re la di­stan­za: “La lontananza pe­sa so­prat­tut­to nel­la quo­ti­dia­ni­tà del rap­por­to ma la tec­no­lo­gia, tra vi­deo chia­ma­te e mes­sag­gi, in un cer­to sen­so aiu­ta ol­tre al fat­to che ogni 15 gior­ni ci ve­dia­mo. Le pre­oc­cu­pa­zio­ni più gran­di? Al mo­men­to è sul fat­to che si di­plo­mi, ho let­to un ar­ti­co­lo in cui si di­ce­va che ap­pe­na 1 o 2 ra­gaz­zi del­la Pri­ma­ve­ra rie­sco­no a fa­re i pro­fes­sio­ni­sti, fi­gu­ria­mo­ci per un ra­gaz­zo dell’Un­der 15. Par­la­re di cal­cio co­me pro­fes­sio­ne a que­sta età per me non ha sen­so, è una co­sa an­co­ra trop­po di­stan­te”. Qua­le mes­sag­gio dun­que si può man­da­re ai ge­ni­to­ri che, pro­prio co­me Emi­lio, stan­no af­fron­tan­do un mo­men­to de­li­ca­to nel­la car­rie­ra del fi­glio? “Di­co di curare so­prat­tut­to l’aspet­to del di­ver­ti­men­to, di sce­glie­re una so­cie­tà do­ve il pro­prio fi­glio si di­ver­te, do­ve va­da con il sor­ri­so. Il pro­cu­ra­to­re? Se mai do­ves­se di­ven­ta­re pro­fes­sio­ni­sta al­lo­ra ci si può pen­sa­re ma, ri­pe­to, pri­ma dei 16 an­ni per me ser­ve a po­co o nul­la, si ri­schia di fa­re del pro­prio fi­glio una mer­ce di scam­bio”.

Si­mo­ne Condello In bian­co­ne­ro non ha per­so il vi­zio: so­no già 7 gol in cam­pio­na­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.