Si­mo­ne Vas­sal­lo dell’Al­mas è il pri­mo fi­na­li­sta di que­sta ter­za edi­zio­ne

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - Fran­ce­sco Man­cin

Il vin­ci­to­re del pri­mo in­con­tro sta­gio­na­le è il cal­cia­to­re dell'Al­mas: "A 13 an­ni mi è sta­to dia­gno­sti­ca­to un tu­mo­re al­la ti­bia. Mi dis­se­ro che for­se avrei smes­so col cal­cio, e in­ve­ce..." Il vin­ci­to­re del­la pri­ma ta­vo­la ro­ton­da di que­sta sta­gio­ne è sta­to il cal­cia­to­re dell'Al­mas Si­mo­ne Vas­sal­lo. Ol­tre a ri­sul­ta­re il mi­glio­re nel­le pro­ve in­di­vi­dua­li sul cam­po, il gio­va­ne cen­tro­cam­pi­sta ha con­vin­to tut­ti, per te­na­cia e de­ter­mi­na­zio­ne, nel con­fron­to con gli al­tri ra­gaz­zi ed al­la pre­sen­za di Ita­lo Cuc­ci. So­no sta­ti mol­ti i te­mi toc­ca­ti in­sie­me al clas­se '98, dal cal­cio ai so­gni nel cas­set­to, ri­per­cor­ren­do an­che qual­che tap­pa do­lo­ro­sa ri­guar­dan­te l'in­fan­zia del gio­va­ne Si­mo­ne. “Non sa­pe­vo nean­che di aver vin­to (ri­de n.d.r.), poi ho ri­ce­vu­to una chia­ma­ta è mi è sta­to co­mu­ni­ca­to che ero il vin­ci­to­re di que­sta ta­vo­la ro­ton­da. Si­cu­ra­men­te non me lo aspet­ta­vo, ma cre­do sia un tra­guar­do me­ri­ta­to per ciò che è emer­so sia dal cam­po sia dal con­fron­to. É sta­ta una gior­na­ta fan­ta­sti­ca e che mi ha fat­to cre­sce­re uma­na­men­te e cal­ci­sti­ca­men­te. É sta­to bel­lo po­ter par­la­re di cal­cio con gen­te co­sì esper­ta, co­me il di­ret­to­re Cuc­ci, ed an­che gli al­tri te­mi trat­ta­ti, ov­ve­ro le­ga­li­tà, vio­len­za e co­sì via so­no sta­ti in­te­res­san­tis­si­mi e mi han­no fat­to ca­pi­re mol­to sul­la vi­ta di tut­ti i gior­ni. Ho mas­si­ma fi­du­cia nel pro­get­to di Ta­len­to & Te­na­cia. Ol­tre al­la pos­si­bi­li­tà di vin­ce­re dei sol­di con il pre­mio fi­na­le, ti ar­ric­chi­sce sot­to tut­ti i pun­ti di vi­sta. Noi gio­va­ni ab­bia­mo la pos­si­bi­li­tà di cre­sce­re a 360 gra­di e so­prat­tut­to ci ven­go­no da­te con­cre­te chan­ce per il no­stro fu­tu­ro”. E pro­prio in me­ri­to a quel­lo che sa­rà poi un gior­no un la­vo­ro ve­ro e pro­prio Vas­sal­lo sem­bra ave­re già le idee ben de­fi­ni­te. “Sì, di­cia­mo che mi pia­ce­reb­be di­ven­ta­re un Agen­te di Com­mer­cio, ho fre­quen­ta­to il li­ceo lin­gui­sti­co pro­prio per que­sto an­che se, una vol­ta fi­ni­ta la scuo­la, non ho avu­to mo­do di se­gnar­mi all'Uni­ver­si­tà an­che per­ché fi­no al­lo scor­so an­no mi al­le­na­vo an­che di mat­ti­na. Pe­rò mi pia­ce­reb­be senz'al­tro pro­var­ci, so­no un ra­gaz­zo de­ter­mi­na­to e che non mol­la mai. Se non rie­sco

con il cal­cio do­vrò per for­za rim­boc­car­mi le ma­ni­che in al­tra ma­nie­ra, e riu­sci­re ma­ga­ri nel set­to­re ap­pe­na ci­ta­to sa­reb­be una gran bel­la sod­di­sfa­zio­ne”. Che di grin­ta e te­na­cia ne aves­se ol­tre­mo­do, lo si era in­tui­to sin dal­la più te­ne­ra età quan­do Si­mo­ne ha ri­schia­to qua­si di la­scia­re il cal­cio per un tu­mo­re benigno al­la ti­bia. E gli era sta­ta pa­le­sa­ta pro­prio la pos­si­bi­li­tà di do­ver ri­nun­cia­re per sem­pre al­la pas­sio­ne più gran­de. Po­co a po­co i so­gni di un fu­tu­ro da Pro­fes­sio­ni­sta, ri­cal­can­do le or­me di zio Giam­pie­ro Pin­zi, si ve­do­no dis­sol­ver­si. So­no sta­ti an­ni di pu­ra sof­fe­ren­za, ma al­la fi­ne a vin­ce­re è sta­ta la ca­par­bie­tà di un ra­gaz­zo che non si è mai but­ta­to giù, nean­che do­po che La­zio, a 13 an­ni, de­ci­se di non ri­con­fer­mar­lo per la sta­tu­ra giu­di­ca­ta trop­po esi­le per un cal­cio a quei li­vel­li. “Pur­trop­po a 13 an­ni mi han­no ri­scon­tra­to que­sto tu­mo­re al­la ti­bia e mi dis­se­ro che mol­to pro­ba­bil­men­te avrei do­vu­to la­scia­re il cal­cio. Non è sta­to un pe­rio­do sem­pli­ce. So­no an­da­to pri­ma ad Udi­ne ma lì non ci han­no ca­pi­to mol­to, poi so­no sta­to ope­ra­to a Vil­la Stuart ma an­che in quel ca­so sba­glia­ro­no ad­di­rit­tu­ra l'ope­ra­zio­ne. Sol­tan­to all'IPO so­no riu­sci­ti a ve­nir­ne a ca­po e da lì ho ini­zia­to a re­cu­pe­ra­re. Cer­to, per due an­ni ho pre­so tan­tis­si­me me­di­ci­ne ed ave­vo tan­to do­lo­re, ma non mi so­no mai ab­bat­tu­to e il cal­cio non l'ho mai ab­ban­do­na­to. In se­gui­to per­si an­che mia non­na e sem­bra­va un pe­rio­do qua­si stre­ga­to, ma an­che in que­sto ca­so non mi so­no per­so d'ani­mo. Nel cal­cio ho scel­to un cam­pio­na­to co­me quel­lo di Ec­cel­len­za per­ché ri­spet­to ad una Pri­ma­ve­ra pen­so di po­ter cre­sce­re di più. So che pos­so an­co­ra mi­glio­ra­re e non ho per­so le spe­ran­ze per una chia­ma­ta ma­ga­ri più im­por­tan­te”. In con­clu­sio­ne il rap­por­to con uno zio si­cu­ra­men­te spe­cia­le. “Quan­do ero bam­bi­no sof­fri­vo per la sua as­sen­za, sta­va sem­pre in gi­ro ed ogni vol­ta che par­ti­va pian­ge­vo. Poi mi ci so­no abi­tua­to ed an­zi, tra po­co lo avrò sem­pre al mio fian­co vi­sto che or­mai è un vec­chiet­to (ri­de n.d.r.). La sua car­rie­ra non mi met­te al­cun ti­po di pres­sio­ne, an­che per­ché lui è riu­sci­to ad ar­ri­va­re e per me non può non es­se­re che un gran­dis­si­mo pun­to di ri­fe­ri­men­to”.

Si­mo­ne Vas­sal­lo Vin­ci­to­re del­la pri­ma Ta­vo­la Ro­ton­da ©Ta­len­to & Te­na­cia

L'in­con­tro

La fo­to di grup­po e gli al­tri par­te­ci­pan­ti: ©Ta­len­to & Te­na­cia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.