Quan­to in­ve­stia­mo neL­La pRe­ven­zio­ne

GENTE - - Anteprima - Ros­sa­na Lin­gui­ni

chi le ha mas­sa­cra­te, di ave­re la li­ber­tà di par­la­re». Non è sem­pli­ce, co­me si in­tui­sce e co­me rac­con­ta con nu­me­ri ag­ghiac­cian­ti Ma­ra Car­fa­gna, de­pu­ta­ta di For­za Ita­lia che nel 2009, da mi­ni­stro per le Pa­ri Op­por­tu­ni­tà, in­tro­dus­se il rea­to di stal­king. «Cre­do che da al­lo­ra», ci di­ce, «sia au­men­ta­ta la con­sa­pe­vo­lez­za, il che non vuol di­re che sia cre­sciu­ta l’at­ti­vi­tà di de­nun­cia, an­zi». Il per­ché, ag­giun­ge Car­fa­gna, lo ha spie­ga­to chia­ra­men­te l’Os­ser­va­to­rio na­zio­na­le sul­lo stal­king: «Le mo­ti­va­zio­ni so­no la sfi­du­cia nei con­fron­ti del si­ste­ma di ga­ran­zia e pro­te­zio­ne, da cui le don­ne di­co­no di non sen­tir­si ade­gua­ta­men­te pro­tet­te do­po la de­nun­cia, e la pau­ra di peg­gio­ra­re la si­tua­zio­ne per­se­cu­to­ria».

E ma­ga­ri fos­se so­lo una sen­sa­zio­ne. «I da­ti di­co­no che una vit­ti­ma di fem­mi­ni­ci­dio su quat­tro ave­va spor­to de­nun­cia di stal­king nei con­fron­ti del pro­prio aguz­zi­no», ag­giun­ge Car­fa­gna. «Io di­co che l’Ita­lia ha stru­men­ti le­gi­sla­ti­vi avan­za­ti per po­ter­si di­fen­de­re da quel­le mo­le­stie in­si­sten­ti che se non fer­ma­te in tem­po ri­schia­no di sfo­cia­re in rea­ti più gra­vi co­me le vio­len­ze ses­sua­li e fi­si­che o gli omi­ci­di. Per que­sto il rea­to di stal­king non è so­lo uno stru­men­to ef­fi­ca­ce per po­ter­si di­fen­de­re da com­por­ta­men­ti già di per sé le­si­vi del­la li­ber­tà e del­la di­gni­tà del­le don­ne, ma può es­se­re an­che un mez­zo di pre­ven­zio­ne mol­to ef­fi­ca­ce».

In­ve­ce non va sem­pre co­sì. En­za Avi­no, tren­ta­cin­quen­ne di Ter­zi­gno, nel Na­po­le­ta­no, a set­tem­bre è sta­ta uc­ci­sa dal suo ex che lei stes­sa ave­va de­nun­cia­to più vol­te. Ar­re­sta­to e mes­so in car­ce­re per­ché ri­te­nu­to un sog­get­to pe­ri­co­lo­so e re­frat­ta­rio al­le re­go­le del­la con­vi­ven­za ci­vi­le, era sta­to scar­ce­ra­to do­po die­ci gior­ni dal Tri­bu­na­le del riesame. «Io cre­do che la car­ce­ra­zio­ne pre­ven­ti­va, del­la qua­le l’Ita­lia abu­sa e che cer­ta­men­te è da usa­re con gran­dis­si­ma cau­te­la per­ché vìo­la le ga­ran­zie a tu­te­la del­la li­ber­tà dell’im­pu­ta­to, nel caso del­lo stal­king sia in­di­spen­sa­bi­le e va­da ap­pli­ca­ta con ri­go­re e se­ve­ri­tà. An­che per­ché la leg­ge lo con­sen­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.