Do­po le fo­to di Eli­sa Isoar­di, si ac­cen­de il di­bat­ti­to: per­ché l’uo­mo non sti­ra?

LA FO­TO­GRA­FIA DI ELI­SA ISOAR­DI AL­LE PRE­SE CON LA CA­MI­CIA DI SAL­VI­NI PRI­MA HA FAT­TO SORRIDERE, POI RIFLETTERE. IL 98 PER CEN­TO DE­GLI ITA­LIA­NI NON VUOL SA­PER­NE, MA AL­CU­NI VIP A SOR­PRE­SA...

GENTE - - Sommario - DI GIOR­GIO CAL­DO­NAZ­ZO

P as­si per il maschio ai for­nel­li, quan­do cu­ci­na­re è una pas­sio­ne (e co­mun­que non gli si chie­da di la­va­re i piat­ti, la sua è un’ar­te, mi­ca ro­ba da sguat­te­ri...). E pas­si pu­re per l’uo­mo che di­ven­ta pa­pà e og­gi, in ca­si an­co­ra più uni­ci che ra­ri per la ve­ri­tà, co­min­cia a pren­der­si un pe­rio­do più o me­no lun­go di con­ge­do dal la­vo­ro, per aiu­ta­re la mam­mi­na e go­der­si il neo­na­to. Su una so­la co­sa sem­bra, in­ve­ce, im­pos­si­bi­le pre­ten­de­re dai ma­schi pic­co­li o gran­di pas­si in avan­ti: sti­ra­re. C’è una sor­ta di con­fi­ne in­va­li­ca­bi­le tra lo­ro e que­sta at­ti­vi­tà, ol­tre il qua­le non si è più uo­mi­ni o qua­si, al­me­no in Ita­lia. È ba­sta­ta una so­la im­ma­gi­ne di Eli­sa Isoar­di, che nel ti­nel­lo di ca­sa sti­ra e am­mi­ra una ca­mi­cia bian­ca, per in­ne­sca­re un di­bat­ti­to sem­pre ac­ce­so e mai so­pi­to, un au­ten­ti­co ner­vo sco­per­to na­zio­na­le: ma che fa, la Isoar­di, si pren­de cu­ra del­la ca­mi­cia del suo uo­mo, il lea­der le­ghi­sta Mat­teo Sal­vi­ni? E co­sa dob­bia­mo aspet­tar­ci, ades­so, il ri­tor­no in for­te sti­le de­gli an­ti­chi va­lo­ri ma­schi­li­sti, del­le brut­te con­vin­zio­ni per cui la don­na la­va, cu­ce, sti­ra e si met­te a di­spo­si­zio­ne, sot­to­mes­sa al part­ner?

«Eli­sa, io te lo di­co: vi­ci­no a ca­sa mia c’è uno che si pren­de un eu­ro e mez­zo! La ca­mi­cia te la la­va­no e te la sti­ra­no», le ha man­da­to a di­re Lu­cia­na Lit­tiz­zet­to. Poi ha ag­giun­to: «Eli­sa, la la­dy di fer­ro da sti­ro...

Tut­ti con­tro di lei, ma io so­no dal­la sua par­te. Nes­su­no ha mai sti­ra­to la ca­mi­cia del fi­dan­za­to o del ma­ri­to? Il pun­to è: ma quan­do usa le ca­mi­cie Sal­vi­ni, che ha sem­pre la fel­pa ad­dos­so? Avrà tre ca­mi­cie in tut­to, fa in fret­ta a sti­ra­re, la Eli­sa. Fos­se sta­ta la fi­dan­za­ta di Di Ma­io, in­ve­ce...».

In­som­ma, il ca­so ha di­vi­so l’in­te­ro Pae­se, uo­mi­ni e don­ne, de­stra e si­ni­stra, an­ti­chi e mo­der­ni. Re­sta un da­to, de­ci­sa­men­te

chia­ro: nel suo sa­cro te­sto Quel­lo che gli uo­mi­ni non fan­no, sot­to­ti­to­lo Il la­vo­ro fa­mi­lia­re

nel­le so­cie­tà con­tem­po­ra­nee, il so­cio­lo­go Lo­ren­zo To­de­sco ha snoc­cio­la­to per­cen­tua­li bul­ga­re. Ri­sul­ta che il 58,3 per cen­to de­gli uo­mi­ni ita­lia­ni non cu­ci­na, il 70,5 non fa la spe­sa, il 73,5 non ap­pa­rec­chia né spa­rec­chia la ta­vo­la, il 98,6 non la­va né tan­to me­no sti­ra. No­van­tot­to vir­go­la sei per cen­to: 986 ma­schi ita­li­ci su mil­le! Le cau­se? «La pri­ma è di na­tu­ra eco­no­mi­ca», spie­ga To­de­sco. «Se a la­vo­ra­re o co­mun­que a gua­da­gna­re di più è l’uo­mo, è ov­vio che a svol­ge­re i la­vo­ri do­me­sti­ci ci pen­si la don­na. Poi, pe­rò, c’è an­che la co­sid­det­ta ideo­lo­gia

di ge­ne­re, per cui la don­na si oc­cu­pa del­le at­ti­vi­tà ca­sa­lin­ghe per ri­spon­de­re al­le aspet­ta­ti­ve so­cia­li che pe­sa­no su di lei e che ven­go­no tra­smes­se dal­la fa­mi­glia, dal­la scuo­la, dai mass me­dia».

«Si è sem­pre fat­to co­sì e tut­to som­ma­to non è tan­to ma­le», scher­za, ma fi­no a un cer­to pun­to, Ste­fa­no Bet­ta­ri­ni, l’ex cal­cia­to­re, clas­si­co pro­to­ti­po di maschio ita­lia­no cen­to per cen­to. «A ca­sa mia, a Via­reg­gio, è la mia Ni­co­let­ta a la­va­re, a sti­ra­re, a si­ste­ma­re in cu­ci­na, non ci so­no dub­bi», chia­ri­sce in ma­nie­ra sten­to­rea. Il ri­sul­ta­to è che in nes­sun Pae­se eu­ro­peo, so­prat­tut­to del cen­tro-nord, si ha un qua­dro si­mi­le al no­stro. Da noi si dà per scon­ta­to che la­va­re, cu­ci­na­re e so­prat­tut­to sti­ra­re sia­no “co­se da fem­mi­ne”. At­ti­vi­tà (quan­do una fa­mi­glia può per­met­ter­se­lo) spes­so svol­te dal­le colf, an­che se non è que­sto il pun­to. Se una colf si am­ma­la, una don­na ita­lia­na non ha pro­ble­mi a met­ter­si all’as­se da sti­ro, in pu­ro sti­le Isoar­di. Se l’uo­mo re­sta so­lo con le sue ca­mi­cie, in­ve­ce, è un au­ten­ti­co dram­ma, che spin­ge il di­ret­to in­te­res­sa­to a tor­na­re dal­la mam­ma con un bor­so­ne col­mo di abi­ti, a con­tat­ta­re so­rel­le, zie, ami­che, cu­gi­ne, a scen­de­re in stra­da a cac­cia di qual­che la­van­de­ria ci­ne­se low co­st.

Di fron­te all’on­da­ta di sar­ca­smo mon­tan­te, Sal­vi­ni ha cer­ca­to di cor­re­re ai ri­pa­ri, sve­lan­do che la ca­mi­cia og­get­to del­le cu­re di Eli­sa ap­par­te­ne­va al­la fi­dan­za­ta e non al suo guar­da­ro­ba. Ma la pun­tua­liz­za­zio­ne non ha ras­se­re­na­to gli ani­mi. Vie­ne in men­te la pub­bli­ci­tà di qual­che me­se fa, del­la Braun, con cin­que uo­mi­ni che sem­bra­no al­le­nar­si per un’im­pre­sa ti­ta­ni­ca, su­da­no, sbuf­fa­no, sfog­gia­no un co­rag­gio da leoni, fin­ché estrag­go­no un fer­ro da sti­ro e si ci­men­ta­no nell’im­pre­sa, sti­ra­re ap­pun­to. E sot­to la scrit­ta: “The real iron man”, “il ve­ro uo­mo di fer­ro”, aiu­ta nel­le fac­cen­de do­me­sti­che. Pro­prio co­me ac­ca­de a ca­sa del cam­pio­ne del mon­do Pao­lo Ros­si e del­la mo­glie Fe­de­ri­ca, che di lui di­ce: «Non ha pro­ble­mi a sti­ra­re». Lo stes­so ac­ca­de nel­la vil­la di Car­men Rus­so ed Enzo Pao­lo Tur­chi, do­ve «il mio Enzo sti­ra a tem­po di mu­si­ca, ha im­pa­ra­to a far­lo fin da gio­va­ne, quan­do vi­ve­va da so­lo e do­ve­va ar­ran­giar­si», spie­ga Car­men. « Cer­to, in ca­sa ci aiu­ta una don­na e più spes­so a sti­ra­re so­no io... Ma se ca­pi­ta, lui non ha pro­ble­mi, in fon­do sti­ra­re è an­che ri­las­san­te».

SO­NO DURE A MO­RI­RE VECCHIE ABI­TU­DI­NI E MENTALITÀ ALL’AN­TI­CA

IL SUO VE­NER­DÌ “DA LEONI” Eli­sa Isoar­di, 36 an­ni, si ap­pli­ca con la mas­si­ma at­ten­zio­ne men­tre un ve­ner­dì se­ra (“Da leoni”, ha iro­niz­za­to lei sui so­cial) sti­ra una ca­mi­cia da uo­mo. Del com­pa­gno Mat­teo Sal­vi­ni? Lui giu­ra di no. LA CONSIGLIERA ISLAMICA...

ENZO COLLABORA A SUON DI MU­SI­CA Ro­ma. Enzo Pao­lo Tur­chi, 68 an­ni, al fian­co del­la mo­glie Car­men Rus­so, 58, non ha pro­ble­mi a sti­ra­re in ca­sa: «In fon­do è ri­las­san­te e io lo fac­cio a suon di mu­si­ca». PAO­LO ROS­SI È UN CAM­PIO­NE Bu­ci­ne (Arez­zo). Pao­lo...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.