Si­mo­na Ven­tu­ra: «I tra­di­men­ti e la Tv: ades­so parlo io»

LA RAI? «ME NE ANDAI PER­CHÉ ERO ESASPERATA». L’AD­DIO A STE­FA­NO BET­TA­RI­NI? «HO TACIUTO DEL­LE SUE SCAPPATELLE PER I FI­GLI, FU UN LUT­TO». E DELL’IN­TI­MI­TÀ CON GE­RÒ RI­VE­LA: «TRA NOI NON BA­STA MAI»

GENTE - - Sommario - DI ALES­SAN­DRA GA­VAZ­ZI

Q uan­do nel si­len­zio del­lo stu­dio te­le­vi­si­vo Hea­ther Pa­ri­si l’ac­cu­sa pla­teal­men­te di esal­ta­re un con­cor­ren­te so­lo per in­gra­ziar­si il pub­bli­co, lei qua­si non si vol­ta. Si ri­vol­ge di­ret­ta­men­te ai ra­gaz­zi sul­le gra­di­na­te del se­ra­le di Ami­ci. Ed è su­bi­to tri­pu­dio, co­me una gla­dia­tri­ce nell’are­na. La clip del­la sua ri­spo­sta all’ex Di­sco Bam­bi­na, quel­la in cui le ri­spon­de sec­ca: «Non so­no ruf­fia­na, non lo so­no mai sta­ta e non lo sa­rò mai!», ini­zia fin da su­bi­to a gi­ra­re sui so­cial. Rim­bal­za, di­vi- de, ritorna. Vie­ne con­di­vi­sa, pa­ro­dia­ta, ci scher­za su lei per pri­ma. For­nen­do an­che all’igna­ro spet­ta­to­re una con­fer­ma: Si­mo­na Ven­tu­ra è sem­pre Si­mo­na Ven­tu­ra. «So­no una com­bat­ten­te, un’ani­ma­le te­le­vi­si­vo», di­ce di sé con orgoglio e un fi­lo di ironia. «Non mol­lo mai, lo san­no be­ne i miei de­trat­to­ri e ne so­no ter­ro­riz­za­ti».

È tor­na­ta, sì, o for­se, an­zi, non era mai an­da­ta via. E ora che co­me ospi­te fis­so del ta­lent di Ma­ria De Fi­lip­pi si è ri­pre­sa, in pra­ti­ca, il sa­ba­to se­ra, ne ap­pro­fit­ta per to­glier­si qual­che sas­so­li­no dal­lo sti­let­to. Fer­ma re­stan­do la pub­bli­ca, uma­nis­si­ma ri­co­no­scen­za nei con­fron­ti del­la si­gno­ra Co- stan­zo: «A Ma­ria sa­rò gra­ta tut­ta la vi­ta per­ché, do­po che mi ero ro­to­la­ta nel fan­go, è sta­ta lei a dar­mi le op­por­tu­ni­tà più in­te­res­san­ti». Il fan­go ad­dos­so ave­va ini­zia­to ad ar­ri­var­le qual­che an­no fa. Quan­do da vol­to Rai per ec­cel­len­za - un de­cen­nio d’amo­re as­so­lu­to e di in­cre­di­bi­li suc­ces­si, da Quel­li

che il cal­cio al­le pri­me, epi­che sta­gio­ni dell’Iso­la dei fa­mo­si e X Fac­tor, pas­san­do per San­re­mo - se ne an­dò a Sky. Era il 2011 e quel­la fu una rot­tu­ra do­lo­ro­sa, al­tro­ché «vo­glia di spe­ri­men­ta­re nuo­vi pro­get­ti», co­me si mo­ti­vò al­lo­ra. Og­gi lei la spie­ga con­ci­sa­men­te co­sì: «A quell’epo­ca den­tro la Rai ero ar­ri­va­ta a un pun­to di esa­spe­ra­zio­ne

«L’“ISO­LA” DEL­LA MARCUZZI? È DIF­FI­CI­LE COMPETERE CON ME»

in­sop­por­ta­bi­le». L’ad­dio non le dà le sod­di­sfa­zio­ni spe­ra­te. Lo sguar­do in­die­tro è ine­vi­ta­bi­le. Non so­lo per lei. «Le mie tra­smis­sio­ni era­no la­bo­ra­to­ri di idee im­pre­ve­di­bi­li, li­be­re, sen­za co­pio­ne». La più ce­le­bre del­le sue crea­tu­re an­co­ra in on­da è L’iso­la, ap­pe­na con­clu­sa­si pro­prio su Ca­na­le 5 e il ti­mo­ne l’ha ere­di­ta­to Ales­sia Marcuzzi. Im­pos­si­bi­le aste­ner­si dai pa­ra­go­ni. «Ales­sia mi pia­ce mol­to, ma ca­pi­sco che per lei sia dif­fi­ci­le sen­tir­si di­re ogni vol­ta che en­tra in stu­dio: “Ah se aves­se al­za­to il so­prac­ci­glio co­me la Ven­tu­ra!”».

Un po’ co­me ve­de­re il tuo ex con un’al­tra. Un ta­sto non più sen­si­bi­le co­me una vol­ta, per Si­mo­na. Tra i sas­so­li­ni so­pra­ci­ta­ti di cui si sta li­be­ran­do la Ven­tu­ra don­na, più che il per­so­nag­gio te­le­vi­si­vo, ce n’è an­che per le fac­cen­de di cuo­re e di let­to. Di og­gi e di ie­ri, sen­za trop­pi scon­ti per nes­su­no. Il pre­sen­te por­ta il no­me di Ge­rò Car­ra­ro: «La mia gran­de for­tu­na, la per­so­na che ti au­gu­ri di in­con­tra­re tut­ta la vi­ta e poi la in­con­tri dav­ve­ro». Il pas­sa­to più ce­le­bre, non­ché pa­pà di due dei suoi tre fi­gli, Nic­co­lò e Gia­co­mo, si chia­ma Ste­fa­no Bet­ta­ri­ni. «A 30 an­ni ero pie­na di buo­ni pro­po­si­ti», ha ri­cor­da­to Si­mo­na, «pen­sa­vo che una don­na po­tes­se ave­re tut­to, car­rie­ra e fa­mi­glia. In­ve­ce, qual­co­sa sul cam­po lo de­vi la­scia­re: quan­do il mio ma­tri­mo­nio è fal­li­to, per an­ni è sta­to un lut­to». Quel­le nozze fin trop­po il­lu­mi­na­te dai ri­flet­to­ri si in­fran­se­ro tra il 2004 e il 2005, do­po an­ni di tra­di­men­ti, am­mes­si poi pub­bli­ca­men­te dal­lo stes­so Bet­ta­ri­ni non trop­po si­gno­ril­men­te nel cor­so del Gran­de Fra­tel­lo Vip nell’au­tun­no 2016, dei qua­li Si­mo­na con­fes­sa di aver sem­pre sa­pu­to. «Quan­do ci so­no i fi­gli le co­se cam­bia­no. Ho per­do­na­to per un pe­rio­do per­ché ero in­na­mo­ra­ta. Può suc­ce­de­re per­ché l’amo­re è fi­ni­to op­pu­re per­ché chio­do scac­cia chio­do. Ma la fe­del­tà in un ma­tri­mo­nio è im­por­tan­te e al­la fi­ne ho vi­sto le co­se co­me sta­va­no». Il di­vor­zio è bur­ra­sco­so, i rap­por­ti con Bet­ta­ri­ni tor­na­no se­re­ni so­lo di re­cen­te, con re­ci­pro­che - e sem­pre pub­bli­che - di­chia­ra­zio­ni di af­fet­to in no­me dei fi­gli.

Me­ri­to an­che del­la ri­tro­va­ta se­re­ni­tà di Si­mo­na al fian­co di Ge­rò. L’in­con­tro fa­ta­le è del 2010, l’an­no suc­ces­si­vo van­no a vi­ve­re in­sie­me. «Ha ac­cet­ta­to il “pac­chet­to com­ple­to”: me e i miei tre ra­gaz­zi, sem­pre nel ri­spet­to dei ruo­li. Non è da tut­ti dar­si con tan­ta ge­ne­ro­si­tà». L’amo­re tra lo­ro è ro­ven­te. Lo ammette lei stes­sa sen­za trop­pe re­ti­cen­ze. «Il ses­so è fon­da­men­ta­le so­prat­tut­to nel pri­mo pe­rio­do, poi na­sco­no al­tre co­se in co­mu­ne». Spaz­zan­do via, tra l’al­tro, la sto­ria di una cri­si, di cui si sus­sur­rò un an­no fa, do­po che per qual­che tem­po le lo­ro im­ma­gi­ni di cop­pia era­no scom­par­se dai so­cial. Al gior­na­li­sta che le ri­cor­da­va la re­cen­te in­ter­vi­sta in cui Lo­rel­la Cuc­ca­ri­ni ha ri­ve­la­to di fa­re l’amo­re tre vol­te a set­ti­ma­na, lei ma­li­zio­sa e ri­dan­cia­na ribatte: «Non pos­so di­re quan­te vol­te lo fac­cia­mo io e Ge­rò, ma si­cu­ra­men­te so­no mol­te, ma mol­te di più». L’im­por­tan­te è non par­lar­le di nozze. Per­ché se è ve­ro che cre­der­ci sem­pre, ar­ren­der­si mai, co­me re­ci­ta­va un al­tro suo ce­le­ber­ri­mo mot­to, il tor­men­to­ne di nuo­vi fio­ri d’aran­cio non la sfio­ra. «È co­me se fos­si­mo già spo­sa­ti, stia­mo be­ne co­sì», ri­pe­te all’en­ne­si­ma ri­chie­sta. «So­no ter­ro­riz­za­ta all’idea di ini­zia­re a pen­sa­re a chi do­vrei in­vi­ta­re». Le prio­ri­tà so­no al­tre. I fi­gli gran­di, in­tan­to. E il ri­tor­no in Tv. C’è chi di­ce che stia la­vo­ran­do ala­cre­men­te al­la ver­sio­ne vip di Temp­ta­tion Island, il rea­li­ty in cui sei cop­pie di lun­go cor­so ven­go­no di­vi­se e mes­se al­la pro­va da ai­tan­ti cor­teg­gia­to­ri. Lei non con­fer­ma, chis­sà. «In Tv por­to me stes­sa, umil­men­te, con la mia espe­rien­za. So co­sa pia­ce al pub­bli­co per­ché lo sen­to», di­ce di sé. Sen­za es­se­re ruf­fia­na.

ME­GLIO ORA CHE A 30 AN­NI Si­mo­na Ven­tu­ra, 53 an­ni, ri­las­sa­ta e sor­ri­den­te in un ma­gni­fi­co ri­trat­to. «Non vor­rei mai tor­na­re a quan­do ave­vo 30 an­ni e non ero né car­ne né pe­sce», ha di­chia­ra­to. «Og­gi so­no mol­to più fe­li­ce, non mi in­te­res­sa sem­bra­re più...

LE NOZZE POS­SO­NO ASPET­TA­RE Mi­la­no. Si­mo­na con il com­pa­gno Ge­rò Car­ra­ro, 53 an­ni, sa­lu­ta i fo­to­gra­fi all’usci­ta da un ri­sto­ran­te. A si­ni­stra, la cop­pia, le­ga­ta dal 2010, si tie­ne per ma­no. «Nien­te nozze, stia­mo be­ne co­sì», ha ri­pe­tu­to più vol­te lei....

BENVENUTA, FELICITÀ A de­stra, il sorriso fi­nal­men­te se­re­no di Si­mo­na. So­pra, Ge­rò le apre la por­tie­ra as­sai di­ver­ti­to. Ol­tre ai due fi­gli avu­ti da Bet­ta­ri­ni, Nic­co­lò e Gia­co­mo, Si­mo­na è ma­dre di Ca­te­ri­na, 11 an­ni, fi­glia di una pa­ren­te, da lei...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.