La psi­co­lo­ga. Di­vor­zia­ti, ma ami­ci

Pro­get­to An­thea aiu­ta gli ex co­niu­gi a scam­biar­si, non li­ti­gan­do, tut­te le in­for­ma­zio­ni pra­ti­che che ri­guar­da­no i lo­ro ra­gaz­zi. L’obiet­ti­vo è evi­ta­re la guer­ri­glia tra gli ex co­niu­gi, do­ve per­do­no sem­pre i bam­bi­ni

GENTE - - Sommario - DI ENZO CORBELLA E GIANNA SCHELOTTO

Giu­lia, 36 an­ni, in­for­ma­tri­ce far­ma­ceu­ti­ca, è riu­sci­ta do­po mil­le ten­ta­ti­vi a ot­te­ne­re un ap­pun­ta­men­to con il re­spon­sa­bi­le sa­ni­ta­rio del più im­por­tan­te ospe­da­le del­la sua cit­tà. È ar­ri­va­ta in an­ti­ci­po e sta aspet­tan­do in an­ti­ca­me­ra, sfo­glian­do di­strat­ta­men­te una ri­vi­sta. Man­ca­no so­lo po­chi mi­nu­ti all’in­con­tro quan­do squil­la il te­le­fo­no. «Si­gno­ra, so­no la bi­del­la del­la scuo­la di sua fi­glia. Vo­le­vo av­ver­tir­la che la bim­ba è qui da so­la, per­ché nes­su­no è ve­nu­to a pren­der­la». «Ven­go su­bi­to, mi scu­si. Ero d’ac­cor­do con il pa­pà, do­ve­va ve­ni­re lui». Epi­so­di co­sì pos­so­no ca­pi­ta­re an­che ai ge­ni­to­ri non se­pa­ra­ti, ma è tra que­sti ul­ti­mi che più di fre­quen­te scop­pia­no i ma­lin­te­si. Di­men­ti­can­ze, fra­si non det­te, equi­vo­ci tro­va­no na­tu­ral­men­te ter­re­no più fer­ti­le nel­le ex cop­pie che han­no ac­cu­mu­la­to nel tem­po li­vo­ri, sfi­du­cia, ini­mi­ci­zia. La co­mu­ni­ca­zio­ne tra ge­ni­to­ri se­pa­ra­ti, an­che se si trat­ta so­lo di pro­ble­mi pra­ti­ci, è gra­va­ta dal pe­so dei re­ci­pro­ci ri­sen­ti­men­ti che fi­ni­sco­no con l’in­qui­na­re, in mo­do più o me­no in­con­scio, tut­ti i lo­ro ac­cor­di. Pro­prio dal­la con­sta­ta­zio­ne di si­mi­li dif­fi­col­tà, dal de­si­de­rio di cor­re­re in aiu­to del­le cop­pie che non san­no più par­la­re tra lo­ro, è na­to il Pro­get­to An­thea, un’ap­pli­ca­zio­ne te­le­ma­ti­ca che aiu­ta i ge­ni­to­ri a co­mu­ni­ca­re in for­ma “neu­tra” le in­for­ma­zio­ni re­la­ti­ve all’ac­cu­di­men­to dei fi­gli. Pa­dri e ma­dri si im­pe­gna­no a tra­smet­te­re so­lo at­tra­ver­so l’ap­pli­ca­zio­ne ogni no­ti­zia ri­guar­do ai fi­gli. Per qual­sia­si even­to si pos­so­no scam­bia­re se­gna­li di as­sen­so o di dis­sen­so. Ogni fra­se ri­ma­ne scrit­ta e ve­ri­fi­ca­bi­le, ma so­prat­tut­to pu­ra­men­te fun­zio­na­le. È una mo­da­li­ta pra­ti­ca sem­pli­ce e di im­me­dia­ta uti­li­tà, una spe­cie di “uo­vo di Co­lom­bo” per por­re ri­pa­ro al­le in­com­pren­sio­ni, ai li­ti­gi e ai frain­ten­di­men­ti. In de­fi­ni­ti­va si trat­ta di un si­ste­ma aset­ti­co ed ef­fi­ca­ce, che non per­met­te ali­bi né ri­pen­sa­men­ti. Se i due ex co­niu­gi non rie­sco­no a par­lar­si sen­za re­ci­pro­che ten­sio­ni una no­ta sul­lo smart­pho­ne o sul ta­blet fi­ni­sce con il ren­de­re un ser­vi­zio non so­lo uti­le, ma “pa­ci­fi­ca­to­rio”. L’idea, mes­sa a pun­to dall’av­vo­ca­to mo­de­ne­se Gian­ni Ca­sa­le, è co­sì bril­lan­te che il tri­bu­na­le del ca­po­luo­go emi­lia­no, per pri­mo in Ita­lia, ha adot­ta­to il Pro­get­to An­thea co­me stru­men­to uti­le, e per­si­no ne­ces­sa­rio, per aiu­ta­re le cop­pie se­pa­ra­te a svol­ge­re il ruo­lo di ge­ni­to­ri. Lo sco­po è non tra­sfor­ma­re ogni de­ci­sio­ne in una sor­ta di guer­ri­glia, do­ve a ri­sul­ta­re scon­fit­ti sa­reb­be­ro sem­pre i bam­bi­ni.

GIANNA SCHELOTTO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.