La gen­te do­man­da

La Tv pub­bli­ca da fi­ne mag­gio fa una pro­gram­ma­zio­ne for­se ac­cet­ta­bi­le ad ago­sto. Non ci so­no sol­di per qual­co­sa di me­glio?

GENTE - - Sommario - Ri­spon­de LUCILLA QUAGLIA cri­ti­co Tv Il mes­sag­ge­ro

N o, non è una pro­gram­ma­zio­ne giu­sta, an­zi la tro­vo ad­di­rit­tu­ra pa­ra­dos­sa­le. Il fat­to che ogni an­no, a par­ti­re da ora, ven­ga­no im­po­sti al pub­bli­co me­si di re­pli­che e di pro­gram­mi vi­sti e ri­vi­sti è as­sur­do. So­prat­tut­to con­si­de­ran­do la squa­dra nu­tri­ta e su­per pa­ga­ta di con­dut­to­ri e au­to­ri che so­no pre­sen­ti in Rai. Ba­sti pen­sa­re che die­tro a ogni tra­smis­sio­ne te­le­vi­si­va c’è non uno ma un plo­to­ne di au­to­ri chia­ma­ti ad oc­cu­par­se­ne. E il com­pi­to di que­sti si­gno­ri, una vol­ta ter­mi­na­to un pro­gram­ma, sa­reb­be pro­prio quel­lo di pro­por­re nuo­ve idee, nuo­vi for­mat, in mo­do da ren­de­re i pa­lin­se­sti va­ri, vi­va­ci e in­te­res­san­ti. E in­ve­ce in Rai, co­me in Me­dia­set, as­si­stia­mo a una pro­gram­ma­zio­ne an­ti­ca e su­pe­ra­ta. Men­tre Sky e La7 of­fro­no in­ve­ce un pro­dot­to gio­va­ne, go­di­bi­le e ag­gior­na­to, fa­cen­do an­che in­for­ma­zio­ne, il pub­bli­co di mam­ma Rai, che pa­ga pu­re un ca­no­ne e non lo me­ri­ta, su­bi­sce quat­tro me­si di re­pli­che. E cer­to non è que­stio­ne di bud­get, che al­la Rai non scar­seg­gia gra­zie agli in­troi­ti di ca­no­ne e pub­bli­ci­tà. È un pro­ble­ma di scel­te, di man­can­za di idee e di in­te­res­se. So­prat­tut­to di po­ca at­ten­zio­ne ver­so il te­le­spet­ta­to­re, che qua­si non vie­ne con­si­de­ra­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.