Miss Ame­ri­ca ban­di­sce il bi­ki­ni: è po­le­mi­ca

LE CON­COR­REN­TI SI CO­PRO­NO, SA­RAN­NO GIUDICATE PER DO­TI IN­TEL­LET­TUA­LI. MIRIGLIANI, VANZINA, CAPUA E COLOMBARI DI­CO­NO: «RIDICOLO. NON È RIVESTENDO LE DON­NE CHE SI CAM­BIA LA TESTA DE­GLI UO­MI­NI»

GENTE - - SOMMARIO - DI FEDERICA CAPOZZI

Mi­ca so­no tan­te le cer­tez­ze del­la vita. Il ma­re è blu, la piz­za è buo­na, i con­cor­si di bellezza li vin­ci se sei bel­la, con le gam­be lun­ghe, il se­no so­do e la pan­cia piat­ta. Poi una mat­ti­na ti sve­gli e sco­pri che no, è tut­to sba­glia­to, tan­to che dal­la pros­si­ma edi­zio­ne di Miss Ame­ri­ca le ra­gaz­ze non si esi­bi­ran­no più in bi­ki­ni e ver­ran­no giudicate non più per l’aspet­to fi­si­co ma sol­tan­to per personalità e ta­len­to. Co­sì han­no de­ci­so i nuo­vi ver­ti­ci, tut­ti femminili, dell’or­ga­niz­za­zio­ne che sta die­tro al­lo sto­ri­co con­cor­so, ex miss che la fa­scia, ai tem­pi, se la con­qui­sta­ro­no sen­za bat­ter ci­glio con il due pez­zi d’or­di­nan­za. Dun­que la vin­ci­tri­ce si fre­ge­rà del­lo stes­so ti­to­lo di sem­pre, ma guai a chia­mar­la re­gi­net­ta di bellezza. Ec­co fat­to. Già che ci sia­mo, chie­dia­mo ai con­cor­ren­ti di

Ma­ster­cC­hef di sta­re al­la lar­ga dai for­nel­li, a quel­li di X Fac­tor di smet­te­re di can­ta­re e a Chia­ra Fer­ra­gni di can­cel­lar­si da In­sta­gram.

Dif­fi­ci­le non iro­niz­za­re sul nuo­vo cor­so del­la ga­ra d’ol­treo­cea­no, su que­sta no­ta vi­sto­sa­men­te sto­na­ta di una ker­mes­se che na­sce ton­da e vor­reb­be farsi qua­dra­ta. Ar­duo non re­sta­re per­ples­si, pur sa­pen­do che al­la ba­se c’è un no­bi­le in­ten­to: di­mo­stra­re so­li­da­rie­tà al­le don­ne vit­ti­me di mo­le­stie sull’on­da del mo­vi­men­to Me­Too (an­ch’io), na­to dal­le ac­cu­se di vio­len­za mos­se al pro­dut­to­re Har­vey Wein­stein e poi di­la­ga­to ben ol­tre i con­fi­ni di Hol­ly­wood.

Gret­chen Carl­son, Miss Ame­ri­ca 1989 e og­gi pre­si­den­tes­sa del con­cor­so, ha spie­ga­to che le ra­gaz­ze non sfi­le­ran­no più, ma sa­ran­no esa­mi­na­te dai giu­di­ci nel cor­so di un col­lo­quio sui lo­ro in­te­res­si e ca­pa­ci­tà in­tel­let-

tua­li, nean­che do­ves­se­ro farsi as­su­me­re in azien­da. Si ve­sti­ran­no co­me me­glio cre­do­no, con abi­ti che le fac­cia­no sen­ti­re a pro­prio agio ed espri­ma­no il lo­ro sti­le per­so­na­le. «E già que­sto mi pa­re un pas­so fal­so», com­men­ta En­ri­co Vanzina, sce­neg­gia­to­re, pro­dut­to­re e per due vol­ta pre­si­den­te di giu­ria del­la no­stra Miss Ita­lia. «Met­tia­mo che una con­cor­ren­te ab­bia un pes­si­mo gu­sto in fat­to di ab­bi­glia­men­to: sa­rà pe­na­liz­za­ta ri­spet­to al­le al­tre con una mi­se più az­zec­ca­ta. Il co­stu­me è pa­ri­ta­rio, que­sto si­ste­ma no». Ma so­no tem­pi con­fu­si, spes­so an­che i mes­sag­gi po­si­ti­vi fi­ni­sco­no di­stor­ti. «Gli ame­ri­ca­ni, in par­ti­co­la­re, so­no co­sì os­ses­sio­na­ti dal “po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to” che ri­schia­no sem­pre di sfo­cia­re nel ridicolo», chio­sa an­co­ra Vanzina. «Ba­sta pen­sa­re a quan­te don­ne va­li­de, di ec­ce­zio­na­le ta­len­to, so­no usci­te da Miss Ita­lia per ca­pi­re co­me que­sta po­le­mi­ca non ab­bia il mi­ni­mo sen­so». Da Gi­na Lol­lo­bri­gi- da, ter­za clas­si­fi­ca­ta nel 1947, quan­do vin­se Lu­cia Bo­sé, a So­phia Lo­ren, Miss Eleganza 1950, per­si­no le più gran­di di­ve del no­stro ci­ne­ma esor­di­ro­no su quel palco, in co­stu­me e tac­chi al­ti.

An­che Patrizia Mirigliani, che di Miss Ita­lia è l’or­ga­niz­za­tri­ce e fi­glia del­lo sto­ri­co pa­tron En­zo, una che i con­cor­si di bellezza li re­spi­ra fin da pic­co­la, non ap­pro­va. «È mol­to bel­lo che ai ver­ti­ci di Miss Ame­ri­ca ora ci sia­no tre don­ne», con­ce­de. Me­glio lo­ro che Do­nald Trump, co­me è sta­to in pas­sa­to, ag­giun­gia­mo noi, vi­sto che il pre­si­den­te non è pro­prio un cam­pio­ne di fem­mi­ni­smo. «Pe­rò l’aver in­dos­sa­to la fa­scia di re­gi­net­ta non le ren­de au­to­ma­ti­ca­men­te ca­pa­ci di oc­cu­par­si dell’or­ga­niz­za­zio­ne», con­ti­nua. Nul­la vie­ta di cam­bia­re le re­go­le, Miss Ita­lia l’ha fat­to più vol­te per ade­guar­si ai tem­pi: ne­gli an­ni è ca­du­to l’ob­bli­go di co­mu­ni­ca­re le mi­su­re al mo­men­to dell’iscri­zio­ne, so­no sta­te am­mes­se mo­gli e mamme, è sta­ta elet­ta una miss di colore (Den­ny Men­dez nel 1996), la por­ta è sta­ta chiu­sa al­le mi­no-

ren­ni e aper­ta al­le cur­vy. «Abo­li­re il co­stu­me, in­ve­ce, non è al­tro che una for­za­tu­ra ipo­cri­ta. Pri­va­re di fem­mi­ni­li­tà il con­cor­so equi­va­le a ne­gar­ne l’es­sen­za: non è co­sì che si aiu­ta­no le don­ne ad af­fer­mar­si». Mi­ca per nien­te le fem­mi­ni­ste lot­ta­ro­no per met­ter­si la mi­ni­gon­na, non il bur­qa. «Quel­lo che con­ta è trat­ta­re la bellezza con amo­re, sen­za in­vol­ga­rir­la, co­me da sem­pre fac­cia­mo noi».

«Non mi so­no sentita “car­ne in mo­stra” nean­che per un se­con­do», rac­con­ta Ro­ber­ta Capua, Miss Ita­lia 1986. «Sa­pe­vo quel­lo che fa­ce­vo, par­te­ci­pa­re era sta­ta una mia scel­ta. So­no sta­te ben al­tre le cose che mi han­no im­ba­raz­za­ta nel­la vita, si­tua­zio­ni in cui mi so­no tro­va­ta con­tro la mia vo­lon­tà». Il pro­ble­ma di que­sti con­cor­si, sem­mai, è un al­tro: «Or­mai so­no ana­cro­ni­sti­ci, le gio­va­ni non ci si ri­co­no­sco­no più, han­no al­tri tram­po­li­ni di lan­cio. Ciò non to­glie che se ti chia­mi Miss Ame­ri­ca de­vi re­sta­re fe­de­le al mo­del­lo, non tra­ve­stir­ti da ta­lent show». «Quan­do par­te­ci­pi a un con­cor­so di bellezza è giu­sto che ti giu­di­chi­no per il tuo fi­si­co, non che ti sot­to­pon­ga­no a un esa­me co­me se do­ves­si en­tra­re al­la fa­col­tà di me­di­ci­na», con­fer­ma Mar­ti­na Colombari, in­co­ro­na­ta a Sal­so­mag­gio­re nel 1991. Que­sta storia di Miss Ame­ri­ca l’ha fat­ta pro­prio ar­rab­bia­re: «Le bel­le don­ne de­vo­no sem­pre di­mo­stra­re qual­co­sa in più del­le al­tre. Se vo­glio­no farsi ap­prez­za­re per la lo­ro in­tel­li­gen­za so­no co­stret­te a met­ter­si una ma­sche­ra, a mor­ti­fi­ca­re il pro­prio aspet­to», si sfo­ga. «Ban­di­re il bi­ki­ni da Miss Ame­ri­ca si­gni­fi­ca tra­sfor­ma­re un va­lo­re ag­giun­to - la bellezza, ap­pun­to - in qual­co­sa di sba­glia­to. E non serve a nien­te: co­pri­re le ra­gaz­ze non aiu­te­rà a cam­bia­re la testa de­gli uo­mi­ni, a in­se­gnar lo­ro il ri­spet­to. Co­min­cia­mo piut­to­sto a edu­ca­re i no­stri fi­gli ma­schi, a tra­smet­te­re lo­ro va­lo­ri po­si­ti­vi e un ap­proc­cio non vio­len­to al­la vita». Parole san­te. Né lo sa­reb­be­ro di me­no se Mar­ti­na le aves­se pro­fe­ri­te in co­stu­me.

AN­CHE SO­PHIA LO­REN E LA LOLLO SFILARONO IN CO­STU­ME

GUARDATELE BE­NE PER­CHÉ NON LE VEDRETE PIÙ CO­SÌ Atlan­tic Ci­ty (Sta­ti Uni­ti). Il pre­sen­ta­to­re Ch­ris Har­ri­son, 46 an­ni, sul palco con le con­cor­ren­ti di Miss Ame­ri­ca 2018. Dal­la pros­si­ma edi­zio­ne le ra­gaz­ze non sfi­le­ran­no più in bi­ki­ni: in­dos­se­ran­no abi­ti scel­ti da lo­ro e ver­ran­no giudicate non per l’aspet­to fi­si­co ma per ta­len­to e in­tel­li­gen­za.

«UNA RE­GO­LA MORTIFICANTE» Mar­ti­na Colombari, 42 an­ni, ha vin­to Miss Ita­lia nel 1991, quan­do ne ave­va 16 (le mi­no­ren­ni sa­reb­be­ro sta­te esclu­se dal­la ga­ra so­lo a par­ti­re dal 2002). Sul­la de­ci­sio­ne di “ve­sti­re” Miss Ame­ri­ca non fa scon­ti: «Per­ché mor­ti­fi­ca­re la bellezza? In­se­gnia­mo piut­to­sto ai no­stri fi­gli a ri­spet­ta­re le don­ne e ad amar­le», di­ce. LEI NON SE­GUE QUE­ST’ON­DA L’or­ga­niz­za­tri­ce di Miss Ita­lia Patrizia Mirigliani, 60, con la re­gi­net­ta in ca­ri­ca, Ali­ce Ra­che­le Ar­lan­ch, 22. «La bellezza va tu­te­la­ta, non na­sco­sta», di­ce. «Abo­li­re il bi­ki­ni è pu­ra ipocrisia».

MAI IN IM­BA­RAZ­ZO Ro­ber­ta Capua, 49, Miss Ita­lia 1986, di­ce: «Par­te­ci­pai per­ché vo­le­vo far­lo. Non mi sen­tii “car­ne in mo­stra” nean­che per un at­ti­mo». An­che lei con­dan­na il nuo­vo cor­so di Miss Ame­ri­ca.

«QUAN­TO TA­LEN­TO IN GA­RA!» Mon­te­ca­ti­ni Ter­me (Pi­sto­ia). En­ri­co Vanzina, 69, pre­si­den­te di giu­ria a Miss Ita­lia 2011, tra le ex re­gi­net­te Da­nie­la Fe­rol­la, 34, a si­ni­stra, e Cri­sti­na Chia­bot­to, 31. «Ho vi­sto ta­len­to su quel palco», di­ce.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.