La ri­vo­lu­zio­ne di­gi­ta­le del­le be­ne­det­ti­ne ber­ga­ma­sche

UNA CO­MU­NI­TÀ DI BE­NE­DET­TI­NE BER­GA­MA­SCHE CI AC­CO­GLIE PER MOSTRARCI CO­ME LA RE­TE E IL DI­GI­TA­LE, «SE USA­TI CON SOBRIETÀ», SIA­NO COMPATIBILI CON LA VI­TA CONTEMPLATIVA. «E POS­SA­NO AIU­TA­RE LE VOCAZIONI»

GENTE - - Sommario - DI ROSSANA LINGUINI

Di quan­to le gra­te di un con­ven­to di clau­su­ra sia­no an­co­ra bar­rie­ra in­va­li­ca­bi­le per i ru­mo­ri del­la vi­ta ter­re­na rac­con­ta il si­len­zio più sa­cro, quan­do il por­to­ne del mo­na­ste­ro ber­ga­ma­sco di San Be­ne­det­to si ri­chiu­de al­le no­stre spal­le. Un’en­cla­ve di pa­ce in quel­lo che era l’an­ti­co Bor­go San­to Ste­fa­no, in cit­tà bas­sa, che og­gi co­me nel 1400, quan­do la co­mu­ni­tà be­ne­det­ti­na di San­ta Ma­ria No­vel­la si unì a quel­la di San­ta Ma­ria in Val­ma­ri­na, cu­sto­di­sce gior­na­te scan­di­te da tem­pi di­la­ta­ti e rou­ti­ne mil­le­na­rie. Pre­ghie­ra, con­tem­pla­zio­ne e di­stac­co dal mon­do. Ep­pu­re, nell’An­no Do­mi­ni 2018, la ri­vo­lu­zio­ne di­gi­ta­le si è in­si­nua­ta fin qui, com­pli­ce Pa­pa Fran­ce­sco che ha per­mes­so l’uso di In­ter­net e so­cial net­work al­le suo­re di clau­su­ra. «Più che un’in­di­ca­zio­ne sua», ci spie­ga suor Cri­sti­na, ma­dre ab­ba­des­sa del con­ven­to che og­gi con­ta quat­tor­di­ci so­rel­le, «l’aper­tu­ra ai mez­zi di co­mu­ni­ca­zio­ne di mas­sa, “con sobrietà e di­scre­zio­ne e al ser­vi­zio del­la for­ma­zio­ne al­la vi­ta contemplativa”, è quan­to pre­ve­de la Cor Orans, istru­zio­ne del­la no­stra Con­gre­ga­zio­ne che at­tua quan­to sta­bi­li­va la Co­sti­tu­zio­ne apo­sto­li­ca del 2016 sul­la vi­ta contemplativa femminile, il cui te­ma prin­ci­pa­le è l’in­vi­to ai cin­que­cen­to mo­na­ste­ri di clau­su­ra ita­lia­ni a fe­de­rar­si». Il ri­sul­ta­to sta nell’uf­fi­cio che si af­fac­cia sul me­ra­vi­glio­so chio­stro di Pie­tro Isa­bel­lo, in cui suor Cri­sti­na e l’eco­no­ma suor Be­ne­det­ta, 48 e 49 an­ni, pas­sa­no buona par­te del­le lo­ro gior­na­te: un Mac nuo­vo fiam­man­te, con gran­de scher­mo da 21 pol­li­ci e mez­zo, ac­can­to a un al­tro com­pu­ter me­no av­ve­ni­ri­sti­co ma pur sem­pre de­co­ro­so.

«Stia­mo an­co­ra im­pa­ran­do a usa­re quel­lo nuo­vo», di­co­no. «È un do­no dei no­stri obla­ti, lai­ci vi­ci­ni al­la spi­ri­tua­li­tà be­ne­det­ti­na che ci sup­por­ta­no in tut­to e ci cu­ra­no il si­to». Co­sì le con­so­rel­le, che non han­no mai avu­to una Tv, han­no ini­zia­to a usar­lo la se­ra, du­ran­te la lo­ro ora di ri­crea­zio­ne, quan­do ca­pi­ta che si ri­tro­vi­no tut­te in­sie­me per se­gui­re un viag­gio pa­sto­ra­le del Pon­te­fi­ce o la

pe­re­gri­na­tio dell’ur­na con il cor­po di Pa­pa Gio­van­ni in Ber­ga­ma­sca. «È sta­to emo­zio­nan­te», rac­con­ta suor Be­ne­det­ta, «ve­de­va­mo il no­stro ter­ri­to­rio, i sa­cer­do­ti che co­no­scia­mo. Que­sto è l’uso che ne fac­cia­mo». Del nuo­vo Mac, in­ten­de la re­li­gio­sa, per­ché se in­ve­ce par­lia­mo di In­ter­net o cel­lu­la­ri, la que­stio­ne è di­ver­sa, e non da og­gi. «Io sono cre­sciu­ta usan­do il com­pu­ter», spie­ga suor Be­ne­det­ta, «e per me sa­reb­be im­pen­sa­bi­le oc­cu­par­mi di am­mi­ni­stra­zio­ne sen­za». Un cel­lu­la­re in ta­sca, per di­re, si­gni­fi­ca non do­ver an­da­re su e giù dalle sca­le ogni vol­ta che chia­ma un for­ni­to­re o il com­mer­cia­li­sta, co­sì co­me In­ter­net e po­sta elet­tro­ni­ca sono li­ber­tà pre­zio­se per chi vi­ve se­con­do la re­go­la mo­na­sti­ca, che im­po­ne di non la­scia­re il con­ven­to se non in ca­si co­me il vo­to o un ri­co­ve­ro in ospe­da­le. «Negli an­ni scor­si ab­bia­mo ri­strut­tu­ra­to una pa­laz­zi­na», ri­cor­da suor Be­ne­det­ta, «e usa­re mail e cel­lu­la­re ci ha sem­pli­fi­ca­to la vi­ta sia con l’ar­chi­tet­to sia con i ne­go­zi di ar­re­do. Se non aves­si po­tu­to sce­glie­re on­li­ne quel che mi ser­vi­va, sa­rei sta­ta co­stret­ta a chie­de­re a qual­cu­no di an­da­re in ne­go­zio pri­ma per i pre­ven­ti­vi e poi per gli ac­qui­sti». In­ve­ce con un clic su Ama­zon è riu­sci­ta a tro­va­re un let­to or­to­pe­di­co per una con­so­rel­la e na­vi­gan­do qua e là ha ri­sol­to un an­no­so pro­ble­ma con le gal­li­ne, i co­ni­gli e i ma­ia­li del­la lo­ro pic­co­la fat­to­ria. Qual­che an­no fa, quan­do qui ave­va­no isti­tui­to una “zo­na a traf­fi­co li­mi­ta­to”, l’azien­da che for­ni­va i man­gi­mi al con­ven­to si ri­fiu­tò di con­ti­nua­re a far­lo. Ma al­le mo­na­che è ba­sta­to fa­re un gi­ro sul Web per tro­va­re qual­cu­no che fa­ces­se con­se­gne a do­mi­ci­lio, e sal­va­re co­sì gli ani­ma­li. An­nui­sce suor An­nun­cia-

UN LET­TO OR­TO­PE­DI­CO L’HAN­NO TRO­VA­TO IN UN AT­TI­MO SU AMA­ZON

ta, 74 an­ni, ze­ro ru­ghe e una tem­pra solo lie­ve­men­te fiac­ca­ta da un re­cen­te in­far­to. «Be­ne­di­co il Si­gno­re che si pos­sa­no usa­re que­sti stru­men­ti, per­ché era un di­stur­bo enor­me an­che per le por­ti­na­ie, che quan­do suo­na­va qual­cu­no do­ve­va­no cor­re­re per tut­to il mo­na­ste­ro. Ora si chia­ma al cel­lu­la­re». Pe­rò la que­stio­ne sol­le­va­ta dal Pa­pa, che su Twit­ter ha 40 mi­lio­ni di fol­lo­wer, è an­che quel­la dei so­cial, che ma­ga­ri po­treb­be ar­gi­na­re la crisi del­le vocazioni. «Bi­so­gna sce­glie­re la mo­da­li­tà cor­ret­ta», pre­ci­sa suor Be­ne­det­ta, «quel che so è che i ra­gaz­zi leg­go­no po­co Twit­ter e pre­fe­ri­sco­no al­tri so­cial, co­me In­sta­gram». Che esal­ta le fo­to e sa­reb­be per­fet­to per di­vul­ga­re la bel­lez­za del mo­na­ste­ro ber­ga­ma­sco, co­sa che og­gi fa il si­to

www.mo­na­ste­ro­san­be­ne­det­to­ber­ga­mo.com.

«Lo ab­bia­mo aper­to per que­sto», pre­ci­sa suor Cri­sti­na, «ma cre­do che il te­ma sia che non ci sono ra­gaz­ze in­te­res­sa­te al­la vi­ta mo­na­sti­ca». Ma se esi­ste qual­che ec­ce­zio­ne, al­lo­ra il Web aiu­ta, rac­con­ta l’ab­ba­des­sa. «Gra­zie al si­to si è av­vi­ci­na­ta a noi una ra­gaz­za rus­sa che stu­dia­va a Milano e ha vo­lu­to con­di­vi­de­re la no­stra vi­ta per due gior­ni: ora fa il me­di­co a Mosca, ma a settembre en­tre­rà al Pon­ti­fi­cio isti­tu­to gre­go­ria­no. È sba­glia­to pen­sa­re che in con­ven­to non si crei­no rap­por­ti uma­ni». Il di­stac­co dal mon­do pe­rò esi­ste ed è do­lo­ro­so spe­cie per le fa­mi­glie, di­ce suor Cri­sti­na. «Ri­cor­do an­co­ra il gior­no in cui l’ho det­to ai miei ge­ni­to­ri, han­no sof­fer­to mol­to. Ma poi quan­do ve­do­no che noi sia­mo fe­li­ci di­ven­tia­mo un po’ il luo­go in cui lo­ro de­po­si­ta­no i lo­ro do­lo­ri». Lei abi­ta­va in mon­ta­gna, te­me­va di non sop­por­ta­re una vi­ta sen­za spa­zi e al­be­ri. «Quan­do sono ar­ri­va­ta qui c’era­no un pa­io di abe­ti: io pas­sa­vo, sen­ti­vo l’odo­re del­la re­si­na, chiu­de­vo gli oc­chi e mi sem­bra­va di es­se­re nei miei bo­schi. Ma non è un rim- pian­to, è una no­stal­gia buona». Suc­ce­de an­che a suor Be­ne­det­ta, che è di Pa­do­va e non era mai sta­ta al­la pro­ces­sio­ne di Sant’An­to­nio. «Ma que­st’an­no l’ho se­gui­ta on­li­ne e l’ho vis­su­ta in mo­do di­ver­so: non è no­stal­gia, è più un af­fla­to. Quel che è dif­fi­ci­le ca­pi­re è che il con­ven­to è un le­ga­me fa­mi­lia­re, non una co­mu­ni­tà di sin­go­li».

Ma la co­sa che spiaz­za di più, con­cor­da­no le con­so­rel­le, è an­co­ra un’al­tra. «Di­re sì per sem­pre. Og­gi tut­ti vo­glio­no vi­ve­re gio­va­ni, sen­za re­spon­sa­bi­li­tà, sen­za pro­get­ti. È que­sto è il ve­ro pro­ble­ma». Non solo al di là del­le gra­te di clau­su­ra.

PER LEI IL CEL­LU­LA­RE È D’OB­BLI­GO Suor Be­ne­det­ta parla con uno dei due te­le­fo­ni­ni a di­spo­si­zio­ne del­le con­so­rel­le: l’al­tro è in un cas­set­to per le emer­gen­ze. Ma è lei che de­ve es­se­re sem­pre re­pe­ri­bi­le. Sot­to, l’in­gres­so del mo­na­ste­ro .

UNA SE­RE­NA NA­VI­GA­ZIO­NE DI GRUP­PO Ber­ga­mo. Tre con­so­rel­le di San Be­ne­det­to se­guo­no il Con­ci­sto­ro di Pa­pa Fran­ce­sco, 81 an­ni, sul si­to del Va­ti­ca­no: da si­ni­stra, la ma­dre ab­ba­des­sa suor Cri­sti­na, 48, l’eco­no­ma suor Be­ne­det­ta, 49, e suor An­nun­cia­ta, 74. Sot­to, le tre mo­na­che, nel chio­stro, cu­rio­sa­no sul no­stro iPad. (Fo­to Eli­sa­bet­ta Co­cia­ni).

RE­LAX NELL’OR­TO Ber­ga­mo. Suor Cri­sti­na, suor Be­ne­det­ta e suor An­nun­cia­ta in uno de­gli or­ti del mo­na­ste­ro, da­van­ti a una scul­tu­ra di San Be­ne­det­to. Nel con­ven­to c’è an­che una pic­co­la fat­to­ria con gal­li­ne, co­ni­gli e ma­ia­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.