Raf­fal­la Carrà: dis­si no a Sinatra

Raf­fael­la Carrà apre il li­bro dei ri­cor­di: «Ave­vo 22 an­ni quan­do gi­rai un film con il gran­de Frank. Lo am­mi­ra­vo, era un mo­stro sa­cro, ma im­paz­zi­vo per i Bea­tles e la mu­si­ca mo­der­na. I suoi oc­chi blu non mi fe­ce­ro in­na­mo­ra­re»

GENTE - - Contents - Ele­na Od­di­no

F rank Sinatra? Era mol­to cor­te­se, e a quel tem­po ave­va vo­glia di spo­sar­si. Lo am­mi­ra­vo, ma io al­lo­ra ascol­ta­vo i Bea­tles. No, i suoi oc­chi ma­gne­ti­ci non mi han­no fat­to in­na­mo­ra­re». A di­stan­za di ol­tre 50 an­ni Raf­fael­la Carrà ri­ve­la il suo ri­fiu­to al­la gran­de star di Hol­ly­wood co­no­sciu­ta nel 1965 sul set del film Il co­lon­nel­lo Von Ryan. Lei ave­va 22 an­ni ma già le idee chia­re e grin­ta da ven­de­re. E un ca­rat­te­re che an­co­ra og­gi, a 75 an­ni, por­ta al­la re­gi­na del “tu­ca tu­ca” schie­re di fan che la se­guo­no ovun­que. È ac­ca­du­to an­che agli in­con­tri di Pao­lo Mie­li al Fe­sti­val dei Due Mon­di a Spo­le­to, do­ve Raf­fa si è con­fes­sa­ta co­me mai pri­ma ave­va fat­to. Del pa­dre ha det­to: «Era un play­boy, mol­to vi­zia­to. Non si oc­cu­pò mai di me per­ché non ave­va un’idea di fa­mi­glia, ama­va go­der­si la vi­ta, ma nel­la mia, og­gi co­me ie­ri, non esi­ste, al suo po­sto c’è sem­pre sta­ta mia nonna. Io e i miei fra­tel­li ave­va­mo la li­ber­tà più to­ta­le, ma mia ma­dre e so­prat­tut­to mia nonna An­drei­na sa­pe­va­no sem­pre tut­to quel­lo che suc­ce­de­va». Sul ma­tri­mo­nio ta­glia cor­to: «Spo­sar­mi? Non ci ho mai pen­sa­to, né ci pen­so ades­so». E sui suoi amo­ri i ri­cor­di so­no solo af­fet­tuo­si. «Con Gianni Bon­com­pa­gni ci met­tem­mo in­sie­me a un an­no dal giorno in cui l’ave­vo co­no­sciu­to. Ave­vo bi­so­gno di ave­re un uo­mo più gran­de di me, che mi des­se si­cu­rez­za», ha det­to Raf­fael­la. «Ser­gio Ja­pi­no fa­ce­va l’as­si­sten­te di Gi­no Lan­di, io ero già la Carrà, ma sa­pe­vo che va­le­va e che pri­ma o poi, co­me in ef­fet­ti ac­cad­de, si sa­reb­be af­fer­ma­to. So­no sta­ti tut­ti e due mol­to ge­lo­si. Fan­no par­te del­la mia vi­ta e di­co que­sto an­che di Gianni, che pur­trop­po non c’è più, per­ché sa­rà sem­pre nel mio cuo­re». Raf­fa pia­ce mol­to an­che ai gay. «For­se per­ché ho in me il sen­so del­la li­ber­tà e odio l’ipo­cri­sia», ha det­to. «Da sem­pre li amo aman­do la li­ber­tà di tut­ti». E rac­con­ta che il suo so­gno era di­ven­ta­re co­reo­gra­fa. «Nel 1970 mo­strai l’om­be­li­co in Tv», ri­cor­da. «Io non mi sen­ti­vo bel­la, ma ero cer­ta di ave­re una per­so­na­li­tà. Vo­le­vo vi­ve­re di idee. Avrei vo­lu­to fa­re co­reo­gra­fia e go­ver­na­re un bal­let­to im­men­so, in­ven­ta­re spet­ta­co­li, non es­se­re io la pro­ta­go­ni­sta del­le mie in­ven­zio­ni. Ma sic­co­me non mi se­gui­va nes­su­no, mi mi­si al cen­tro del­la sce­na». An­che se il suo de­but­to fu nel ci­ne­ma, a 9 an­ni, nel film Tor­men­to del pas­sa­to e dopo gli stu­di al Cen­tro spe­ri­men­ta­le di ci­ne­ma­to­gra­fia, la­vo­rò con Ma­rio Mo­ni­cel­li ne I com­pa­gni. «Ma il ci­ne­ma non fa­ce­va per me», con­fes­sa, «lo tro­vo no­io­so». E al­la do­man­da se ab­bia mai ri­ce­vu­to ri­cat­ti ses­sua­li o mo­le­stie, co­me è ac­ca­du­to ad Asia Ar­gen­to, la ri­spo­sta è fer­ma. «As­so­lu­ta­men­te no, con me ci han­no pro­va­to ma solo a pa­ro­le. Con Asia Ar­gen­to ho fat­to For­te

for­te for­te, è una ra­gaz­za me­ra­vi­glio­sa e ca­ri­na, ma vi­ve in un mon­do pie­no di pau­re. Da­van­ti a un be­stio­ne su­da­to in ac­cap­pa­to­io ci vuo­le una co­me me. Io so co­me rea­gi­re, Asia Ar­gen­to for­se no».

SICURA DI SÉ AC­CAN­TO AL MITO Raf­fael­la Carrà, og­gi 75 an­ni, e Frank Sinatra (1915-1988) ai tem­pi del­le ri­pre­se del film Il co­lon­nel­lo Von Ryan, del 1965, di­ret­to da Mark Rob­son. So­pra, la cop­pia in una sce­na del film. «Lo am­mi­ra­vo, lui ave­va vo­glia di spo­sar­si, io pen­sa­vo a tutt’al­tro», ri­cor­da la Carrà. Il mito Sinatra non la in­ti­mo­rì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.