Nuo­ve sexy ac­cu­se pio­vo­no su Trump

Il pre­si­den­te ri­schia il po­sto

GENTE - - Sommario - DI MAR­CO PA­GA­NI

«La buo­na no­ti­zia è che il vo­stro pre­si­den­te pre­fe­ri­to non ha fat­to nul­la di ma­le!», è il mes­sag­gio lan­cia­to su Twit­ter da Do­nald Trump. Ma al lea­der de­gli Sta­ti Uni­ti non fa più tan­to gio­co l’an­ti­co pro­ver­bio la­ti­no che re­ci­ta ver­ba vo­lant, scrip­ta ma­nent. Co­min­cian­do dal­la par­te fi­na­le del ce­le­bre det­to, con­ti­nua ad es­se­re sa­cro­san­to che “gli scrit­ti ri­man­go­no”, per cui i com­men­ti del ca­po del­la Ca­sa Bian­ca re­ste­ran­no di si- cu­ro a im­pe­ri­tu­ra me­mo­ria del­le sue van­te­rie on­ni­po­ten­ti. Que­sta vol­ta, pe­rò, an­che le pa­ro­le di Trump, in­ve­ce di vo­la­re nel di­men­ti­ca­to­io do­po es­se­re sta­te pro­nun­cia­te, si tra­sfor­ma­no in te­sti­mo­nian­ze in­can­cel­la­bi­li. Per di più a suo sfa­vo­re e con po­che, se­rie pos­si­bi­li­tà di tro­va­re scu­se cre­di­bi­li. La re­gi­stra­zio­ne di un col­lo­quio avu­to con il suo av­vo­ca­to, Mi­chael Co­hen, in­fat­ti, ades­so sem­bra in­chio­da­re il pre­si­den­te a re­spon­sa­bi­li­tà di ca­rat­te­re pe­na­le che po­treb­be­ro met­te­re a ri­schio per­fi­no la sua per­ma­nen­za al po­te­re.

Ri­cor­de­re­te che or­mai da tem­po si parla di al­cu­ne scap­pa­tel­le sen­ti­men­ta­li di cui Trump si sa­reb­be re­so pro­ta­go­ni­sta pri­ma di as­su­me­re la mas­si­ma ca­ri­ca isti­tu­zio­na­le d’Ame­ri­ca? Un an­no in par­ti­co­la­re, il 2006, avreb­be vi­sto il mi­liar­da­rio par­ti­co­lar­men­te at­ti­vo sot­to le len­zuo­la. Non pro­prio in cop­pia con ver­gi­nel­le, co­mun­que sem­pre con­sen- zien­ti, per nul­la for­za­te ad ac­cet­ta­re le avan­ces ses­sua­li di Trump o sot­to­po­ste a vio­len­za ses­sua­le: si trat­ta del­la por­no­star Ste­pha­nie Clif­ford, me­glio no­ta ai fan del ge­ne­re con il no­me d’ar­te di Stor­my Da­niels, e dell’ex play­ma­te di Play­boy Ka­ren McDou­gal. Il tut­to men­tre la mo­glie di Do­nald, Me­la­nia, spo­sa­ta dal ma­gna­te nel 2005, da­va al­la lu­ce Bar­ron, il lo­ro uni­co fi­glio.

Qual­cu­no si­cu­ra­men­te giu­sti­fi­che-

SCO­PER­TO UN AU­DIO IN CUI TRUMP AM­MET­TE DI AVE­RE PA­GA­TO UNA MO­DEL­LA DI “PLAY­BOY” PER TA­CE­RE SUL­LA LO­RO RE­LA­ZIO­NE. L’AVE­VA SEM­PRE NE­GA­TO. ADES­SO PO­TREB­BE FI­NI­RE SOT­TO IN­CHIE­STA

rà il com­por­ta­men­to di Trump di­cen­do che in fon­do nel suo pri­va­to cia­scu­no può fa­re quel­lo che vuo­le. Giu­di­zio mo­ral­men­te in ogni ca­so po­co di­fen­di­bi­le, vi­sto che di mez­zo ci so­no una mo­glie tra­di­ta e un pic­co­lo ere­de da po­co ve­nu­to al mon­do. Ma ciò che pre­oc­cu­pa la giu­sti­zia ame­ri­ca­na in que­sto mo­men­to so­no i sup­po­sti ten­ta­ti­vi di na­scon­de­re le sue re­la­zio­ni ex­tra­co­niu­ga­li mes­si in at­to da Do­nald men­tre era in cam­pa­gna elet­to­ra­le, in mo­do da evi­ta­re scan­da­li che gli avreb­be­ro fat­to per­de­re la cor­sa al­la Ca­sa Bian­ca. Il mi­liar­da­rio da sem­pre ne­ga di es­se­re a co­no­scen­za del fat­to che la Clif­ford e la McDou­gal, men­tre era can­di­da­to al­la pre­si­den­za, avreb­be­ro ri­ce­vu­to de­na­ro per non ri­ve­la­re di es­se­re sta­te sue aman­ti.

Se ne sa­reb­be in­ve­ce oc­cu­pa­to l’av­vo­ca­to Mi­chael Co­hen, a suo di­re a to­ta­le in­sa­pu­ta di Trump. Dif­fi­ci­le da cre­de­re. Co­hen per ol­tre un de­cen­nio è sta­to un con­si­glie­re e un so­da­le mol­to ascol­ta­to da Do­nald, non sol­tan­to il suo sem­pli­ce le­ga­le. Era la per­so­na fi­da­ta ad­det­ta a ri­sol­ve­re le que­stio­ni spi­no­se del suo da­to­re di la­vo­ro, ne­gli ul­ti­mi tem­pi pro­prio quel­le crea­te da Stor­my Da­niels e Ka­ren McDou­gal. So­prat­tut­to dal­la pri­ma, che ha dif­fu­so am­pi e piccanti par­ti­co­la­ri a pro­po­si­to del­la not­te di ses­so che avreb­be tra­scor­so con Trump nel 2006: per esem­pio, co­me lui si sia fat­to scu­lac­cia­re da lei. Co­hen di­chia­ran­do di ave­re ver­sa­to di sua ini­zia­ti­va, sen­za in­for­ma­re Trump, a Stor­my Da­niels 130 mi­la eu­ro per com­prar­ne il si­len­zio, si è pro­cu­ra­to da so­lo un’in­chie­sta giu­di­zia­ria.

Gli in­ve­sti­ga­to­ri, l’ 11 apri­le, in se­gui­to al quel pro­ce­di­men­to, han­no per­qui­si­to l’uf­fi­cio di Co­hen rin­ve­nen­do e re­qui­sen­do una pro­va im­ba­raz­zan­te per il le­ga­le e il suo fa­mo­so clien­te: una re­gi­stra­zio­ne, ef­fet­tua­ta due me­si pri­ma del­le ele­zio­ni pre­si­den­zia­li, nel­la qua­le l’av­vo­ca­to e Trump di­scu­to­no sui pa­ga­men­ti per fa­re ta­ce­re una ex mo­del­la di Play­boy che so­ste­ne­va di ave­re avu­to an­ch’el­la una sto­ria con il fu­tu­ro lea­der de­gli Usa. La si­gno­ra in que­stio­ne è Ka- ren McDou­gal e i suoi ri­cor­di so­no al­tret­tan­to im­ba­raz­zan­ti per il pre­si­den­te: «La no­stra pri­ma vol­ta fu al Be­ver­ly Hills Ho­tel di Los An­ge­les nel giu­gno 2006. Do­po una ce­na in­ti­ma ab­bia­mo par­la­to un pa­io d’ore, poi ci sia­mo spo­glia­ti e ab­bia­mo fat­to ses­so. Tra noi è fi­ni­ta quan­do, do­po una not­te d’amo­re, ten­tò di pa­gar­mi», ha rac­con­ta­to.

Pro­ba­bil­men­te Trump è riu­sci­to a far­lo tra­mi­te un ami­co, l’edi­to­re del­la ri­vi­sta En

qui­rer, che ver­sò a Ka­ren 150 mi­la dol­la­ri per una fin­ta intervista mai fat­ta. Il ve­ro pro­ble­ma per il pre­si­den­te so­no pe­rò i 130 mi­la dol­la­ri da­ti a Stor­my Da­niels. Per gli in­qui­ren­ti il de­na­ro è sta­to stor­na­to dai fon­di ri­ser­va­ti al­la cam­pa­gna elet­to­ra­le: un rea­to gra­ve. Nel­lo stu­dio di Co­hen gli agen­ti han­no se­que­stra­to al­tre re­gi­stra­zio­ni di col­lo­qui con Trump. E se fos­se­ro pro­prio le sue pa­ro­le a non vo­la­re più e a in­ca­strar­lo co­me ma­ci­gni ina­mo­vi­bi­li?

L’IN­CON­TRO Los An­ge­les (Sta­ti Uni­ti). Do­nald Trump, 72 an­ni, e Ka­ren McDou­gal al lo­ro pri­mo in­con­tro. Era il 2006. Lui ave­va 60 an­ni e lei 35. L’AV­VO­CA­TO DI “THE DO­NALD” DE­VE DI­FEN­DE­RE SE STES­SO New York (Sta­ti Uni­ti). Mi­chael Co­hen, 51 an­ni,...

OT­TI­MI AR­GO­MEN­TI L’ex play­ma­te di Play­boy Ka­ren McDou­gal mo­stra fie­ra il me­glio di sé du­ran­te una par­ti­ta a golf. Con que­sti ar­go­men­ti ha te­nu­to in pie­di la sua re­la­zio­ne con Trump dal 2006 al 2007. NON GLI DÀ LA MA­NO A CAU­SA DEL­LO SCAN­DA­LO Wa­shing­ton....

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.