EM­MA UN’ESTA­TE DA DI­VA

SUL WEB LA AT­TAC­CA­NO. MA LEI, MA­TU­RA E SI­CU­RA DEL­LE PRO­PRIE QUA­LI­TÀ, NON SI FA PIÙ AB­BAT­TE­RE. E RI­SPON­DE: «SIA­TE LEG­GE­RI». IN­TAN­TO SO­GNA L’AMO­RE, MA SEN­ZA FRET­TA

GENTE - - Copertina - di Fe­de­ri­ca Ca­poz­zi

Em­ma che pren­de il so­le. Em­ma che fa il ba­gno nell’ac­qua cri­stal­li­na. Em­ma in bar­ca. Em­ma che si fa i sel­fie at­teg­gian­do­si a splen­di­da. Em­ma che cor­re in spiag­gia con un ca­gno­ne sim­pa­ti­co (non il suo, ché Gae­ta­no, pigro bull­dog, è ri­ma­sto da qualche par­te al fre­sco). Em­ma che sor­ri­de, Em­ma che se la spas­sa com’è giu­sto spas­sar­se­la in va­can­za. Nel­la sua esta­te in­fi­ni­ta di viag­gi su e giù per lo sti­va­le e ol­tre, tra Si­ci­lia, Sar­de­gna, Sa­len­to e Lon­dra, do­ve tan­to in que­sti gior­ni fa cal­do co­me in sud Ita­lia, Em­ma è la di­va che gio­ca a fa­re la ra­gaz­za nor­ma­le, o for­se la ra­gaz­za nor­ma­le che gio­ca a fa­re la di­va. Nel­la sta­gio­ne del Fac­cio quel­lo che vo­glio, il tor­men­to­ne di Ro­vaz­zi al qua­le an­che lei, con tan­ti al­tri vip, si è di­ver­ti­ta a con­tri­bui­re, la can­tan­te se­gue le istru­zio­ni al­la let­te­ra e fa quel­lo che le va ( pa pa pa­ra pa).

È da più di un me­se che la ve­dia­mo sguaz­za­re, og­gi qua, do­ma­ni là. “Por­ta­mi sem­pre al ma­re, per fa­vo­re” scri­ve­va su Instagram a ini­zio giu­gno, i ca­pel­li ba­gna­ti e spet­ti­na­ti, il vi­so bru­ciac­chia­to dal pri­mo so­le, le len­tig­gi­ni più evi­den­ti che mai. Ri­chie­sta ac­col­ta, de­si­de­rio esau­di­to. Tra il tour nei pa­laz­zet­ti del mag­gio scor­so, sull’on­da dell’al­bum Es­se

re qui, e quel­lo già an­nun­cia­to per il pros­si­mo feb­bra­io (i bi­gliet­ti so­no già in vendita e van­no a ru­ba), ci so­no il me­ri­ta­to ri­po­so, la reu­nion con la fa­mi­glia e le per­so­ne più ca­re, un’ab­buf­fa­ta di concerti al­trui. La Co­sta Sme­ral­da, le Ega­di in ya­cht - che bel­la Ma­ret­ti­mo, quan­ti li

ke le ha fat­to gua­da­gna­re sui so­cial! - le se­ra­te a con­fon­der­si tra la fol­la dei fan di Va­sco, di Ce­sa­re Cre­mo­ni­ni, dei Ne­gra­ma­ro, le fo­to nel back­sta­ge ( per­ché in fon­do es­se­re Em­ma Mar­ro­ne ser­ve an­che a que­sto: ad an­da­re die­tro le

quin­te a far­ti un sel­fie con l’ido­lo di quan­do eri ra­gaz­zi­na e can­ta­vi a squar­cia­go­la Al­ba chia­ra e Rewind). Con lei, i fedelissimi di sem­pre, col­la­bo­ra­to­ri di­ven­ta­ti ami­ci, ami­ci di­ven­ta­ti col­la­bo­ra­to­ri: la con­fi­den­te e ma­na­ger Fran­ce­sca Sa­vi­ni, Pao­la Tur­ci, lo sti­li­sta Diego Dol­ci­ni, lo stes­so che le ha di­se­gna­to tut­te le scar­pe ver­ti­gi­no­se per gli ul­ti­mi show. Nes­sun fi­dan­za­to all’oriz­zon­te, ma pa­zien­za: « So­no sin­gle, non mi met­te­rei con il pri­mo che pas­sa per tap­pa­re bu­chi di so­li­tu­di­ne », non fa che ri­ba­di­re. «Ar­ri­ve­rà di si­cu­ro un uo­mo co­rag­gio­so, pri­ma o poi. E se non fos­se co­sì, un fi­glio lo fa­rei an­che da so­la, use­rei tut­to quel­lo che la scien­za può of­fri­re ».

Nel frat­tem­po non ci pen­sa, per­ché è esta­te e d’esta­te è bel­lo non pen­sa­re, e tra un ba­gno e l’al­tro vo­la a Lon­dra a tro­va­re An­to­nio Spa­dac­ci­no, l’ex con­cor­ren­te di Ami­ci che per lei è qua­si un fra­tel­lo. Pro­prio men­tre è lì con lui, ad ab­brac­ciar­se­lo per stra­da co­me si ab­brac­cia so­lo chi ti è man­ca­to da mo­ri­re, scop­pia una mi­ni-po­le­mi­ca so­cial che le fa per­de­re la pa­zien­za, giu­sto per­ché an­che in que­sta sta­gio­ne splen­di­da qual­co­sa do­ve­va an­dar­le di tra­ver­so. Le ba­sta in­fat­ti pub­bli­ca­re su Instagram la fo­to di una caf­fet­tie­ra sul gas - “Buon­gior­no, que­sta è la se­con­da sve­glia!”, scri­ve - per­ché, tra un com­men­to e l’al­tro dei suoi fan ado­ran­ti - ol­tre tre mi­lio­ni, il dop­pio di Ro­vaz­zi, un mi­lio­ne in più di Lau­ra Pau­si­ni - co­min­ci­no a pio­ve­re cri­ti­che ri­di­co­le, che più ri­di­co­le non si può. Il for­nel­lo non è im­ma­co­la­to, in­fat­ti, e la gen­te la rim­pro­ve­ra: “Che schi­fo!”, “Pu­li­sci­lo”, in un pu­ro de­li­rio di ru­po­fo­bia, l’an­sia os­ses­si­va per lo spor­co. La po­ve­ra Em­ma in­cas­sa. Ce la im­ma­gi­nia­mo con il cel­lu­la­re in ma­no, men­tre con­ta fi­no a die­ci per non sbot­ta­re, per non man­da­re tut­ti di get­to a quel pae­se. Tan­to più che il pia­no cot­tu­ra in­cri­mi­na­to nean­che dev’es­se­re suo, da­to che lei sog­gior­na all’Ho­tel Ba­glio­ni e dif­fi­cil­men­te in un cin­que stel­le ci si im-

bat­te in cu­ci­ne co­me quel­la, un po’ rug­gi­no­se e dell’an­te­guer­ra. La re­pli­ca ar­ri­va do­po un po’, via vi­deo, ed è qua­si pa­ca­ta: «Vo­le­vo di­re a tut­te le si­gno­ri­ne Rot­ter­meier che la cu­ci­na la la­vo quan­do mi pa­re. Ogni tan­to sia­te leg­ge­re, per fa­vo­re, per­ché non vi si reg­ge ».

Non è la pri­ma vol­ta che Em­ma si de­ve ar­ma­re con­tro i rom­pi­sca­to­le del web, or­mai ci ha fat­to il cal­lo. L’an­no scor­so, quan­do era usci­to lo spot di Yves Saint Lau­rent con lei su­per­se­xy im­mer­sa nel­la va­sca da ba­gno, sguar­do lan­gui­do e lab­bra ros­so fuo­co, la po­ve­ret­ta era sta­ta de­ri­sa e tac­cia­ta di es­se­re una ca­mio­ni­sta: «Voi in­ve­ce sie­te lo spec­chio di una so­cie­tà cat­ti­va, ma­le­du­ca­ta, in­fe­li­ce », ave­va ri­bat­tu­to. Né si era ti­ra­ta in­die­tro quan­do, po­chi me­si più tar­di, si era trat­ta­to di in­con­tra­re, in tra­smis­sio­ne al­le Ie­ne, il suo “odia­to­re” più ac­ca­ni­to. Con lui ha fat­to pa­ce, con gli al­tri or­mai ha im­pa­ra­to a con­vi­ve­re. «Una vol­ta mi fa­ce­vo con­di­zio­na­re dal­le opi­nio­ni de­gli al­tri, mi pe­sa­va­no, sof­fri­vo. Ora la se­re­ni­tà ha trion­fa­to sull’in­si­cu­rez­za», di­ce. Vi­va la leg­ge­rez­za, dun­que, quel­la che man­ca al­le si­gno­ri­ne os­ses­si­ve-com­pul­si­ve del for­nel­lo, ma non a lei. Vi­va l’esta­te li­be­ra di una Em­ma più bel­la che mai, spen­sie­ra­ta e au­toi­ro­ni­ca, pie­na di gio­ia e di pro­get­ti. Vi­va l’uo­mo co­rag­gio­so che ver­rà. Vi­va an­che lui, sì. Che quan­do ar­ri­ve­rà - scom­met­tia­mo? - al­la cu­ci­na spor­ca non ci pen­se­ra più nes­su­no.

Il ba­gno è più di­ver­ten­te in un com­pa­gnia di ami­co a 4 zam­pe

UN UO­MO AL SUO FIAN­CO C’È, MA È SO­LO UN AMI­CO Sin­gle sì, so­la mai: al ma­re Em­ma ci va con gli ami­ci e ce n’è sem­pre uno a far­le com­pa­gnia, co­me que­sto ra­gaz­zo con il qua­le la can­tan­te sem­bra in­gag­gia­re un duel­lo di pan­ce. Pri­ma sbir­cia quel­la di lui,...

UNA MORBIDA DEA MOL­TO UMA­NA Bel­la e in gran for­ma, ma non per­fet­ta: Em­ma ap­pa­re co­sì, e per que­sto le as­se­gnia­mo mil­le pun­ti sim­pa­tia. Da un pez­zo ha im­pa­ra­to a in­fi­schiar­se­ne del­le cri­ti­che. «Non mi fac­cio più con­di­zio­na­re da­gli al­tri», af­fer­ma. MET­TE...

MA IL PIGRO GAE­TA­NO NON SA­RÀ GELOSO? Men­tre fa l’en­ne­si­mo ba­gno, Em­ma vie­ne rag­giun­ta dal ca­ne del suo ami­co. Gae­ta­no, il buf­fo bull­dog in­gle­se del­la can­tan­te, non è del­la par­ti­ta: il fe­de­lis­si­mo quat­tro­zam­pe, or­mai star di Instagram, è no­to per la sua...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.