Ja­re, la bam­bi­na più bel­la del mon­do

Pel­le di cioc­co­la­to, una co­ro­na di ca­pel­li ric­ci e lo spet­ta­co­la­re sguar­do co­lor del cie­lo: a 5 an­ni Ja­re Ija­la­na, ni­ge­ria­na, ha con­qui­sta­to una piog­gia di “mi pia­ce” su In­ter­net e scon­fit­to la “con­cor­ren­za” del­le al­tre bam­bi­ne del pia­ne­ta. «È una ve­ra op

GENTE - - Sommario - DI MAR­CO PA­GA­NI

U n an­gio­let­to. Con una au­reo­la di fol­ti ca­pel­li ric­ci a in­cor­ni­ciar­le l’ova­le per­fet­to del volto e la boc­cuc­cia a for­ma di cuo­re. E due oc­chio­ni che il­lu­mi­na­no d’im­men­so chi li guar­da gra­zie ai lo­ro ina­spet­ta­ti ri­fles­si az­zur­ro cie­lo, ri­splen­den­ti in uno spet­ta­co­la­re con­tra­sto con il ne­ro del­la sua pel­le: pra­ti­ca­men­te due ma­gi­che stel­le che bril­la­no di lu­ce nel buio del­la not­te. Ec­co per­ché Ja­re Ija­la­na, 5 an­ni, ori­gi­na­ria del­la Ni­ge­ria, do­ve vi­ve con i ge­ni­to­ri e due so­rel­le, è sta­ta no­mi­na­ta “la bam­bi­na più bel­la del mon­do” quan­do tre sue im­ma­gi­ni pub­bli­ca­te su In­sta- gram so­no di­ven­ta­te vi­ra­li con­qui­stan­do 50 mi­la “mi pia­ce”. Mo­fe Ba­muy­i­wa, la fo­to­gra­fa che l’ha im­mor­ta­la­ta, si spin­ge an­co­ra più in là con gli elo­gi nei con­fron­ti del­la sua pic­co­la mo­del­la. «È una ve­ra ope­ra d’ar­te», ha in­fat­ti di­chia­ra­to con­vin­ta. In ef­fet­ti è dif­fi­ci­le da­re tor­to al­la ri­trat­ti­sta. Già, per­ché Ja­re nel­le fo­to non ap­pa­re con una espres­sio­ne for­za­ta, trop­po sor­ri­den­te o men­tre gio­ca e cor­re co­me ci si aspet­te­reb­be di ve­de­re ri­pre­sa una bim­ba del­la sua età. «Avrei po­tu­to raf­fi­gu­rar­la in quel mo­do, pe­rò ho ca­pi­to su­bi­to che me­ri­ta­va uno sfor­zo in più da par­te mia», ha spie­ga­to Mo­fe Ba­muy­i­wa. E al­lo­ra Ja­re ap- pa­re in­cre­di­bil­men­te na­tu­ra­le nel­la sua po­sa, seb­be­ne poi tut­ta la sem­pli­ci­tà che tra­spa­re da­gli scat­ti si tra­sfor­mi in una im­ma­gi­ne di in­cre­di­bi­le ma­gne­ti­smo. «È as­so­lu­ta­men­te stu­pen­da», com­men­ta con giu­sti­fi­ca­to or­go­glio la fo­to­gra­fa. È pro­prio im­pos­si­bi­le restare im­pas­si­bi­li e di­sto­glie­re lo sguar­do dai suoi oc­chi, che ti in­se­guo­no da qual­sia­si la­to li si os­ser­vi. Vi ri­cor­da qual­co­sa? Bi­so­gna am­met­ter­lo, a que­sto pun­to i pa­ra­go­ni con una rea­le e ce­le­bre ope­ra d’ar­te, La Gio­con­da, il di­pin­to di Leo­nar­do Da Vin­ci con­ser­va­to al Mu­seo del Lou­vre di Parigi, so­no pos­si­bi­li. Ja­re Ija­la­na, co­mun­que, non sa­rà una me­teo­ra, che

am­ma­lia tut­ti con il suo splen­do­re per poi es­se­re de­sti­na­ta a sva­ni­re nel nul­la, ri­ma­nen­do nul­la più di un so­gno sbia­di­to dal tem­po. Né il pro­get­to di Mo­fe Ba­muy­i­wa, a di­re la ve­ri­tà, è pen­sa­to so­la­men­te per in­se­gui­re la fa­ma su­sci­tan­do fa­ci­li emo­zio­ni: co­sa in­te­ne­ri­sce di più i cuo­ri, in­fat­ti, di una bim­ba tan­to dol­ce e ina­spet­ta­ta­men­te fie­ra di sé quan­to di­mo­stra di es­se­re la pic­co­la ni­ge­ria­na? E in­ve­ce, die­tro la mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca di Mo­fe c’è di me­glio. “Ogni bam­bi­na so­gna di di­ven­ta­re donna e spes­so gio­ca con i ve­sti­ti e le scar­pe del­la mam­ma. Quel­lo che vo­le­vo mo­stra­re è il po­ten­zia­le di Ja­re. Vo­glio che le fo­to par­li­no per lei quan­do avrà rag­giun­to l’età adul­ta”, ha scrit­to su In­sta­gram. Il tra­guar­do da rag­giun­ge­re per la bam­bi­na è sta­to fis­sa­to dal­la sua men­to­re al gior­no in cui avrà com­piu­to 21 an­ni. Al­lo­ra la fo­to­gra­fa scat­te­rà a Ja­re una se­rie di nuo­vi ri­trat­ti, met­ten­do­la esat­ta­men­te nel­la stes­sa po­sa che ha re­so ades­so la bim­ba fa­mo­sa in tut­to il mon­do. «Per co­glie­re il suo pas­sag­gio dall’in­fan­zia all’età adul­ta», ha ri­ve­la­to l’ar­ti­sta, «e crea­re un dit­ti­co: cioè la fo­to­gra­fia at­tua­le e quel­la nel fu­tu­ro di Ja­re, che rap­pre­sen­te­rà il mo­do in cui cam­bia­no e si mo­di­fi­ca­no i li­nea­men­ti del vi­so e le espres­sio­ni. Lo scopo è da­re vi­ta a uno scat­to sen­za tem­po». Dan­do­ci ap­pun­ta­men­to al 2034, per ve­de­re l’ef­fet­to che fa­rà il pro­get­to ar­ti­sti­co di Mo­fe Ba­muy­i­wa uni­to al nuo­vo aspet­to che met­te­rà in mo­stra la no­stra eroi­na cre­sciu­ta, avre­mo lo stes­so la pos­si­bi­li­tà di con­ti­nua­re a se­gui­re pas­so do­po pas­so lo svi­lup­po del­la pic­co­la Ja­re. È suf­fi­cien­te es­se­re fol­lo­wers di un al­tro ac­count In­sta­gram, The J3 Si­sters, di cui so­no at­tual­men­te se­gua­ci ben cin­que­mi­la per­so­ne. Pro­ta­go­ni­ste so­no Ja­re e le sue due so­rel­le mag­gio­ri, Jo­ba, 10 an­ni, e Jo­mi, 7 (ec­co il si­gni­fi­ca­to di The J3 Si­sters). Le fan­ciul­li­ne si di­ver­to­no un sac­co a po­sa­re in­sie­me. In nes­sun al­tro ca­so, pe­rò, è va­li­do il det­to «non c’è due sen­za tre»: se al lo­ro fian­co non com­pa­ris­se Ja­re con i suoi oc­chio­ni scin­til­lan­ti di az­zur­ro, dif­fi­cil­men­te Jo­ba e Jo­ni sa­reb­be­ro star.

«LE FA­RÒ AL­TRE FO­TO TRA SE­DI­CI AN­NI, NEL­LE IDEN­TI­CHE PO­SE»

CHI LA FIS­SA VIE­NE STREGATO Ja­re Ija­la­na, 5 an­ni, negli scat­ti che l’han­no re­sa fa­mo­sa in Re­te. I suoi oc­chi se­guo­no da ogni la­to chi la os­ser­va: per que­sta ma­gi­ca ca­rat­te­ri­sti­ca è già sta­ta ac­co­sta­ta ad­di­rit­tu­ra al­la Gio­con­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.