Che pau­ra la­sciar an­da­re i fi­gli an­che so­lo per le va­can­ze

Quan­do i ra­gaz­zi so­no ab­ba­stan­za gran­di da fa­re viag­gi in so­li­ta­ria, i ge­ni­to­ri ven­go­no pre­si dall’an­sia. Ma de­vo­no im­pa­ra­re a fi­dar­si e ave­re fi­du­cia nei va­lo­ri che han­no tra­smes­so lo­ro fin da pic­co­li

GENTE - - Salute I Nostri Esperti - GIANNA SCHE­LOT­TO

Ga­ia, 19 an­ni, ha scel­to la sua vacanza: fa­rà da so­la, a pie­di, il cam­mi­no di San­tia­go. «Da so­la?», chie­de la ma­dre pre­oc­cu­pa­ta. «Cer­to», ri­spon­de la ra­gaz­za, «gli amici me li fa­rò per stra­da, lì c’è gen­te di ogni ti­po». È pro­prio l’idea del­la “gen­te di ogni ti­po” che crea più an­go­scia. Ma cer­to non glie­lo si può di­re, per­ché non sa­reb­be giu­sto tra­smet­ter­le pau­re o pre­giu­di­zi. Lo­ren­zo ha 21 an­ni e an­drà due set­ti­ma­ne in un cam­po pro­fu­ghi in Pa­le­sti­na. Som­mes­sa­men­te i ge­ni­to­ri gli ri­cor­da­no che si trat­ta di una del­le me­te più pe­ri­co­lo­se del mon­do, ma lui li in­vi­ta a non la­sciar­si con­di­zio­na­re dal­le esa­ge­ra­zio­ni me­dia­ti­che. Mar­ti­na, 18 an­ni, ha ap­pe­na su­pe­ra­to bril­lan­te­men­te la ma­tu­ri­tà. So­gna di fa­re l’in­se­gnan­te e ha una gran vo­glia di met­ter­si al­la pro­va. Per que­sto an­drà a Scam­pia a oc­cu­par­si di bam­bi­ni di­sa­dat­ta­ti e tra­scu­ra­ti. Sia che re­sti­no a ca­sa, sia che si pren­da­no a lo­ro vol­ta una vacanza, le mam­me e i pa­pà di tan­ti ar­di­men­to­si ra­gaz­zi co­me que­sti vi­vran­no gior­ni di an­sia in­di­ci­bi­le. Han­no cre­du­to con lun­gi­mi­ran­za che, nell’edu­ca­zio­ne dei fi­gli, fos­se un gra­ve er­ro­re tra­smet­te­re l’idea che il mon­do sia in­fi­do e ca­ri­co di in­si­die. Si so­no im­pe­gna­ti a edu­car­li al­la fi­du­cia ne­gli al­tri, al va­lo­re del­la so­li­da­rie­tà e dell’au­to­no­mia. Ma di fron­te a cer­ti spe­ri­co­la­ti pro­get­ti si smar­ri­sco­no e qua­si rim­pian­go­no il tem­po nel qua­le era an­co­ra pos­si­bi­le in­ter­fe­ri­re nel­le lo­ro scel­te. Nei mo­men­ti più an­sio­ge­ni sa­reb­be­ro an­che pron­ti a ri­ve­de­re e cor­reg­ge­re i pro­pri me­to­di edu­ca­ti­vi e a por­re ve­ti o con­di­zio­ni. Na­sce mo­le­sto ma for­te il dub­bio che ra­gaz­zi co­sì gio­va­ni non sia­no pron­ti ad af­fron­ta­re pro­ve dai con­tor­ni sco­no­sciu­ti e in­quie­tan­ti. E tor­na l’an­ti­ca idea del gu­scio pro­tet­ti­vo, la si­cu­rez­za che nien­te di ma­le pos­sa ac­ca­de­re ai fi­gli se ci so­no gli adul­ti del­la fa­mi­glia a pro­teg­ger­li da­gli ag­gua­ti del­la vi­ta. È cer­ta­men­te ve­ro che lon­ta­ni da ca­sa i ra­gaz­zi ri­schia­no di in­con­tra­re mil­le pe­ri­co­li, ma tra­smet­te­re lo­ro l’idea che il mon­do sia un luo­go osti­le e mi­nac­cio­so po­treb­be ren­der­li pa­vi­di e in­si­cu­ri e fi­ni­reb­be per nuo­cer­gli. Tro­va­re un equi­li­brio tra la vo­glia di trat­te­ner­li e la ne­ces­si­tà di la­sciar­li an­da­re è tra i com­pi­ti più dif­fi­ci­li dei ge­ni­to­ri. Che non de­vo­no so­lo ave­re fi­du­cia nel­la ma­tu­ri­tà dei ra­gaz­zi, ma so­prat­tut­to in se stes­si e nei va­lo­ri che han­no tra­smes­so lo­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.