La Fol­lie­ro più sexy che mai a 53 an­ni

MI FO­TO­GRA­FA MIO FI­GLIO

GENTE - - Sommario - DI SA­BRI­NA BO­NA­LU­MI

«Da ra­gaz­zi­na ero sec­ca sec­ca, con le gam­be esi­li da mer­lo e il se­no che riem­pie­va una ter­za, quar­ta mi­su­ra. Mi ca­muf­fa­vo den­tro a ma­glio­ni ex­tra lar­ge per non en­fa­tiz­za­re le curve e per non la­scia­re trop­pa pel­le sco­per­ta. Ero ti­mi­da, pu­di­ca e camminavo sem­pre con le spal­le curve, qua­si vo­les­si chiu­der­mi in me stes­sa. Que­sto aspet­to è ri­ma­sto an­che og­gi... ». E for­se è l’uni­ca co­sa che la àn­co­ra al pas­sa­to. Per il re­sto, cre­scen­do qual­co­sa in Ema­nue­la Fol­lie­ro è cam­bia­to. Si è evo­lu­to, li­be­ra­to, per la gio­ia dei suoi sem­pre più nu­me­ro­si fol­lo­wer che per tut­ta l’esta­te si so­no te­nu­ti com­pa­gnia con scat­ti sexy, qua­si con­tur­ban­ti. Ema­nue­la scop­pia a ri­de­re. «Ma co­me sexy? Io li ho fat­ti per di­ver­tir­mi, per im­mor­ta­la­re mo­men­ti di ve­ro re­lax quan­do ero al ma­re. Non ave­vo cer­to in­ten­zio­ne di se­dur­re o da­re scan­da­lo. Piut-

to­sto vo­le­vo da­re una nar­ra­zio­ne ine­di­ta e leg­ge­ra del­le mie va­can­ze». Sem­bri tor­na­ta ra­gaz­zi­na... «Ba­sta es­se­re un po’ ab­bron­za­ti e già si di­mo­stra­no die­ci an­ni di me­no. E an­che l’es­se­re spen­sie­ra­ti aiu­ta a sor­ri­de­re e a non cor­ruc­cia­re la fron­te e far­si ve­ni­re le ru­ghe. Ti di­rò di più: sai chi è l’au­to­re di mag­gior par­te de­gli scat­ti che ve­di sui so­cial? Mio fi­glio An­drea, di 10 an­ni. Vi­sto che il mio com­pa­gno ama fo­to­gra­fa­re di tut­to, la na­tu­ra, i cam­pa­ni­li, le chie­se ma mai una vol­ta che scel­ga me co­me sog­get­to, al­lo­ra la­scio che a im­mor­ta­lar­mi sia il mio ra­gaz­zo», scher­za Ema­nue­la, ag­giun­gen­do fie­ra: «E pub­bli­co le fo­to sen­za met­te­re fil­tri o fa­re ma­gheg­gi va­ri di pho­to­shop...». La pre­ci­sa­zio­ne è im­por­tan­te, vi­sto che a 53 an­ni la con­dut­tri­ce ha un fi­si­co da fa­re in­vi­dia al­le tee­na­ger. Ed è tut­to na­tu­ra­le. «E si ve­de, no? In­som­ma, se ci so­no im­per­fe­zio­ni le la­scio, pre­fe­ri­sco mo­strar­mi per co­me so­no. De­vo rin­gra­zia­re mia mam­ma e la ge­ne­ti­ca che mi han­no con­ces­so di ar­ri­va­re si­no a og­gi sen­za do­ver fa­re in­ter­ven­ti chi­rur­gi­ci per es­se­re an­co­ra pia­ce­vo­le. Ma tal­vol­ta, scher­zan­do, di­co che da un mo­men­to all’al­tro po­treb­be ar­ri­va­re il ce­di­men­to che tut­te te­mia­mo. An­che in quel ca­so pe­rò non pen­so che cor­re­rei ai ri­pa­ri con stra­vol­gi­men­ti este­ti­ci. Fac­cio mo­to e man­gio sa­no, que­sti so­no i miei eli­sir», as­si­cu­ra Ema­nue­la che, gra­zie al suo se­no ab­bon­dan­te, «che sta an­co­ra su», e al­la sua si­lhouet­te ar­mo­nio­sa è sta­ta ed è tutt’og­gi uno dei so­gni ero­ti­ci più ri­cor­ren­ti de­gli ita­lia­ni. Ba­sti pen­sa­re che il suo ca­len­da­rio sexy nel 2003 re­sta uno dei più ama­ti di sem­pre. «È sta­ta la pri­ma vol­ta nel­la mia vi­ta in cui ho ca­pi­to di ave­re un ap­peal e una fi­si­ci­tà che po­te­va­no es­se­re ap­prez­za- ti. Quan­do mi pro­po­se­ro il ca­len­da­rio ri­ma­si stu­pi­ta. “Per­ché io?” mi chie­si sul­le pri­me. Poi, su­pe­ra­te le per­ples­si­tà ini­zia­li, fui sod­di­sfat­ta del ri­sul­ta­to». Sexy, sexy, sexy. «Ma stan­do sem­pre at­ten­ta a do­sa­re, a non ol­tre­pas­sa­re mai quel sot­ti­le con­fi­ne che sta tra la sen­sua­li­tà e la vol­ga­ri­tà. È una re­go­la che ap­pli­co an­che og­gi quan­do pub­bli­co una fo­to so­cial. E in ogni ca­so, so­no gli oc­chi di chi guar­da che ren­do­no più o me­no maliziosa un’im­ma­gi­ne». Con­fes­sa di es­se­re un po’ esi­bi­zio­ni­sta, Ema­nue­la. «Chiun­que la­vo­ri in te­le­vi­sio­ne un po­chi­no lo è. E ri­ce­ve­re com­men­ti po­si­ti­vi sia da don­ne sia da uo­mi­ni sot­to le fo­to che po­sto mi fa dav­ve­ro pia­ce­re. E, am­met­tia­mo­lo, aiu­ta an­che un po’ la mia au­to­sti­ma». E scop­pia a ri­de­re. Giu­ra che i suoi pun­ti di for­za non so­no quel­li che uno im­ma­gi­na guar­dan­do­la... «So­no il sor­ri­so, le espres­sio­ni, il vi­so e lo sguar­do, che in cer­ti ca­si può se­dur­re più di al­tre curve, an­che se esi­bi­te». Da no­ve an­ni sei le­ga­ta al ma­na­ger Pi­no Oric­ci. Ge­lo­so od or­go­glio­so di ve­der­ti in bi­ki­ni sui so­cial? «Ge­lo­so no, or­go­glio­so, non sa­prei, ma di­cia­mo che guar­da, os­ser­va e non com­men­ta, che per me equi­va­le a un ok». Si di­ce che pre­sto vi spo­se­re­te... «Pri­ma o poi accadrà».

A 53 AN­NI È AN­CO­RA ESPLO­SI­VA Mi­la­no. Ema­nue­la Fol­lie­ro, 53 an­ni, po­sa sen­sua­le con una sot­to­ve­ste di se­ta che ne esal­ta il sex ap­peal. È an­co­ra una bom­ba, e gio­ca con il suo cor­po con spon­ta­nei­tà e gio­ia. (Fo­to Se­ba­stia­no Ros­si/Sgp). Sot­to, un sel­fie scat­ta­to per mo­stra­re il nuo­vo bi­ki­ni e lo stre­pi­to­so dé­col­le­té.

Ema­nue­la Fol­lie­ro a 53 an­ni cam­bia. «Da ra­gaz­za, per pu­do­re, mi co­pri­vo. Ora mi spo­glio in al­le­gria, sen­za vol­ga­ri­tà», rac­con­ta l’ex an­nun­cia­tri­ce di Re­te 4, di­ven­ta­ta, gra­zie a que­sta “svol­ta”, re­gi­na di In­sta­gram. E per to­glie­re ogni ma­li­zia al suo “col­po di te­sta” ri­ve­la: «Die­tro l’ob­biet­ti­vo c’è spes­so An­drea, che ora ha 10 an­ni»

ESTA­TE A TIN­TE FOR­TI Sot­to, una bel­la im­ma­gi­ne del­la Fol­lie­ro con scol­la­tu­ra e gam­be af­fu­so­la­te in pri­mo pia­no. A si­ni­stra, in ver­sio­ne si­re­na a fi­lo d’ac­qua con bi­ki­ni dal­le tin­te for­ti. En­tram­bi gli scat­ti so­no trat­ti dal suo pro­fi­lo In­sta­gram.

SEL­VAG­GIA CREA­TU­RA Mar­bel­la (Spa­gna). Stac­co di gam­be da lo­de, si­lhouet­te per­fet­ta e sen­za ri­toc­chi, Ema­nue­la si fa im­mor­ta­la­re men­tre scher­zo­sa­men­te ten­ta di da­re la sca­la­ta a una pal­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.