LE “FAVORITE” DI VE­NE­ZIA Em­ma Sto­ne e Oli­via Col­man, mi­glio­re at­tri­ce al­la Mo­stra del ci­ne­ma, so­no le pro­ta­go­ni­ste de La fa­vo­ri­ta di Yor­gos Lan­thi­mos.

“LA FA­VO­RI­TA” POR­TA IN SCE­NA LA SPIETATA SFI­DA TRA ABIGAIL E SA­RAH, LE DUE AMAN­TI DI SUA MAE­STÀ. UNA STO­RIA IMBARAZZANTE CHE NES­SU­NO AVE­VA MAI RAC­CON­TA­TO

GENTE - - Sommario - da Ve­ne­zia Sa­ra Re­cor­da­ti

Le re­gi­ne in­gle­si, da Eli­sa­bet­ta I a Vit­to­ria, fi­no all’at­tua­le Eli­sa­bet­ta II, so­no tra le più no­te e ama­te di tut­ti i tem­pi, ep­pu­re ce n’è una, An­na Stuart, che non ri­cor­da qua­si nes­su­no. Per­ché? Una ra­gio­ne si può tro­va­re nel fat­to che re­gnò so­lo per 12 an­ni, dal 1702 al 1714, ma non è suf­fi­cien­te a spie­ga­re per­ché sia fi­ni­ta nel di­men­ti­ca­to­io. Tan­to più che pro­prio in que­gli an­ni, nel 1707, fu­ro­no uni­te le co­ro­ne d’In­ghil­ter­ra e quel­la di Sco­zia, dan­do vita al re­gno di Gran Bre­ta­gna.

A tre­cen­to an­ni dal­la sua scom­par­sa si co­min­cia a fa­re chia­rez­za su una re­gi­na a lun­go con­si­de­ra­ta scial­ba e po­co in­te­res­san­te. Il me­ri­to è di una bio­gra­fia, Queen

An­ne: the Po­li­tics of Pas­sion (La re­gi­na An­na: la po­li­ti­ca del­la pas­sio­ne), di An­ne So­mer­set, e di un film pas­sa­to in con­cor­so al­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia, La fa­vo­ri­ta, che ne met­te in ri­sal­to i mol­ti ri­svol­ti del­la vita, tutt’al­tro che ba­na­li. Un ritratto di­ver­ten­te e dram­ma­ti­co in­sie­me, e del tut­to sen­za fil­tri, quel­lo of­fer­to dal re­gi­sta gre­co Yor­gos Lan­thi­mos (vin­ci­to­re del Gran Pre­mio del­la giu­ria), che for­se ha po­tu­to be­ne­fi­cia­re di tan­ta li­ber­tà pro­prio per­ché non è in­gle­se e la co­ro­na non lo fa sen­ti­re in sog­ge­zio­ne. Il ca­st è ec­cel­len­te: Oli­via Col­man - premiata con la Cop­pa Vol­pi per la mi­glio­re at­tri­ce - è la re­gi­na, Ra­chel Weisz ed Em­ma Sto­ne le sue due aman­ti.

An­na ave­va 37 an­ni quan­do sa­lì al tro­no: da qua­si ven­ti era spo­sa­ta con Gior­gio di Da­ni­mar­ca, che pe­rò la la­sciò ve­do­va

l’an­no suc­ces­si­vo, get­tan­do­la in un pro­fon­do scon­for­to. Pa­re che la re­gi­na amas­se mol­to il suo con­sor­te, tan­to da ri­ma­ne­re in­cin­ta di lui per ben di­cias­set­te vol­te sen­za riu­sci­re a por­ta­re a ter­mi­ne le gra­vi­dan­ze. So­lo cin­que bam­bi­ni nac­que­ro vi­vi, mo­ren­do pe­rò po­co do­po. Uno sol­tan­to ce la fe­ce. Era il principe Gu­gliel­mo, che fu pe­rò stron­ca­to da una polmonite a 11 an­ni, nel 1700. Una sof­fe­ren­za im­men­sa, quel­la del­la re­gi­na. Lan­thi­mos ri­trae An­na co­me una don­na di­strut­ta dal do­lo­re, de­pres­sa, che si ri­fu­gia di­sor­di­na­ta­men­te nel ci­bo con at­teg­gia­men­to bu­li­mi­co. Per in­ter­pre­tar­la, l’at­tri­ce Oli­via Col­man (la stes­sa che sa­rà Eli­sa­bet­ta II nel­la nuo­va sta­gio­ne di The

Cro­wn, a fi­ne an­no su Net­flix) è do­vu­ta in­gras­sa­re ol­tre 15 chi­li, di­ven­tan­do qua­si ir­ri­co­no­sci­bi­le. Al­tra con­so­la­zio­ne per la so­vra­na era­no i co­ni­gli: uno per ogni fi­glio man­ca­to, a cui ave­va da­to i no­mi dei suoi bam­bi­ni de­ce­du­ti, fe­steg­gian­do ad­di­rit­tu­ra l’ono­ma­sti­co. Ma so­prat­tut­to il film rac­con­ta la bi­ses­sua­li­tà del­la re­gi­na, che do­po la scom­par­sa del ma­ri­to (ma for­se an­che pri­ma) co­min­ciò a in­trat­te­ne­re con­so­la­to­ri rap­por­ti ero­ti­ci con la sua po­ten­te con­si­glie­ra Sa­rah Chur­chill (an­te­na­ta del pri­mo mi­ni­stro Win­ston) e suc­ces­si­va­men­te con la gio­va­ne da­ma di compagnia Abigail Ma­sham.

Fin da ra­gaz­zi­na An­na ave­va avu­to una se­rie di ami­ci­zie fem­mi­ni­li co­sì as­si­due e in­ti­me da far sor­ge­re so­spet­ti sul­la lo­ro rea­le na­tu­ra. Di fat­to, lei e sua so­rel­la Ma­ria Stuart fu­ro­no cre­sciu­te in un am­bien­te as­sai li­ber­ti­no al­la cor­te del­lo zio Car­lo II. L’ami­ci­zia con Sa­rah co­min­ciò a 13 an­ni e si raf­for­zò quan­do la de­bo­le An­na di­ven­ne re­gi­na, fa­cen­do del­la vo­li­ti­va Sa­rah la don­na più po­ten­te del re­gno. Il film, che ini­zia quan­do la so­vra­na è già ve­do­va, mo­stra una An­na in ba­lia dell’ami­ca che, die­tro le quin­te, pren­de tut­te le de­ci­sio­ni per lei e spes­so la umi­lia e la de­ni­gra. Ep­pu­re il lo­ro rap­por­to pa­re una ve­ra sto­ria d’amo­re fin­ché, a rom­pe­re l’in­can­te­si­mo, giun­ge a cor­te la gio­va­ne Abigail Ma­sham. Abigail era una cu­gi­na di Sa­rah, pro­ve­nien­te da un ra­mo del­la fa­mi­glia ca­du­to in di­sgra­zia e co­stret­ta a re­car­si a Palazzo per ele­mo­si­na­re un po­sto da ca­me­rie­ra. «A 15 an­ni pa­pà mi ha per­sa gio­can­do a car­te», di­ce Abigail, met­ten­do in chia­ro che non ha nien­te da per­de­re e tut­to da gua­da­gna­re. La sua astu­zia, com­bi­na­ta al­la bel­lez­za, fa sì che la gio­va­ne don­na pos­sa in po­chi an­ni con­qui­star­si i fa­vo­ri del­la re­gi­na, sa­len­do la sca­la so­cia­le fi­no a ri­gua­da­gna­re ti­to­li e de­na­ro. La ri­va­li­tà tra Abigail e Sa­rah a quel pun­to si fa spietata: una ga­ra sen­za esclu­sio­ne di col­pi per ot­te­ne­re il ruo­lo di fa­vo­ri­ta (da qui il ti­to­lo del film).

Abigail fin­ge di ama­re la re­gi­na, rie­sce a se­dur­la e a ren­der­si in­di­spen­sa­bi­le. Sa­rah, che for­se la ama­va dav­ve­ro, ma ave­va un ca­rat­te­re mol­to dif­fi­ci­le e pre­po­ten­te al pun­to da mi­nac­cia­re la so­vra­na di di­vul­ga­re le lo­ro let­te­re in­ti­me, ha la peg­gio. Sa­rah e suo ma­ri­to, il du­ca di Marl­bo­rou­gh, ven­go­no ac­cu­sa­ti di fro­de ai dan­ni del­la co­ro­na ed esi­lia­ti nel 1710. Abigail re­sta a cor­te con la re­gi­na, che è in ba­lia dei sen­si di col­pa per aver rim­piaz­za­to l’an­ti­ca amante con una più gio­va­ne e bel­la. Sa­rah si vendicherà scrivendo un li­bro di me­mo­rie ve­le­no­so con il rac­con­to dei rap­por­ti più in­ti­mi con la so­vra­na. In bre­ve, la re­pu­ta­zio­ne di An­na ver­rà di­strut­ta e que­sto do­lo­re, as­sie­me al cuo­re spez­za­to per la fi­ne dell’amo­re con l’ami­ca e ai tan­ti ac­ciac­chi fisici, co­me la got­ta, sa­rà la cau­sa dell’in­far­to che la uc­ci­se so­li a 49 an­ni. Ed è an­che il mo­ti­vo dell’oblio nel qua­le è ca­du­ta la re­gi­na An­na. Fi­no a og­gi.

SA­RAH SI VENDICHERÀ SCRIVENDO UN LI­BRO DI ME­MO­RIE AL VETRIOLO

DET­TA­GLI MANIACALI Il re­gi­sta gre­co Yor­gos Lan­thi­mos, 45 an­ni, sul set con la Col­man, 44, e Ra­chel Weisz, 48, (a si­ni­stra), ha cu­ra­to ogni det­ta­glio sto­ri­co, an­che per i co­stu­mi. Il film è trat­to dal­la bio­gra­fia Queen An­ne: the Po­li­tics of Pas­sion di An­ne So­mer­set. FU LEI A PREVALERE Un ritratto di Abigail Ma­sham (1670-1734). Era di fa­mi­glia no­bi­le, ma ri­dot­ta in po­ver­tà: fu co­stret­ta a fa­re la ca­me­rie­ra del­la re­gi­na An­na, di cui di­ven­tò l’amante e, in­fi­ne, la fa­vo­ri­ta.

SUPERSTAR E AMAN­TI Ve­ne­zia. Oli­via Col­man (a de­stra), ed Em­ma Sto­ne, 29 an­ni, al Li­do per pre­sen­ta­re La fa­vo­ri­ta, al ci­ne­ma dal 24 gen­na­io: in­ter­pre­ta­no la re­gi­na An­na e la sua amante Abigail Ma­sham. LA MATERNITÀ FU LA SUA TOR­TU­RA La re­gi­na An­na Stuart di Gran Bre­ta­gna (1665-1714) re­gnò dal 1702 fi­no al­la mor­te. Nel 1707 le co­ro­ne d’In­ghil­ter­ra e di Sco­zia fu­ro­no uni­te e An­na di­ven­ne la pri­ma so­vra­na del re­gno di Gran Bre­ta­gna. La re­gi­na sof­fri­va del­la sin­dro­me di Hu­ghes, che le ren­de­va estre­ma­men­te dif­fi­ci­le por­ta­re a ter­mi­ne le gra­vi­dan­ze e per­se 17 fi­gli, tra abor­ti o bim­bi na­ti mor­ti. Uno so­lo so­prav­vis­se fi­no agli 11 an­ni. Per que­sto, e per la per­di­ta dell’ama­to ma­ri­to Gior­gio di Da­ni­mar­ca nel 1708, fu sem­pre de­pres­sa.

FA­MO­SA PER LA SUA BEL­LEZ­ZA Sa­rah Chur­chill, du­ches­sa di Marl­bo­rou­gh (1660-1744), prin­ci­pa­le con­si­glie­ra e amante del­la re­gi­na An­na, era no­ta an­che per la leg­gen­da­ria bel­lez­za. Nel film è in­ter­pre­ta­ta da Ra­chel Weisz (a si­ni­stra).

SGUARDI COM­PLI­CI Oli­via Col­man ed Em­ma Sto­ne in una sce­na de La fa­vo­ri­ta. Per in­dos­sa­re i pan­ni del­la re­gi­na, la Col­man è do­vu­ta in­gras­sa­re di 15 chi­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.