Esclu­si­vo Sia­mo sta­ti nel ri­sto­ran­te di Ales­san­dro Del Pie­ro a Los An­ge­les DI RANUCCIO BA­STO­NI

LA SUA NUO­VA SFI­DA È UN RI­STO­RAN­TE ITA­LIA­NO CHE SPO­PO­LA FRA LE STAR DI HOL­LY­WOOD. «SI CHIA­MA “NUM­BER 10”», DI­CE IL CAM­PIO­NE. CO­ME IL SUO NU­ME­RO DI MA­GLIA AL­LA JU­VE. «È GIÀ STA­TA QUI JU­LIA RO­BERTS, ORA ASPET­TO TERENCE HILL»

GENTE - - Sommario - da Los An­ge­les (Sta­ti Uni­ti) Ranuccio Ba­sto­ni

Il suo ta­len­to si sca­te­na­va con quei cal­ci di pu­ni­zio­ne che di­ven­ta­va­no gol; ope­re d’ar­te da Pin­tu­ric­chio, co­me lo ave­va so­pran­no­mi­na­to l’av­vo­ca­to Gian­ni Agnel­li. Ales­san­dro Del Pie­ro e il suo sti­le, il suo mar­chio, quel nu­me­ro 10: quasi a ri­cor­dar­ci che non con­ta sol­tan­to es­se­re il nu­me­ro uno, de­vi es­se­re un cam­pio­ne nel­la vi­ta an­cor pri­ma che sul cam­po. E Del Pie­ro in ef­fet­ti con­ti­nua a vin­ce­re, an­che a Los An­ge­les, do­ve il suo nuo­vo ri­sto­ran­te, il Num­ber 10, ha già con­qui­sta­to tut­ti. «Ec­co, è ar­ri­va­to Alex e ha fat­to un al­tro gol!», di­co­no or­go­glio­si gli ita­lia­ni d’Ame­ri­ca. Lusso ed ele­gan­za, ma so­prat­tut­to il gu­sto del buon ci­bo tri­co­lo­re e il fa­sci­no di un’ico­na di sti­le. An­co­ra il suo toc­co ma­gi­co, in­som­ma, che que­sta vol­ta fa suc­ces­so con il ma­de in Ita­ly.

Pri­ma di tut­to, Alex, ti pia­ce que­sta vi­ta ame­ri­ca­na? E per­ché hai scel­to pro­prio Los An­ge­les? «Qui è co­min­cia­to per me un per­cor­so di­ver­so, do­po di­cian­no­ve an­ni tra­scor­si a To­ri­no, che è sta­ta la cit­tà do­ve so­no cre­sciu­to. Nel ca­po­luo­go pie­mon­te­se ho tra­scor­so il pe­rio­do più lun­go del­la mia vi­ta: mi ave­va as­sor­bi­to in tut­to e per tut­to. Los An­ge­les è una nuo­va av­ven­tu­ra, che mi ha cat­tu­ra­to da su­bi­to, fin dal­la mia pri­ma va­can­za in Ame­ri­ca, con il suo senso di li­ber­tà». A pro­po­si­to di no­vi­tà, co­me na­sce il tuo Num­ber 10? «Num­ber 10 è un’idea di qual­che tem­po fa che og­gi si è rea­liz­za­ta, e ne so­no dav­ve­ro sod­di­sfat­to. So­no ov­via­men­te or­go­glio­so del­la cu­ci­na di ca­sa no­stra e que­sto in­fat­ti è un ri­sto­ran­te ita­lia­no, che si fa co­no­sce­re al pubblico ame­ri­ca­no per il mix fra tra­di­zio­ne e mo­der­ni­tà. Que­sto ri­sto­ran­te è il luo­go in cui ho vo­lu­to por­ta­re la mia espe­rien­za, crean­do un po­sto do­ve fi­nal­men­te si può tro­va­re l’al­ta cu­ci­na ita­lia­na e an­che di­ver­tir­si in com­pa­gnia». Ales­san­dro Del Pie­ro e il suo staff: com’è il ca­pi­ta­no di Num­ber 10? «In ogni set­to­re c’è da im­pa­ra­re. In que­sto

ca­so ho cer­ca­to per­so­ne dal profilo ade­gua­to a quel­lo che è il mer­ca­to ame­ri­ca­no, con una ele­va­ta pro­fes­sio­na­li­tà nei ruo­li spe­ci­fi­ci che van­no a oc­cu­pa­re. A ognu­no di lo­ro spet­ta­no one­ri e ono­ri: han­no ov­via­men­te la li­ber­tà di fare le pro­prie scel­te, nei li­mi­ti del­le spe­ci­fi­che re­spon­sa­bi­li­tà. E con­si­de­ro tut­ti, tut­te le per­so­ne che la­vo­ra­no per me e con me, la ve­ra ani­ma del mio ri­sto­ran­te». Ma tu co­me te la ca­vi ai for­nel­li? «Di­cia­mo che io cucino, e qui cre­do sia me­glio fer­mar­mi! Per for­tu­na, co­me di­ce­vo, nel mio ri­sto­ran­te ho un team di pro­fes­sio­ni­sti di al­to li­vel­lo, an­che lo­ro ita­lia­ni co­me me. In­sie­me sia­mo una squa­dra. Tan­to per cam­bia­re...». Quali so­no i tuoi piat­ti pre­fe­ri­ti? «Tut­ti quel­li che nel me­nu del ri­sto­ran­te so­no in­di­ca­ti co­me “spe­cial num­ber 10”, scel­ti da me per­so­nal­men­te. In ogni ca­so, lo con­fes­so, so­no un man­gio­ne. Poi ad al­cu­ni piat­ti so­no par­ti­co­lar­men­te le­ga­to, per­ché mi ri­cor­da­no ca­sa: so­no quel­li che mi pre­pa­ra­va la mia mam­ma. Che spet­ta­co­lo il suo ri­sot­to al­la tre­vi­sa­na! O le sue pa­ta­ti­ne frit­te con la co­to­let­ta al­la mi­la­ne­se. Per quan­to ri­guar­da i dol­ci, in­ve­ce, non so­no mol­to go­lo­so, ma va­do paz­zo per il ti­ra­mi­sù, è il mio pre­fe­ri­to in as­so­lu­to. A con­di­zio­ne che sia preparato con la ri­cet­ta ori­gi­na­le».

C’è un per­so­nag­gio in par­ti­co­la­re che vor­re­sti ave­re qui al Num­ber 10 e per il qua­le sa­re­sti di­spo­sto a pre­pa­ra­re una ce­na per­so­nal­men­te? «Lo fa­rei per i miei at­to­ri pre­fe­ri­ti: Ro­bert De Ni­ro e Al Pa­ci­no. Ma an­che il no­stro Terence Hill, che ado­ro. E poi mi pia­ce­reb­be met­te­re per una se­ra in­sie­me a ta­vo­la Ba­rack Oba­ma e Do­nald Trump: non sa­reb­be cu­rio­so ve­de­re co­sa po­treb­be suc­ce­de­re? Cre­do che ci sia­no per­so­ne e per­so­nag­gi che spri­gio­na­no un’energia spe­cia­le, ed è sem­pre bel­lo po­ter­li sco­pri­re un po’ più a fon­do».

È ve­ro che il tuo ri­sto­ran­te sta di­ven­tan­do an­che un pun­to di ri­tro­vo e di ri­fe­ri­men­to per tut­ti i tuoi ami­ci a Los An­ge­les? «È ve­ro e non pos­so che es­ser­ne fe­li­cis­si­mo. Num­ber 10 è un luo­go che of­fre al­le per­so­ne l’op­por­tu­ni­tà di pas­sa­re un po’ di tem­po in­sie­me per una ce­na, un pran­zo o un drink. Per­ché que­sta è una cit­tà mol­to par­ti­co­la­re: ti puoi sen­ti­re al cen­tro del mondo, ma an­che ter­ri­bil­men­te so­lo. Spe­ro che il mio ri­sto­ran­te di­ven­ti sem­pre di più il sim­bo­lo del­la con­vi­via­li­tà che ci con­trad­di­stin­gue nel mondo».

E chi so­no le ce­le­bri­ties che so­no ve­nu­te a tro­var­ti o che ma­ga­ri so­no già di­ven­ta­te ha­bi­tué del tuo lo­ca­le?

QUI TUT­TO PRO­FU­MA DI CAL­CIO Los An­ge­les (Sta­ti Uni­ti). Ales­san­dro Del Pie­ro, 43 an­ni, leg­gen­da­rio at­tac­can­te del­la Ju­ven­tus e cam­pio­ne del mondo con la Na­zio­na­le nel 2006, pal­leg­gia con de­strez­za da­van­ti all’in­gres­so del suo nuo­vo ri­sto­ran­te ita­lia­no Num­ber 10 (in bas­so a si­ni­stra, uno scor­cio de­gli in­ter­ni). Il bom­ber si oc­cu­pa a tem­po pie­no del lo­ca­le: sot­to, sor­ri­den­te in una del­le sa­le. (Fo­to Giu­lia Go­ver­no). IN­SO­LI­TO PIZ­ZA­IO­LO L’ex cal­cia­to­re in­for­na una inu­sua­le e per nien­te com­me­sti­bi­le “piz­za al pal­lo­ne”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.