L’IMMUNOTERAPIA È CO­SÌ IM­POR­TAN­TE DA ME­RI­TA­RE IL PRE­MIO NO­BEL?

GENTE - - La Gente Domanda -

Lo stu­dio che que­st’an­no è val­so a due ri­cer­ca­to­ri il ri­co­no­sci­men­to più pre­sti­gio­so si ap­pli­ca in am­bi­to on­co­lo­gi­co. Per­ché è con­si­de­ra­to co­sì ri­vo­lu­zio­na­rio?

L’ec­ce­zio­na­li­tà del­la sco­per­ta ri­guar­da l’aver ca­pi­to l’in­sie­me di si­ste­mi com­ples­si gra­zie al qua­le il tu­mo­re rie­sce a bloc­ca­re la ri­spo­sta na­tu­ra­le del si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio. Cia­scu­no dei due stu­dio­si in­si­gni­ti con il No­bel per la Me­di­ci­na ha in­di­vi­dua­to una pro­tei­na chia­ve nel­lo spe­gni­men­to o nel­la di­sat­ti­va­zio­ne del­la ma­lat­tia. Da que­sta no­vi­tà so­no ar­ri­va­ti nel gi­ro di po­chis­si­mi an­ni i co­sid­det­ti “an­ti­cor­pi mo­no­clo­na­li”, far­ma­ci cioè in gra­do di “riac­cen­de­re” il si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio per quel­lo spe­ci­fi­co can­cro che ha col­pi­to quel­lo spe­ci­fi­co pa­zien­te. At­ten­zio­ne pe­rò: non va­le pur­trop­po per tut­ti i ma­la­ti, ognu­no è di­ver­so, co­sì co­me è di­ver­sa la ma­lat­tia che lo col­pi­sce. È già ac­cer­ta­ta co­mun­que l’ef­fi­ca­cia sul me­la­no­ma me­ta­sta­ti­co, un ma­le mol­to ag­gres­si­vo che non la­scia­va scam­po a 12 me­si dal­la dia­gno­si. Og­gi mol­ti pa­zien­ti vi­vo­no per an­ni con una buo­na qua­li­tà del­la vi­ta e alcuni gua­ri­sco­no. Lo stes­so va­le per il tu­mo­re me­ta­sta­ti­co del pol­mo­ne e ci so­no i pri­mi ri­scon­tri per il re­ne, ol­tre che per un sot­to­grup­po che ri­guar­da il co­lon. Una ve­ra ri­vo­lu­zio­ne nell’on­co­lo­gia, pa­ra­go­na­bi­le in cam­po me­di­co più o me­no al pri­mo pas­so dell’uo­mo sul­la Lu­na: dal­la ri­cer­ca ba­se di que­sti due scien­zia­ti, che ri­sa­le a me­no di vent’an­ni fa, si è ar­ri­va­ti in bre­vis­si­mo tem­po al­la rea­liz­za­zio­ne di far­ma­ci di­spo­ni­bi­li per i pa­zien­ti in gra­do di es­se­re tol­le­ra­ti a lun­go, con mi­no­ri ef­fet­ti col­la­te­ra­li ri­spet­to al­la che­mio­te­ra­pia, del­la qua­le co­mun­que in mol­ti ca­si non si può e non si de­ve fa­re a me­no. Te­ra­pie vec­chie e nuo­ve dia­lo­ga­no per il be­ne dei ma­la­ti. (Nel­la fo­to, i ri­cer­ca­to­ri in­si­gni­ti del No­bel: Ta­su­ku Ho­n­jo, 76, a si­ni­stra, e Ja­mes P. Al­li­son ,70).

Ri­spon­de FOR­TU­NA­TO CIARDIELLO on­co­lo­go, Uni­ver­si­tà del­la Cam­pa­nia Lui­gi Van­vi­tel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.