Il trap­per Sfe­ra Eb­ba­sta in­da­ga­to

È UN CAT­TI­VO MAE­STRO

GENTE - - Sommario - DI MAR­CO PA­GA­NI

Non ave­va­no tut­ti i tor­ti i Ric­chi e Po­ve­ri, nel 1981, a in­to­na­re il ri­tor­nel­lo: «Ba­sta una so­la can­zo­ne per far con­fu­sio­ne, fuo­ri e den­tro di te», seb­be­ne il ce­le­bre quar­tet­to si ri­fe­ris­se agli ef­fet­ti dell’amo­re in Sa­rà perché ti amo. Ma adesso si sco­pre che un brano mu­si­ca­le in real­tà po­treb­be cau­sa­re mol­to più di un sem­pli­ce scom­pi­glio emo­ti­vo. A quan­to pa­re è pro­prio que­sto quel­lo che pen­sa­no due se­na­to­ri di For­za Italia, Mas­si­mo Mal­le­gni e Lu­cio Ma­lan. Si de­ve ai due po­li­ti­ci, in­fat­ti, la pre­sen­ta­zio­ne di un espo­sto al­la Pro­cu­ra di Pe­sca­ra nei con­fron­ti del can­tan­te Sfe­ra Eb­ba­sta - no­me d’ar­te del ven­ti­seien­ne Gio­na­ta Bo­schet­ti - nel qua­le so­sten­go­no che ol­tre a “fre­quen­ti osce­ni­tà” i te­sti del­le sue can­zo­ni “si ri­fe­ri­sco­no pres­so­ché tut­ti all’uso di dro­ghe e spes­so al lo­ro spac­cio, sen­za mai ac­cen­na­re al­la ne­ga­ti­vi­tà di ta­li pra­ti­che, an­zi pro­spet­tan­do ta­le sti­le di vi­ta co­me sim­bo­lo di suc­ces­so”. Mal­le­gni e Ma­lan si so­no ri­vol­ti ai giudici di Pe­sca­ra perché nel­la cit­ta­di­na abruz­ze­se Sfe­ra Eb­ba­sta si è esi­bi­to il 12 lu­glio 2018 da­van­ti a una fol­la di fan in de­li­rio. Per ac­cer­ta­re co­sa sia av­ve­nu­to la Pro­cu­ra ha da­to in­ca­ri­co di svol­ge­re spe­ci­fi­che in­da­gi­ni al­la po­li­zia giu­di­zia­ria. Il pro­cu­ra­to­re Mas­si­mi­lia­no Ser­pi, che con­du­ce l’in­chie­sta, po­treb­be de­ci­de­re di ascol­ta­re il can­tan­te. C’è co­mun­que chi fa no­ta­re che l’uso per­so­na­le di dro­ga non sia più un rea­to e dun­que, se mai ci fos­se isti­ga­zio­ne, non sa­reb­be fi­na­liz­za­ta a una vio­la­zio­ne del­la leg­ge. «Noi non sia­mo dei bac­chet­to­ni, io mi ri­ten­go un cri­stia­no pec­ca­to­re, pe­rò que­sto di­ven­ta un pro­ble­ma so­cia­le, di si­cu­rez­za e di dif­fu­sio­ne del­le dro­ghe», ha spie­ga­to Mal­le­gni. Sa di vec­chio que­sta po­le­mi­ca! Ogni vol­ta che un ar­ti­sta af­fron­ta te­mi so­cia­li o usa il

«DI­VEN­TA UN PRO­BLE­MA DI SI­CU­REZ­ZA», DI­CHIA­RA­NO I SUOI DUE ACCUSATORI

suo ta­len­to uscen­do da­gli sche­mi pre­fis­sa­ti c’è su­bi­to pron­to qual­cu­no che si sen­te il di­fen­so­re del­la mo­ra­li­tà. Spes­so sol­tan­to quel­la che lui ha de­ci­so sia da ri­spet­ta­re. Na­tu­ral­men­te ciò non si­gni­fi­ca che si deb­ba e si pos­sa im­pe­di­re a Ma­lan e Mal­le­gni di agi­re nel mo­do che es­si ri­ten­ga­no più ap­pro­pria­to. La li­ber­tà di pen­sie­ro va­le ov­via­men­te per tut­ti. An­che, na­tu­ral­men­te, per quei ge­ni­to­ri che con­si­de­ri­no i mes­sag­gi lan­cia­ti da Sfe­ra Eb­ba­sta nel­le sue can­zo­ni al­la stre­gua de­gli in­se­gna­men­ti di un cat­ti­vo mae­stro. Di qual­cu­no cioè che, for­te del­la sua im­men­sa po­po­la­ri­tà tra i più gio­va­ni (Sfe­ra è l’ar­ti­sta ita­lia­no che ha il re­cord di ascol­to dei suoi bra­ni su Spo­ti­fy), pos­sa in­vo­lon­ta­ria­men­te in­stil­la­re nei fan uno spi­ri­to di emu­la­zio­ne ta­le da spin­ger­li ad azio­ni e com­por­ta­men­ti in gra­do di ri­ve­lar­si pe­ri­co­lo­si. Sen­za lan­ciar­si in una sor­ta di cro­cia­ta abo­li­zio­ni­sta, né pen­sa­re che qual­sia­si at­teg­gia­men­to sia li­be­ro da cri­ti­che, il te­ma im­po­ne di si­cu­ro una ri­fles­sio­ne. Non è davvero un buon mo­men­to per Sfe­ra Eb­ba­sta. So­no an­co­ra ne­gli oc­chi di tut­ti, per esem­pio, le ter­ri­bi­li im­ma­gi­ni del­la tra­ge­dia av­ve­nu­ta nel­la not­te tra il 7 e l’8 dicembre al­la di­sco­te­ca Lan­ter­na Az­zur­ra di Co­ri­nal­do, in pro­vin­cia di An­co­na. Su quel pal­co si sa­reb­be do­vu­to esi­bi­re pro­prio lui e i ra­gaz­zi ac­cor­si per ascol­tar­lo era­no tan­ti. Trop­pi pro­ba­bil­men­te. Pa­re che per l’even­to fos­se­ro sta­ti ven­du­ti più bi­gliet­ti di quan­te per­so­ne po­tes­se con­te­ne­re il lo­ca­le. Pri­ma che Sfe­ra ar­ri­vas­se, cin­que ra­gaz­zi­ni tut­ti mi­no­ren­ni e una mam­ma che era lì per ac­com­pa­gna­re la fi- glia so­no mor­ti nel­la cal­ca e nel pa­ni­co di una fu­ga as­sur­da, for­se pro­vo­ca­ta da uno spray ur­ti­can­te spruz­za­to tra la fol­la, che ha cau­sa­to an­che un cen­ti­na­io di fe­ri­ti. So­no die­ci gli in­da­ga­ti per la stra­ge. «Tut­to quel­lo che è suc­ces­so mi ha stra­vol­to, sa­pe­re che quel­le per­so­ne era­no lì per me, per di­ver­tir­si in­sie­me con me, non mi dà pa­ce», ha com­men­ta­to il can­tan­te, che ov­via­men­te non ha al­cu­na re­spon­sa­bi­li­tà nei fat­ti. Non si vuo­le es­se­re a tut­ti i co­sti gli av­vo­ca­ti di­fen­so­ri di Sfe­ra Eb­ba­sta. Va pe­rò ri­co­no­sciu­to che il ge­ne­re mu­si­ca­le di cui lui è uno dei mas­si­mi espo­nen­ti in Italia (il suo ul­ti­mo album, Rock­star, ha con­qui­sta­to il dop­pio di­sco di pla­ti­no, cir­ca 100 mi­la co­pie ven­du­te ), ov­ve­ro la trap, si fa por­ta­vo­ce del­le vi­te dif­fi­ci­li di chi vie­ne dal­le pe­ri­fe­rie o dal­le bor­ga­te del­le gran­di cit­tà, spes­so con fa­mi­glie a pez­zi e con ze­ro op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro. È ve­ro che usa­no un lin­guag­gio duro e cru­do, ma non per lan­cia­re in­sul­ti ste­ri­li, piut­to­sto per ren­de­re nel­le lo­ro ri­me l’in­sod­di­sfa­zio­ne, le dif­fi­col­tà, l’as­sen­za di spe­ran­ze che ac­com­pa­gna­no le lo­ro vi­te. È una for­ma espres­si­va, in­som­ma, cri­ti­ca­bi­le fin­ché si vuo­le, pe­rò con­te­stua­le al­le espe­rien­ze che han­no fat­to e con­ti­nua­no a fa­re. In fon­do per­fi­no il se­na­to­re Ma­lan, si leg­ge su Wi­ki­pe­dia, nel 2002 avreb­be da­to pro­va di es­se­re un “pia­ni­sta” sui ge­ne­ris: fu fo­to­gra­fa­to men­tre sem­bra­va ave­re vo­ta­to al Se­na­to quat­tro volte al po­sto dei suoi col­le­ghi. L’uo­mo po­li­ti­co, è do­ve­ro­so ri­cor­dar­lo, re­pli­cò di­chia­ran­do di ave­re sem­pli­ce­men­te pro­ce­du­to al­la ve­ri­fi­ca del nu­me­ro le­ga­le at­te­stan­do la pre­sen­za di col­le­ghi che era­no in au­la. Si po­treb­be pas­sa­re so­pra a tut­to ascol­tan­do so­la­men­te le can­zo­ni di Ai­maD, al se­co­lo Da­mia­no Bo­na­ven­tu­ra Ca­sic­ci, 18 an­ni, il trap­per “buo­no”, che can­ta l’amo­re, la gio­ia, la li­ber­tà, nien­te te­sti cu­pi e mi­nac­cio­si. Non spet­te­reb­be di più al­la po­li­ti­ca, in ogni ca­so, ren­de­re la vi­ta mi­glio­re a tut­ti noi?

I TE­STI DURI E CRU­DI PAR­LA­NO DEL­LA VI­TA DEL­LE PE­RI­FE­RIE

Sfe­ra Eb­ba­sta, do­po la tra­ge­dia del­la di­sco­te­ca di Co­ri­nal­do, è di nuo­vo nel­la bufera. Due se­na­to­ri lo ac­cu­sa­no di ce­le­bra­re nei suoi te­sti l’uso di stu­pe­fa­cen­ti. E adesso è sot­to la len­te del­la Pro­cu­ra di Pe­sca­ra

SUPERGRIFFATO DI SUC­CES­SO Ac­can­to e a si­ni­stra, Sfe­ra Eb­ba­sta, 26 an­ni, no­me d’ar­te di Gio­na­ta Bo­schet­ti, pie­no di grif­fe e di ta­tuag­gi. Sot­to, il can­tan­te du­ran­te una esi­bi­zio­ne: il suo, ul­ti­mo album, Rock­star, ha con­qui­sta­to il dop­pio di­sco di pla­ti­no.

UNA GRAN­DE TRA­GE­DIA Co­ri­nal­do (An­co­na). La di­sco­te­ca do­ve, la not­te tra il 7 e l’8 dicembre, pri­ma di un con­cer­to di Sfe­ra Eb­ba­sta, so­no mor­ti cin­que mi­no­ren­ni e una mam­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.