Tor­na il com­mis­sa­rio Mon­tal­ba­no e par­la di mi­gran­ti

NEI NUO­VI EPISODI SOCCORRE CHI AR­RI­VA DAL MA­RE. LI VE­DRE­MO DO­PO SANREMO MA È GIÀ POLEMICA. «LA NA­VE DEL­LA FICTION È LA DI­CIOT­TI», SVE­LA IL RE­GI­STA

GENTE - - Sommario - DI ROBERTA SPADOTTO

Mon­tal­ba­no ri­tor­na. E que­sta vol­ta, se pos­si­bi­le, vi­sti gli ascol­ti straor­di­na­ri de­gli ul­ti­mi vent’an­ni - dal 1999 so­no sta­ti tra­smes­si 34 film e 190 re­pli­che per un to­ta­le di un mi­liar­do, 179 mi­lio­ni e 869 mi­la spet­ta­to­ri - con an­co­ra più cla­mo­re e se­gui­to. Per­ché nei nuo­vi episodi, in on­da l’11 e il 18 feb­bra­io su Ra­iu­no, il com­mis­sa­rio più ce­le­bre del­la Tv si tro­va a oc­cu­par­si di mi­gran­ti e di in­te­gra­zio­ne, un te­ma d’at­tua­li­tà scot­tan­te che di­vi­de l’opi­nio­ne pub­bli­ca. Il pri­mo epi­so­dio, L’al­tro ca­po del fi­lo, ruo­ta in­tor­no al mi­ste­rio­so omi­ci­dio di una sar­ta. Men­tre so­no in cor­so le in­da­gi­ni, Sal­vo Mon­tal­ba­no (Lu­ca Zin­ga­ret­ti) e gli agen­ti del com­mis­sa­ria­to di Vi­ga- ta so­no an­che im­pe­gna­ti not­te e gior­no con le na­vi stra­col­me di per­so­ne che chie­do­no ac­co­glien­za, co­sì co­me ac­ca­de­va dav­ve­ro al­cu­ni an­ni fa al­la po­li­zia lo­ca­le del­la co­sta si­ci­lia­na. In una sce­na un col­le­ga in­si­nua a Mon­tal­ba­no il dub­bio che un ti­zio ap­pe­na sbar­ca­to pos­sa es­se­re un ter­ro­ri­sta. E il com­mis­sa­rio, se­ve­ro co­me sem­pre, gli re­pli­ca: «An­co­ra que­sta sto­ria? Ti pa­re che quel­li dell’Isis ven­go­no con i bar­co­ni?». I mo­men­ti toc­can­ti non man­ca­no. In uno di que­sti il com­mis­sa­rio ve­de dal­la sua ter­raz­za un uo­mo in ma­re e si tuf­fa, di not­te, da so­lo, per tra­sci­na­re a ri­va quel­lo che poi si ac­cor­ge es­se­re il ca­da­ve­re di un ra­gaz­zo gio­va­nis­si­mo. Ba­sta que­sta sce­na per far ca­pi­re qual è il pen­sie­ro e il sen­ti­men­to di An­drea Ca­mil­le­ri, pa­dre let­te­ra­rio del com­mis­sa­rio, nei con­fron­ti del­la tra­ge­dia dei mi­gran­ti.

«Ca­mil­le­ri è con­tro i por­ti chiu­si», spie­ga a Gen­te Al­ber­to Si­ro­ni, re­gi­sta di Mon­tal­ba­no dal pri­mo epi­so­dio. «Vuo­le mo­stra­re che que­sti di­gra­zia­ti so­no per­so­ne con una lo­ro uma­ni­tà e spes­so con sto­rie stra­zian­ti, co­me la ra­gaz­za che nel­la fiction vie­ne vio­len­ta­ta du­ran­te la tra­ver­sa­ta. Lo scrit­to­re ci di­ce che la cul­tu­ra ara­ba è una del­le ra­di­ci di quel­la italiana. Inol­tre, non si può cer­to ac­cu­sar­lo di es­se­re an­ti­go­ver­na­ti­vo, vi­sto che il ro­man­zo è sta­to pub­bli­ca­to nel 2016, mol­to pri­ma che ci fos­se l’at­tua­le ese­cu­ti­vo». E quin­di la polemica già all’oriz­zon­te do­vreb­be spe­gner­si sul na­sce­re. D’al­tra par­te Ca­mil­le­ri si era già oc­cu­pa­to di mi­gran­ti in pas­sa­to e in tem­pi non so­spet­ti per­ché è sua abi­tu­di­ne in­se­ri­re sul­lo sfon­do di una sto­ria in­ven­ta­ta ele­men­ti di at­tua­li­tà.

An­che la po­si­zio­ne di Lu­ca Zin­ga­ret­ti sui mi­gran­ti è no­ta. «Ho già det­to tut­to quel­lo che pen­so tre an­ni fa nel mio mo­no­lo­go tea­tra­le Stron­za­te », di­ce l'at­to­re che, a quel tem­po, si era do­cu­men­ta­to sul­le vi­cen­de del­le “car­ret­te del ma­re” ed era giun­to al­la con­clu­sio­ne che spes­so gli or­ga­ni di in­for­ma­zio­ni ri­por­ta­no no­ti­zie ine­sat­te o in­com­ple­te. Nel vi­deo di back­sta­ge del­le ri­pre­se di L’al­tro ca­po del fi­lo si ve­de il com­mis-

sa­rio scen­de­re da un eli­cot­te­ro e rag­giun­ge­re il pon­te di una na­ve pie­na di per­so­ne dall’aria sfi­ni­ta. E in ul­ti­mo Mon­tal­ba­no-Zin­ga­ret­ti si ri­vol­ge al ma­re aper­to spa­lan­can­do le brac­cia in se­gno d’ac­co­glien­za. «È un vi­deo che vuo­le rap­pre­sen­ta­re», ha spie­ga­to il pro­dut­to­re Car­lo De­gli Espo­sti, «quel­lo che noi, con An­drea Ca­mil­le­ri, pen­sia­mo a pro­po­si­to del­la que­stio­ne dei mi­gran­ti: un gran­de ab­brac­cio a chi ar­ri­va dal ma­re».

Tut­ta­via, ognu­no fa il suo me­stie­re. «Noi ci li­mi­tia­mo a tra­spor­re in Tv quel­lo che è già sta­to scrit­to su car­ta», spie­ga An­drea Si­ro­ni, «non fac­cia­mo po­li­ti­ca». Il re­gi­sta, per ren­de­re il più pos­si­bi­le ve­ri­tie­re le sce­ne de­gli sbar­chi, ha as­si­sti­to, la pri­ma­ve­ra scor­sa, agli ar­ri­vi not­tur­ni. «Io e la mia trou­pe ab­bia­mo af­fian­ca­to gli agen­ti, vi­sto con i no­stri oc­chi tra­ge­die che non sa­ran­no mai tra­smes­se dai te­le­gior­na­li». Le sce­ne che ve­dre­te in L’al­tro ca­po del fi­lo so­no quin­di sta­te ri­co­strui­te con cir­ca 400 com­par­se. «Mol­ti di lo­ro so­no dav­ve­ro per­so­ne che han­no vis­su­to la tra­ver­sa­ta per ma­re in pas­sa­to», spie­ga Si­ro­ni. «Il por­to del­le ri­pre­se è quel­lo di Poz­zal­lo do­ve spes­so av­ven­go­no gli sbar­chi, in­fat­ti ab­bia­mo do­vu­to at­ten­de­re che la ban­chi­na fos­se li­be­ra». La Pa­lo­mar, ca­sa di pro­du­zio­ne del­la fiction, ha po­tu­to con­ta­re sul sup­por­to an­che tec­ni­co del­la Guar­dia co­stie­ra e del­le al­tre for­ze dell’or­di­ne. «Ci han­no mes­so a di­spo­si­zio­ne un eli­cot­te­ro e an­che una na­ve, la Di­ciot­ti [ la stes­sa che qual­che me­se più tar­di, nell’ago­sto 2018, sa­rà al cen­tro di un ca­so po­li­ti­co e giu­di­zia­rio che coin­vol­ge il mi­ni­stro dell’in­ter­no Mat­teo Salvini, ndr]», di­ce Si­ro­ni. Il se­con­do epi­so­dio, Un dia­rio del ’43, par­la in­ve­ce di mi­gra­zio­ne del opo­guer­ra, quan­do era­va­mo noi ita­lia­ni a cer­ca­re spe­ran­za in al­tri Pae­si. «Un dop­pio pun­to di vi­sta», spie­ga Si­ro­ni.

Il re­gi­sta sve­la an­che che Mon­tal­ba­no con­ti­nue­rà. «A bre­ve ini­zie­ran­no le ri­pre­se di ben tre nuo­vi episodi. Uno è trat­to dal ro­man­zo Il ca­so Ca­ta­la­not­ti, pub­bli­ca­to nel 2018». I fan po­tran­no con­ti­nua­re a so­gna­re e, se ne han­no vo­glia, a ri­flet­te­re.

SQUA­DRA VIN­CEN­TE DA VENT’AN­NI Una sce­na di L’al­tro ca­po del fi­lo gi­ra­ta al por­to di Poz­zal­lo (Ra­gu­sa). Lu­ca Zin­ga­ret­ti, 53 an­ni, (Mon­tal­ba­no), è con Ce­sa­re Boc­ci, 61, (Au­gel­lo), e in se­con­do pia­no Pep­pi­no Maz­zot­ta, 47, (Fa­zio), un trio che ap­pa­re nel­la se­rie dal 1999. A si­ni­stra, Zin­ga­ret­ti con il “pa­dre”del com­mis­sa­rio, lo scrit­to­re An­drea Ca­mil­le­ri, 93.

POI SCOPPIÒ IL CA­SO Lu­ca Zin­ga­ret­ti, al cen­tro, du­ran­te le ri­pre­se sul pon­te del­la Di­ciot­ti. La stes­sa na­ve, me­si do­po aver fat­to da set a Mon­tal­ba­no, sa­rà al cen­tro di un ca­so po­li­ti­co e giu­di­zia­rio.

SEA WATCH, L’UL­TI­MO GRAN­DE SCONTRO La Sea Watch, la na­ve di una ong tedesca che ha di­vi­so l’Ita­lia sul­la “que­stio­ne ac­co­glien­za”. Il 19 gen­na­io ha soc­cor­so 47 mi­gran­ti nel Me­di­ter­ra­neo e ha at­te­so 12 gior­ni pri­ma di ot­te­ne­re l’ok per lo sbar­co a Ca­ta­nia (a de­stra).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.