La In­con­tra­da sti­li­sta cur­vy

«È UNA QUE­STIO­NE DI FOR­ME: PER AL­CU­NE DONNE IL CON­FI­NE È LA 46, PER AL­TRE LA 40», DI­CE VANESSA. «LE MIE CREA­ZIO­NI SO­NO SEXY E LE TRA­SPA­REN­ZE MOL­TO IM­POR­TAN­TI: MO­STRA­NO IL CUO­RE»

GENTE - - Sommario - DI VANIA CRIPPA

Per Isal, il suo bam­bi­no di 10 an­ni, la mam­ma è sem­pre la più bel­la, qual­sia­si co­sa in­dos­si. «Ma so­no io a do­ver­glie­lo chie­de­re: “Amo­re, sto be­ne?”. A quel pun­to ri­spon­de di sì, sor­ri­de, gli oc­chi vi­spi, ve­lo­ci su di me. A dif­fe­ren­za del­la mie ami­che ma­dri di fem­mi­nuc­ce che già di­scu­to­no e li­ti­ga­no sull’ab­bi­glia­men­to, lui non ci fa trop­po ca­so. So­no io che gli scel­go i ve­sti­ti. Sia­mo nel­la fa­se do­ve in­te­res­sa so­lo la Xbox e per que­sto mo­ti­vo rie­sco a es­se­re cat­ti­va, per­ché gli per­met­to di gio­ca­re non più di un’ora al gior­no». Ri­de di gu­sto Vanessa In­con­tra­da. La sua sfi­la­ta pri­ma­ve­ra-esta­te 2019, la quin­ta co­me sti­li­sta di Ele­na Mi­rò, è sta­ta rit­ma­ta da scro­sci di ap­plau­si e ora, men­tre ci in­trat­te­nia­mo nel back­sta­ge, an­che l’in­se­pa­ra­bi­le bar­bon­ci­na na­na Gi­na, che ha cal­ca­to con lei la pas­se­rel­la per i sa­lu­ti fi­na­li, con­ce­de a tut­ti una sco­din­zo­la­ta, pro­ba­bil­men­te con­sa­pe­vo­le dei suc­ces­si del­la sua pa­dro­na.

Vanessa ha crea­to una col­le­zio­ne che ha per slo­gan “Prenditi il tuo tem­po!”. Un mix and mat­ch di espres­sio­ni cul­tu­ra­li di­ver­se: le so­fi­sti­ca­te stam­pe fo­lia­ge che ri­man­da­no ad at­mo­sfe­re zen di ser­re orien­ta­li, per­cor­se da donne ve­sti­te di ma­te­ria­li na­tu­ra­li e flui­di, co­me gli im­pal­pa­bi­li spol­ve­ri­ni cou­lis­sa­ti di se­ta; le stam­pe tri­di­men­sio­na­li, per abi­ti lun­ghi e caf­ta­ni leg­ge­ri, per poi spa­zia­re ver­so il we­st con il jeans e le stam­pe ban­da­na che ri­man­da­no agli azu­le­jos; e an­co­ra, stam­pe tri­ba­li co­me pic­co­le om­bre in con­tro­lu­ce, sa­ha­ria­ne di li­no che di­ven­ta­no bla­zer, ca­mi­cie sa­fa­ri che di­ven­ta­no che­mi­sier, tap­pe­ti di Nai­ro­bi co­me ispi­ra­zio­ne per ela­bo­ra­ti car­di­gan jac­quard. «In que­sta col­le­zio­ne c’è un cam­bio di mes­sag­gio per in­clu­de­re sem­pre più donne, di tut­te le età, di ogni ge­ne­re, sta­tu­re e pe­so. Vor­rei che i miei ca­pi fos­se­ro por­ta­ti da mam­me e fi­glie, dai 25 an­ni in su», rac­con­ta la In­con­tra­da. «E poi ce l’ho fat­ta: ho fi­nal­men­te in­se­ri­to le tra­spa­ren­ze. Io amo gli abi­ti sexy, far ve­de­re la car­ne è im­por­tan­te per­ché è un po’ co­me far ve­de­re il cuo­re e ar­ri­va gli al­tri».

Vanessa sor­ri­de di nuo­vo, la so­la­ri­tà è il suo mar­chio di fab­bri­ca. «Mi so­no fat­ta gui­da­re da un prin­ci­pio che mi è ca­ro: sen-

tir­mi be­ne e far sen­ti­re be­ne le per­so­ne. La­vo­ra­re con il team di sti­le e l’ate­lier di Ele­na Mi­rò mi aiu­ta in que­sto: ab­bia­mo tut­to il tem­po che ser­ve per sce­glie­re un tes­su­to, una tra­ma. Ca­pi­ta che un ca­po ven­ga fat­to e ri­fat­to per ren­der­lo esat­ta­men­te co­me l’ab­bia­mo im­ma­gi­na­to ed es­se­re sicuri che, in­dos­sa­to, re­ga­li be­nes­se­re. Io amo Mi­la­no, la sua fre­ne­sia e la mo­da, ma a vol­te pren­der­mi una pau­sa nel­la tran­quil­li­tà di Fol­lo­ni­ca, in To­sca­na, mi per­met­te di pen­sa­re al­la col­le­zio­ne sen­za di­stra­zio­ni».

In­som­ma, Vanessa rie­sce a pren­der­si il pro­prio tem­po... «Ci pro­vo! È im­por­tan­te pen­sa­re a sé», sot­to­li­nea. «Noi donne ab­bia­mo un di­fet­to, quel­lo di non sa­per­ci ascol­ta­re. Sia­mo at­tac­ca­te al giu­di­zio al­trui e non ci piac­cia­mo mai. An­che per me è lo stes­so: ci so­no mo­men­ti in cui mi ap­prez­zo e al­tri me­no, an­co­ra al­tri in cui me ne fre­go op­pu­re so­no più sen­si­bi­le. L’im­por­tan­te è pren­der­si cu­ra di sé. Io lo fac­cio, con lo sport». È un ti­po to­sto Vanessa e in que­sto pe­rio­do si sta pre­pa­ran­do per il tria­thlon: nuo­to, ciclismo e cor­sa. «Nel­la vi­ta bi­so­gna sem­pre ave­re obiet­ti­vi», pre­ci­sa pri­ma di con­fes­sar­ci la sua pas­sio­ne per le tu­te. «Ci la­vo­re­rò su. So­no un ca­po fa­cil­men­te ab­bi­na­bi­le e che può di­ven­ta­re per­si­no ele­gan­te». C’è da im­ma­gi­na­re, quin­di, che l’at­tri­ce pro­se­gui­rà la col­la­bo­ra­zio­ne con la mai­son at­ten­ta al­le fi­si­ci­tà cur­vy. Un ag­get­ti­vo, que­sto, che non la con­vin­ce del tut­to: «Mi pia­ce di più pen­sa­re a donne con le for­me, cia­scu­na a mo­do suo. Donne nor­ma­li, e lo di­co con un’ac­ce­zio­ne as­so­lu­ta­men­te positiva. La ta­glia cur­vy è re­la­ti­va. Per una per­so­na più ton­da è la 46, per una lon­gi­li­nea la 40. Il con­fi­ne di­pen­de da noi, è la per­so­na con la sua iden­ti­tà a de­fi­nir­lo. Ec­co per­ché que­sta pa­ro­la per me non ha mol­to si­gni­fi­ca­to, de­ve es­se­re per­so­na­liz­za­ta. La so­cie­tà, pe­rò, ha bi­so­gno di eti­chet­te. Di­ce ba­sta all’ec­ces­si­va ma­grez­za e poi in­via mes­sag­gi com­ple­ta- men­te op­po­sti, c’è una for­te ipo­cri­sia. Su In­sta­gram, per esem­pio, so­no sta­ta insultata per­ché ho pub­bli­ca­to una foto con le ru­ghe: ma in quei se­gni non c’è nul­la di cui ver­go­gnar­si». E se lo di­ce lei, che ha de­but­ta­to co­me mo­del­la e se ne in­ten­de, c’è da cre­der­ci: «Non ho la­vo­ra­to tan­tis­si­mo pri­ma del­la Tv, per gli stan­dard so­no pic­co­la di sta­tu­ra, ma ri­cor­do uno stress mi­ca da ri­de­re. Fa­ce­vo la pas­se­rel­la sen­za de­glu­ti­re, per non ve­ni­re ma­le nel­le foto. Og­gi pre­fe­ri­sco sta­re dall’al­tra par­te, con al­tre re­spon­sa­bi­li­tà, ma l’emo­zio­ne ri­ma­ne, ec­co­me».

«CO­ME LE AL­TRE, AN­CHE IO MI PIACCIO SOL­TAN­TO A MO­MEN­TI»

CI HA PRE­SO GU­STO Vanessa In­con­tra­da, 40 an­ni, vol­to e sti­li­sta del­la col­le­zio­ne pri­ma­ve­ra-esta­te 2019 di Ele­na Mi­rò. La sua col­la­bo­ra­zio­ne con la mai­son at­ten­ta al­le fi­si­ci­tà più mor­bi­de è or­mai di lun­go cor­so.

SOD­DI­SFAT­TA E OSANNATA Vanessa po­sa con un com­ple­to ges­sa­to, giac­ca e pan­ta­lo­ni, da lei stes­sa crea­to, L’am­pio sor­ri­so espri­me tut­ta la sod­di­sfa­zio­ne per il la­vo­ro svol­to. So­pra, l’at­tri­ce e sti­li­sta, con la stes­sa mi­se, tra le mo­del­le, strin­ge un maz­zo di fio­ri e rin­gra­zia al­la fi­ne del­la sfi­la­ta nel flag­ship sto­re Ele­na Mi­rò di Piaz­za del­la Sca­la, do­ve l’ab­bia­mo in­con­tra­ta, all’aper­tu­ra del­la set­ti­ma­na del­la mo­da di Mi­la­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.