Mo­mo, il gio­co ma­le­det­to del Web

Die­tro que­sta spa­ven­to­sa crea­tu­ra ci sa­reb­be un gio­co, con­dot­to non si sa da chi, che spin­ge­reb­be gli ado­le­scen­ti ad­di­rit­tu­ra al sui­ci­dio. Ma at­ten­zio­ne: è so­lo l’ul­ti­ma bu­fa­la di In­ter­net. Che fa­re? Non par­lar­ne

GENTE - - Sommario - DI ROSSANA LINGUINI

Cir­co­la in Re­te si­len­zio­sa­men­te dal 2016, ma è so­lo in que­sti gior­ni che la sto­ria del­la Mo­mo Chal­len­ge ha ini­zia­to a sca­te­na­re il panico tra i ge­ni­to­ri di bam­bi­ni e ado­le­scen­ti. Cer­to, va am­mes­so che l’im­ma­gi­ne del gio­co vir­tua­le che sta fa­cen­do mon­ta­re al­lar­mi­smi e pre­oc­cu­pa­zio­ni non è ras­si­cu­ran­te, pur con­te­nen­do in sé un va­lo­re ar­ti­sti­co, vi­sto che ri­trae la scul­tu­ra del giap­po­ne­se Kei­su­ke Ai­sa­wa espo­sta in una gal­le­ria d’ar­te a To­kyo nel 2016 e ispi­ra­ta a un Ubu­me, fi­gu­ra so­pran­na­tu­ra­le che per la mi­to­lo­gia giap­po­ne­se rap­pre­sen­ta lo spi­ri­to di don­ne mor­te di par­to o di gra­vi­dan­za. Pe­rò va an­che det­to che l’ico­na del­la Mo­mo Chal­len­ge è quan­to di più in­quie­tan­te ci sia in que­sta sto­ria, di fat­to tutt’al­tro che dram­ma­ti­ca. Ve­ro è che si di­ce che die­tro il vol­to di Mo­mo si ce­le­reb­be­ro uten­ti che dal lo­ro pro­fi­lo con­tat­te­reb­be­ro ra­gaz­zi­ni on­li­ne e su Wha­tsapp, in­vian­do con­te­nu­ti da bri­vi­di e sfi­dan­do­li a una se­rie di pro­ve, in al­cu­ni ca­si tal­men­te estre­me da por­ta­re al sui­ci­dio. Ter­ri­bi­le, na­tu­ral­men­te, ma sa­rà ve­ro? In real­tà, for­tu­na­ta­men­te, nes­su­na di que­ste dram­ma­ti­che ipo­te­si è mai sta­ta ve­ri­fi­ca­ta o di­mo­stra­ta. Più in con­cre­to: non esi­ste al­cu­na con­fer­ma di sui­ci­di at­tri­bui­bi­li al fe­no­me­no, ma nep­pu­re screen­shot, cioè fer­mi im­ma­gi­ne, si­gni­fi­ca­ti­vi che te­sti­mo­ni­no del­la pe­ri­co­lo­si­tà del­le pro­ve ri­chie­ste agli adep­ti al gio­co. Pro­prio co­me av­ven­ne tem­po fa con l’ana­lo­go ca­so di Blue Wha­le, il gio­co dell’or­ro­re che ave­va per sim­bo­lo una ba­le­na blu al qua­le in­zial­men­te si im­pu­ta­ro­no cen­ti­na­ia di mor­ti mai pe­rò di­mo­stra­ti. Il pun­to è che quel­li che per gli esper­ti so­no so­lo fa­ke on­li­ne, fal­si del­la Re­te, gi­ra­no ve­lo­ci di ta­stie­ra in ta­stie­ra, di­ven­tan­do più vi­ra­li di una ca­te­na di sant’An­to­nio e ali­men­tan­do una ter­ro­re vir­tua­le in­con­trol­la­bi­le e pe­ri­co­lo­so. Una psi­co­si più dif­fu­sa nel Re­gno Uni­to e ne­gli Sta­ti Uni­ti che in Ita­lia, for­se an­che per via di al­cu­ni mes­sag­gi non trop­po in­for­ma­ti po­sta­ti su Fa­ce­book dal­la po­li­zia in­gle­se o per la re­cen­te in­ter­vi­sta del gior­na­le scoz­ze­se The He­rald a una ma­dre, che so­ste­ne­va che il fi­glio si sa­reb­be mes­so un col­tel­lo al­la go­la “per­ché glie­lo ave­va chie­sto Mo­mo”. Poi è ar­ri­va­ta Kim Kar­da­shian, che su In­sta­gram ha ini­zia­to a par­la­re del­la Mo­mo Chal­len­ge, evi­den­te­men­te at­ti­ran­do l’at­ten­zio­ne dei suoi 129 mi­lio­ni di fol­lo­wer sul­la que­stio­ne. Na­to in Sud Ame­ri­ca, do­ve qual­che buon­tem­po­ne pen­sò di uti­liz­za­re l’im­ma­gi­ne di Mo­mo per scher­za­re e in­ve­ce ven­ne pre­so sul se­rio, il gio­co si è dif­fu­so suc­ces­si­va­men­te in Bo­li­via, poi in Ar­gen­ti­na e Mes­si­co e, pri­ma di ar­ri­va­re in Eu­ro­pa, in In­dia. Ades­so, men­tre YouTu­be cer­ca di tran­quil­liz­za­re i ge­ni­to­ri, as­si­cu­ran­do che nes­sun vi­deo che in­vi­ti al­la Mo­mo Chal­len­ge è pre­sen­te sul­la sua piat­ta­for­ma, gli esper­ti di tut­to il mon­do spie­ga­no qua­le può es­se­re la so­lu­zio­ne. Smet­te­re di par­la­re del fe­no­me­no del­la Mo­mo Chal­len­ge, a me­no che non lo si fac­cia - co­me ac­ca­de in que­sta pa­gi­na - per spie­ga­re che il ve­ro pe­ri­co­lo, co­me suc­ce­de con tut­te le bu­fa­le di In­ter­net, è cre­de­re che ci si tro­vi dav­ve­ro da­van­ti a un pe­ri­co­lo.

IL FE­NO­ME­NO È NA­TO NEL 2016, ORA È TOR­NA­TO SCA­TE­NAN­DO IL PANICO

L’AR­TI­STA SI È PENTITO Il gio­co Mo­mo Chal­len­ge ha co­me ico­na lo spa­ven­to­so vol­to di una scul­tu­ra (a si­ni­stra) del giap­po­ne­se Kei­su­ke Ai­sa­wa, che, a de­stra, mo­stra una ma­sche­ra iden­ti­ca. La scul­tu­ra pe­rò non esi­ste più: l’ar­ti­sta l’ha di­strut­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.