Sto­ria di co­per­ti­na Oriet­ta Ber­ti ci pre­sen­ta la ni­po­ti­na Oli­via

«LA BAM­BI­NA HA DUE SET­TI­MA­NE, È AL­TA E ROTONDETTA», RAC­CON­TA L’AR­TI­STA, NON­NA PER LA PRI­MA VOL­TA. «QUAN­DO SA­RÀ PIÙ GRANDICELLA COMINCERÒ A MOSTRARLE LA MIA COL­LE­ZIO­NE DI BAM­BO­LE. E OV­VIA­MEN­TE LE IN­SE­GNE­RÒ CAN­TO»

GENTE - - Sommario - DI SA­BRI­NA BO­NA­LU­MI

La fe­li­ci­tà nel­la ca­sa di Oriet­ta Ber­ti si re­spi­ra an­cor pri­ma di var­ca­re il por­to­ne. Sul­le gra­te del­le fi­ne­stre c’è un fioc­co ro­sa im­men­so che im­pe­di­sce qua­si la vi­sua­le a chi si af­fac­cia. E c’è una ci­co­gna ri­ca­ma­ta che por­ta un fa­got­ti­no. Non fac­cia­mo in tem­po a guar­dar­lo che ap­pa­re Oriet­ta, rag­gian­te, con il suo or­go­glio tra le braccia. «Lei è Oli­via, la mia pri­ma e me­ra­vi­glio­sa ni­po­ti­na», gon­go­la tut­ta. Ha scel­to Gen­te per pre­sen­ta­re al mon­do la sua pic­co­la ere­de, fi­glia del se­con­do­ge­ni­to Otis e del­la com­pa­gna Lia. È na­ta il 31 mar­zo e, non a ca­so, le è sta­to da­to un no­me che ini­zia con la “O”. Da ge­ne­ra­zio­ni in que­sta fa­mi­glia è qua­si una re­go­la. «A di­re il vero io ave­vo pro­po­sto di chia­mar­la Ma­til­de, co­me la pa­tro­na del­la no­stra ter­ra: Ma­til­de di Ca­nos­sa. Ma Lia, mia nuo­ra, te­ne­va tan­to al fat­to che la pic­co­la ri­spet­tas­se la tra­di­zio­ne: c’è mio ma­ri­to Osval­do, io Oriet­ta, i no­stri fi­gli, Omar e Otis, i non­ni era­no Ol­ga, Ore­ste, Odil­la...», ri­de. «Quan­do rac­con­tai al­la Va­no­ni nei ca­me­ri­ni di Ora o mai più che sa­rei di­ven­ta­ta non­na di una bim­ba, mi sug­ge­rì il suo no­me: “Chia­ma­la Or­nel­la, è bel­lo”, dis­se, men­tre Li­no Ban­fi mi pro­po­se Odet­te», ri­de Oriet­ta. «Ades­so pen­so che Oli­via le cal­zi a per­fe­zio­ne. Una nuo­va vi­ta che en­tra a ral­le­gra­re una fa­mi­glia è un do­no in­cre­di­bi­le, ma an­che una re­spon­sa­bi­li­tà. Vor­rei es­se­re una non­na pre­sen­te, af­fet­tuo­sa, un aiu

to per la sua cre­sci­ta, sen­za pe­rò in­ter­fe­ri­re nel per­cor­so che sce­glie­ran­no per lei i suoi ge­ni­to­ri».

Oriet­ta guar­da la pic­co­la che si sta sve­glian­do sul suo pet­to. «Mi pia­ce­reb­be in­se­gnar­le il ri­spet­to per mam­ma, pa­pà, per i suoi non­ni, già im­paz­zi­ti per lei. Cre­scen­do le mo­stre­rà la mia col­le­zio­ne di cir­ca 200 bam­bo­le pro­ve­nien­ti da tut­to il mon­do, che con­ti­nua­no ad ar­ri­var­mi da ogni par­te del glo­bo. E se avrà una bel­la vo­ce, le in­se­gne­rò a can­ta­re, in­si­sten­do con i vo­ca­liz­zi che han­no aiu­ta­to an­che me a mi­glio­ra­re l’esten­sio­ne e le to­na­li­tà acu­te».

Per il mo­men­to Oriet­ta si li­mi­ta a guar­dar­la, a sfio­rar­la pia­no, av­vi­ci­nan­do­la a sé con la de­li­ca­tez­za che si ri­ser­va ai cri­stal­li più pre­zio­si. Oli­via sem­bra più gran­de del­la sua età, sia per di­men­sio­ni sia per “po­stu­ra”. « Quan­do è na­ta pe­sa­va 3 chi­li e 650, era al­ta 52 centimetri e ave­va tan­tis­si­mi ca­pel­li drit­ti e scu­ri», rac­con­ta fie­ra mam­ma Lia. «L’ab­bia­mo tan­to de­si­de­ra­ta! Ho par­to­ri­to una set­ti­ma­na pri­ma del pre­vi­sto, po­chi mi­nu­ti pri­ma dell’al­ba di do­me­ni­ca, in mo­do na­tu­ra­le e sen­za epi­du­ra­le, all’ospe­da­le Fran­chi­ni di Mon­tec­chio. Tut­ti i me­di­ci e le oste­tri­che Ales­sia e Ga­briel­la so­no sta­ti ec­ce­zio­na­li con me e con Otis. Lui era ac­can­to a me quan­do la no­stra pu­pet­ta è ve­nu­ta al­la lu­ce, lo­ro han­no se­gui­to pas­so do­po pas­so la na­sci­ta di una nuo­va fa­mi­glia».

Oli­via sem­bra dor­mi­re bea­ta, in­ve­ce apre gli oc­chi e re­cla­ma ci­bo. «È una man­gio­na, ma do­po es­ser­si sa­zia­ta si tran­quil­liz­za. È buo­nis­si­ma», spie­ga pa­pà Otis. «È l’es­sen­za del­la vi­ta, è la som­ma di noi due», di­ce guar­dan­do Lia, la ra­gaz­za di ori­gi­ni bre­scia­ne che fa l’as­si­sten­te so­cia­le, al­la qua­le è le­ga­to da quat­tro an­ni. «Lia è dol­cis­si­ma e lo è an­che mio fi­glio. So­no cer­ta che sa­pran­no far be­ne con la pic­co­la», com­men­ta Oriet­ta con lun­gi­mi

ran­za da non­na. «Spe­ro se la go­da­no mol­to per­ché il tem­po vo­la ve­lo­cis­si­mo: li por­ti all’asi­lo e tut­to d’un trat­to ti ri­tro­vi i fi­gli mag­gio­ren­ni», so­spi­ra con un ve­lo di ma­lin­co­nia. « Quan­do era­no pic­co­li io ero sem­pre via per la­vo­ro e con me c’era Osval­do. Sia­mo spo­sa­ti da 52 an­ni: lui ha da­to la sua vi­ta per me. È sta­to il mio im­pre­sa­rio, l’au­ti­sta, il ma­na­ger, il ma­ri­to, il com­pa­gno, l’ami­co. Se non aves­si avu­to lui, chis­sà do­ve sa­rei?», con­fi­da con te­ne­rez­za la Ber­ti. «Viag­gia­va­mo ovun­que per i con­cer­ti, i bam­bi­ni sta­va­no con le non­ne. Era­no in ot­ti­me ma­ni, ma io ero co­mun­que in ap­pren­sio­ne. So­no co­sì an­co­ra og­gi. Ho im­pa­ra­to che, sep­pur adul­ti e in­di­pen­den­ti, i fi­gli re­sta­no ta­li e le an­sie da ge­ni­to­re pure. An­co­ra ades­so, quan­do esco­no la se­ra con la bi­ci­clet­ta per rag­giun­ge­re il cen­tro del pae­se, re­sto in an­sia fi­no a quan­do non so che so­no rien­tra­ti», rac­con­ta la can­tan­te, che ogni do­me­ni­ca ve­dia­mo da Fa­bio Fa­zio se­du­ta al ta­vo­lo­ne de­gli ospi­ti di Che tem­po che fa.

Set­tan­ta­quat­tro pri­ma­ve­re a giu­gno, 55 an­ni di car­rie­ra nel 2020, ma, per vo­ce e ver­ve, Oriet­ta sem­bra la ra­gaz­za che can­ta­va Tu sei quel­lo, nel 1965. È ama­tis­si­ma: da coe­ta­nei, gio­va­ni, uo­mi­ni e don­ne. «I ra­gaz­zi am­mi­ra­no la mia bel­la vo­ce, che non in­vec­chia mai. Bea­ta lei!», scher­za. «Al­tri mi ve­do­no co­me un’ami­ca, co­me la vi­ci­na di ca­sa con la qua­le fer­mar­si a

«MI PIA­CE CIRCONDARMI DI VA­SI E DI FIO­RI CO­LO­RA­TI: MI DAN­NO ENER­GIA E ALLEGRIA»

chiac­chie­ra­re. Il mio vi­ve­re nor­ma­le, sen­za at­teg­gia­men­ti da di­va, da don­na che ap­prez­za le co­se sem­pli­ci ma più ve­re del­la vi­ta, mi ha fat­to en­tra­re nel cuo­re del­la gen­te. Ed è al­la gen­te che de­vo il mio suc­ces­so. Og­gi co­me al­lo­ra le per­so­ne mi fer­ma­no per stra­da: pri­ma chie­de­va­no gli au­to­gra­fi, og­gi mi im­mor­ta­la­no nei sel­fie. E poi, ovun­que mi tro­vi, spun­ta qual­cu­na che si spac­cia per es­se­re la mia so­sia», sor­ri­de Oriet­ta, che se non aves­se avu­to la vo­ce che ha e non aves­se fat­to la can­tan­te, le sa­reb­be pia­ciu­to fa­re la mae­stra d’asi­lo, op­pu­re l’ho­stess di vo­lo. «For­se pe­rò non mi avreb­be­ro pre­so, ero bas­si­na, co­sa che ho sem­pre un po’ pa­ti­to. Ave­vo tan­te ami­che, tut­te più bel­le e più al­te di me».

Nien­te di­vi­sa da ho­stess per Oriet­ta, quin­di, ma poi il vo­lo l’ha pre­so lo stes­so, è riu­sci­ta a di­ven­ta­re una stel­la, un’ico­na del­la mu­si­ca ita­lia­na. «Di­rò al­la mia ni­po­ti­na che, so­prat­tut­to all’ini­zio, fa­re la can­tan­te non è un la­vo­ro nor­ma­le, è una lot­te­ria. E de­vi sa­per­ti adat­ta­re, rein­ven­ta­re e rin­no­va­re ogni gior­no».

Ini­zia a in­to­na­re una can­zo­ne con vo­ce lie­ve e la sua pic­co­la Oli­via, ve­sti­ta di tul­le co­me una bam­bo­la, apre gli oc­chiet­ti, qua­si ri­co­no­sces­se il can­to dell’usi­gno­lo di Ca­vria­go, co­sì fu so­pran­no­mi­na­ta 50 an­ni fa. «Se do­ves­si de­di­car­le uno dei miei bra­ni sa­reb­be L’al­ta­le­na. Fa co­sì: È un gi­ro­ton­do la fe­li­ci­tà, og­gi la toc­chi do­ma­ni non si sa, ti sve­gli un bel mat­ti­no con il so­le, e il po­me­rig­gio il so­le non c’è più. Mai mai mai mai mai, non ci la­sce­re­mo mai. Sì per­ché la vi­ta è tut­ta un’al­ta­le­na, l’im­por­tan­te è sta­re sem­pre con i pie­di per ter­ra, col­ti­van­do la pro­pria pas­sio­ne, im­pe­gnan­do­si al mas­si­mo e cer­can­do di vo­la­re al­to».

«GUARDATE COM’È DOL­CE» Mon­tec­chio Emi­lia (Reg­gio Emi­lia). Oriet­ta Ber­ti, 73 an­ni, mo­stra con or­go­glio la sua pri­ma ni­po­ti­na, Oli­via, na­ta il 31 mar­zo. «An­che lei, co­me tut­ti in fa­mi­glia, ha avu­to un no­me che co­min­cia con la “O”», spie­ga con te­ne­rez­za. (Fo­to Gian­ni Bruc­cu­le­ri).

LEI INI­ZIA A CAN­TA­RE, IL BATUFFOLO SOR­RI­DE Oriet­ta ini­zia a in­to­na­re una can­zon­ci­na per la bim­ba, che sem­bra rea­gi­re con un sor­ri­so dol­cis­si­mo pri­ma di ab­ban­do­nar­si al son­no. «Se avrà una bel­la vo­ce e lo de­si­de­re­rà, le in­se­gne­rò a fa­re i vo­ca­liz­zi», si ri­pro­met­te l’“usi­gno­lo di Ca­vria­go”.

ED EC­CO I GE­NI­TO­RI Mon­tec­chio Emi­lia (Reg­gio Emi­lia). Oriet­ta Ber­ti, re­gi­na del­la ca­sa, po­sa sul­la pol­tro­na di broc­ca­to con Oli­via in brac­cio e il fi­glio Otis, 39 an­ni, che le ap­pog­gia una ma­no sul­la spal­la. A de­stra, Otis con la fi­glia Oli­via e la com­pa­gna Lia, 32 an­ni, as­si­sten­te so­cia­le. So­no le­ga­ti da quat­tro an­ni. Oriet­ta ha un al­tro fi­glio.

A CA­SA SUA È SEM­PRE PRI­MA­VE­RA Oriet­ta ci mo­stra una del­le stan­ze di ca­sa sua, da lei tra­sfor­ma­ta in una spe­cie di ser­ra. Ac­can­to a que­sta c’è la ca­me­ra, fa­mo­sis­si­ma tra i fan del­la can­tan­te, do­ve Oriet­ta rac­co­glie le bam­bo­le che ac­qui­sta in tut­to il mon­do o le ven­go­no do­na­te. Og­gi so­no cir­ca 200. Del­la sua col­le­zio­ne ci par­le­rà nel­la pros­si­ma puntata.

LA PRI­MA FO­TO DEL­LA FA­MI­GLIA AL COM­PLE­TO CON LA “PRINCIPESSINA” Mon­tec­chio Emi­lia (Reg­gio Emi­lia). Oriet­ta Ber­ti al cen­tro del­la fo­to con la neo­na­ta tra le braccia. Ac­can­to a lei c’è la nuo­ra Lia e il ma­ri­to Osval­do, 75, e, più a de­stra, il se­con­do­ge­ni­to Otis. Al­le lo­ro spal­le, da si­ni­stra, la non­na ma­ter­na, Car­la, 56, il non­no ma­ter­no, Da­vi­de, 61, e il pri­mo­ge­ni­to di Oriet­ta e Osval­do, Omar, 44. En­tram­bi i ra­gaz­zi di Oriet­ta se­guo­no la can­tan­te nel­la sua at­ti­vi­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.