Gian­car­lo Ma­gal­li: «Vi rac­con­to tut­te le mie don­ne»

L’UL­TI­MA AMI­CI­ZIA SPE­CIA­LE È FI­NI­TA PER L’USO TROP­PO DISINVOLTO DEI SO­CIAL DA PAR­TE DI LEI. E LE AL­TRE RE­LA­ZIO­NI? «DAL PRI­MO AMO­RE AL­LE DUE MO­GLI, DAL­LA VE­NE­RE DI MI­LO AL­LA “CONSOLATRICE”, VI SVELO TUT­TO», DI­CE

GENTE - - Sommario - DI CAR­LO PUCA

Men­tre un lam­po squar­cia il buio del­la not­te, Gian­car­lo Ma­gal­li dà ini­zio al­le sue con­fes­sio­ni. «Non so­no ti­po da av­ven­tu­re: ho sem­pre in­se­gui­to il ve­ro amo­re», di­chia­ra su­bi­to il con­dut­to­re de I fat­ti vo­stri. La tem­pe­sta dei suoi af­fet­ti fi­no­ra è ri­ma­sta ce­la­ta, ma sta­se­ra è di­ver­so, la com­pli­ci­tà di una ce­na fru­ga­le di­ven­ta li­ber­tà di pa­ro­la. Co­sì i ri­cor­di sve­la­no un Gian­car­lo ine­di­to, di­spo­sto a rac­con­ta­re i suoi ar­do­ri e i suoi pa­te­mi sen­ti­men­ta­li. Sen­za nes­sun fil­tro.

Ma­gal­li, il pri­mo amo­re non si scor­da mai. «Ve­ro. Il mio ri­sa­le al­le ele­men­ta­ri».

Be’, pre­co­ce… «Tut­to pla­to­ni­co, ov­via­men­te. Ero esta­sia­to da Antonia, la fi­glia di Vi­ta­lia­no Bran­ca­ti e An­na Proclemer. An­na si è poi mes­sa con Gior­gio Al­ber­taz­zi, di cui ero gran­de ami­co. Più o me­no 6 an­ni fa Gior­gio sep­pe del­la fac­cen­da e or­ga­niz­zò ap­po­sta una ce­na a ca­sa sua».

Co­me an­dò? «Non be­ne, nes­su­na com­pli­ci­tà o emo­ti­vi­tà. E que­sto di­mo­stra che cer­ti tra­spor­ti in­fan­ti­li non van­no so­prav­va­lu­ta­ti». Al­tre don­ne de l l ’ am­bi e nt e del­lo spet­ta­co­lo? «Dia­na de Cur­tis Buf­far­di, la ni­po­te di To­tò. Con lei, pe­rò, so­no sta­to fi­dan­za­to per dav­ve­ro. Per­so­na splen­di­da co­me suo non­no. La mia vi­ta pro­fes­sio­na­le è ini­zia­ta con lui».

A pro­po­si­to di ri­cor­di. Fi­no al­la pri­ma li­ceo lei all’isti­tu­to Mas­si­mo stu­diò in clas­se con Ma­rio Dra­ghi e Lu­ca Cor­de­ro di Mon­te­ze­mo­lo. «Sì, era una clas­se tut­ta ma­schi­le, nor­ma­le per l’epo­ca. Tal­vol­ta an­da­va­mo da­van­ti al­le scuo­le fem­mi­ni­li. Io e Ma­rio guar­da­va­mo sol­tan­to, Lu­ca era più in­tra­pren­den­te».

Ci rac­con­ta un aned­do­to? «Per noi tre il mas­si­mo del pru­ri­gi­no­so era com­men­ta­re le sta­tue fo­to­gra­fa­te sui te­sti di sto­ria dell’ar­te. La no­stra pre­fe­ri­ta era la Ve­ne­re di Mi­lo».

Ma la Ve­ne­re non ha le brac­cia. «Guar­da­va­mo il se­no».

Il pri­mo ba­cio? «Man­co me lo ri­cor­do. In­di­men­ti­ca­bi­le è in­ve­ce il pri­mo ve­ro amo­re. Fu a 18 an­ni, io e Ma­ria Vit­to­ria era­va­mo in­na­mo­ra­ti per­si. Ci ve­de­va­mo d’esta­te a Pun­ta Ala, do­ve i no­stri ge­ni­to­ri ave­va­no la ca­sa al ma­re. Pe­rò d’in­ver­no lei sta­va a Mi­la­no, al­lo­ra non si viag­gia­va e te­le­fo­na­re da Ro­ma co­sta­va una ci­fra. Sop­pe­ri­va­mo con le let­te­re, una al gior­no, per due an­ni: ne ave­vo sca­to­lo­ni pie­ni. Al­la fi­ne ci sia­mo la­scia­ti da­van­ti a una sta­zio­ne de­gli au­to­bus, l’uni­ca vol­ta in cui so­no po­tu­to an­da­re da lei. Pian­ge­va­mo co­me bam­bi­ni».

Com­mo­ven­te dav­ve­ro, sem­bra un film. Il se­quel?

«DA PIC­CO­LO ERO COT­TO DI ANTONIA, LA FI­GLIA DI AN­NA PROCLEMER»

«Un’al­tra fi­dan­za­ta co­no­sciu­ta d’esta­te a Pun­ta Ala. È du­ra­ta 6 an­ni. Ora vi­ve a To­ri­no con suo ma­ri­to».

Non mi di­ca che an­che la sua pri­ma mo­glie, Car­la Cro­ci­ve­ra, l’ha in­con­tra­ta nel­lo stes­so luo­go. «In­do­vi­na­to! So­no re­ci­di­vo».

Ed era esta­te. «No, mi ven­ne pre­sen­ta­ta du­ran­te il pon­te fe­sti­vo dei mor­ti, in­tor­no al 2 no­vem­bre».

E poi? «Ave­va­mo un bel rap­por­to, sta­va­mo be­ne as­sie­me, non fa­ce­va­mo gran­di pro­get­ti. Pe­rò ri­ma­nem­mo in­cin­ti, co­sì de­ci­dem­mo di spo­sar­ci. Ma­nue­la nac­que po­co do­po, nel 1972».

Per­ché è fi­ni­ta? «Il mio la­vo­ro nel ci­ne­ma era in­cer­to. Per­ciò ac­cet­tai di fa­re l’as­si­cu­ra­to­re con mio pa­dre. Ma ero in­fe­li­ce. Do­po un an­no ne par­lai con Car­la e lei dis­se che sa­rei sta­to mat­to a ri­met­ter­mi in gio­co. Il gior­no do­po la­sciai il la­vo­ro, la ca­sa e lei».

Ve­nia­mo al se­con­do ma­tri­mo­nio, quel­lo con Va­le­ria Do­na­ti. «Era una sco­no­sciu­ta, mi te­le­fo­nò a ca­sa per ma­ni­fe­star­mi il suo di­sap­pun­to. Mi ve­de­va in Tv sol­tan­to co­me au­to­re di stu­dio di Raf­fael­la Car­rà e non più co­me con­dut­to­re di Il­lu­sio­ne ».

Co­me eb­be il nu­me­ro? «Era sull’elen­co te­le­fo­ni­co». E lei si fi­dò? «No che non mi fi­dai. Da sem­pre mi in­se­guo­no per­so­ne che cercano di en­tra­re nel mon­do del­la Tv. Per­ciò sto at­ten­to a di­stin­gue­re il fal­so dal ve­ro, a mag­gior ra­gio­ne ora che cer­te don­ne ten­ta­no di se­dur­mi sui so­cial net­work».

Che ti­po di mes­sag­gi ri­ce­ve? «Più am­mic­can­ti che espli­ci­ti, ma non ci ca­sco. Né so­no mi­so­gi­no, in car­rie­ra ho la­vo­ra­to con 20 col­le­ghe e ho fi­no­ra avu­to pro­ble­mi con una so­la [ Adria­na Vol­pe, che l’ha de­nun­cia­to per dif­fa­ma­zio­ne: ci sa­rà un pro­ces­so, ndr]. For­se vuol di­re che il pro­ble­ma ce l’ha lei».

Tor­nia­mo al­la te­le­fo­na­ta di Va­le­ria. «Lei era una far­ma­ci­sta sen­za am­bi­zio­ni te­le­vi­si­ve. Mi con­vin­se e ven­ne da me in uf­fi­cio. Pia­no pia­no la no­stra ami­ci­zia è di­ven­ta­ta amo­re. Ci sia­mo spo­sa­ti nel 1989».

Quan­to è du­ra­ta? «Ben 22 an­ni bel­li e se­re­ni. Poi le è ve­nu­to un gran mal di te­sta. E sic­co­me non pas­sa­va, una sua ami­ca le ha sug­ge­ri­to di ri­vol­ger­si a uno psi­co­lo­go, un pre­sun­to lu­mi­na­re ca­pa­ce di ri­sol­ver­le il pro­ble­ma. Se n’è in­na­mo­ra­ta ed è fug­gi­ta con lui».

Non si pos­so­no se­dur­re i pa­zien­ti: è da de­nun­cia. «La va­lu­tai. Ma no­no­stan­te le fe­ri­te, pen­sai a no­stra fi­glia Mi­che­la. Nel 2008 ave­va 14 an­ni. Due ge­ni­to­ri in li­te non so­no mai una bel­la co­sa».

Ora co­me va con le ex? « Con Car­la va tut­to mol­to be­ne, è ri­spo­sa­ta e fe­li­ce, ogni tan­to ci ve­dia­mo an­che con suo ma­ri­to. Con Va­le­ria no, a me fa­reb­be an­che pia­ce­re che ci fre­quen­tas­si­mo. Pe­rò lei ri­ma­ne di­stan­te, a vol­te sco­stan­te».

Il mo­ti­vo? «Io l’ave­vo mes­sa in guar­dia: con lo psi­co­lo­go è fi­ni­ta do­po ap­pe­na due an­ni. Cre­do che il so­lo fat­to di ve­der­mi la co­strin­ga a pren­de­re co­scien­za del suo fal­li­men­to. Per­ciò pre­fe­ri­sce ri­ma­ne­re al­la lar­ga. Mi di­spia­ce mol­to per­ché re­sta co­mun­que una par­te im­por­tan­te del­la mia vi­ta».

Co­me ha fat­to a ri­pren­der­si dal do­lo­re del­la se­pa­ra­zio­ne? «Gra­zie a una don­na, una consolatrice, del­la qua­le non sa­reb­be ele­gan­te fa­re il no­me: sa, si è ri­fat­ta una vi­ta, og­gi è mo­glie fe­li­ce e ap­pa­ga­ta. Il tem­po che ci sia­mo de­di­ca­ti mi ha fat­to ri­na­sce­re».

Poi è ri­ma­sto sin­gle fi­no all’in­con­tro con Gia­da Fu­sa­ro. Vi sie­te co­no­sciu­ti in tra­smis­sio­ne a I fat­ti vo­stri, do­ve la ra­gaz­za ven­ne a rac­con­ta­re la sua ter­ri­bi­le sto­ria di abu­si sessuali su­bi­ti quan­do ave­va so­lo 12 an­ni da par­te del suo mae­stro di ka­ra­te... «Di­cia­mo che quel­la tra me e Gia­da è sta­ta un’ami­ci­zia un po’ più af­fet­tuo­sa del­le al­tre. In ve­ri­tà non ho mai ces­sa­to di es­se­re sin­gle. Per ele­va­re una fre­quen­ta­zio­ne al ran­go di fi­dan­za­men­to ci vuo­le co­stan­za».

Af­fet­tuo­sa e bre­ve. Ha pe­sa­to la dif­fe­ren­za d’età? Gia­da ha 22 an­ni, lei 71. «Non lo so, di si­cu­ro gli sti­li di vi­ta so­no di­ver­si. Lei ha un uso del­la tec­no­lo­gia che non è il mio. L’sms al mat­ti­no, la fo­to­gra­fia al po­me­rig­gio, la sto­ria In­sta­gram... Ec­co, all’en­ne­si­ma vi­deo­chia­ma­ta not­tur­na ho det­to ba­sta. Ol­tre che per le ma­li­gni­tà sull’età».

È ama­reg­gia­to? « Sì, Gia­da ne ha già pas­sa­te tan­te, at­tac­car­la per­ché fre­quen­ta un set­tan­ten­ne è ve­ra­men­te trop­po. Ma è co­sì straor­di­na­ria che su­pe­re­rà an­che que­sta».

Ora che fa­rà? Si met­te­rà di nuo­vo al­la ri­cer­ca di un’ani­ma ge­mel­la? «Cor­teg­gia­re mi pia­ce tan­tis­si­mo, all’ini­zio mi lan­cio con gran­de en­tu­sia­smo pe­rò poi mi stu­fo con fa­ci­li­tà. D’al­tron­de, no­no­stan­te i flirt, so­no 7 an­ni che vi­vo da so­lo. Ci si abi­tua ai pro­pri spa­zi, a de­te­sta­re i pre­sun­ti di­fet­ti dell’al­tra, a sot­to­va­lu­tar­ne i pre­gi. In­som­ma, la ve­do dif­fi­ci­le. E poi l’amo­re, sep­pur in for­ma di­ver­sa, lo vi­vo già: è quel­lo per le mie fi­glie».

Ma­nue­la e Mi­che­la. «Si­cu­ra­men­te so­no le per­so­ne a cui vo­glio più be­ne e da più tem­po».

SI SO­NO CO­NO­SCIU­TI IN TV: LEI PAR­LA­VA DE­GLI ABU­SI SU­BI­TI «L’HAN­NO ATTACCATA PER IL NO­STRO LE­GA­ME: CHE AMA­REZ­ZA»

SO­LO DEL­LE FI­GLIE NON SI STAN­CA MAI Ro­ma. Gian­car­lo Ma­gal­li, 71 an­ni, tra le due fi­glie: Ma­nue­la, 47 an­ni (a si­ni­stra), avu­ta dal­la pri­ma mo­glie Car­la Cro­ci­ve­ra, e Mi­che­la, 25, na­ta dal se­con­do ma­tri­mo­nio con Va­le­ria Do­na­ti. (Fo­to Ada Ma­sel­la).

QUEL RAP­POR­TO SUL­LA NO­STRA CO­PER­TI­NA Ma­gal­li a feb­bra­io sul­la no­stra co­per­ti­na con Gia­da Fu­sa­ro, 22. Fum­mo i pri­mi a par­la­re del lo­ro le­ga­me, ora fi­ni­to, che il con­dut­to­re de­fi­ni­sce «un’ami­ci­zia più af­fet­tuo­sa di al­tre».

LO PSI­CO­LO­GO LI DI­VI­SE Gian­car­lo il gior­no del­le se­con­de noz­ze con Va­le­ria Do­na­ti, og­gi 53 an­ni. Era il 1989. I due so­no ri­ma­sti in­sie­me fi­no al 2008. Lei lo la­sciò per lo psi­co­lo­go che l’ave­va in cu­ra.

IL SUO CUO­RE BAT­TE PER LO­RO Gian­car­lo Ma­gal­li fe­steg­gia il com­plean­no con le fi­glie Ma­nue­la (a si­ni­stra) e Mi­che­la. «So­no lo­ro il mio amo­re più gran­de e du­ra­tu­ro», di­ce il con­dut­to­re.

LA QUIE­TE PRI­MA DEL­LA TEM­PE­STA Ma­gal­li e la se­con­da mo­glie Va­le­ria nel 2006, quan­do era­no an­co­ra se­re­ni e in­na­mo­ra­ti. Og­gi i rap­por­ti so­no te­si: lei pre­fe­ri­sce evi­tar­lo.

E NON È UN FILM Ro­ma. Ma­gal­li in di­vi­sa da vi­gi­le: per an­ni ha pre­sta­to ser­vi­zio co­me vo­lon­ta­rio e ogni tan­to ri­spol­ve­ra an­co­ra la di­vi­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.