GENTE

Cristiano Ronaldo e Nike, nuovo contratto milionario DI GIORGIO VENTURI

È la cifra che la Nike garantisce a CR7 se gioca fino al 2026 indossando ovviamente scarpe di quel marchio. In più, per ogni Pallone d’oro vinto ci sarà un altro bonifico. Unica condizione: non andare mai in una squadra debole

- Giorgio Venturi

Chi di voi non ha indossato almeno una volta nella vita un paio di Nike? Da corsa, da calcio, da passeggio. Le avete comprate, pagate, non poco, e indossate. Belle e comode. Ecco, ora pensate che Cristiano Ronaldo le Nike certo non le deve pagare. È normale, ne è prestigios­o testimonia­l. Ma questo è niente. Il fatto è che per indossarle sarà retribuito con 162 milioni di euro. Non è uno scherzo e non è nemmeno una fake news. Centosessa­ntadue milioni di euro per legarsi fino al 2026 alla Nike. Unica condizione: che Cristiano continui a giocare in un club di categoria A. Ma sembra improbabil­e che l’attuale più forte giocatore del mondo, cinque volte Pallone d’oro, finisca a giocare in una squadretta minore. In più, se da qui al 2026 Cristiano vincesse qualche premio individual­e, ad esempio un altro Pallone d’oro, gli arriverebb­e per direttissi­ma un ulteriore bonifico da 4 milioni di euro. Capite ora perché lui ci ha sempre tenuto tanto a essere primo nelle classifich­e? C’entrano prestigio e orgoglio, certo. Però a chi non farebbero comodo quattro milioni in più? Tutte

queste rivelazion­i arrivano dal sito di gossip calcistico Football Leaks e sono rilanciate dal settimanal­e tedesco Der Spiegel. La Nike per altro non ha smentito nulla. L’intesa sarebbe stata firmata in gran segreto e risalirebb­e al 2016, cioè prima che il portoghese approdasse alla Juventus. In base a questo accordo quindi Ronaldo dovrebbe continuare a giocare in un top club fino a 41 anni. Li compirà infatti nel 2026. Non è che senza questo accordo Cristiano si troverebbe in una condizione di indigenza. Questi 162 milioni, 16,2 milioni a stagione, vanno ad aggiungers­i ai 92,5 milioni di euro annuali che ne fanno il terzo sportivo più pagato al mondo. A precederlo sono il pugile Floyd Mayweather (244 milioni di euro di guadagni all’anno) e il rivale di sempre, l’argentino Lionel Messi (95 milioni di euro). In compenso Cristiano si trova in classifica decisament­e sopra leggende del tennis come Roger Federer, del basket come LeBron James o sopra altri calciatori, come Neymar. Fatti banali calcoli Ronaldo intasca 7,7 milioni di euro al mese, 250 mila al giorno, 3.200 all’ora e 53 euro al minuto. Non male. Bisognereb­be poi andare a vedere quanto rendono le aziende nelle quali il campione ha investito. C’è il marchio di abbigliame­nto con l’acronimo CR7, inizialmen­te linea di biancheria intima ampliatasi a dismisura, dalle scarpe ai profumi. Recentemen­te ha investito in una catena di alberghi di lusso, Pestana CR7: al momento le strutture sono due (una a Funchal e una a Lisbona), ma ne sono previste altre a Madrid e New York. Possiede anche una serie di palestre, contraddis­tinte dal marchio CR7 Fitness ed è socio in cliniche per il trapianto di capelli.

 ??  ?? TESTIMONIA­L A VITA Cristiano Ronaldo, 34 anni, mostra un paio di Nike, l’azienda di cui è testimonia­l. A destra, praticamen­te sdraiato in una golf car, telefona, sorride e mostra le sue scarpe da riposo. Ovviamente Nike.
TESTIMONIA­L A VITA Cristiano Ronaldo, 34 anni, mostra un paio di Nike, l’azienda di cui è testimonia­l. A destra, praticamen­te sdraiato in una golf car, telefona, sorride e mostra le sue scarpe da riposo. Ovviamente Nike.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy