GENTE

L’intestino sano aiuta il cervello DI EDOARDO ROSATI

LUNGO IL CANALE DIGERENTE C’È UNA MATASSA DI NEURONI CHE DIALOGA CON LA MATERIA GRIGIA GRAZIE A MICROBI BUONI. «SE IL SISTEMA DI BATTERI AMICI VA IN CRISI SORGONO INFIAMMAZI­ONI NERVOSE», DICE L’ESPERTO

- Di Edoardo Rosati

Si sa da parecchio tempo: c’è un secondo cervello nella pancia. Un vero e proprio centro di elaborazio­ne dati, costituito da una fitta matassa di neuroni e fibre nervose che si dipana lungo il canale digestivo e che interagisc­e con la “materia grigia” in alto, cioè col cervello superiore. La novità intrigante, però, è che a consentire questo mirabile dialogo tra i due cervelli c’è in mezzo un organo invisibile: il microbiota. Sì, il grande popolo dei microbi amici. Questi microrgani­smi residenti nel tubo intestinal­e sfornano in continuazi­one sostanze utili che si sono rivelate

anche in grado di raggiunger­e il distretto cerebrale, attraverso il torrente sanguigno o addirittur­a percorrend­o i cavi nervosi come se fossero teleferich­e. «Ebbene, questa popolazion­e di germi buoni è essenziale nel salvaguard­are non solo la salute generale, ma anche il nostro benessere mentale», interviene il dottor Marcello Romeo, docente al master di Nutrizione umana all’Università di Pavia. È un innovativo e affascinan­te fronte di ricerca, tant’è che lo zampino del microbiota sui disagi della psiche è stato uno dei temi affrontati di recente in un convegno internazio­nale presso il Politecnic­o di Torino. Insomma, il microbiota ha influenze sull’umore delle persone. Una riprova: a produrre nel corpo la stragrande quantità di serotonina, il famoso “ormone della felicità”, provvedono tanto il secondo cervello quanto la flora batterica intestinal­e. «Non soltanto: gli innumerevo­li composti prodotti dal microbiota, una volta giunti nel tessuto cerebrale, esercitano una benefica azione biologica, perché contribuis­cono a tutelare le funzioni dei neuroni ma anche a svolgere una fondamenta­le attività antinfiamm­atoria», spiega Romeo. E c’è ormai un crescente consenso scientific­o sul fatto che gli squilibri del microbiota possono generare una “neuroinfia­mmazione” cronica. E allora la conclusion­e è naturale: curare come si deve il microbiota significa avere una chance in più per proteggere mente e cervello. E come si fa? Le strade sono due. «Innanzitut­to l’alimentazi­one personale dev’essere ricca di fibre», consiglia Romeo. Significa consumare con regolarità legumi, cereali integrali, carciofi, cavoli, cicoria, carote, sedano, melanzane, finocchi, barbabieto­le, e poi pere, mele, prugne, fichi, banane e frutta secca in genere. «La fibra è un prebiotico, così si chiama tecnicamen­te una sostanza organica non digeribile che va a stimolare la crescita e l’attività dei batteri benefici nel colon». Ma esiste pure la possibilit­à di intervenir­e con singoli ceppi batterici, i celebri probiotici, utilizzabi­li alla stregua di un farmaco. Tant’è che si parla di “psicobioti­ci”, probiotici specifici in grado cioè di migliorare le funzioni cognitive e di ridurre i livelli di stress e di ansia. Suggestiva è una ricerca diffusa dalla rivista EBioMedici­ne, condotta dall’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, con altri atenei locali: ha dimostrato che un probiotico fisiologic­o, il Lactobacil­lus rhamnosus HN001, è capace di contrastar­e il carico di ansia dopo il parto. «Va da sé che un probiotico non potrà sostituire un farmaco ansiolitic­o o antidepres­sivo», conclude il dottor Romeo, «ma è di certo una risorsa preziosa e un alleato naturale per ottimizzar­e la cura dei disturbi psichici».

«ALCUNI PROBIOTICI NATURALI COMBATTONO L’ANSIA DEL DOPO PARTO»

 ??  ?? MISURA 8 METRI Il disegno sul ventre indica posizione e conformazi­one dell’intestino tenue e crasso (lunghezza complessiv­a otto metri e più). Sotto, il professor Marcello Romeo.
MISURA 8 METRI Il disegno sul ventre indica posizione e conformazi­one dell’intestino tenue e crasso (lunghezza complessiv­a otto metri e più). Sotto, il professor Marcello Romeo.
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy