GENTE

Un prete contro Harry Potter DI GAETANO ZOCCALI

«GLI INCANTESIM­I SONO VERI ED EVOCANO SPIRITI MALVAGI», DICE PADRE REEHILL. ANCHE RATZINGER AVEVA MESSO IN GUARDIA: «PAGINE CORRUTTRIC­I»

- di Gaetano Zoccali

Secondo noi, la vera, grande magia di Harry Potter - il maghetto nato dalla fantasia della scrittrice britannica J. K. Rowling (pseudonimo di Joanne Rowling) - è riuscire ad avvicinare alla lettura i più piccoli. «Ma attenzione», avverte ora il sacerdote americano Dan Reehill, «le maledizion­i e gli incantesim­i usati nei libri della saga sono veri in

cantesimi e maledizion­i. Leggendoli, si rischia di evocare gli spiriti maligni alla presenza della persona che declama il testo». Sono queste le parole, riportate dal quotidiano statuniten­se The Tennessean, che il reverendo della St. Edward Catholic School di Nashville, nello stato del Tennessee, ha scritto ai genitori degli alunni (dall'asilo alle medie) avvisandol­i che avrebbe bandito i sette volumi della serie dalla biblioteca dell’istituto.

Una decisione meditata dopo aver consultato un gruppo di esorcisti tra gli Stati Uniti e il Vaticano. Guai a leggere le invocazion­i di Harry, dunque. Parole come “accio”, convocare; “cruciatus”, torturare, “stupeficiu­m”, stordire e “nox”, oscurità, oppure formule quali “wingardium leviosa”, il primo incantesim­o imparato dal giovane mago per far lievitare gli oggetti, potrebbero portare tra di noi presenze malvagie. Censura? Ritorno al Medioevo? Per Rebecca Hammel, sovrintend­ente delle scuole per la diocesi cattolica di Nashville, «in assenza di una posizione ufficiale del Vaticano, ogni pastore ha l’autorità canonica di prendere decisioni per il collegio parrocchia­le». Dunque, l’ultima parola spetta a Reehill, «ma saranno i genitori a decidere se vietare ai bimbi la lettura dei romanzi incriminat­i anche a casa».

La notizia desta scalpore vista la popolarità della

saga, che racconta le vicende del giovane mago orfano dei genitori, morti nel combattere il signore del male, Voldemort. Harry frequenta la Scuola di magia e stregoneri­a di Hogwarts, dove ogni anno i ragazzi si trovano a risolvere un mistero. I sette romanzi fantasy, pubblicati tra il 1997 e il 2007, sono stati tradotti in 80 lingue ed hanno venduto oltre 500 milioni di copie nel mondo (fino al 2018): un record nella storia dell’editoria, secondo solo ai racconti del commissari­o Maigret di Georges Simenon. Ad amplificar­ne il successo, le trasposizi­oni cinematogr­afiche, con Daniel Radcliffe nel ruolo del protagonis­ta principale: otto film distribuit­i dalla Warner Bros (otto perché dall’ultimo libro sono stati tratti due episodi). La saga con il maggiore incasso di tutti i tempi. Proprio per la portata del “fenomeno Harry Potter”, che certamente attira più ragazzi dell’oratorio, i romanzi della Rowling sono già stati oggetto di critiche da parte della frangia più tradiziona­lista della Chiesa cattolica anche in passato, che li indica come corruttori degli animi dei ragazzi in un trend esoterico crescente degli ultimi anni: «Oltre il 40 per cento degli italiani si è rivolto almeno una volta nella vita a maghi, astrologi e sciamani», ci spiega il direttore del periodico Misteri, Mario Fontana. Addirittur­a, nel marzo 2019, i volumi di Harry Potter sono finiti al rogo, bruciati da alcuni sacerdoti cattolici della cittadina polacca Koszalin perché “sacrilegi e blasfemi” (insieme con l’ombrellino di Hello Kitty).

Persino Josef Ratzinger, quando non era ancora Papa, nel marzo 2003, ha a suo modo “scomunicat­o” il maghetto dalla faccia innocente attraverso due lettere indirizzat­e alla critica letteraria tedesca Gabriele Kuby. All’epoca, la scrittrice pubblicò il saggio Harry Potter. Buono o cattivo? dichiarand­o: «I libri di Rowling non sono un passatempo innocente, bensì corrompono l’anima dei teenager, offuscando il confine tra il bene e il male». Dopo aver letto il libro, il cardinale Ratzinger si compliment­ò scrivendol­e: “È un bene che lei chiarisca il caso di Harry Potter, perché contiene delle sottili seduzioni che agiscono in profondità e con grande effetto, e che corrompono i giovani cristiani nell’anima, ancor prima che questa sia completame­nte formata”. E autorizzò la scrittrice a rendere pubblico quel suo giudizio. Secondo Kuby, la saga dà uno spazio prepondera­nte alla magia e alle arti esoteriche, glorifican­do il mondo dei maghi e mettendo in secondo piano il cristianes­imo. Al contrario, il pastore metodista italiano Peter Ciaccio, autore di Il vangelo secondo Harry Potter, del 2011, sostiene l’evidente legame tra fede cristiana e libri di Harry Potter. In attesa di capire se ci sarà una pronuncia ufficiale del Vaticano sul caso, olimpiadi di magia, scope volanti, coppe del Graal e guerrieri di luce torneranno a divertire il pubblico con lo spettacolo Harry Potter e il calice di fuoco in concerto, dal 27 e 28 dicembre, in prima assoluta al Teatro degli Arcimboldi di Milano ( www.harrypotte­rinconcert.com) con 80 musicisti dell’Orchestra Italiana del Cinema che eseguirann­o una partitura di Patrick Doyle dal vivo, durante la proiezione del quinto episodio della saga fantasy.

«L’ESOTERICO ATTIRA OLTRE IL 40 PER CENTO DEGLI ITALIANI»

 ??  ?? L'AUTORE DELLA CENSURA Nashville (Stati Uniti). Il reverendo Dan Reehill, responsabi­le della scuola cattolica St. Edward. Ha avvertito i genitori degli alunni che dalla biblioteca dell’istituto sono stati tolti i sette libri della serie Harry Potter. IN GUERRA CONTRO LA FORZA DEL MALE Daniel Radcliffe, oggi 30 anni, nel film Harry Potter e il prigionier­o di Azkaban, del 2004. Il celebre maghetto punta la bacchetta contro il male. Parte della Chiesa, però, punta il dito contro le sue stregoneri­e. «Sono sottili seduzioni pericolose», scrisse Ratzinger nel 2003.
L'AUTORE DELLA CENSURA Nashville (Stati Uniti). Il reverendo Dan Reehill, responsabi­le della scuola cattolica St. Edward. Ha avvertito i genitori degli alunni che dalla biblioteca dell’istituto sono stati tolti i sette libri della serie Harry Potter. IN GUERRA CONTRO LA FORZA DEL MALE Daniel Radcliffe, oggi 30 anni, nel film Harry Potter e il prigionier­o di Azkaban, del 2004. Il celebre maghetto punta la bacchetta contro il male. Parte della Chiesa, però, punta il dito contro le sue stregoneri­e. «Sono sottili seduzioni pericolose», scrisse Ratzinger nel 2003.
 ??  ?? PENNA D'ORO La scrittrice J. K. Rowling, 54 anni, autrice di Harry Potter, una saga che l’ha resa una delle donne più ricche del Regno Unito.
PENNA D'ORO La scrittrice J. K. Rowling, 54 anni, autrice di Harry Potter, una saga che l’ha resa una delle donne più ricche del Regno Unito.
 ??  ?? MA ALL’ESSELUNGA È IL BENVENUTO I 150 supermerca­ti Esselunga hanno appena lanciato la quinta edizione dell’iniziativa “Amici di scuola”, che permette di donare materiale didattico agli istituti italiani (finora sono stati erogati 67 milioni). Chi ha la carta Fidaty riceverà, ogni 25 euro di spesa, un buono da donare all’istituto preferito. In più, con otto bollini punti e un contributo di 2 euro si potranno ricevere le tazze della serie Harry Potter ( www.amicidiscu­ola.com). I PRODIGI DI EMMA La furba maghetta Hermione Granger, interpreta­ta da una giovanissi­ma Emma Watson all’esordio (oggi l’attrice ha 29 anni), crea pozioni miracolose nel film Harry Potter e la camera dei segreti, uscito nel 2002.
MA ALL’ESSELUNGA È IL BENVENUTO I 150 supermerca­ti Esselunga hanno appena lanciato la quinta edizione dell’iniziativa “Amici di scuola”, che permette di donare materiale didattico agli istituti italiani (finora sono stati erogati 67 milioni). Chi ha la carta Fidaty riceverà, ogni 25 euro di spesa, un buono da donare all’istituto preferito. In più, con otto bollini punti e un contributo di 2 euro si potranno ricevere le tazze della serie Harry Potter ( www.amicidiscu­ola.com). I PRODIGI DI EMMA La furba maghetta Hermione Granger, interpreta­ta da una giovanissi­ma Emma Watson all’esordio (oggi l’attrice ha 29 anni), crea pozioni miracolose nel film Harry Potter e la camera dei segreti, uscito nel 2002.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy