GENTE

Se Fido o Micio scappano, ci pensa un’App a ritrovarli

DI ALESSIO PAGANI

- di Alessio Pagani

SI CREERÀ UNA RETE DI MUTUA ASSISTENZA TRA CHI HA “QAREO”

A rriva un aiuto prezioso per i padroni di cani e gatti. È ad alta tecnologia, legato a un’applicazio­ne per smartphone e a una medagliett­a, da aggangiare al collare del proprio animale domestico, capace di controllar­ne, 24 ore su 24, i parametri vitali. Non solo. Grazie a un microfono e un termometro miniaturiz­zati si potrà conoscere se il quattrozam­pe soffre di ansia o sindrome da abbandono, se è in preda al panico o è agitato.

L’innovativo progetto, firmato da una start up di giovani ingegneri e informatic­i imperiesi, la Dazerolab srl, e pensato per cambiare in meglio il rapporto proprietar­io-animale, punta però anche sulla sicurezza. Ovvero sulla possibilit­à di rintraccia­re il proprio animale una volta perso. Grazie a una rete di localizzaz­ione ampia che sarà in grado di captare il segnale emesso dal dispositiv­o bluetooth inserito nella medagliett­a. «Non si tratta di un emettitore ad alta frequenza come il gps che, oltre a poter essere dannoso, è anche troppo pesante», spiega l’ingegner Fabio Asselle, socio fondatore di Darezolab assieme ad Agostino Semeria e con il contributo di Edoardo Tassinari e Andrea Rolando.

« Quello che sarà disponibil­e entro la fine dell’anno sarà un dispositiv­o che pesa pochi grammi: è più piccolo di una mo-

neta da 50 centesimi». Il cuore pulsante di tutto il sistema è la App “Qareo”, in pratica il primo assistente digitale per padroni di animali. Già in fase di test avanzata, l’applicazio­ne, scaricabil­e negli store Ios e Android, è completame­nte gratuita. Utilizzand­ola sarà possibile memorizzar­e tutte le informazio­ni sanitarie dell’animale domestico, ricordare gli appuntamen­ti dal veterinari­o e molto altro.

«Rispondiam­o alla necessità di avere sempre a disposizio­ne, ovunque siamo, tutti i dati che abbiamo solo sul libretto sanitario cartaceo con l’aggiunta della cartella clinica del nostro cane o del nostro gatto». racconta a Gente Asselle. La platea di utilizzato­ri di “Qareo”, poi, potrà attivarsi in caso di emergenza. «Perché i possessori della App», evidenza Asselle, «costituira­nno una rete di localizzaz­ione del segnale emesso dalla medagliett­a dell’animale in fuga. Medagliett­a che sarà in vendita per la fine dell’anno e che, oltre a rilevare tutti i dati più importanti in relazione a salute e comportame­nto del nostro animale, grazie ai parametri messi a punto con la facoltà di veterinari­a dell’Università di Milano e la scuola Sant’Anna di Pisa, trasmetter­à un impulso a tutti coloro che avranno scaricato l’applicazio­ne». A questo punto, la localizzaz­ione dell’animale sarà automatica. E grazie a una rete di padroni consapevol­i i nostri cani e i nostri gatti saranno più al sicuro. Sia dal punto di vista sanitario, sia in caso di allontanam­ento improvviso.

 ??  ?? UN GIOIELLINO AL COLLO Un gatto con la medagliett­a che si collega alla App gratuita “Qareo” (sotto, la pagina sul cellulare). La medagliett­a contiene anche un microfono e un termometro miniaturiz­zati.
UN GIOIELLINO AL COLLO Un gatto con la medagliett­a che si collega alla App gratuita “Qareo” (sotto, la pagina sul cellulare). La medagliett­a contiene anche un microfono e un termometro miniaturiz­zati.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy