Ca­sa Lol­lo­bri­gi­da: la guer­ra con­ti­nua

È UN CAM­PO DI BATTAGLIA

GENTE - - SOMMARIO - DI FE­DE­RI­CA CAPOZZI

Sem­pre più te­si i rap­por­ti tra l’at­tri­ce e la fa­mi­glia. Fi­glio e ni­po­te han­no spor­to de­nun­cia con­tro An­drea Piaz­zol­la, il fe­de­lis­si­mo con­si­glie­re che am­mi­ni­stra il pa­tri­mo­nio del­la di­va, ac­cu­sa­to di cir­con­ven­zio­ne d’in­ca­pa­ce. Lei è fra­gi­le e ma­no­vra­bi­le, di­co­no, e lui vi­ve da na­bab­bo a sue spe­se

Non c’è pa­ce per Gi­na Lol­lo­bri­gi­da. Un nuo­vo tas­sel­lo si ag­giun­ge in que­sti gior­ni al­la sua tor­men­ta­ta sa­ga fa­mi­lia­re, con la de­nun­cia, da par­te del fi­glio Mil­ko Sko­fic e del ni­po­te Di­mi­tri, del fe­de­lis­si­mo ma­na­ger del­la di­va An­drea Piaz­zol­la. L’ac­cu­sa è pe­san­te: cir­con­ven­zio­ne di in­ca­pa­ce. Ma fac­cia­mo un pas­so in­die­tro. Già nel 2014 gli eredi del­la “Ber­sa­glie­ra” ave­va­no chie­sto al Tri­bu­na­le di Ro­ma di no­mi­na­re un am­mi­ni­stra­to­re di so­ste­gno che prov­ve­des­se ai suoi in­te­res­si e ge­stis­se, di fat­to, le sue fi­nan­ze. Il pas­so pri­ma dell’in­ter­di­zio­ne, in­som­ma, mi­su­ra che si adot­ta quan­do una per­so­na, spes­so un an­zia­no, non è più men­tal­men­te au­to­suf­fi­cien­te. A pre­oc­cu­par­li era l’in­gom­bran­te fi­gu­ra del col­la­bo­ra­to­re, che già al­lo­ra ave­va forte ascen­den­te sul­la Lol­lo. En­tra­to al­le sue di­pen­den­ze nel 2009, quan­do ave­va ap­pe­na 21 an­ni, Piaz­zol­la ave­va ini­zia­to con pic­co­li in­ca­ri­chi, co­me aiu­ta­re l’at­tri­ce nel­la sua at­ti­vi­tà di fo­to­gra­fa (cu­ra­va per lei la gra­fi­ca dei ca­ta­lo­ghi) e ri­ti­ra­re gli abi­ti in tin­to­ria. Un pas­so al­la vol­ta, An­drea ave­va sa­pu­to ren­der­si in­di­spen­sa­bi­le. In par­ti­co­la­re, qual­che an­no fa si era gua­da­gna­to la sua cie­ca fi­du­cia do­po aver sco­per­to, na­vi­gan­do in In­ter­net, la truf­fa ai dan­ni dell’at­tri­ce, che ri­sul­ta­va spo­sa­ta in Spa­gna a sua in­sa­pu­ta, per pro­cu­ra, con l’ex ba­by fi­dan­za­to Ja­vier Ri­gau Ra­fols. A un cer­to pun­to Gi­na ave­va al­lon­ta­na­to tut­ti gli al­tri col­la­bo­ra­to­ri ac­cu­san­do­li di es­se­re la­dri e ave­va no­mi­na­to Piaz­zol­la am­mi­ni­stra­to­re uni­co del­le so­cie­tà che ge­sti­sco­no le sue at­ti­vi­tà di ar­ti­sta, fo­to­gra­fa e pro­dut­tri­ce, non­ché il suo im­men­so pa­tri­mo­nio, sva­ria­ti mi­lio­ni di eu­ro tra case, gio­iel­li e ope­re d’ar­te. Una mos­sa che ave­va su­sci­ta­to il di­sap­pun­to del fi­glio, che del gio­va­ne con­si­glie­re non si è mai fi­da­to. Da qui il ten­ta­ti­vo di esau­to­ra­re la ma­dre, an­da­to a vuo­to per­ché lei era sta­ta di­chia­ra­ta lu­ci­da e pre­sen­te a se stes­sa, per­fet­ta­men­te in gra­do di ba­da­re ai pro­pri in­te­res­si. Og­gi Mil­ko tor­na al­la ca­ri­ca, sup­por­ta­to dal fi­glio Di­mi­tri, ni­po­te ado­ra­to del­la Lol­lo, che lo scor­so au­tun­no è sta­to pe­rò sfrat­ta­to dal­la ca­sa sull’Ap­pia An­ti­ca, di pro­prie­tà del­la non­na, do­ve è cre­sciu­to e an­co­ra vi­ve­va con la ma­dre. Se­con­do una nuo­va pe­ri­zia me­di­ca con­dot­ta dal pro­fes­sor Vincenzo Pa­sca­li, la si­gno­ra ri­sul­te­reb­be “af­fet­ta da un di­stur­bo del­la per­so­na­li­tà: oscil­la tra il di­vi­smo, l’ego­cen- tri­smo e il nar­ci­si­mo e l’in­si­cu­rez­za, la dif­fi­den­za e la pre­ca­rie­tà del­la quo­ti­dia­ni­tà, e ri­cer­ca fi­gu­re di ri­fe­ri­men­to a cui acri­ti­ca­men­te af­fi­da­re la ge­stio­ne di ciò che ha”. Quan­to ba­sta, dal pun­to di vi­sta de­gli eredi, per spor­ge­re de­nun­cia nei con­fron­ti dei fi­do con­si­glie­re, il qua­le sta­reb­be ap­pro­fit­tan­do del­la fra­gi­li­tà del­la don­na per ma­no­vrar­la e con­dur­re a sue spe­se una vi­ta da na­bab­bo. Il gio­va­ne, og­gi ven­ti­no­ven­ne, avreb­be ven­du­to case e gio­iel­li di pro­prie­tà del­la di­va per al­me­no 7 mi­lio­ni di eu­ro e at­tin­to li­be­ra­men­te ai suoi con­ti per sti­pu­la­re con­trat­ti di ac­qui­sto o lea­sing di au­to di lus­so e mo­to da cor­sa - Fer­ra­ri, Mer­ce­des e Du­ca­ti le sue fa­vo­ri­te - per ol­tre un mi­lio­ne. Inol­tre la scor­sa estate avreb­be tra­scor­so un me­se di va­can­za in Co­sta Sme­ral­da con la fi­dan­za­ta, af­fit­tan­do co­sto­sis­si­mi ya­cht e jet pri­va­ti e non fa­cen­do­si man­ca­re an­che qual­che not­te in sui­te di re­sort a cin­que stel­le. Il tut­to tran­quil­la­men­te al­la lu­ce del so­le e dei so­cial net­work, do­ve Piaz­zol­la ama osten­ta­re il suo di­spen­dio­so sti­le di vi­ta. Al dan­no pa­tri­mo­nia­le, si ag­giun­ge in­fi­ne quel­lo uma­no. Mil­ko ha rac­con­ta­to che lo scor­so gen­na­io, quan­do la ma­dre era ri­co­ve­ra­ta in ospe­da­le per una so­spet­ta pol­mo­ni­te, il gio­va­ne è ar­ri­va­to a im­pe­dir­gli di far­le vi­si­ta. «Mi ha det­to che la mia pre­sen­za non era gra­di­ta», ac­cu­sa ad­do­lo­ra­to. Do­ve sta la ve­ri­tà, chi ha ra­gio­ne? Non spet­ta a noi giu­di­ca­re. Sem­pli­ci spet­ta­to­ri, non ci re­sta che at­ten­de­re gli svi­lup­pi di que­sto tri­ste, amarissimo film in­de­gno del­la gran­de Gi­na.

UN AMARISSIMO FI­NA­LE Ro­ma. Gi­na Lol­lo­bri­gi­da, 89 an­ni, è da an­ni al cen­tro di una con­tro­ver­sa vi­cen­da che ve­de schie­ra­ti, l’uno con­tro gli al­tri, il fe­de­lis­si­mo ma­na­ger e i suoi eredi le­git­ti­mi, il fi­glio e il ni­po­te.

IL CON­SI­GLIE­RE UNI­CO La Lol­lo con An­drea Piaz­zol­la, 29 an­ni. Il gio­va­ne è il col­la­bo­ra­to­re più stret­to del­la di­va e l’am­mi­ni­stra­to­re del suo pa­tri­mo­nio. Ini­ziò nel 2009 co­me ra­gaz­zo tut­to­fa­re, og­gi è l’uni­co da cui Gi­na ac­cet­ta con­si­gli. RAP­POR­TO...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.