PERLOMENO IO LA PEN­SO CO­SÌ

Se sal­ta il pat­to con la scuo­la sal­ta in aria an­che la so­cie­tà ci­vi­le

GENTE - - Sommario - MO­NI­CA MO­SCA

D i cer­to l’avre­te no­ta­to, per­ché sie­te let­to­ri at­ten­ti e ot­ti­mi os­ser­va­to­ri del­la so­cie­tà. Quan­do ac­ca­de un fat­to brut­to, di cui i gior­na­li e i te­le­gior­na­li si oc­cu­pa­no con gran­de ri­so­nan­za, ec­co che da più par­ti ne spun­ta­no al­tri, di fat­ti si­mi­li e al­tret­tan­to brut­ti. Co­me se di col­po tut­ti di­ven­tas­se­ro mal­vi­ven­ti. Vi fac­cio un esem­pio, tra­gi­co ep­pu­re co­sì co­mu­ne: i fem­mi­ni­ci­di. Suc­ce­de che un ma­ri­to uc­ci­da la mo­glie con un col­tel­lo da cu­ci­na: il Tg del­la se­ra dà la no­ti­zia con gran­de ac­co­ra­men­to, giu­sta­men­te. Il gior­no do­po sui quo­ti­dia­ni non tro­ve­re­te so­lo quel ver­go­gno­so de­lit­to, ma al­me­no al­tri due o tre ac­ca­du­ti in cir­co­stan­ze e con di­na­mi­che si­mi­li. Co­me mai, tut­ti i ma­ri­ti/com­pa­gni/fi­dan­za­ti so­no im­paz­zi­ti nel­la stes­sa not­te? No. Sem­pli­ce­men­te i mez­zi di in­for­ma­zio­ne, sull’emo­zio­ne di quel­la vi­cen­da, ne ti­ra­no fuo­ri al­tre qua­si iden­ti­che, per­ché di vio­len­ze è pie­na la cro­na­ca e a vol­te non se ne scri­ve tan­to per­ché la no­ti­zia, per quan­to al­lu­ci­nan­te, è tal­men­te ri­pe­tu­ta che non fa più, ap­pun­to, no­ti­zia. Se­gui­te­mi, non sto bia­si­man­do la mia ca­te­go­ria: è la leg­ge non scrit­ta del gior­na­li­smo, la de­ci­ma vol­ta che pro­po­ni più o me­no la stes­sa sto­ria non ti leg­ge più nes­su­no. Gen­te è il set­ti­ma­na­le che più si in­te­star­di­sce a rac­con­ta­re nei det­ta­gli ogni ca­so di fem­mi­ni­ci­dio, per­ché tro­vo sia il de­lit­to più ma­scal­zo­ne e ma­le­det­to e co­dar­do che ci sia, e che ogni sto­ria non sia in real­tà la stes­sa, ogni vit­ti­ma ne ave­va una tut­ta sua che è sta­ta fat­ta a pez­zi. Pe­rò fun­zio­na co­sì, che a leg­ge­re i gior­na­li cer­te vol­te pa­re che tut­ti com­met­ta­no lo stes­so rea­to. È ac­ca­du­to an­che con l’Isti­tu­to tec­ni­co com­mer­cia­le Car­ra­ra di Luc­ca, tra­vol­to dal­lo scan­da­lo e dal­la ver­go­gna per col­pa di sei alun­ni fuo­ri con­trol­lo. Tut­ti i quo­ti­dia­ni han­no pub­bli­ca­to le in­cre­di­bi­li im­ma­gi­ni del­le lo­ro ma­le­fat­te ed ec­co che co­me fun­ghi, in mez­za Ita­lia, so­no spun­ta­ti ca­si qua­si iden­ti­ci. E guar­da­te che ce ne vo­le­va, per­ché ciò che è suc­ces­so a Luc­ca è im­ba­raz­zan­te, ol­tre che ese­cra­bi­le. Dun­que i fat­ti, or­mai no­ti: in una pri­ma del­la scuo­la, un grup­pet­to di stra­bul­li di 14-15 an­ni ha stra­paz­za­to il pro­fes­so­re di ita­lia­no con in­vet­ti­ve e com­por­ta­men­ti da film dell’or­ro­re: chi cre­di che co­man­di qui?, ur­la un ra­gaz­zi­no in fac­cia all’in­se­gnan­te di ita­lia­no (le espres­sio­ni so­no edul­co­ra­te, quel­le rea­li non so­no pub­bli­ca­bi­li). In­gi­noc­chia­ti, e met­ti­mi 6! E poi an­co­ra, con il ca­sco del­la mo­to in te­sta, un ra­gaz­zo gri­da e in­ti­mi­di­sce il do­cen­te, men­tre un com­pa­re ac­ca­ta­sta sul­la cat­te­dra i ce­sti­ni del­la car­ta strac­cia e for­se cer­ca di ro­ve­sciar­li in te­sta all’uo­mo. Scri­vo “for­se” per­ché que­ste sce­ne le ab­bia­mo vi­ste ri­pre­se dal cel­lu­la­re di un al­tro stu­den­te, fra gli schia­maz­zi del­la clas­se, e quin­di non era­no né ni­ti­de né com­ple­te. Men­tre an­co­ra cer­ca­vo non di­co un sen­so, ma al­me­no una sor­ta di scu­san­te per quei com­por­ta­men­ti im­pos­si­bi­li, ho let­to che an­che a Vel­le­tri è ac­ca­du­to qual­co­sa di mol­to si­mi­le: prof, non mi fa­re ar­rab­bia­re, se no ti fac­cio scio­glie­re nell’aci­do! La vit­ti­ma è una don­na, i col­pe­vo­li tre ra­gaz­zi di se­con­da, quin­di 15-16 an­ni. E so be­ne che sul Web sce­ne co­me que­ste so­no cen­ti­na­ia, igno­bi­li tro­fei di ra­gaz­zi a dir po­co im­be­cil­li. Ho guar­da­to e ri­guar­da­to le im­ma­gi­ni e ci so­no ri­ma­sta ma­le: ma per­ché? Da do­ve vie­ne tan­ta vio­len­za e an­che cat­ti­ve­ria? Ma com’è pos­si­bi­le che un grup­po di ra­gaz­zet­ti si fac­cia bef­fa in tal mo­do dell’au­to­ri­tà, e an­che dell’edu­ca­zio­ne e del­la de­cen­za, e tra­sfor­mi una clas­se in una sor­ta di giun­gla do­ve tut­to è pos­si­bi­le e so­prat­tut­to le­ci­to? Quan­do ero al li­ceo io, ave­vo un pro­fes­so­re di ita­lia­no da pren­de­re a sber­le per di­re po­co: ma nes­su­no di noi com­pa­gni si è mai so­gna­to nem­me­no di ri­spon­der­gli. Sì, mez­za pa­ro­la, qual­che oc­chia­tac­cia e fi­ni­va lì. Ep­pu­re lui era pro­prio un di­so­ne­sto. Mi chie­do co­sa sia suc­ces­so in que­sti ul­ti­mi 30 an­ni (sì, ne so­no pas­sa­ti 30 da quel pro­fes­so­re che de­te­sta­vo). For­se non so­no più na­ti do­cen­ti ca­pa­ci di te­ne­re in pu­gno l’intera clas­se con un so­lo sguar­do, e nem­me­no quel­li che in­ve­ce la clas­se la ten­go­no per il cuo­re, ca­pa­ci di far­ti in­na­mo­ra­re di qual­sia­si ma­te­ria tan­to so­no em­pa­ti­ci, co­me John Kea­ting dell’At­ti­mo fug­gen­te. Il pro­fes­so­re di ita­lia­no di Luc­ca, nei fil­ma­ti, pa­re non ri­spon­de­re agli in­sul­ti, si ri­trae, non ur­la, qua­si of­fre l’al­tra guan­cia. Non è un do­mi­na­to­re di ca­ro­gne, senz’al­tro, ma è una bra­va per­so­na, la no­ti­zia è que­sta. At­ten­zio­ne a non tra­sfor­ma­re mai le vit­ti­me in col­pe­vo­li, in cer­te oc­ca­sio­ni è fa­ci­le e an­che me­no sco­mo­do. Me­no sco­mo­do che di­re la ve­ri­tà: che i ma­scal­zo­ni so­no i ra­gaz­zi sot­to ac­cu­sa, sel­vag­gi, pro­fon­da­men­te igno­ran­ti. I gior­na­li­sti che la­vo­ra­no con me san­no be­ne quan­to io stia sem­pre dal­la par­te dei gio­va­ni. Per me de­vo­no ave­re in ogni ca­so un’al­tra chan­ce, so­no ra­gaz­zi, stan­no cre­scen­do, fan­no fa­ti­ca, chis­sà che fa­mi­glie di­sgra­zia­te han­no al­le spal­le. Que­sta è la mia po­si­zio­ne or­di­na­ria. Que­sta vol­ta pe­rò è di­ver­so: que­sta vol­ta due sber­le be­ne as­se­sta­te glie­le avrei da­te, quel­le che non ho mai suo­na­to al mio prof. Pre­oc­cu­pa la si­tua­zio­ne di Luc­ca, e di Vel­le­tri e di ogni al­tra scuo­la che ab­bia an­che un so­lo stu­den­te co­sì, ca­pa­ce di tra­sci­na­re il bran­co nel­le sue vio­len­ze in­tol­le­ra­bi­li. Nel lo­ro de­li­rio di on­ni­po­ten­za, io te­mo che que­sti ra­gaz­zi­ni (in­da­ga­ti ora an­che dal­la ma­gi­stra­tu­ra or­di­na­ria) si sen­ta­no gran­di, for­ti, adul­ti: se co­sì fos­se, noi adul­ti per età qual­co­sa di gra­ve l’avrem­mo com­bi­na­ta. Non sa­rem­mo riu­sci­ti a in­se­gna­re che le re­go­le van­no ri­spet­ta­te, prin­ci­pio ba­se del­la de­mo­cra­zia e di qua­lun­que mon­do ap­pe­na ac­cet­ta­bi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.