LA PO­STA DEI LET­TO­RI

Scri­ve­te al­la no­stra re­da­zio­ne: a ri­spon­de­re a cia­scu­no di voi è il di­ret­to­re. Ec­co gli in­di­riz­zi: Gen­te, via Ro­ber­to Brac­co 6, 20159 Mi­la­no o di­ret­to­re­gen­te@hear­st.it

GENTE - - Sommario -

LE SACROSANTE PUNIZIONI A SCUO­LA

Ca­ro di­ret­to­re, ho let­to sui quo­ti­dia­ni la brut­ta vi­cen­da del li­ceo mi­la­ne­se in cui una ra­gaz­za di 15 an­ni ha in­via­to im­ma­gi­ni osé al suo fi­dan­za­ti­no. Poi que­ste im­ma­gi­ni so­no gi­ra­te tra mol­ti alun­ni del­la scuo­la, ra­gaz­zi­ni gio­va­nis­si­mi, po­co più che bam­bi­ni. Ciò che più mi ha ama­reg­gia­to, pe­rò, è sta­to leg­ge­re le in­ter­vi­ste ad al­cu­ni ge­ni­to­ri che si la­men­ta­va­no del­la pu­ni­zio­ne in­flit­ta ai fi­gli: pu­li­re sca­le e cor­ri­doi del­la scuo­la. Io pen­so, in­ve­ce, che que­sta pu­ni­zio­ne sia sa­cro­san­ta. Guai a la­scia­re im­pu­ni­ti cer­ti at­teg­gia­men­ti, i ge­ni­to­ri se ne fac­cia­no una ra­gio­ne. Ma­ria Bot­tac­cio

Ca­ra Ma­ria, fat­ti di que­sto ge­ne­re stan­no di­ven­tan­do la pia­ga più gra­ve del si­ste­ma sco­la­sti­co. È ve­ro, i pro­ta­go­ni­sti di que­sta vi­cen­da so­no po­co più che bam­bi­ni, ma pro­prio per que­sto de­ve es­se­re lo­ro chia­ro che il sex­ting (si chia­ma co­sì il dif­fon­de­re vi­deo a con­te­nu­to sca­bro­so) a dan­no di mi­no­ren­ni non so­lo è gra­vis­si­mo, è rea­to. Mi ri­sul­ta che a scuo­la aves­se­ro ap­pe­na fat­to un cor­so di for­ma­zio­ne sul­la que­stio­ne. Era­no di­strat­ti? Non glie­ne fre­ga­va nien­te? Pro­prio per que­sto la pu­li­zia del­le sca­le è pe­na ri­di­co­la: do­vreb­be­ro spaz­za­re tut­ta Mi­la­no.

GRE­CO ME­RI­TA “L’ERE­DI­TÀ” DI FRIZZI

Gen­ti­le Mo­ni­ca, so­no una fan di Ales­san­dro Gre­co, un con­dut­to­re bra­vo ed edu­ca­to ma, mi sem­bra, un po’ sot­to­va­lu­ta­to dal­la Rai e dai gior­na­li. Lo so che sa­rà dif­fi­ci­le, ma io lo ve­drei be­ne a L’ere­di­tà, pro­prio per­ché uma­na­men­te e pro­fes­sio­nal­men­te somiglia mol­to all’in­di­men­ti­ca­bi­le Frizzi. El­vi­ra

Ca­ra El­vi­ra, mi di­spia­ce non po­ter so­ste­ne­re la tua can­di­da­tu­ra, ma l’am­bi­tis­si­mo po­sto a L’ere­di­tà è già “pre­no­ta­to” da Mar­co Lior­ni, co­me puoi leg­ge­re nel ser­vi­zio a pa­gi­na 86.

CHAR­LE­NE PRIN­CI­PES­SA CORRUCCIATA

Gen­ti­le di­ret­to­re, tut­te le vol­te che ve­do la prin­ci­pes­sa Char­le­ne di Mo­na­co in fo­to­gra­fia ha sem­pre la stes­sa espres­sio­ne di­pin­ta sul vi­so. Si ve­de lon­ta­no un mi­glio che que­sta si­gno­ra non è per nien­te con­ten­ta del­la vi­ta che con­du­ce. Cre­do che non deb­ba pre­oc­cu­par­si di nul­la, né dei sol­di né del­la fa­ti­ca di al­le­va­re i fi­gli, per­ché sa­rà cir­con­da­ta da un eser­ci­to di ta­te. Ep­pu­re, non sfo­de­ra mai un sor­ri­so li­be­ra­to­rio! Vor­rei che qual­cu­no mi spie­gas­se il per­ché di tan­ta tri­stez­za. An­ge­lo

Ca­ro An­ge­lo, non esa­ge­ria­mo, qual­che vol­ta sor­ri­de an­che lei! Per te e mol­ti al­tri con­ti­nue­rà a es­se­re la “prin­ci­pes­sa tri­ste” - un’eti­chet­ta co­nia­ta per Ma­sa­ko, la mo­glie del fu­tu­ro im­pe­ra­to­re del Giap­po­ne, che ha sa­cri­fi­ca­to le pro­spet­ti­ve di car­rie­ra di­plo­ma­ti­ca per fi­ni­re im­pri­gio­na­ta nei ri­gi­di pro­to­col­li del suo ruo­lo - ma Char­le­ne, a di­spet­to dei sup­po­sti ten­ta­ti­vi di fu­ga da Mo­na­co e del­le cri­si co­niu­ga­li, è sem­pre ac­can­to al prin­ci­pe Al­ber­to e ai lo­ro ge­mel­li­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.