Esclu­si­vo La ve­do­va di Fa­bri­zio Friz­zi sor­ri­de sol­tan­to quan­do è a ca­val­lo

GENTE - - Sommario - DI RO­BER­TA SPA­DOT­TO

È pas­sa­to po­co più di un me­se dal­la scom­par­sa di Fa­bri­zio Friz­zi, che si è spen­to a 60 an­ni, il 26 mar­zo, per un’emor­ra­gia ce­re­bra­le. Per tut­ti, ami­ci, col­le­ghi e gen­te co­mu­ne, re­sta il do­lo­re per l’as­sen­za di «un uo­mo la cui ci­fra esi­sten­zia­le è sta­ta la ge­ne­ro­si­tà», co­me ha det­to don Wal­ter, il sa­cer­do­te che ha of­fi­cia­to i fu­ne­ra­li. Friz­zi ha la­scia­to or­fa­ni mi­lio­ni di te­le­spet­ta­to­ri che lo am­mi­ra­va­no a L’ere­di­tà, il quiz pre­se­ra­le di Ra­iu­no. Ora, al suo po­sto, c’è l’ami­co fra­ter­no Car­lo Con­ti, ma la tra­smis­sio­ne a set­tem­bre pas­se­rà a Mar­co Lior­ni. Ma è a ca­sa sua, do­ve so­no ri­ma­ste le sue don­ne, la mo­glie Car­lot­ta Man­to­van e la pic­co­la Stel­la, che Fa­bri­zio non sa­rà mai so­sti­tui­bi­le.

Ab­bia­mo da­van­ti agli oc­chi que­sta don­na bel­lis­si­ma e mi­nu­ta che gli sta­va ac­can­to da se­di­ci an­ni e che lui ave­va spo­sa­to nel 2014: il gior­no dei fu­ne­ra­li il suo do­lo­re era com­po­sto ma pal­pa­bi­le, il ge­sto di ba­cia­re la ba­ra del ma­ri­to men­tre at­tra­ver­sa­va la na­va­ta del­la chie­sa è sta­to tan­to spon­ta­neo quan­to stra­zian­te. An­che se lei era al cor­ren­te, co­me tut­ti nel suo en­tou­ra­ge, che il con­dut­to­re era gra­ve­men­te ma­la­to, for­se non si aspet­ta­va che la vi­ta glie­lo strap­pas­se tan­to pre­sto. «Io e Fa­bri­zio vi­via­mo un amo­re tra­vol­gen­te», di­ce­va sor­ri­den­te in Tv, due me­si

fa, ospi­te di Eleo­no­ra Da­nie­le a Un sa­ba­to

ita­lia­no. Non se lo im­ma­gi­na­va di tro­var­si so­la co­sì, all’im­prov­vi­so.

Ep­pu­re, la vi­ta de­ve an­da­re avan­ti: c’è un la­vo­ro co­me gior­na­li­sta a Sky Tg24, ma so­prat­tut­to c’è da cre­sce­re una bam­bi­na che ha ap­pe­na com­piu­to 5 an­ni e che ha per­so per sem­pre il suo pa­pà. Que­sta don­na non può per­met­ter­si di ab­bat­ter­si, de­ve rac­co­glie­re co­me e do­ve può un bri­cio­lo di se­re­ni­tà per sé per poi tra­smet­ter­la a Stel­la. Ed è per que­sto che la te­ra­pia che Car­lot­ta ha scel­to è le­ga­ta a una gran­de pas­sio­ne: l’equi­ta­zio­ne. Qua­si ogni gior­no, as­sie­me al­la bam­bi­na, si re­ca al ma­neg­gio Sir La Far­ne­si­na, po­co lon­ta­no dal­la lo­ro abi­ta­zio­ne, per sa­li­re in

sel­la al­la sua ca­val­la Lu­xet­te e per fa­re pren­de­re al­la pic­co­la le­zio­ni su un po­ny. Mam­ma e fi­glia tra­scor­ro­no ore all’aria aper­ta, im­pe­gna­te e vi­ci­ne e, co­me mo­stra­no le fo­to esclu­si­ve che pub­bli­chia­mo in que­ste pa­gi­ne, rie­sco­no per­fi­no a sor­ri­de­re.

L’amo­re per i ca­val­li non è una no­vi­tà: Car­lot­ta e Fa­bri­zio era­no di ca­sa in que­sto am­bien­te, tan­to che an­che il si­to del ma­neg­gio pub­bli­cò un mes­sag­gio di con­do­glian­ze all’in­do­ma­ni del­la mor­te del pre­sen­ta­to­re. Era qui che la fa­mi­glia Friz­zi ama­va tra­scor­re­re le ore di li­ber­tà, lon­ta­no dai ri­flet­to­ri. Già da pic­co­lis­si­ma, a po­co più di un an­no, Stel­la era sta­ta mes­sa in sel­la, sot­to gli oc­chi pre­mu­ro­si del pa­dre, per pren­de­re con­fi­den­za con que­sto ani­ma­le, di cui si co­no­sco­no an­che le do­ti te­ra­peu­ti­che. Una del­le ul­ti­me fo­to che Car­lot­ta ha po­sta­to su In­sta­gram, il 2 mar­zo, pri­ma di chiu­der­si in un com­pren­si­bi­le si­len­zio, è quel­la di lei ab­brac­cia­ta a Lu­xet­te: la sua te­sta con­tro il mu­so del­la ca­val­la, qua­si a cer­ca­re for­za e con­for­to per af­fron­ta­re un fu­tu­ro che sen­ti­va già do­lo­ro­so e in­cer­to. Non sa­rà fa­ci­le per Car­lot­ta ela- bo­ra­re il lutto: Fa­bri­zio man­che­rà an­che nel­le co­se di ogni gior­no. Lui stes­so, cir­ca un an­no fa, pri­ma di am­ma­lar­si, ave­va con­fi­da­to a Gen­te il ti­po di vi­ta che fa­ce­va da quan­do era di­ven­ta­to pa­pà, a 55 an­ni: «An­che se la­vo­ro mol­to, tra re­gi­stra­zio­ni del­le pun­ta­te e riu­nio­ni con la re­da­zio­ne, fac­cio i sal­ti mor­ta­li per es­se­re a ca­sa per ce­na, cin­que gior­ni su set­te, è im­por­tan­te. La mat­ti­na, mi sve­glio al­le 8 per ac­com­pa­gna­re Stel­la al­la scuo­la ma­ter­na as­sie­me a mia mo­glie: è un no­stro ri­to ir­ri­nun­cia­bi­le. E an­che se ab­bia­mo un pa­io di tate, ogni tan­to ci con­ce­dia­mo del­le ro­man­ti­che ce­ne a tre».

Fa­bri­zio era un pa­dre pre­sen­te, uno che si in­for­ma­va, an­che sui li­bri, per fa­re le scel­te giu­ste nell’edu­ca­zio­ne; ave­va pre­so que­sto nuo­vo ruo­lo co­me una vo­ca­zio­ne ed era or­go­glio­so di co­me la fi- glia sta­va cre­scen­do. «È una bam­bi­na for­tis­si­ma, spiritosa, dal ca­rat­te­re mol­to for­te », ci ave­va det­to. «In que­sto, ha pre­so da sua ma­dre, che è dol­ce ma sa es­se­re an­che to­sta».

Ades­so quel ca­rat­te­re for­te aiu­te­rà en­tram­be a rea­gi­re. «A me e a Fa­bri­zio piac­cio­no le co­se sem­pli­ci», dis­se Car­lot­ta in quell’ul­ti­ma in­ter­vi­sta te­le­vi­si­va. « Ci sia­mo spo­sa­ti nel­la chie­sa vi­ci­no a ca­sa per po­ter­ci pas­sa­re ogni mat­ti­na e ri­cor­da­re quel gior­no co­sì bel­lo. Lui ave­va scrit­to il li­bro per la mes­sa e io ave­vo or­ga­niz­za­to il ri­ce­vi­men­to in un pra­to». Quan­ti ri­cor­di... «La no­stra can­zo­ne, che ab­bia­mo bal­la­to per la pri­ma vol­ta ab­brac­cia­ti a Ca­po­dan­no, nel 2004, era You ma­ke me feel brand

new dei Sim­ply Red», con­clu­se lei. Sa­rà dif­fi­ci­le ascol­tar­la an­co­ra. Ma quel bra­no ha un va­lo­re an­che sim­bo­li­co. La tra­du­zio­ne è: “Tu mi ren­di nuo­va di zec­ca”. Quel gran­de amo­re non si è spen­to, l’aiu­te­rà a es­se­re nuo­va, a ri­co­min­cia­re.

CO­RAG­GIO, È TEM­PO DI SAL­TA­RE GLI OSTA­CO­LI Ro­ma. Car­lot­ta Man­to­van, 35 an­ni, in sel­la al­la sua ca­val­la Lu­xet­te al ma­neg­gio Sir La Far­ne­si­na sot­to lo sguar­do del­la fi­glia Stel­la, 5, e dell’istrut­to­re. È un’amaz­zo­ne esper­ta: sal­ta an­che gli osta­co­li (so­pra), me­ta­fo­ra di que­sto mo­men­to del­la sua vi­ta. ERA UN AMO­RE SCONFINATO Una ra­ra im­ma­gi­ne di Car­lot­ta e di Fa­bri­zio Friz­zi, scom­par­so a 60 an­ni il 26 mar­zo. Nell’ul­ti­ma in­ter­vi­sta Tv, po­co pri­ma di per­de­re il ma­ri­to, Car­lot­ta ave­va det­to: «Ci amia­mo tan­tis­si­mo».

VER­SO IL FU­TU­RO Car­lot­ta, ve­do­va da po­co più di un me­se, bel­la e fiera, ve­sti­ta da ca­val­le­riz­za, ca­val­ca con grin­ta. Una grin­ta che tut­ti le ri­co­no­sco­no e che le è ne­ces­sa­ria per pro­get­ta­re un fu­tu­ro che non è quel­lo che ave­va im­ma­gi­na­to. An­da­re a ca­val­lo è una sor­ta di ip­po­te­ra­pia, che la aiu­ta a su­pe­ra­re la sof­fe­ren­za per la per­di­ta del ma­ri­to. AN­CHE LA BAM­BI­NA È SI­CU­RA DI SÉ Do­po la ca­val­ca­ta, Car­lot­ta, aiu­ta­ta dall’istrut­to­re, fa sa­li­re Stel­la in sel­la a Lu­xet­te. La pic­co­la non ha pau­ra: fre­quen­ta la scuo­la di equi­ta­zio­ne da quan­do ave­va un an­no. Qui la ac­com­pa­gna­va spes­so an­che pa­pà Fa­bri­zio.

DUE RA­GAZ­ZE TO­STERo­ma. Car­lot­ta e Stel­la, con­clu­sa la le­zio­ne di equi­ta­zio­ne, si al­lon­ta­na­no dal ma­neg­gio: an­che al­la bim­ba spun­ta un sor­ri­so. «Mia fi­glia è una bam­bi­na for­te, ha pre­so da sua ma­dre», ci con­fi­dò Fa­bri­zio Friz­zi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.