IL NO­STRO QUO­ZIEN­TE INTELLETTIVO SI RIDUCE A OGNI GE­NE­RA­ZIO­NE?

Una ri­cer­ca nor­ve­ge­se sui te­st di QI di 730 mi­la ra­gaz­zi in età di le­va dal 1970 al 2009 re­gi­stra un ca­lo me­dio di 7 punti ogni 10 an­ni. È que­sta una re­go­la ge­ne­ra­le?

GENTE - - La Gente Domanda - Ri­spon­de ELSA DI FONZO pre­si­den­te del Club Men­sa Ita­lia

Le con­clu­sio­ni del­lo stu­dio con­dot­to dai ri­cer­ca­to­ri del Ra­gnar Fri­sch Cen­ter for Eco­no­mic Re­sear­ch di Oslo, in Nor­ve­gia, han­no un va­lo­re so­prat­tut­to sta­ti­sti­co. Non so qua­le in­ci­den­za pos­sa­no ave­re in cam­po scien­ti­fi­co. Co­mun­que sem­bra­no con­trad­di­re il luo­go co­mu­ne che le gio­va­ni ge­ne­ra­zio­ni sia­no più in­tel­li­gen­ti del­le pre­ce­den­ti. In real­tà a og­gi non ab­bia­mo ele­men­ti nel Men­sa Ita­lia, l’as­so­cia­zio­ne che rag­grup­pa le per­so­ne con il quo­zien­te di in­tel­li­gen­za più al­to, che pos­sa­no con­fer­ma­re o smen­ti­re la ri­cer­ca con­dot­ta in Nor­ve­gia. Il te­st di am­mis­sio­ne al Men­sa Ita­lia, in­fat­ti, non de­ter­mi­na in mo­do psi­co­me­tri­co il QI di un in­di­vi­duo, cioè non in­da­ga su spe­ci­fi­che ca­pa­ci­tà e at­ti­tu­di­ni in­tel­let­tua­li. In­di­ca se la per­so­na è su­pe­rio­re o me­no al 98° per­cen­ti­le del QI, re­qui­si­to ne­ces­sa­rio per po­ter­si iscri­ve­re al Men­sa Ita­lia. Nep­pu­re l’an­da­men­to del­le iscri­zio­ni nel cor­so de­gli an­ni è in­di­ca­ti­vo. Il Men­sa in- fat­ti è an­co­ra po­co no­to in Ita­lia e so­lo da qual­che an­no stia­mo pro­muo­ven­do il club, in­vi­tan­do il pub­bli­co a ten­ta­re il te­st di am­mis­sio­ne. La cre­sci­ta pro­gres­si­va del nu­me­ro di so­ci è ri­ma­sta co­stan­te, al­me­no ne­gli ul­ti­mi quat­tro an­ni. Tor­nan­do ai ri­sul­ta­ti rac­col­ti in Nor­ve­gia, a mio av­vi­so, ma è una opi­nio­ne per­so­na­le non aval­la­ta da da­ti, il ca­lo del QI po­treb­be es­se­re frut­to di un “in­tor­pi­di­men­to” le­ga­to a una mag­gio­re ac­ces­si­bi­li­tà del­la tec­no­lo­gia (nel XXI se­co­lo si fa tut­to con un clic), che por­ta gli in­di­vi­dui a sti­mo­la­re me­no al­cu­ne aree del cer­vel­lo pre­po­ste al­la so­prav­vi­ven­za. L’in­tel­li­gen­za è un talento che va edu­ca­to sem­pre per po­ter­si espri­me­re pie­na­men­te. Quan­to me­no ci ser­ve “in­ven­ta­re” per ot­te­ne­re quel­lo di cui ne­ces­si­tia­mo, tan­to più la po­ten­zia­li­tà re­sta in for­ma la­ten­te e non si ma­ni­fe­sta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.