Chi avreb­be mai det­to che una giac­ca può es­se­re più pe­san­te di una sber­la

GENTE - - La Posta Dei Lettori - MONICA MO­SCA

Mai una giac­ca fe­ce tan­to ru­mo­re. Un par­ka da 39 eu­ro, di una col­le­zio­ne di due an­ni fa. Ep­pu­re tut­to il mon­do ne ha par­la­to e ne di­scu­te an­co­ra e gra­zie, o a cau­sa di quel­la giac­ca ver­de, di­pen­de­ran­no for­se cer­ti de­sti­ni al­la Ca­sa Bian­ca. Cer­to, la don­na che quel­la giac­ca l’ha in­dos­sa­ta è una del­le più no­te al mon­do, la fir­st la­dy Me­la­nia Trump. Dun­que è suc­ces­so che il pre­si­den­te suo ma­ri­to ab­bia fat­to un be­stia­le brac­cio di fer­ro con gli im­mi­gra­ti pro­ve­nien­ti dal Mes­si­co, che gua­dan­do il Rio Gran­de ar­ri­va­no ne­gli Usa e cer­ca­no di in­fil­trar­si sen­za es­se­re ar­re­sta­ti. Mai co­me que­sta vol­ta The Do­nald si è in­fu­ria­to: ora ba­sta, l’ave­vo an­nun­cia­to ad apri­le che la tol­le­ran­za sa­reb­be sta­ta a ze­ro, ora è sot­to ze­ro, que­sto il sen­so del­la no­vi­tà. Chi pas­sa il con­fi­ne sen­za do­cu­men­ti la pa­ga ca­ra, non so­lo fi­ni­sce in ga­le­ra in at­te­sa di pro­ces­so co­me clan­de­sti­no, ma se è ma­dre o pa­dre di fi­gli pic­co­li, que­sti gli ven­go­no tol­ti. Se­pa­ra­re ge­ni­to­ri e bam­bi­ni, ec­co l’or­di­ne vio­len­to. E te­ner­li in pri­gio­ni di­ver­se: sì, per­ché an­che i pic­co­li, an­che i pic­co­lis­si­mi di uno o due an­ni, per la tol­le­ran­za ze­ro ven­go­no rin­chiu­si let­te­ral­men­te in una sor­ta di cam­po pro­fu­ghi, den­tro re­cin­ti di ce­men­to e fi­lo spi­na­to a ri­ca­mar­ne i pro­fi­li. E, si sa, i bam­bi­ni pian­go­no se ve­do­no la ma­dre per­qui­si­ta, spin­to­na­ta, stra­paz­za­ta. E so­prat­tut­to por­ta­ta lon­ta­no. Dun­que i pian­ti an­go­scian­ti di quei bam­bi­ni in gab­bia, nel cen­tro di McAl­len, cit­tà di con­fi­ne fra Sta­ti Uni­ti e Mes­si­co, man­da­ti in on­da da ogni Tv, han­no ri­sve­glia­to e scos­so le co­scien­ze di tut­to il mon­do. Una sor­ta di pro­te­sta glo­ba­le con­tro il pre­si­den­te dal pu­gno trop­po di fer­ro, “sen­za cuo­re” han­no scrit­to gior­na­li e gri­da­to in piaz­za. An­che Me­la­nia, dal­le sue stanze do­ra­te del­la re­si­den­za di Wa­shing­ton, ha fat­to sa­pe­re al ma­ri­to di non es­se­re per nien­te d’ac­cor­do e che que­sta si­tua­zio­ne è gra­ve e brut­ta e da in­ter­rom­pe­re su­bi­to. Sem­bra che al pre­si­den­te lo ab­bia ri­fe­ri­to la por­ta­vo­ce del­la si­gno­ra, Ste­pha­nie Gri­sham, per­ché fra ma­ri­to e mo­glie sa­reb­be­ro in at­to in pri­va­to sca­ra­muc­ce non da po­co. Se­pa­ra­ti in Ca­sa (Bian­ca), in­som­ma. Ed ec­co com­pa­ri­re sul­la sce­na in­ter­na­zio- na­le la giac­ca ver­de, mar­chio Za­ra, il ko­los­sal del­la mo­da low co­st. Pa­re di te­sta sua, sen­za ave­re pre­av­vi­sa­to nes­su­no, Me­la­nia è vo­la­ta al con­fi­ne con il Mes­si­co e si è pre­sen­ta­ta a sor­pre­sa in uno di quei cam­pi di bam­bi­ni. “Co­sa pos­so fa­re per aiu­tar­vi?”, ha do­man­da­to sem­pre ri­pre­sa dal­le Tv. Sul­le spal­le, men­tre sa­li­va la sca­let­ta dell’ae­reo pri­va­to, cam­peg­gia­va sul­la giac­ca una gran­de scrit­ta bian­ca, che tra­dot­ta suo­na co­sì: A me non im­por­ta pro­prio nien­te, e a te? Ora è evi­den­te che una fra­se del ge­ne­re sul­la schie­na del­la fir­st la­dy non può es­ser­ci ca­pi­ta­ta per ca­so. Per­ché in Te­xas fa­ce­va un cal­do ter­ri­bi­le e di giac­che non c’era al­cun bi­so­gno. Per­ché Me­la­nia, con tut­to il ri­spet­to per Za­ra, ve­ste mar­chi da mi­glia­ia di eu­ro. Per­ché sa­pe­va be­nis­si­mo che tut­to il mon­do la stes­se guar­dan­do: il ma­ri­to a tuo­na­re in­car­ce­ra­zio­ni, e lei ca­ri­ta­te­vo­le al­le por­te di quel­le stes­se car­ce­ri! Dun­que i pen­sie­ri, e le do­man­de e le sup­po­si­zio­ni sul si­gni­fi­ca­to, e so­prat­tut­to sul de­sti­na­ta­rio di quel­la fra­se, si so­no mol­ti­pli­ca­ti co­me i co­lo­ri den­tro un ca­lei­do­sco­pio. Si­cu­ra­men­te non era un mes­sag­gio di me­ne­fre­ghi­smo nei con­fron­ti dei bam­bi­ni rin­chiu­si in gab­bia ai qua­li ha of­fer­to il suo aiu­to, que­sto è pa­ci­fi­co. Nel pie­no del­la tem­pe­sta me­dia­ti­ca, Trump ha twit­ta­to, co­me suo so­li­to: Me­la­nia si ri­fe­ri­sce al­le fa­ke news dei gior­na­li­sti ma­li­gni, vo­le­va far lo­ro sa­pe­re che or­mai non la fe­ri­sco­no più. Ma an­na­spa­va, nes­su­no gli ha cre­du­to. Le ipo­te­si de­gli ana­li­sti più ac­cre­di­ta­ti, per­ché in que­sto mon­do che spes­so va al ro­ve­scio (e che ri­schia di an­da­re an­che a ro­to­li se non si ri­tro­ve­rà la misura in tut­to) an­che di co­di­ci ci­fra­ti fra mo­glie e ma­ri­to de­vo­no oc­cu­par­si, ri­ten­go­no in co­ro che in­ve­ce pro­prio a The Do­nald fos­se de­di­ca­to il pen­sie­ro. Del ti­po: Del­la tua cam­pa­gna vio­len­ta non mi im­por­ta un bel nien­te, e for­se nem

me­no di te. E tu, che ne di­ci? Va­le un po’ tut­to, a di­re il ve­ro, poi­ché esclu­do che la­dy Me­la­nia chia­ri­rà l’ar­ca­no. In­tan­to pe­rò il pre­si­den­te ha fir­ma­to un de­cre­to d’ur­gen­za per cui ge­ni­to­ri e fi­gli mi­gran­ti do­vran­no es­se­re riav­vi­ci­na­ti. Quan­do, e co­me, nel gran­de caos che re­gna in Te­xas non è da­to sa­pe­re. Ma in qual­che mo­do la giac­ca da 39 eu­ro la sua mis­sio­ne l’ha com­piu­ta.

SA­PE­VA BE­NE DI SCA­TE­NA­RE L’IN­FER­NO Me­la­nia sa­le sull’au­to blin­da­ta con la giac­ca mi­ste­rio­sa. Sul­le spal­le, una sfi­da for­se al ma­ri­to, con il qua­le si di­ce sia ar­ri­va­ta ai fer­ri cor­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.