UN FU­TU­RO DA MISS...

Chia­ra Bor­di ha per­so una gam­ba in un in­ci­den­te: sa­rà la pri­ma a par­te­ci­pa­re a Miss Ita­lia con una pro­te­si.

GENTE - - Sommario - di Ro­ber­ta Spa­dot­to

S e da qua­si ot­tant’an­ni - li com­pie nel 2019 - il con­cor­so di Miss Ita­lia ri­ma­ne in au­ge un mo­ti­vo ci sa­rà. «Mo­stria­mo uno spac­ca­to del­le gio­va­ni don­ne ita­lia­ne», chia­ri­sce la pa­tron Pa­tri­zia Mi­ri­glia­ni, «e di co­me cam­bia­no i ca­no­ni del­la bel­lez­za». Ep­pu­re, mai co­me nel 2018 le sto­rie del­le ra­gaz­ze che si so­no pre­sen­ta­te al­le se­le­zio­ni di Je­so­lo e che ar­ri­ve­ran­no, so­lo tren­ta, al­la fi­na­le di lu­ne­dì 17 set­tem­bre - tra­smes­sa in di­ret­ta su La7 per la pri­ma vol­ta da Mi­la­no - han­no un co­mu­ne de­no­mi­na­to­re: la re­si­lien­za, cioè la ca­pa­ci­tà di su­pe­ra­re le dif­fi­col­tà. «So­no tut­te per­so­ne, sep­pu­re gio­va­nis­si­me, che han­no una sto­ria al­le spal­le, a vol­te di sof­fe­ren­za, di co­rag­gio e re­si­sten­za. Mol­te han­no un la­vo­ro sod­di­sfa­cen­te, una pro­pria eti­ca, so­gni con­cre­ti, spes­so so­no già ma­dri. Al­cu­ne suo­na­no stru­men­ti mu­si­ca­li, si sfi­da­no nel­lo sport, si de­di­ca­no al vo­lon­ta­ria­to», con­ti­nua Mi­ri­glia­ni. Non si con­cor­re più so­lo per­ché si pun­ta tut­to sul­la pro­pria avvenenza. «Per la mag­gior par­te del­le aspi­ran­ti re­gi­net­te ot­te­ne­re la fa­scia di più bel­la è una con­qui­sta che può aprir­ti del­le stra­de nel mon­do, ma non cer­to l’uni­co».

L’esem­pio più ecla­tan­te, di cui si è già par­la­to tan­to, è Chia­ra Bor­di, 18 an­ni, di Tar­qui­nia (Vi­ter­bo), la pri­ma aspi­ran­te reginetta del­la sto­ria del con­cor­so al­la qua­le man­ca un pie­de. Sfi­la con una pro­te­si. «A 12 an­ni ero in mo­to­ri­no con un ami­co», ci rac­con­ta Chia­ra, «un’au­to ci ha ta­glia­to la stra­da tran­cian­do­mi un pie­de. Quan­do mi so­no ri­sve­glia­ta in te­ra­pia in­ten­si­va nes­su­no ave­va il co­rag­gio di dir­mi che non c’era più». All’ini­zio la man­can­za dell’ar­to era di­ven­ta­ta un in­cu­bo. «Pen­sa­vo che non avrei mai più po­tu­to cor­re­re, an­da­re a bal­la­re, go­der­mi la vi­ta. E ave­vo pau­ra che nes­sun ra­gaz­zo mi avreb­be vo­lu­ta». E in­ve­ce, gra­zie al so­ste­gno dei ge­ni­to­ri e del­la so­rel­la mag­gio­re, e for­se an­che al bell’esem­pio di per­so­nag­gi co­me Bebe Vio, cui man­ca­no brac­cia e gam­be, Chia­ra si è crea­ta una nuo­va vi­ta: gra­zie al­la gam­ba ar­ti­fi­cia­le va in ca­noa, sui rol­ler­bla­de, si ar­ram­pi­ca sui mu­ri di roc­cia, pra­ti­ca sub. Da un an­no ha tro­va­to an­che l’amo­re e poi ha de­ci­so di fa­re il sal­to: iscri­ver­si a Miss Ita­lia. «Ave­vo pau­ra del­la pri­ma se­le­zio­ne»,

am­met­te. «Pa­tri­zia Mi­ri­glia­ni mi ha ri­ce­vu­ta a brac­cia aper­te, ma è sta­ta l’ac­co­glien­za emo­zio­na­ta del pub­bli­co a dar­mi la for­za di con­ti­nua­re». Per Chia­ra il con­cor­so è l’oc­ca­sio­ne so­prat­tut­to per da­re un mes­sag­gio: «Io non mi sen­to di­ver­sa dal­le al­tre. Mi sen­to bel­la, ho pu­re una pro­te­si a Led che si il­lu­mi­na al buio, quan­do va­do in di­sco­te­ca: non mi na­scon­do, an­zi». E se non do­ves­se ri­ce­ve­re la co­ro­na di “più bel­la” po­co im­por­ta, c’è il so­gno di di­ven­ta­re chi­rur­go or­to­pe­di­co per aiu­ta­re al­tre per­so­ne, co­sì co­me è sta­ta aiu­ta­ta lei.

An­che Ma­ria­pi­na Fon­ta­na, ven­ti­seien­ne di Ca­ser­ta, non avreb­be bi­so­gno del ti­to­lo di Miss. È la più gio­va­ne pro­dut­tri­ce di vi­no d’Ita­lia: il suo Aglia­ni­co bio­lo­gi­co del­la te­nu­ta di fa­mi­glia, che ge­sti­sce con il fra­tel­lo minore, è una pre­li­ba­tez­za e l’as­so­cia­zio­ne “Don­ne del vi­no” fa­rà il ti­fo per lei. Ma­ria­pi­na ha an­che al­tre pas­sio­ni. «Ogni an­no, da quan­do ero bam­bi­na, va­do a Lour­des ad aiu­ta­re i ma­la­ti a en­tra­re nel­le pi­sci­ne di ac­qua be­ne­det­ta. Que­sta at­ti­vi­tà di vo­lon­ta­ria­to è im­pre­scin­di­bi­le: guar­dan­do le per­so­ne che sof­fro­no mi di­men­ti­co dei miei, più fu­ti­li, pro­ble­mi».

Al­le spal­le di que­ste ra­gaz­ze ci so­no sem­pre fa­mi­glie con va­lo­ri for­ti: un bell’omag­gio ai ge­ni­to­ri ita­lia­ni, spes­so in­giu­sta­men­te vi­tu­pe­ra­ti. An­che la vi­cen­da di De­bo­rah Agno­ne, 24 an­ni, di Al­ghe­ro (Sas-

C’È LA PRI­MA ASPI­RAN­TE REGINETTA CON UNA PRO­TE­SI, L’ATLE­TA D’AR­GEN­TO, UNA VITICOLTRICE BA­BY. «L’AVVENENZA FA SEM­PRE PIÙ RIMA CON CO­RAG­GIO E RE­SI­STEN­ZA», DI­CE LA MI­RI­GLIA­NI

sa­ri), è esem­pla­re. «Quan­do, due an­ni fa, mi so­no pre­sen­ta­ta da­van­ti ai miei con il mio fi­dan­za­to, Ka­dim, non ne vo­le­va­no sa­pe­re». Lui è un ra­gaz­zo se­ne­ga­le­se ar­ri­va­to die­ci an­ni fa in Ita­lia con il pa­dre per cer­ca­re for­tu­na. «Non ha fat­to tra­ver­sa­te per ma­re, è di fa­mi­glia be­ne­stan­te. Ep­pu­re il colore del­la sua pel­le all’ini­zio è sta­to un pro­ble­ma: una cop­pia mi­sta non è an­co­ra vi­sta di buon oc­chio dal­le mie par­ti. Ma al­la fi­ne la mia fa­mi­glia ha ac­cet­ta­to il no­stro amo­re e ora ci so­stie­ne». Da que­sta sto­ria, un an­no fa, è na­to un bam­bi­no me­ra­vi­glio­so, Ad­ham. Seb­be­ne Ka­dim all’ini­zio non fos­se mol­to con­vin­to che la com­pa­gna do­ves­se sfi­la­re se­mi­nu­da in Tv, al­la fi­ne ha ac­con­sen­ti­to. «Se non vin­ce­rò non mi fa­rò pro­ble­mi: rag­giun­ge­rò Ka­dim in Ger­ma­nia, do­ve si è tra­sfe­ri­to per la­vo­ro. In ca­so con­tra­rio, in­ve­ce, sa­rà lui a tor­na­re, sia­mo d’ac­cor­do».

C’è poi la sto­ria di So­fia Pen­co, ven­ten­ne re­si­den­te a Bib­bo­na (Li­vor­no), già Miss To­sca­na. Quan­do usa l’in­ter­ca­la­re del­la sua zo­na - il ti­pi­co ’ de - ci si di­men­ti­ca che è na­ta in Rus­sia e fu adot­ta­ta a 13 me­si as­sie­me al fra­tel­lo. An­che lei, gra­zie al pa­dre, si de­di­ca al vo­lon­ta­ria­to ed è una gran­de ap­pas­sio­na­ta di ba­sket.

Mar­ta Mur­ru, di­ciot­ten­ne di Rec­co (Ge­no­va), elet­ta Miss Li­gu­ria, è il sim­bo­lo di que­sta edi­zio­ne, per­ché at­tra­ver­so di lei si ri­cor­de­ran­no le 43 vit­ti­me del pon­te Mo­ran­di: «Quel via­dot­to l’ho per­cor­so per an­ni tut­ti i gior­ni, avan­ti e in­die­tro. Per for­tu­na il 14 ago­sto, gior­no del­la tra­ge­dia, ero già in va­can­za». Mar­ta non è so­lo una stu­den­tes­sa di li­ceo scien­ti­fi­co dai fol­ti ca­pel­li e da­gli oc­chi ca­sta­ni: è un’atle­ta, me­da­glia d’ar­gen­to nel nuo­to sin­cro­niz­za­to ai Mon­dia­li di Bu­da­pe­st nel 2017 e agli Eu­ro­pei del 2018. «Il mio so­gno è di­ven­ta­re una nuo­ta­tri­ce di fa­ma in­ter­na­zio­na­le». Ep­pu­re ha vo­lu­to pro­va­re lo stes­so l’eb­brez­za del­la pas­se­rel­la. «Se do­ves­si vin­ce­re? Ma­ga­ri. Non ci può es­se­re una Miss Ita­lia che pra­ti­ca il nuo­to sin­cro­niz­za­to?». In que­sto ca­so Mi­ri­glia­ni do­vreb­be ri­ve­de­re per l’en­ne­si­ma vol­ta i cri­te­ri del­le Miss, che una vol­ta in­co­ro­na­te de­vo­no ri­spet­ta­re de­ci­ne di con­trat­ti. «Mi so­no sem­pre ade­gua­ta ai tem­pi che cam­bia­no», di­ce la pa­tron. «Ho al­za­to il li­mi­te d’età a 30 an­ni e aper­to al­le mo­del­le cur­vy, che han­no ri­scos­so tan­to suc­ces­so». Non c’è nean­che un li­mi­te di al­tez­za: la più al­ta mi­su­ra un me­tro e 83, la più pic­co­la so­lo 1 e 60. D’al­tra par­te, in epo­ca di mo­vi­men­to #Me­too, si pun­te­rà sem­pre di più so­prat­tut­to sul­le qua­li­tà in­te­rio­ri.

«IL PON­TE MO­RAN­DI? CI SO­NO PAS­SA­TA PER AN­NI», DI­CE MISS LI­GU­RIA

TRA DI LO­RO 23 CEN­TI­ME­TRI DI FA­SCI­NO Je­so­lo (Ve­ne­zia). Un’im­ma­gi­ne che di­mo­stra che non sem­pre va­le il pro­ver­bio “al­tez­za mez­za bel­lez­za”. Ac­can­to a So­fia Tri­mar­co, 19 an­ni, tra le più al­te del con­cor­so con il suo me­tro e 83, c’è Ca­mil­la La Sa­la, 18, la più bas­sa con 160 cen­ti­me­tri. (Fo­to Da­nie­le La Mal­fa).

RI­NA­TA DO­PO L’IN­CI­DEN­TE Chia­ra Bor­di po­sa con e sen­za la pro­te­si al pie­de si­ni­stro, per­so sei an­ni fa per un in­ci­den­te in mo­to­ri­no. «Ho su­pe­ra­to un in­cu­bo», af­fer­ma. UNO SPAC­CA­TO DEL NO­STRO PAE­SE La pa­tron Pa­tri­zia Mi­ri­glia­ni, 60 an­ni (al cen­tro), po­sa con cin­que aspi­ran­ti Miss. Se­du­te ac­can­to a lei, Chia­ra Bor­di (a si­ni­stra), 18 an­ni, la pri­ma reginetta con la pro­te­si, e Ma­ria­pi­na Fon­ta­na, 26, pro­dut­tri­ce di vi­no. Se­du­te da­van­ti, da si­ni­stra: De­bo­rah Agno­ne, 24, Ni­co­le Nie­tzsch, 18, ita­lo-cu­ba­na, e Mar­ta Mur­ru, 18. «Rap­pre­sen­ta­no le gio­va­ni don­ne ita­lia­ne di og­gi», di­ce Mi­ri­glia­ni.

FACCHINETTI E LA LEOT­TA INCORONERANNO LA REGINETTA Ac­can­to a Fran­ce­sco Facchinetti, 38 an­ni, ri­con­fer­ma­to per la ter­za vol­ta al ti­mo­ne di Miss Ita­lia, in di­ret­ta su La7 il 17 set­tem­bre, que­st’an­no ci sa­rà an­che Di­let­ta Leot­ta, 27. An­che lei è un sim­bo­lo di bel­lez­za ab­bi­na­ta al ta­len­to: rac­co­glie qua­si 3 mi­lio­ni di fol­lo­wer su In­sta­gram per la sua avvenenza e da que­st’an­no è il vol­to di Dazn, la nuo­va piat­ta­for­ma on­li­ne de­di­ca­ta al cal­cio. Lei si oc­cu­pa di se­rie A. PER DE­BO­RAH LA VIT­TO­RIA È AD­HAM Je­so­lo (Ve­ne­zia). So­pra e in al­to, due te­ne­ris­si­me im­ma­gi­ni di De­bo­rah Agno­ne, Miss Ci­ne­ma Sar­de­gna, con il fi­glio Ad­ham, 1 an­no, na­to dal suo amo­re con il cuo­co se­ne­ga­le­se Ka­dim. «Non è sta­to fa­ci­le far ac­cet­ta­re ai miei la mia re­la­zio­ne con un uo­mo di colore», spie­ga De­bo­rah. «Se non vin­ce­rò non sa­rà un pro­ble­ma».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.