CAROLYN LA GUERRIERA

Carolyn Smi­th rac­con­ta la sua bat­ta­glia con­tro il can­cro: per scon­fig­ger­lo, che­mio e tan­ta grinta.

GENTE - - Sommario - di Sa­bri­na Bo­na­lu­mi

«MU­SI­CA E MO­VI­MEN­TI AIU­TA­NO AD AP­PREZ­ZA­RE DI NUO­VO IL COR­PO»

Sto aspet­tan­do che mi ri­cre­sca­no i ca­pel­li. Qual­che set­ti­ma­na an­co­ra e for­se sarò pron­ta per ri­fa­re la tin­ta. Non amo le fa­mo­se cin­quan­ta sfu­ma­tu­re di gri­gio. Mi pre­fe­ri­sco bion­da, op­pu­re ros­sa. Mi ve­do me­glio, più bel­la. Da quan­do ho ri­co­min­cia­to a guar­dar­mi al­lo spec­chio vo­glio ri­co­no­scer­mi. E far­lo at­tra­ver­so il mio vol­to, il mio sor­ri­so, i miei co­lo­ri...».

La po­si­ti­vi­tà di Carolyn Smi­th ti in­ve­ste co­me un fiu­me in pie­na, ma ti ac­ca­rez­za l’anima con gra­zia. È re­du­ce da un’esta­te com­ples­sa: a lu­glio si è sot­to­po­sta all’elet­tro­che­mio­te­ra­pia, una del­le ar­mi uti­liz­za­te per de­bel­la­re quel­lo che lei chia­ma “l’in­tru­so”. Nel 2015 Carolyn era sta­ta col­pi­ta da un tu­mo­re al se­no. Era sta­ta ope­ra­ta e ave­va fat­to che­mio e ra­dio­te­ra­pia. «Ma all’ini­zio di que­st’an­no ci sia­mo ac­cor­ti che qual­co­sa non an­da­va. Mi è sta­to sco­per­to un al­tro “in­tru­so” ed è ri­par­ti­ta la mia bat­ta­glia. Sto pro­se­guen­do con le se­du­te di che­mio­te­ra­pia, non mol­lo, an­che se am­met­to di ave­re mo­men­ti di gran­de fra­gi­li­tà. Per for­tu­na, pe­rò, du­ra­no po­co, pre­va­le la grinta, che mi per­met­te di af­fron­ta­re ogni gior­no con un sor­ri­so nuo­vo e con la vo­glia di fa­re, di so­gna­re, di la­vo­ra­re. E di bal­la­re».

Carolyn è ca­ri­ca e fie­ra. Il suo ca­len­da­rio de­gli ap­pun­ta­men­ti è zep­po di im­pe­gni. Tra ot­to­bre e no­vem­bre ri­par­ti­rà Bal­lan­do on

the road, il ta­lent show iti­ne­ran­te che se­le­zio­na i bal­le­ri­ni “ama­to­ria­li” pron­ti a scen­de­re in pi­sta a Bal­lan­do con le stel­le, su Ra­iu­no, del qua­le Carolyn è la te­mu­tis­si­ma e ama­tis­si­ma pre­si­den­tes­sa di giu­ria.

Ma a breve, il 10 set­tem­bre, la Smi­th pre­sen­te­rà nel­le scuo­le di bal­lo il suo pro­get­to del cuo­re: Sdf, Sen­sual Dan­ce Fit ( sen­sual­dan­ce­fit.it), il pri­mo e uni­co pro­gram­ma per so­le don­ne na­to per aiu­tar­le a ri­tro­va­re la pro­pria fem­mi­ni­li­tà at­tra­ver­so sem­pli­ci mo­vi­men­ti di dan­za ed eser­ci­zi di fit­ness. È pen­sa­to per chi è mes­so a du­ra pro­va dal­la vi­ta, per chi at­tra­ver­sa pe­rio­di dif­fi­ci­li, sia sen­ti­men­ta­li che la­vo­ra­ti­vi o di sa­lu­te. L’obiet­ti­vo è ri­tro­va­re fa­mi­lia­ri­tà con il pro­prio cor­po, fa­re rie­mer­ge­re sen­sua­li­tà, di­sin­vo­lu-

«PIANGERSI AD­DOS­SO NON AIU­TA, BI­SO­GNA IM­PA­RA­RE A REA­GI­RE»

ra, per far par­ti­re la mac­chi­na ver­so la ri­co­stru­zio­ne di una nuo­va con­sa­pe­vo­lez­za.

«All’ini­zio è na­to tut­to per af­fron­ta­re una mia ne­ces­si­tà. Fac­cio dan­za da quan­do ave­vo 4 an­ni e og­gi ne ho 57. Il mo­vi­men­to ha sem­pre fat­to par­te del mio quo­ti­dia­no, qua­si fos­se il mo­to­re del mio be­nes­se­re. Ma da qual­che an­no, dal per­cor­so di cu­ra, pur­trop­po, ho do­vu­to ral­len­ta­re, so­spen­de­re, met­te­re da par­te la mia fon­te di gio­ia. Ave­vo do­lo­ri, mi muo­ve­vo a fa­ti­ca e male, per­ciò, per ri­met­te­re in mo­to i mu­sco­li, mi ero in­scrit­ta in pa­le­stra. Qua­si in­va­no. Il mio cor­po pro­va­to dal­la ma­lat­tia ri­spon­de­va po­chi­no, co­sì ho de­ci­so di co­mu­ni­ca­re con il lin­guag­gio che mi è più fa­mi­lia­re: il bal­lo. Che, as­so­cia­to al­la mu­si­ca, ha po­te­ri qua­si mi­ra­co­lo­si». Carolyn è ri­fio­ri­ta al rit­mo di boo­gie-woo­gie e ji­ve, ha ri­pre­so a muo­ver­si con di­sin­vol- tu­ra, «e a guar­dar­mi al­lo spec­chio», con­fi­da. «Ci so­no sta­ti mo­men­ti in cui mi ri­fiu­ta­vo di far­lo. Poi, via via, ho ri­co­min­cia­to a pren­de­re con­fi­den­za con la nuo­va Carolyn. E dav­ve­ro de­vo mol­to al­la dan­za, al­le co­reo­gra­fie di­ver­ten­ti che so­no sem­pre riu­sci­te a strap­par­mi una ri­sa­ta. Per que­sto ho de­ci­so di of­fri­re il mio per­cor­so a tut­te le don­ne che de­si­de­ra­no ri­met­ter­si in gio­co, mi­glio­ran­do la pro­pria ac­cet­ta­zio­ne di sé». Il cor­so, na­to un an­no fa da un pas­sa­pa­ro­la tra la Smi­th e le don­ne che vi­vo­no nel pa­do­va­no, do­ve abi­ta lei, ha pre­so sem­pre più pie­de e ora par­ti­rà in va­rie scuo­le di bal­lo d’Ita­lia, dal 17 set­tem­bre.

«Sai, qual è sta­ta la sod­di­sfa­zio­ne più gran­de? Ve­de­re una don­na che fi­no a po­co tem­po pri­ma era sof­fe­ren­te e ma­ga­ri si muo­ve­va a fa­ti­ca tor­na­re a guar­da­re drit­to da­van­ti sé, fie­ra di se stes­sa, ma­ga­ri an­che con un pa­io di tac­chi ai pie­di. I mes­sag­gi di rin­gra­zia­men­to che mi in­via chi si è vo­lu­ta met­te­re in gio­co so­no fon­te di gio­ia co­sì co­me ri­ce­ve­re le te­le­fo­na­te o le mail dei ma­ri­ti. “Gra­zie Carolyn, gra­zie a te ora ho una mo­glie nuo­va. Tor­na a ca­sa sor­ri­den­te e ha un’ener­gia che pen­sa­vo non ri­tro­vas­se più”, mi di­co­no».

È in­fa­ti­ca­bi­le, Carolyn. «La­vo­ra­re mi aiu­ta a di­strar­mi, a non pen­sa­re sem­pre al­le cu­re, al­le te­ra­pie, ai do­lo­ri», rac­con­ta svel­ta. «Piangersi ad­dos­so non aiu­ta, la­men­tar­si nem­me­no: bi­so­gna rea­gi­re. Sen­za smet­te­re di guar­da­re avan­ti, con gli oc­chi e la te­sta pie­ni di so­gni».

Carolyn ne ha uno gran­de, te­le­vi­si­vo. «Mi pia­ce­reb­be un pro­gram­ma tut­to mio, ma­ga­ri un sa­lot­to per le don­ne, una co­sa da ag­giun­ge­re al mio ama­to Bal­lan­do. Lo spun­to vie­ne dal­le mi­glia­ia di si­gno­re, di ra­gaz­ze che mi scri­vo­no, mi fer­ma­no ogni gior­no per stra­da trat­tan­do­mi co­me un’ami­ca, co­me un pun­to di ri­fe­ri­men­to. Il lo­ro es­ser­mi vi­ci­ne mi dà grinta. La mia espe­rien­za e il mio mo­do di af­fron­ta­re la ma­lat­tia pen­so pos­sa in­fon­de­re co­rag­gio a chi è in dif­fi­col­tà. Cre­do nell’ami­ci­zia, nel­la solidarietà fem­mi­ni­le. L’unio­ne fa la for­za e, som­ma­ta al buo­nu­mo­re, è una gran te­ra­pia».

LO SGUAR­DO SE­RE­NO DI UNA GUERRIERA Do­mus de Ma­ria (Ca­glia­ri). Carolyn Smi­th, 57 an­ni, po­sa sor­ri­den­te du­ran­te uno de­gli ul­ti­mi gior­ni di va­can­za al Chia Laguna Re­sort. «Mi so­no ri­po­sa­ta an­che se sto fa­cen­do an­co­ra la che­mio­te­ra­pia», con­fi­da. (Fo­to Gian­lu­ca Sa­ra­gò/La­Pres­se).

«LO AM­MET­TO, NON VE­DO L’ORA DI TINGERMI I CA­PEL­LI» Due al­le­gre im­ma­gi­ni che met­to­no in evi­den­za la grinta di Carolyn e la sua vo­glia di met­ter­si al­le spal­le la ma­lat­tia. «Amo rea­gi­re a ogni si­tua­zio­ne, sia quel­le im­por­tan­ti sia quel­le più lie­vi. E so­no con­ten­ta che a breve fa­rò la tin­ta ai ca­pel­li: non amo le cin­quan­ta sfu­ma­tu­re di gri­gio...», scher­za la co­reo­gra­fa, giu­di­ce di Bal­lan­do.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.