Che suc­ces­so le noz­ze dei Fer­ra­gnez: Chia­ra era bel­la co­me Gra­ce

UN ABI­TO DE­GNO DI UNA PRINCIPESSA DA LEG­GEN­DA. E BACI, LA­CRI­ME, UNA PIOG­GIA DI LU­CI E QUAL­CHE PO­LE­MI­CA. CO­SÌ SO­NO AN­DA­TE LE NOZ­ZE PIÙ SO­CIAL DELL’AN­NO, SEGUITE ON­LI­NE DA 20 MI­LIO­NI DI FAN

GENTE - - Sommario - DI FEDERICACAPOZZI

For­se sco­mo­da­re Gra­ce Kel­ly ha un che di au­da­ce, ma c’era­no l’eleganza del­la spo­sa, l’emo­zio­ne del­lo spo­so men­tre lei cam­mi­na­va len­ta ver­so di lui, in at­te­sa tre­pi­da, quell’at­mo­sfe­ra di fa­vo­la d’al­tri tem­pi, l’amo­re in trion­fo sot­to gli oc­chi (umi­di) di tut­ti. So­prat­tut­to c’era l’abi­to bian­co Dior, cor­pet­to ri­ca­ma­to a col­lo al­to e gon­na va­po­ro­sa, che ri­cor­da­va dav­ve­ro quel­lo di­se­gna­to da He­len Ro­se per la principessa il gior­no del­le noz­ze con Ra­nie­ri di Mo­na­co, pur sen­za i suoi sei me­tri di stra­sci­co. Nel­la cor­sa al pa­ra­go­ne più az­zec­ca­to, Chia­ra Fer­ra­gni e Fe­dez, ma­ri­to e mo­glie dal tar­do po­me­rig­gio di sa­ba­to 1 set­tem­bre, so­no di­ven­ta­ti gli Har­ry e Me­ghan d’Ita­lia, il lo­ro gior­no so­len­ne una pan­to­mi­ma hol­ly­woo­dia­na, il par­ty un Coa­chel­la - fe­sti­val mu­si­ca­le tra i più gran­di d’Ame­ri­ca - in ver­sio­ne si­cu­la. La ve­ri­tà è che il ma­tri­mo­nio dei Fer­ra­gnez, co­me si è ri­bat­tez­za­ta (e bran­diz­za­ta) la cop­pia più so­cial del Bel Pae­se, l’in­fluen­cer da mi­lio­ni di fol­lo­wer e il rap­per da mi­lio­ni di di­schi, è sta­to un even­to uni­co nel suo ge­ne­re, un inno al­le ra­gio­ni del cuo­re can­ta­to a squar­cia­go­la, sen­za pau­ra di sto­na­re, e pa­zien­za se la ruo­ta pa­no­ra­mi­ca nel

par­co del­la mas­se­ria a qual­cu­no è par­sa una ca­fo­na­ta da ar­ric­chi­ti. La festa è du­ra­ta due gior­ni, le fo­to su In­sta­gram so­no sta­te cen­ti­na­ia, mi­glia­ia i com­men­ti sui so­cial. Ec­co, in sin­te­si, tut­to quel­lo che c’è da ri­cor­da­re del­le noz­ze più chiac­chie­ra­te dell’esta­te.

Gli abi­ti. Quan­do a spo­sar­si è una fa­shion blog­ger, tut­to il re­sto pas­sa in se­con­do pia­no. Ol­tre al già ci­ta­to abi­to bian­co Dior, crea­to per lei da Ma­ria Gra­zia Chiu­ri, di­ret­to­re crea­ti­vo del­le col­le­zio­ni don­na del­la mai­son, Chia­ra ne ha in­dos­sa­to uno di pail­let­tes ro­sa e oro, fir­ma­to Pra­da, per la ce­na del­la vi­gi­lia a Pa­laz­zo Ni­co­la­ci; il gior­no del sì, do­po la ce­ri­mo­nia si è cam­bia­ta due vol­te, en­tram­be in Dior: pri­ma in lun­go, la sa­go­ma di un leo­ne in ono­re del fi­glio e i ver- si di una canzone di Fe­dez ri­ca­ma­ti sul­la gon­na; poi in cor­to per bal­la­re co­mo­da. Lo spo­so era in blu Ver­sa­ce, clas­si­co ma sen­za cra­vat­ta né cal­zi­ni, le da­mi­gel­le in ro­sa Al­ber­ta Fer­ret­ti. Le la­cri­me. Scor­ro­no a fiu­mi nel par­co del­la Di­mo­ra del­le Bal­ze, mas­se­ria dell’800 fuo­ri No­to ador­na di ro­se bian­che. Si com­muo­ve lei leg­gen­do le pro­mes­se. Gli di­ce: «Non ho bi­so­gno che il mon­do mi ami, ho bi­so­gno che mi ami una so­la per­so­na, e que­sta per­so­na sei tu». Si com­muo­ve lui ri­cor­dan­do il pri­mo in­con­tro e giu­ran­do: «Ci sarò sem­pre, an­che se in ri­tar­do». Pian­go­no in­sie­me, al­la ce­na pre-nu­zia­le, du­ran­te il di­scor­so del­le so­rel­le e del­la mam­ma di Chia­ra, e si asciu­ga­no gli oc­chi con il to­va­glio­lo. Tra un sin­ghioz­zo e l’al­tro, si ba­cia­no: tan­to, a lun­go, in con­ti­nua­zio­ne. Ev­vi­va l’amo­re. Le lu­ci. Tan­te quan­te le la­cri­me, for­se di più, se­con­de so­lo ai baci, esplo­do­no al mo­men­to del “sì” in for­ma di fuochi d’ar­ti­fi­cio, a ce­na tes­so­no una fit­ta tra­ma sul­la te­sta de­gli in­vi­ta­ti se­du­ti a ta­vo­la, im­per­la­no il cie­lo so­pra di lo­ro, il­lu­mi­na­no di ma­gia i ra­vio­li di ri­cot­ta e il pe­sce con oli­ve, pa­ta­te e po­mo­do­ri­ni. La not­te è un lu­na park di gio­stre scin­til­lan­ti, una ruo­ta pa­no­ra­mi­ca che svet­ta nel buio, ca­val­luc­ci bian­chi che van­no su e giù, lo zuc­che­ro fi­la­to, il ti­ra­pu­gni. Si can­ta, si bal­la, si ri­de, ci si di­ver­te. Di nuo­vo, gli spo­si si ba­cia­no. Gli in­vi­ta­ti. 150 i pre­sen­ti in car­ne e os­sa: le fa­mi­glie, so­rel­le Fer­ra­gni in po­le po­si­tion, ma­dri e pa­dri com­pun­ti e com­mos­si, ami­ci di sem­pre, i “Ca­va­lie­ri” (i com­pa­ri di Fe­dez) che can­ta­no in co­ro «Chia­ra è una di noi», Bebe Vio, Giu­sy Fer­re­ri e un eser­ci­to di You­Tu­ber e blog­ger, tut­ti ri­go­ro­sa­men­te con i te­le­fo­ni­ni spia­na­ti. I no­mi più no­ti, pe­rò, so­no quel­li de­gli as­sen­ti, tra cui Paris Hil­ton e JAx. Bi­do­ni dell’ul­ti­mo mi­nu­to an­che da par­te di Mi­ka, che su In­sta­gram scri­ve: “Quan­to vor­rei es­se­re lì! Vi sarò vi­ci­no con il pen­sie­ro”, e Max Pez­za­li, trat­te­nu­to da un con­trat­tem­po. Non per­ve­nu­ti Fran­ce­sco Tot­ti e Ila­ry Bla­si, che pu­re era­no sta­ti in­vi­ta­ti. In com­pen­so a se­gui­re l’even­to via so­cial c’era­no po­ten­zial­men­te 20 mi­lio­ni di per­so­ne, som­ma dei fol­lo­wer di lei (14,6 mi­lio­ni) e di lui (6 mi­lio­ni e mez­zo).

SUL SE­CON­DO VE­STI­TO DI CHIA­RA ERA­NO RI­CA­MA­TI I VER­SI DI UNA CANZONE CHE LUI LE HA DE­DI­CA­TO

Il vil de­na­ro. Top se­cret la som­ma spe­sa per l’even­to, ma la ten­ta­zio­ne di fa­re i con­ti in ta­sca agli spo­si è trop­po for­te. Va det­to dun­que che gli spon­sor, da Dior a Tru­di, che ha for­ni­to due pu­paz­zi gi­gan­ti a im­ma­gi­ne di Chia­ra e Fe­dez, han­no fat­to a ga­ra per of­fri­re abi­ti, gad­get e quant’al­tro in cam­bio di vi­si­bi­li­tà sui lo­ro so­cial do­ra­ti. Con­si­de­ran­do che un po­st di lei co­sta ol­tre 10 mi­la eu­ro e ne può far in­ta­sca­re 50-60 mi­la, con tut­te le fo­to pub­bli­ca­te per le noz­ze si so­no mos­si al­me­no 20 mi­lio­ni di eu­ro: che poi sia­no sta­ti tut­ti spe­si per la festa è un mi­ste­ro, ma tant’è. Si fre­ga le ma­ni an­che la cit­tà di No­to, che ha re­gi­stra­to un in­cre­men­to tu­ri­sti­co del 10-15 per cen­to. De­lu­den­te in­ve­ce la rac­col­ta di be­ne­fi­cen­za lan­cia­ta co­me li­sta

noz­ze: gli in­vi­ta­ti, tac­ca­gni, han­no do­na­to so­lo 23 mi­la eu­ro.

Le po­le­mi­che. Tan­te, ov­via­men­te. La più aspra quel­la re­la­ti­va al vo­lo Ali­ta­lia ri­ser­va­to a Fe­dez e in­vi­ta­ti, par­ti­to da Li­na­te e per­so­na­liz­za­to fin nel kit di cor­te­sia of­fer­to ai pas­seg­ge­ri: il Co­da­cons non ha gra­di­to, ma la com­pa­gnia ha ri­spo­sto che non si è trat­ta­to di spon­so­riz­za­zio­ne ma di ac­cor­do com­mer­cia­le. Il re­sto è tut­to un bla bla bla: tut­ti han­no tro­va­to di che di­bat­te­re, dall’uo­mo del­la stra­da che «a me non in­te­res­sa» (ma in­tan­to ne sta par­lan­do) a Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li, più aci­da che mai. I Fer­ra­gnez fan­no spal­luc­ce. Si ba­cia­no. Qua­le mo­do mi­glio­re per scrol­lar­si di dos­se le cri­ti­che?

I SOVRANI VE­RI... Gra­ce (1929-1982) e il prin­ci­pe Ra­nie­ri III di Mo­na­co (1923-2005) il gior­no del­le noz­ze, nel 1956. Lei in­dos­sa­va un abi­to da fa­vo­la di He­len Ro­se, co­stu­mi­sta hol­ly­woo­dia­na del­la Me­tro Goldw­yn Mayer, en­tra­to nel­la leg­gen­da. ... E QUEL­LI DI IN­STA­GRAM L’abi­to di Chia­ra, re­gi­na del­le in­fluen­cer e di In­sta­gram, crea­to da Ma­ria Gra­zia Chiu­ri di Dior, ri­cor­da quel­lo di Gra­ce per il cor­pet­to di piz­zo a col­lo al­to e la gon­na va­po­ro­sa. Fe­dez ve­ste in­ve­ce Ver­sa­ce: ca­mi­cia bianca e abi­to blu, nien­te cra­vat­ta né cal­zi­ni.

TENERAMENTE IN TRE No­to (Si­ra­cu­sa). Chia­ra Fer­ra­gni, 31 an­ni, e Fe­de­ri­co Lu­cia, in ar­te Fe­dez, 28, po­sa­no per la clas­si­ca fo­to ri­cor­do do­po il sì al­la Di­mo­ra del­le Bal­ze, ele­gan­tis­si­ma mas­se­ria dell’800 po­co fuo­ri cit­tà. Con lo­ro c’è an­che il piccolo Leo­ne, 5 me­si. A cor­re­do dell’im­ma­gi­ne, su In­sta­gram lei ha scrit­to so­lo fa­mi­ly, “fa­mi­glia”. Fe­de­ri­ca Ca­poz­zi NIEN­TE TAC­CHI VERTIGINOSI: FE­DEZ È BAS­SO Ai pie­di Chia­ra ave­va dé­col­le­tés J’adior di Dior in tes­su­to, per­so­na­liz­za­te con il suo no­me. Tac­co bas­so per non stac­ca­re trop­po ri­spet­to al­la sta­tu­ra del­lo spo­so. IL BOUQUET È MINIMALISTA Sem­pli­cis­si­mo il bouquet del­la spo­sa, di pic­co­li fio­ri bian­chi. Non è sta­to re­so no­to il de­si­gner né chi l’ab­bia pre­so al lan­cio.

AT­TO PRI­MO: WEL­CO­ME PAR­TY No­to (Si­ra­cu­sa). Ba­gno di fol­la in cen­tro cit­tà per Chia­ra Fer­ra­gni e Fe­dez la se­ra pri­ma del­le noz­ze: a Pa­laz­zo Ni­co­la­ci han­no ac­col­to i 150 ospi­ti con ce­na e par­ty di ben­ve­nu­to fi­no al­le ore pic­co­le. CRI­STAL­LI E PERLE Di Pra­da, l’abi­to che Chia­ra in­dos­sa­va al par­ty era in ga­zer ro­sa, con perle e cri­stal­li tra­spa­ren­ti e do­ra­ti. Que­sto il boz­zet­to.

RO­MAN­TI­CI­SMO FIR­MA­TO DIOR Do­po il sì, la Fer­ra­gni si cam­bia due vol­te ma re­sta sem­pre in Dior: so­pra, l’abi­to lun­go ha la gon­na ri­ca­ma­ta con i ver­si del­la canzone che Fe­dez le de­di­cò all’Are­na quan­do le chie­se di spo­sar­lo. A la­to, la ver­sio­ne cor­ta: stes­so cor­pet­to con cuo­re ma tul­le so­pra in gi­noc­chio. IL VE­STI­TO “PARLANTE” FU LAN­CIA­TO DA ANGELINA A si­ni­stra, Angelina Jo­lie, 43, in bian­co Ver­sa­ce per le noz­ze con Brad Pitt nel 2014: il ve­lo e il re­tro del­la gon­na era­no ri­ca­ma­ti con i di­se­gni dei sei fi­gli. Sot­to, Eros Ra­maz­zot­ti, 54, e Ma­ri­ca Pel­le­gri­nel­li, 30: l’abi­to di lei, Va­len­ti­no Hau­te Cou­tu­re, era im­pre­zio­si­to di no­te mu­si­ca­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.