Il dot­tor Pie­tro Bartolo: «Vi rac­con­to l’or­ro­re dei la­ger li­bi­ci»

«CHI PAS­SA DAL­LA LI­BIA È TOR­TU­RA­TO E VIO­LEN­TA­TO», DI­CE PIE­TRO BARTOLO. ORA AN­CHE A PA­PA FRAN­CE­SCO SO­NO STA­TE MOSTRATE QUEL­LE IM­MA­GI­NI DISUMANE

GENTE - - Sommario - DI ROS­SA­NA LIN­GUI­NI

È di­spia­ciu­to che Pa­pa Fran­ce­sco sia ri­ma­sto scon­vol­to da quei vi­deo che mo­stra­no le atro­ci­tà com­mes­se dai li­bi­ci sui mi­gran­ti de­te­nu­ti nei lo­ro cen­tri, ma far sa­pe­re a tut­ti che co­sa sta suc­ce­den­do in Li­bia è un do­ve­re. Il dot­tor Pie­tro Bartolo lo di­ce con la stes­sa vo­ce fer­ma e cal­ma che il mon­do ha im­pa­ra­to a co­no­sce­re un an­no e mez­zo fa guar­dan­do Fuo­cam

ma­re, il do­cu­men­ta­rio su­gli sbar­chi a Lam­pe­du­sa pre­mia­to con l’Or­so d’oro, di cui il me­di­co dell’iso­la è sta­to in­ter­pre­te. E cer­to non im­ma­gi­na­va che il suo ami­co Fran­ce­sco Mon­te­ne­gro, ar­ci­ve­sco­vo di Agri­gen­to e pre­si­den­te di Ca­ri­tas, avreb­be fat­to ave­re al Pon­te­fi­ce quei fil­ma­ti da to­glie­re il son­no. Le spran­ghe e i ba­sto­ni a tor­tu­ra­re i cor­pi nu­di e le­ga­ti, i pu­gna­li e i ma­che­te che en­tra­no nel­la car­ne, il na­stro ade­si­vo per chiu­de­re la boc­ca, la di­spe­ra­zio­ne e le la­cri­me a chie­de­re pie­tà con gli oc­chi.

L’or­ro­re è ri­pre­so da aguz­zi­ni di­su­ma­ni, im­pa­zien­ti di per­sua­de­re le fa­mi­glie dei tor­tu­ra­ti a pa­ga­re, a pa­ga­re an­co­ra e di più. Co­sì na­sco­no que­sti fi­le, e qual­che vol­ta di smart­pho­ne in smart­pho­ne ar­ri­va­no fin al di qua del Me­di­ter­ra­neo, ma­ga­ri all’in­sa­pu­ta dei lo­ro sven­tu­ra­ti pro­ta­go­ni­sti. «Il car­di­na­le è mol­to sen­si­bi­le a que­sti te­mi», di­ce Bartolo, «ci sen­tia- mo spes­so e ci con­fron­tia­mo. I vi­deo? Io glie­ne ho da­to so­lo uno, non so se è tra quel­li che Fran­ce­sco ha vi­sto, e poi gli ho fat­to ave­re di­ver­se fo­to fat­te da me». Scat­ti dif­fi­ci­li, che il dot­tor Bartolo, da un quar­to di se­co­lo in pri­ma li­nea a Lam­pe­du­sa, fa­ti­ca a fa­re. Ma fa lo stes­so. «Quan­do sbar­ca­no sul­le no­stre co­ste e ar­ri­va­no da me ve­do co­se ter­ri­bi­li, che non si pos­so­no im­ma­gi­na­re. Al­lo­ra cer­co di do­cu­men­tar­le con le fo­to­gra­fie, per far ca­pi­re a che sof­fe­ren­ze so­no sot­to­po­sti lag­giù: la gen­te pen­sa che la Li­bia sia un por­to si­cu­ro, che ci sia­no cen­tri di ac­co­glien­za per i mi­gran­ti, ma non è co­sì. Lì ci so­no so­lo cam­pi di con­cen­tra­men­to e la­ger in cui que­ste per­so­ne ven­go­no tor­tu­ra­te». Quan­do ar­ri­va­no a Lam­pe­du­sa, Bartolo, gi­ne­co­lo­go e re­spon­sa­bi­le del po­liam­bu­la­to­rio, li vi­si­ta, li cu­ra. E li ascol­ta. «Non è ve­ro che non par-

L’AGONIA IN­TOL­LE­RA­BI­LE L’agonia di que­sto ra­gaz­zo è sta­ta pub­bli­ca­ta da Av­ve­ni­re che l’ha pre­sen­ta­ta co­me un fram­men­to dei vi­deo sul­le tor­tu­re in Li­bia vi­sti dal Pa­pa. In real­tà non è par­te di quei vi­deo. La fo­to è co­mun­que ve­ra ed è sta­ta por­ta­ta in Ita­lia da mi­gran­ti, tut­ta­via non è pos­si­bi­le sta­bi­li­re se si ri­fe­ri­sca al­la Li­bia o ad al­tro Pae­se afri­ca­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.