UNA “NON MAMMA” FE­LI­CE

GENTE - - Sommario -

Gen­ti­le di­ret­to­re, ho let­to la ri­spo­sta a una let­te­ra nel nu­me­ro 26 e mi ac­cor­go che an­che lei fa par­te di chi giu­di­ca le don­ne sen­za fi­gli egoi­ste, per­ché non ca­pi­sco­no “la me­ra­vi­glio­sa bel­lez­za del­la maternità”. Be’, io ho 40 an­ni e nes­sun istinto ma­ter­no. La­vo­ro nel so­cia­le, mi oc­cu­po dei ra­gaz­zi di­sa­bi­li e fac­cio vo­lon­ta­ria­to. Mol­te mam­me vi­vo­no so­lo per i fi­gli. Cor­ro­no tut­to il gior­no, so­no sem­pre stan­che, pre­oc­cu­pa­te e più di una mi ha det­to che se po­tes­se tor­na­re in­die­tro, fi­gli non ne fa­reb­be. Al la­vo­ro le col­le­ghe mam­me so­no qua­si spes­so as­sen­ti a cau­sa dei fi­gli. Al­lo­ra? Sia­mo si­cu­ri che tut­te le don­ne deb­ba­no per for­za es­se­re ma­dri? Io so­no or­go­glio­sa del­la mia scelta. Ro­ber­ta Ro­ma­ni­ni Ca­ra Ro­ber­ta, so­no con­vin­ta che tu ab­bia de­ci­so con lu­ci­di­tà e quin­di ci cre­do che tu sia fe­li­ce. Se mi co­no­sces­si, sa­pre­sti che non ho mai det­to, né pen­sa­to che si deb­ba es­se­re mam­me per for­za, o che le mam­me sia­no don­ne mi­glio­ri, o che quel­le che non han­no fi­gli sia­no da me­no. Cre­do che i bam­bi­ni sia­no un do­no che riem­pie la vita, que­sto sì. E che, chi ci ri­nun­cia vo­lon­ta­ria­men­te, la sap­pia riem­pi­re con al­tro: co­me fai tu, oc­cu­pan­do­ti di vo­lon­ta­ria­to. Il re­sto che scri­vi so­no astio­se fes­se­rie, cre­di­mi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.