Un amo­re na­to do­po il crol­lo di Genova

Lo schian­to del Mo­ran­di li ha la­scia­ti sen­za un tet­to. Pa­squa­le e Gra­ziel­la era­no vi­ci­ni di ca­sa: do­po la tra­ge­dia han­no ad­di­rit­tu­ra de­ci­so di an­da­re a vi­ve­re in­sie­me

GENTE - - Sommario - DI MAR­CO PA­GA­NI

A ve­va ra­gio­ne Lu­cio Dal­la, nel­la can­zo­ne Vita, del 1988, a di­re che può ri­na­sce­re “un fio­re so­pra un fat­to brut­to”. A Genova, per esem­pio, tra­gi­ca­men­te fe­ri­ta dal crol­lo del pon­te Mo­ran­di, schian­ta­to­si il 14 ago­sto tra­sci­nan­do con sé 43 vit­ti­me, ne so­no fio­ri­ti ad­di­rit­tu­ra due e del­la spe­cie più bel­la: quel­li d’aran­cio, che ac­com­pa­gna­no le storie d’amo­re al lie­to fi­ne di una con­vi­ven­za fe­li­ce. Il col­po di ful­mi­ne che si è fat­to lar­go tra la pol­ve­re e il buio dell’ani­ma pro­vo­ca­ti dal crol­lo del­la strut­tu­ra con­su­ma­ta dal tem­po (ven­ne inau­gu­ra­ta nel 1967) e dall’in­cu­ria (sem­bra­no or­mai ac­cla­ra­ti i cri­mi­na­li ri­tar­di nel­le sua ma­nu­ten­zio­ne), è an­co­ra più spe­cia­le di quan­to già ac­ca­da di so­li­to. I due no­vel­li in­na­mo­ra­ti, in­fat­ti, so­no Pa­squa­le Ra­nie­ri, 86 an­ni, e Gra­ziel­la Pi­sto-

rio, 83. « Ci co­no­scia­mo da tan­to, era­va­mo vi­ci­ni di ca­sa al ci­vi­co 9 di via Por­ro [ la stra­da in cui sor­go­no gli un­di­ci pa­laz­zi, in cui abi­ta­va­no 255 fa­mi­glie, eva­cua­ti per­ché sor­mon­ta­ti dai re­sti pe­ri­co­lan­ti del pon­te Mo­ran­di, ndr]. Lei all’in­ter­no 9, io due pia­ni più sot­to», di­ce l’uo­mo al quo­ti­dia­no ge­no­ve­se Il Se­co­lo XIX.

In real­tà, Pa­squa­le e Gra­ziel­la so­no in­se­pa­ra­bi­li da un me­se, dal gior­no in cui il via­dot­to ca­du­to ha cam­bia­to le lo­ro vi­te. «Fi­no al 13 ago­sto ero un fio­re, mi an­da­va tut­to be­ne, ave­vo il mio ap­par­ta­men­to: ci abi­ta­vo da 46 an­ni, den­tro ho una vita in­te­ra. Quan­do ci han­no ur­la­to “Usci­te, usci­te che il pon­te vie­ne giù”, so­no scap­pa­ta la­scian­do tut­te le mie co­se lì. Poi so­no crol­la­ta an­che io...», ha confidato Gra­ziel­la. Il de­sti­no ha gio­ca­to uno scher­zo peg­gio­re a Pa­squa­le, che di me­stie­re fa­ce­va il car­pen­tie­re spe­cia­liz­za­to: « Quel ma­le­det­to pon­te che mi ha re­so uno sfol­la­to ho con­tri­bui­to an­che io a co­struir­lo. Met­te­va­mo le guai­ne e pre­pa­ra­va­mo le co­la­te di ce­men­to. Poi vent’an­ni fa ho com­pra­to una ca­sa là sot­to, sol­di ce n’era­no po­chi e non po­te­vo an­da­re al­tro­ve». Al­me­no non han­no per­so l’ot­ti­mi­smo: «Ri­tro­van­do­ci fuo­ri dal­le no­stre abi­ta­zio­ni, ab­bia­mo pen­sa­to che in due è più fa­ci­le af­fron­ta­re una prova co­sì du­ra. Stia­mo in­sie­me e ci sen­tia­mo più for­ti», han­no spie­ga­to.

La for­za, e la spe­ran­za, de­vo­no pe­rò in­fon­der­si pro­prio tan­to nei lo­ro cuori. Si tro­va­no nel­lo stes­so al­ber­go, ma non so­no tut­te ro­se e fio­ri. «Non ci dan­no nep­pu­re la pri­ma co­la­zio­ne e al­la se­ra man­gia­mo ciò che è ri­ma­sta del pran­zo: sia­mo an­zia­ni e non riu­scia­mo ad an­da­re due vol­te al gior­no al cen­tro Bu­ra­nel­lo di Sam­pier­da­re­na do­ve dan­no i pa­sti ai sen­za ca­sa. Io mi so­no an­che pre­sa il raf­fred­do­re», si sfo­ga Gra­ziel­la. Ri­bat­te Pa­squa­le: «Ho tro­va­to una ca­sa nuo­va, ho da­to an­che un bell’an­ti­ci­po, in pra­ti­ca i miei ri­spar­mi. Di en­trar­ci pe­rò an­co­ra non se ne par­la, mi di­co­no che de­vo­no far­ci dei la­vo­ri. Qui tut­ti pro­met­to­no, ma a me ri­cor­da­no la can­zo­ne di Mi­na, Pa­ro­le pa­ro­le

pa­ro­le... Co­mun­que Gra­ziel­la, al­la fi­ne di que­sta sto­ria ci fac­cia­mo una bel­la va­can­za!». E la sua una pro­mes­sa lui la man­ter­rà, è un ve­ro uo­mo in­na­mo­ra­to.

LA LO­RO UNIO­NE È PIÙ FOR­TE DI TUT­TO Genova. Pa­squa­le Ra­nie­ri, 86 an­ni, e Gra­ziel­la Pi­sto­rio, 83, si ten­go­no te­ne­ra­men­te per ma­no. Abi­ta­va­no en­tram­bi in uno dei pa­laz­zi eva­cua­ti do­po il crol­lo, av­ve­nu­to il 14 ago­sto, del pon­te Mo­ran­di (so­pra, i re­sti del­la strut­tu­ra). «Ri­tro­van­do­ci im­prov­vi­sa­men­te fuo­ri dal­le no­stre abi­ta­zio­ni ab­bia­mo pen­sa­to che è più fa­ci­le af­fron­ta­re in due una prova co­sì du­ra: stia­mo in­sie­me e ci sen­tia­mo più for­ti», di­co­no ades­so i due no­vel­li in­na­mo­ra­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.