#no­nè­nor­ma­le­che­sia­nor­ma­le Fa­te­vi me­ga­fo­no di chi non ha vo­ce

GENTE - - Contents - MO­NI­CA MOSCA

Bar­tle­boom è sta­to da me un per­so­nag­gio mol­to ama­to. Esce dal­la pen­na di Ales­san­dro Ba­ric­co ed è uno dei pro­ta­go­ni­sti del suo ro­man­zo Ocea­no Ma­re, del 1993. Li­bro per for­za da leg­ge­re, se non l’ave­te fat­to, per­ché è poe­ti­co e fol­le, una me­ra­vi­glia che quan­do lo fi­ni­sci lo vuoi ri­co­min­cia­re su­bi­to, non te ne vuoi an­da­re più dal­la lo­can­da Al­mayer in ri­va al ma­re, che non si sa dov’è ed esi­ste for­se so­lo per chi cer­ca un sen­so al­la vi­ta e al­le co­se del­la vi­ta. Bar­tle­boom è uno dei set­te per­so­nag­gi e del­le set­te sto­rie che si in­cro­cia­no nel­la lo­can­da fan­ta­sti­ca e la sua ope­ra quo­ti­dia­na com­muo­ve: è im­pe­gna­to con ogni sfor­zo a mi­su­ra­re il ma­re, do­ve ini­zi e do­ve fi­ni­sca so­no le an­go­sce che ogni mat­ti­na lo tor­men­ta­no, e ci met­te tan­ta fa­ti­ca e mol­ta sa­pien­za e an­che amo­re, cer­to, ma non ci riu­sci­rà. Ec­co, mi è ve­nu­to in men­te lui per in­tro­dur­re l’ar­go­men­to di que­sta set­ti­ma­na pro­prio per il suo im­pe­gno co­scien­te e con­ti­nuo e di­spe­ra­tis­si­mo, che non ha pe­rò esi­to fe­li­ce. So­no 12 an­ni, da quan­do di­ri­go que­sto gior­na­le, e quin­di 144 me­si, e quin­di 624 set­ti­ma­ne che noi qui a

Gen­te ci im­pe­gnia­mo con­tro la vio­len­za sul­le don­ne. Ab­bia­mo scrit­to cen­ti­na­ia di sto­rie, in­ter­vi­sta­to, de­nun­cia­to, spie­ga­to. Ci sia­mo spe­si, e con­ti­nuia­mo a far­lo, per ot­te­ne­re che ces­si uno scem­pio in­de­gno, quel­lo del­le don­ne mo­le­sta­te, pic­chia­te, vio­len­ta­te, uccise. E af­fin­ché le don­ne im­pa­ri­no a ri­bel­lar­si e a sal­var­si, se ap­pe­na pos­so­no. Evi­den­te­men­te, pe­rò, non sia­mo riu­sci­ti a ot­te­ne­re un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo, non ab­bia­mo rag­giun­to il no­stro sco­po: co­me Bar­tle­boom, an­che noi ab­bia­mo fal­li­to. È av­vi­len­te ca­pi­re che la pro­pria vo­ce non ha eco, non rim­bal­za, non fa ab­ba­stan­za ru­mo­re; fa in­fu­ria­re ca­pi­re che non ba­sta mai. L’ul­ti­mo ca­so, fi­no al pros­si­mo che sa­rà do­ma­ni, è un pro­ces­so igno­bi­le che si è te­nu­to in Ir­lan­da, nel­la cit­ta­di­na uni­ver­si­ta­ria di Cork, per un pre­sun­to ca­so di vio­len­za ses­sua­le. Lui un uo­mo di 27 an­ni, lei una ra­gaz­za mi­no­ren­ne, di 17. La vit­ti­ma ha su­bi­to de­nun­cia­to, so­no ar­ri­va­ti in tri­bu­na­le. Co­me spes­so ac­ca­de, nei ca­si di stu­pro non ci so­no pro­ve cer­te, quel­le che al­cu­ni giu­di­ci pre­ten­de­reb­be­ro per po­ter ap­pli­ca­re la leg­ge sen­za ra­gio­na­re: c’è chi si di­chia­ra vit­ti­ma e chi in­no­cen­te. Le pa­ro­le di lei con­tro quel­le di lui, mi ha usa­to vio­len­za, ma fi­gu­ria­mo­ci ci sta­va ec­co­me. Quan­te vol­te l’ab­bia­mo sen­ti­to, ve­ro? In que­sto ca­so, pe­rò, c’è un det­ta­glio in più che fa or­ro­re, per­ché usa­to co­me ar­ma pro­prio da una don­na. Il pre­sun­to vio­len­ta­to­re ave­va in­fat­ti un’av­vo­ca­tes­sa per la di­fe­sa, Eli­za­be­th O’Con­nel, la qua­le ha con­vin­to i giu­di­ci che la ra­gaz­za ab­bia men­ti­to per­ché, si­gno­ri del­la cor­te, in­dos­sa­va un tan­ga! E di piz­zo poi, im­ma­gi­na­te! “Guar­da­te il mo­do in cui era ve­sti­ta”, ha osa­to in au­la mo­stran­do l’in­du­men­to in­ti­mo. “Ci so­no for­se pro­ve che esclu­do­no la pos­si­bi­li­tà che fos­se di­spo­ni­bi­le a sta­re con qual­cu­no?”. Più in­cre­di­bi­le dell’igno­bi­le ar­rin­ga è sta­ta poi la sen­ten­za: as­sol­to, non col­pe­vo­le. A si­gni­fi­ca­re: in­som­ma, chi in­dos­sa il tan­ga se la cer­ca, di­cia­mo­lo. Che an­ti­ca me­mo­ria e nau­sea dell’or­mai fa­mo­sa sen­ten­za 1636 del 1998, emes­sa qui in Ita­lia dal­la Cor­te di Cassazione. La ri­cor­da­te per for­za, ri­bal­tò la con­dan­na a due an­ni e mez­zo in­flit­ta in Ap­pel­lo a un istrut­to­re di gui­da, 40 an­ni, pre­sun­to vio­len­ta­to­re di un’al­lie­va di 18. Poi­ché la ra­gaz­za in­dos­sa­va i jeans, i su­pre­mi giu­di­ci ri­ten­ne­ro che “è qua­si im­pos­si­bi­le sfi­lar­li sen­za una fat­ti­va col­la­bo­ra­zio­ne”, in­som­ma la ra­gaz­za era con­sen­zien­te, si ca­pi­sce. Fu­ro­no proteste im­ma­ni, co­me quel­le che og­gi, 20 an­ni do­po ma non sem­bra cam­bia­to nien­te, stan­no scuo­ten­do l’Ir­lan­da, con mi­glia­ia di per­so­ne, don­ne e uo­mi­ni, nel­le piaz­ze di tan­te cit­tà a gri­da­re che il tan­ga non si­gni­fi­ca con­sen­so, e ci man­che­reb­be an­che. Una par­la­men­ta­re per pro­te­sta ha ti­ra­to fuo­ri un tan­ga di piz­zo in au­la: “Se è im­ba­raz­zan­te far­lo ve­de­re qui, co­me si sa­rà sen­ti­ta la vit­ti­ma quan­do la di­fe­sa del­lo stu­pra­to­re l’ha fat­to in tri­bu­na­le?”. Le don­ne non de­vo­no mai più ave­re la re­spon­sa­bi­li­tà di quel­lo che han­no su­bi­to, lo scri­vo an­co­ra, an­che que­sta set­ti­ma­na, e non mi stan­co. Vo­glio da­re vo­ce a chi di vo­ce ne ha me­no, o non ne ha più, per­ché le è an­da­ta peg­gio ed è sta­ta uc­ci­sa. Per tut­te que­ste ra­gio­ni, per­ché la vio­len­za sul­le don­ne è un pro­ble­ma so­cia­le e non di ge­ne­re, per­ché ar­ri­ve­rà il mo­men­to in cui la ra­gio­ne avrà una eco, noi di Gen­te ab­bia­mo ade­ri­to con­vin­ta­men­te al­la cam­pa­gna in­det­ta dal vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra Ma­ra Car­fa­gna. An­da­te a pa­gi­na 36 a leg­ge­re il ser­vi­zio e par­te­ci­pa­te an­che voi, su­bi­to, ades­so. La cam­pa­gna lan­cia l’ha­sh­tag #no­nè­nor­ma­le­che­sia­nor­ma­le e chie­de di po­sta­re fo­to o vi­deo sui so­cial, con il vi­so se­gna­to da uno sbaf­fo di ros­set­to, a si­mu­la­re una fe­ri­ta, o un li­vi­do. Co­me ho fat­to io po­san­do per la fo­to di que­sta pa­gi­na, che per que­sta set­ti­ma­na spe­cia­le ho cam­bia­to. Di­te­lo al­le ami­che, ai fi­gli, ai ma­ri­ti. Fa­te­vi me­ga­fo­no. Per­ché vio­la­re, o uc­ci­de­re una don­na so­lo in quan­to ta­le, mo­glie, fi­glia, aman­te o fi­dan­za­ta è un rea­to ab­nor­me.

BA­STA UN SE­GNO DI ROS­SET­TO Po­sta­te sui vo­stri so­cial una fo­to, o un vi­deo, con il vi­so se­gna­to co­me il mio. Com­bat­te­re­te una bat­ta­glia de­gna.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.