QUEL­LE FA­MI­GLIE UN PO’ ESTRE­ME

GENTE - - La Posta Dei Lettori -

Ca­ro di­ret­to­re, a Ro­ma una don­na, un’in­fer­mie­ra sin­gle, ri­ma­sta in­cin­ta con la fe­con­da­zio­ne in vi­tro e che è sta­ta se­gui­ta per tut­ta la ge­sta­zio­ne in una cli­ni­ca al­ba­ne­se, è di­ven­ta­ta mam­ma a 62 an­ni. A Bo­lo­gna, in­ve­ce, c’è il bi­snon­no più gio­va­ne d’Ita­lia: ap­pe­na 56 an­ni. Pre­met­to che non so­no una bac­chet­to­na e so per pri­ma che non esi­ste più la fa­mi­glia tra­di­zio­na­le, che la scien­za o an­che sol­tan­to i cam­bia­men­ti del­la so­cie­tà han­no mo­di­fi­ca­to per sem­pre il mo­do di met­te­re al mon­do i fi­gli, ma chie­do: far na­sce­re bam­bi­ni trop­po pre­sto o trop­po tar­di è dav­ve­ro nel lo­ro in­te­res­se? Mi­che­la Da­pi­si Ca­ra Mi­che­la, so­no en­tram­bi ca­si-li­mi­te, ma tro­vo più “ac­cet­ta­bi­le” quel­lo del bi­snon­no. È me­glio far­li pri­ma che do­po i fi­gli, quan­do so­no mol­to al­ti i ri­schi che i ge­ni­to­ri, o il ge­ni­to­re, pos­sa­no la­sciar­li pre­sto or­fa­ni. Non a ca­so la mam­ma in­fer­mie­ra di 62 an­ni ha di­chia­ra­to: «Mi ba­sta che que­sta bim­ba ar­ri­vi con me ai 18 an­ni». Glie­lo au­gu­ro di cuo­re. Ma cre­do che sua fi­glia avreb­be bi­so­gno di lei an­che do­po.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.