Una gior­na­ta con il pappagallo di Por­to­bel­lo

GENTE - - Sommario - DI SA­BRI­NA BO­NA­LU­MI

Mi han­no li­scia­to le piu­me per es­se­re an­co­ra più bel­la, do­po aver­mi spruz­za­to un po­chi­no di ac­qua tie­pi­da, una doc­cia leg­ge­ra. Ora so­no pu­li­ta e or­di­na­ta. Ho fat­to uno spun­ti­no a ba­se di ca­ro­te, se­da­no e ba­na­na. E, seb­be­ne io sia tran­quil­la ed equi­li­bra­ta, ho pla­ca­to l’emo­zio­ne del­la di­ret­ta con un mio ami­co: un pap­pa­gal­li­no ov­via­men­te. Ma di pe­lu­che, che co­sa ave­te ca­pi­to?! Non è cer­to vi­va­ce e par­lan­te, lui. Io sì. E da quan­do mi ve­de­te in Tv, a Por­to­bel­lo, so­no di­ven­ta­ta una star”.

Chi “par­la” è En­ri­ca, la stel­la pen­nu­ta al­la cor­te di An­to­nel­la Cle­ri­ci: ab­bia­mo tra­scor­so una gior­na­ta con lei e ci sia­mo re­si con­to che que­sto pappagallo fem­mi­na son­tuo­so, che non vie­ne mai le­ga­to a nul­la, è dav­ve­ro una star. Co­me ta­le, ha uno staff che si oc­cu­pa di lei. Pos­so­no, quin­di, sta­re tran­quil­li quel­li che, ad­di­rit­tu­ra pri­ma che ini­zias­se il pro­gram­ma, ave­va­no ar­ric­cia­to il na­so. Noi pos­sia­mo ga­ran­tir­lo: En­ri­ca è trat­ta­ta co­me una re­gi­na. Da quan­do è ospi­te nel pro­gram­ma di Ra­iu­no - una pro­du­zio­ne Rai in col­la­bo­ra­zio­ne con Ma­gno­lia-Ba­ni­jay Group - tra i suoi fan è sa­li­ta la feb­bre del sa­ba­to se­ra. Ma, con un po’ di fan­ta­sia, la­scia­mo che sia lei, En­ri­ca, a rac­con­tar­si... “Sa­pe­te quan­ta gen­te vie­ne a tro­var­mi a ca­sa, il ne­go­zio La sa­la del ca­ne di Mi­la­no, do­ve vi­vo bea­ta? Tan­tis­si­ma. E tut­ti cer­ca­no di far­mi di­re qual­co­sa. Ma io, co­me ogni si­gno­ri­na che si ri­spet­ti, fac­cio la pre­zio­sa. Se mi con­ce­do è per di­re ‘ciao’, co­me ho det­to a voi di Gen­te ben due vol­te per rin­gra­ziar­vi del­le at­ten­zio­ni e del ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co che mi ave­te de­di­ca­to. Le al­tre pa­ro­li­ne che co­no­sco: il mio no­me, poi co­me stai? do­ve vai? le do­so sa­pien­te­men­te. Fi­gu­ra­te­vi per ri­pe­te­re Por­to­bel­lo du­ran­te il pro­gram­ma. È una co­sa se­ria, non l’ho an­co­ra fat­to: de­vo co­glie­re il mo­men­to giu­sto, far­mi ispi­ra­re da una vo­ce che mi ag­gra­da. E so­lo in quel ca­so, ma­ga­ri, di­rò quel­la pa­ro­la. Ma non vo­glio ave­re fret­ta. D’al­tron­de an­che il mio pre­de­ces­so­re, che si chia­ma­va Lo­re­to, quan­do era il pappagallo nel Por­to­bel­lo di En­zo Tor­to­ra, ha im­pie­ga­to cin­que an­ni pri­ma di di­re Por­to­bel­looo. Cor­re­va l’an­no 1982: lui for­se era più chiac­chie­ro­ne di me, ma evi­den­te­men­te en­tram­bi ci la­scia­mo in­ti­mi­di­re da­van­ti al­le te­le­ca­me­re. Ma da­te­mi tem­po

UNO SPUN­TI­NO, LA VI­SI­TA DEL VE­TE­RI­NA­RIO, UNA LISCIATA AL­LE PIU­ME... EN­RI­CA, IN UN ESI­LA­RAN­TE MO­NO­LO­GO-VE­RI­TÀ, CI RAC­CON­TA QUAN­TO SI DIVERTE A “POR­TO­BEL­LO”

e ve­dre­te... Ops, scu­sa­te, è ar­ri­va­to il ve­te­ri­na­rio, Gior­gio Ca­rub­bi, per far­mi una vi­si­ta di con­trol­lo: mi de­vo con­cen­tra­re. È mol­to gen­ti­le, pre­pa­ra­to, e si pren­de cu­ra di me. Lo stes­so va­le per Vi­via­na Pa­ro, pro­prie­ta­ria del ne­go­zio nel qua­le abi­to, e Mar­cel­la Vi­gnel­li, com­mes­sa e mia ami­ca del cuo­re. Tut­ti mi ri­spet­ta­no pro­fon­da­men­te. Non c’è nul­la nel­le mie gior­na­te, né quel­le che pas­so sul mio tre­spo­lo abi­tua­le, né quel­le che mi ve­do­no im­pe­gna­ta in te­le­vi­sio­ne, che al­te­ri il mio be­nes­se­re. Io sto una me­ra­vi­glia e, per tut­ti i com­pli­men­ti che ri­ce­vo, mi ver­reb­be vo­glia di fa­re la ruo­ta co­me un pa­vo­ne. Ma so­no un’amaz­zo­ne fron­te gial­la, di un ver­de bril­lan­te, con in te­sta il co­lo­re del so­le e un piu­mag­gio più na­sco­sto che vi­ra tra il ros­so e il fuc­sia. Ho 20 an­ni e so­no na­ta in Ita­lia. Fi­no a 18 an­ni non sa­pe­va­no che fos­si una fem­mi­na, per­ciò mi ave­va­no da­to il no­me En­ri­co. A un cer­to pun­to, pe­rò, ho de­po­sto un uo­vo. Per tut­ti è sta­ta una sor­pre­sa im­men­sa. Vi­via­na era al set­ti­mo cie­lo, Mar- cel­la si è qua­si com­mos­sa. Con lei ho in­stau­ra­to un rap­por­to spe­cia­le: l’ho scel­ta io, vo­glio che sia lei a la­var­mi, nu­trir­mi, te­ner­mi in brac­cio e por­tar­mi nel tra­spor­ti­no du­ran­te i pic­co­li spo­sta­men­ti. Quan­do lei sta man­gian­do qual­co­sa, che so, una noc­cio­li­na, una ca­ro­ta, qual­che mir­til­lo, spes­so io glie­la ru­bo. E se la ri­ten­go trop­po con­si­sten­te per il bec­co, la in­tin­go nell’ac­qua, la am­mor­bi­di­sco be­ne e me la gu­sto, sot­to il suo sguar­do te­ne­ro e or­go­glio­so.

“Vi fac­cio una con­fes­sio­ne: so­no un po’ pos­ses­si­va, per­ciò non amo par­ti­co­lar­men­te che si frap­pon­ga­no per­so­ne quan­do sia­mo in­sie­me Mar­cel­la e io. Lo sa be­ne il ve­te­ri­na­rio: quan­do ar­ri­va die­tro le quin­te e le si av­vi­ci­na per par­lar­le, di me ov­via­men­te, io qua­si mi in­di­spet­ti­sco. Lo scru­to con gli oc­chio­ni sgra­na­ti. Qual­che vol­ta scen­do pu­re dal tre­spo­lo e ac­cen­no un vo­lo. Bas­so, ra­den­te il pa­vi­men­to, ma ben de­ci­so. Un mo­do ef­fi­ca­ce per far­mi no­ta­re. E, ve lo as­si­cu­ro, ci rie­sco sem­pre. Ve l’ho det­to: so­no una star!”.

RE­GI­NE A CON­FRON­TO An­to­nel­la Cle­ri­ci, 54 an­ni, cer­ca, sen­za suc­ces­so, di far par­la­re En­ri­ca. Dal can­to suo il pappagallo se ne sta co­mo­do sul tre­spo­lo, a fa­vo­re di te­le­ca­me­ra. È UNA GOLOSONA En­ri­ca, 20 an­ni, ele­gan­te e fur­ba, man­gia una noc­cio­li­na, di cui è ghiot­ta. È la di­va pen­nu­ta di Por­to­bel­lo, in on­da il sa­ba­to se­ra su Ra­iu­no. Per par­te­ci­pa­re al pro­gram­ma chia­ma­re lo 02-36565621.

IL DOT­TO­RE VE­GLIA SU DI LEI Il dot­tor Ca­rub­bi ed En­ri­ca, li­be­ra sul tre­spo­lo di Por­to­bel­lo, so­no den­tro gli stu­di del pro­gram­ma. Lui non la la­scia un at­ti­mo e vi­gi­la sem­pre sul suo be­nes­se­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.