Bos­set­ti, ca­pi­to­lo fi­na­le: è il kil­ler

GENTE - - Sommario - DI ALES­SAN­DRA GA­VAZ­ZI

A ot­to an­ni dal­la scom­par­sa del­la ra­gaz­zi­na di Brem­ba­te, la Cassazione met­te fi­ne al­la vi­cen­da giudiziaria di Mas­si­mo Bos­set­ti. “Per tro­va­re un’al­tra per­so­na aven­te lo stes­so Dna ser­vi­reb­be­ro 3.700 mi­liar­di di mi­liar­di di mi­liar­di di in­di­vi­dui”, scri­vo­no i giu­di­ci con­fer­man­do l’er­ga­sto­lo

M as­si­mo Bos­set­ti è l’as­sas­si­no di Ya­ra Gam­bi­ra­sio. E lo è con cer­tez­za pra­ti­ca­men­te as­so­lu­ta: per tro­va­re un’al­tra per­so­na aven­te lo stes­so pro­fi­lo ge­ne­ti­co del carpentiere di Ma­pel­lo - va­le a di­re lo stes­so Dna ri­tro­va­to su­gli slip del­la ra­gaz­zi­na di Brem­ba­te uc­ci­sa il 26 no­vem­bre 2010 - oc­cor­re­reb­be­ro 3.700 mi­liar­di di mi­liar­di di mi­liar­di di in­di­vi­dui. Per dar­vi so­lo un’idea: 3.700 mi­liar­di si­gni­fi­ca 528 vol­te e mez­za gli abi­tan­ti del­la Ter­ra. La pos­si­bi­li­tà che que­sto cal­co­lo sia sba­glia­to? Una su 20 mi­liar­di, “su­pe­rio­re a tut­ta la po­po­la­zio­ne, vi­va o mor­ta, tran­si­ta­ta sul­la Ter­ra dal­la com­par­sa dell’uo­mo”. A scri­ver­lo so­no i giu­di­ci del­la Cassazione che han­no con­fer­ma­to la con­dan­na di pri­mo e se­con­do gra­do: Bos­set­ti è col­pe­vo­le, me­ri­ta l’er­ga­sto­lo. E que­sta è l’ul­ti­ma Cor­te, il giu­di­zio “tom­ba­le” per­ché, per l’ap­pun­to, è quel­lo che chiu­de per sem­pre la vi­cen­da giudiziaria. Que­sta sto­ria ne­ra è ini­zia­ta con la scom­par­sa di Ya­ra, 13 an­ni, pro­mes­sa del­la gin­na­sti­ca, che esce dal­la pa­le­stra del suo pae­se, fi­no a quel mo­men­to un pun­ti­no sco­no­sciu­to nel­la pro­vin­cia ber­ga­ma­sca, e sva­ni­sce nel nul­la. Sui suoi po­ve­ri re­sti, ri­tro­va­ti esat­ta­men­te tre me­si più tar­di in un cam­po a qual­che chi­lo­me­tro di di­stan­za, c’è pe­rò quel­la che dal pri­mo istan­te vie­ne ri­te­nu­ta la prova re­gi­na: il Dna dell’as­sas­si­no, da quel mo­men­to per tut­ti Igno­to 1. L’in­da­gi­ne ge­ne­ti­ca è im­po­nen­te, coin­vol­ge let­te­ral­men­te tut­ti i la­bo­ra­to­ri fo­ren­si e uni­ver­si­ta­ri più pre­sti­gio­si d’Ita­lia e non so­lo. Ma quel­la trac­cia re­sta a lun­go sen­za un no­me. Si va a se­tac­cio, al­lo­ra, ana­liz­zan­do il pro­fi­lo bio­lo­gi­co di cen­ti­na­ia di uo­mi­ni del­la zo­na, di tut­ti i com­pa­gni di scuo­la del­la ra­gaz­za, di tut­ti i lo­ro ge­ni­to­ri. Fin­ché uno si ri­ve­la in par­te com­pa­ti­bi­le: non è l’as­sas­si­no, ma il ni­po­te di Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni, che si ri­ve­le­rà il pa­dre na­tu­ra­le del kil­ler. Pe­rò è mor­to nel 1999. E co­sì par­te una nuo­va cac­cia, que­sta vol­ta al­la ma­dre, tra tut­te le co­no­scen­ze pos­si­bi­li dell’uo- mo. È co­me cer­ca­re il pro­ver­bia­le ago nel pa­glia­io, ma al­la fi­ne si ar­ri­va a un al­tro no­me: Ester Ar­zuf­fi. E tra i suoi tre fi­gli c’è il più ri­cer­ca­to d’Ita­lia, Mas­si­mo Bos­set­ti. Igno­to 1. Che da sem­pre ri­fiu­ta in to­to que­sta ri­co­stru­zio­ne e gri­da la sua in­no­cen­za. Ep­pu­re la Cor­te d’as­si­se di Ber­ga­mo, la Cor­te d’ap­pel­lo di Bre­scia e ora la Cassazione ro­ma­na con­fer­ma­no: è lui, sen­za l’om­bra di quel ra­gio­ne­vo­le dub­bio al qua­le il carpentiere si è sem­pre ag­grap­pa­to. “C’è pie­na coin­ci­den­za iden­ti­fi­ca­ti­va tra il pro­fi­lo di Igno­to 1 rin­ve­nu­to sul­le mu­tan­di­ne del­la vit­ti­ma e quel­lo dell’im­pu­ta­to”, scri­vo­no i ma­gi­stra­ti in via de­fi­ni­ti­va. Rin­ca­ran­do di mol­to la do­se, vi­sto che il ri­cor­so pre­sen­ta­to dai suoi av­vo­ca­ti Clau­dio Sal­va­gni e Pao­lo Cam­po­ri­ni vie­ne a più ri­pre­se de­fi­ni­to “ge­ne­ri­co” e “ma­ni­fe­sta­men­te infondato”, in­far­ci­to di “mo­ti­va­zio­ni fuor­vian­ti” e “sgra­de­vo­li mi­sti­fi­ca­zio­ni”, “pri­vo di fon­ti scien­ti­fi­che” e “fan­ta­sio­so”. Ot­to an­ni do­po, sem­bra fi­ni­ta dav­ve­ro: Ya­ra può ri­po­sa­re in pa­ce, i fa­mi­lia­ri san­no la ve­ri­tà.

IL RI­COR­SO DEI SUOI LE­GA­LI È STA­TO DE­FI­NI­TO INFONDATO

LA LA­SCIÒ MO­RI­RE DI FRED­DO E PAU­RA Ya­ra Gam­bi­ra­sio fu ac­col­tel­la­ta, col­pi­ta al­la te­sta e la­scia­ta mo­ri­re len­ta­men­te, al fred­do, in un cam­po a Chi­gno­lo d’Iso­la, Ber­ga­mo, il 26 no­vem­bre 2010. Ave­va 13 an­ni. IL CARPENTIERE NON HA MAI CONFESSATO Mas­si­mo Bos­set­ti, 48 an­ni, tra gli agen­ti del­la po­li­zia pe­ni­ten­zia­ria: ar­re­sta­to il 16 giu­gno 2014 men­tre era al la­vo­ro in can­tie­re, tut­to­ra si di­ce in­no­cen­te. A lui si ar­ri­vò tra­mi­te il Dna.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.