Sul ter­mo­va­lo­riz­za­to­re di Co­pe­na­ghen si scia all’ita­lia­na

DI GIOR­GIO CAL­DO­NAZ­ZO

GENTE - - Sommario - di Gior­gio Cal­do­naz­zo

Man­ca la ne­ve? Non c’è pro­ble­ma: a Ber­ga­mo han­no mes­so in pi­sta un si­ste­ma in­fal­li­bi­le che la ga­ran­ti­sce do­di­ci me­si all’an­no, an­che in esta­te, per­fi­no in Afri­ca o ai Ca­rai­bi. In real­tà la ne­ve ma­de in Ber­ga­mo esi­ste da vent’an­ni, l’ha in­ven­ta­ta una dit­ta di no­me Ne­ve­pla­st, van­ta di­ver­se imi­ta­zio­ni e da tem­po ha con­qui­sta­to e con­vin­to pu­re ap­pas­sio­na­ti e cam­pio­ni de­gli sport in­ver­na­li.

Ades­so se ne fa un gran par­la­re, per­ché a Co­pe­na­ghen, sul tet­to del gi­gan­te­sco in­ce­ne­ri­to­re che in Da­ni­mar­ca han­no da po­co ul­ti­ma­to al­le por­te del­la ca­pi­ta­le, l’azien­da oro­bi­ca, che di fan­ta­sia ne ha da ven­de­re, ha ap­pe­na in­stal­la­to non una, ma tre di­sce­se “in pla­sti­ca” da sci (o da

sno­w­board). Per la gio­ia dei da­ne­si e il di­sap­pun­to dei no­stri po­li­ti­ci, che so­no riu­sci­ti a li­ti­ga­re an­che su que­sto. Sì, per­ché il mi­ni­stro de­gli In­ter­ni Mat­teo Sal­vi­ni, che da me­si in­vo­ca più in­ce­ne­ri­to­ri in Ita­lia e so­prat­tut­to in Cam­pa­nia, ha in­vi­ta­to ad am­mi­ra­re il ca­so da­ne­se. E Lui­gi Di Ma­io, suo col­le­ga di go­ver­no e fie­ro av­ver­sa­rio dei ter­mo­va­lo­riz­za­to­ri, co­me li chia­ma­no i tec­ni­ci, si è li­mi­ta­to a re­pli­ca­re con uno sprez­zan­te: « Ci man­ca so­lo di scia­re nel­la Ter­ra dei fuo­chi».

Con­flit­ti di go­ver­no a par­te, la ne­ve “al­la ber­ga­ma­sca” è una sto­ria di in­ge­gno ed ec­cel­len­za che me­ri­ta un’ana­li­si. « Sia­mo na­ti per vo­lon­tà di mio pa­dre, che vo­le­va in­ven­ta­re un fon­do su cui al­le­na­re i suoi fi­gli al­lo sci du­ran­te tut­to l’an­no, die­tro la por­ta di ca­sa, a Ber­ga­mo», rac­con­ta Niccolò Ber­toc­chi, 39 an­ni, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di una pic­co­la, ma in­cre­di­bi­le real­tà im­pren­di­to­ria­le, di quel­le che sba­lor­di­sco­no il mon­do. « Con l’aiu­to di un pa­io di in­ge­gne­ri e po­chi col­la­bo­ra­to­ri la mia fa­mi­glia ha crea­to una mi­sce­la di pla­sti­che che te­nia­mo segreta e ri­crea un man­to in tut­to si­mi­le a una ne­ve com­pat­ta, leg­ger­men­te du­ra, qua­si ugua­le a quel­la ar­ti­fi­cia­le che vie­ne spa­ra­ta in in­ver­no sul­le no­stre mon­ta­gne», spie­ga Niccolò. Do­po­di­ché ba­sta ave­re due nor­ma­lis­si­mi sci, do­ta­ti di una buo­na la­mi­na, e si può af­fron­ta­re la di­sce­sa esat­ta­men­te co­me si scen­de lun­go un pen­dio di ne­ve na­tu­ra­le. Il fon­do è for­ma­to da una fit­ta se­rie di ste­li o den­ti­ni al­ti un pa­io di cen­ti­me­tri, su cui lo sci scor­re agil­men­te. Esi­sto­no tec­ni­che e stru­men­ti per ri­pu­li­re il na­stro quan­do ce n’è bi­so­gno e un li­qui­do atos­si­co, all’oc­cor­ren­za, può ren­der­lo più sci­vo­lo­so.

«Il ri­sul­ta­to ci ha por­ta­to a crea­re 1.900 im­pian­ti in gi­ro per il mon­do, da­gli Sta­ti Uni­ti al Me­dio Oriente, dall’Au­stra­lia all’Afri­ca», fa due con­ti Niccolò. «A Co­pe­na­ghen par­ti­re­mo con le no­stre tre pi­ste da sci in pri­ma­ve­ra, di cui una co­sid­det­ta ne­ra per chi sa scia­re be­ne, lun­ga 180 me­tri: lo­ro ci ten­go­no, per­ché ama­no l’idea di svi­lup­pa­re un cam­po spor­ti­vo sul tet­to di un in­ce­ne­ri­to­re di nuo­va ge­ne­ra­zio­ne, di quel­li che bru­cia­no rifiuti, pro­du­co­no ener­gia e non emet­to­no al­cun in­qui­nan­te, so­lo va­po­re ac­queo». L’uni­co im­ba­raz­zo che può di­so­rien­ta­re lo scia­to­re è il co­lo­re del­la fin­ta ne­ve, ver­de. «D’al- tra par­te il bian­co reg­ge me­no lo spor­co», chia­ri­sce Ber­toc­chi, ri­ma­sto da so­lo a gui­da­re la dit­ta do­po la mor­te del fra­tel­lo. « Ci ten­go co­mun­que a di­re che noi non pro­du­cia­mo soltanto pi­ste da sci di tut­to ri­spet­to, ba­sti pen­sa­re che la più lun­ga rag­giun­ge i 900 me­tri di lun­ghez­za. Noi svi­lup­pia­mo an­che pi­ste da snow tu­bing, do­ve si cor­re sul­la ne­ve in pla­sti­ca a bor­do di gom­mo­ni che fan­no mo­rir dal ri­de­re, e co­struia­mo cir­cui­ti da go kart, su cui le pic­co­le quat­tro­ruo­te viag­gia­no a ve­lo­ci­tà più bas­sa, ma so­no più di­ver­ten­ti da gui­da­re per­ché slit­ta­no sul man­to di pla­sti­ca».

Con i suoi 14 di­pen­den­ti e un fat­tu­ra­to li­mi­ta­to (quat­tro mi­lio­ni di eu­ro) pe­rò in co­stan­te au­men­to, Ne­ve­pla­st è lea­der mon­dia­le nel suo set­to­re e of­fre un pro­dot­to rea­liz­za­to da ca­po a pie­di nel rag­gio di una qua­ran­ti­na di chi­lo­me­tri. Gli im­pian­ti han­no una vi­ta che rag­giun­ge i quin­di­ci-vent’an­ni, do­po­di­ché ven­go­no ri­ti­ra­ti e pos­so­no es­se­re ri­ge­ne­ra­ti per ri­co­min­cia­re da ca­po. «Non si but­ta via nien­te e si scia o si slit­ta in qua­lun­que sta­gio­ne, a qua­lun­que latitudine. Dal­la Po­lo­nia, do­ve a Na­ta­le ver­rà inau­gu­ra­to un im­men­so par­co gio­chi, all’iso­la tro­pi­ca­le di Mauritius, da dov’è giun­ta l’ul­ti­ma ri­chie­sta. Il di­ver­ti­men­to è ga­ran­ti­to al prin­ci­pian­te e al pro­fes­sio­ni­sta del­le ne­vi. Il cam­pio­ne sviz­ze­ro di sci al­pi­no, Car­lo Jan­ka, per esem­pio, si è al­le­na­to più vol­te sui per­cor­si crea­ti dal ge­nio dei Ber­toc­chi. Ha ri­fi­ni­to in esta­te il suo mo­do di par­ti­re in ga­ra, sen­za bi­so­gno di rag­giun­ge­re chis­sà qua­li ghiac­ciai dal­le ne­vi pe­ren­ni. A Ber­ga­mo la ne­ve è fat­ta in ca­sa e te la por­ta­no a do­mi­ci­lio do­ve vuoi. Con­se­gne in tut­to il mon­do.

OR­MAI È UN SUC­CES­SO MON­DIA­LE: L’UL­TI­MO IM­PIAN­TO È A MAURITIUS

IL COLLAUDO LO FA IL CA­PO IN PER­SO­NA Co­pe­na­ghen. Niccolò Ber­toc­chi, 39 an­ni, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to del­la ber­ga­ma­sca Ne­ve­pla­st, col­lau­da il pri­mo trat­to di pi­sta da sci ar­ti­fi­cia­le sul ter­mo­va­lo­riz­za­to­re da­ne­se. Nel ton­do, il det­ta­glio di co­me è com­po­sta la “ne­ve”.

A OGNI LATITUDINE Le evo­lu­zio­ni di uno sno­w­boar­der nel Gold Coa­st Snow Park in Au­stra­lia. A de­stra, tre sno­boar­der guar­da­no il pa­no­ra­ma a Buc­khill, ne­gli Sta­ti Uni­ti. Tut­ti e due gli im­pian­ti so­no sta­ti rea­liz­za­ti dal­la Ne­ve­pla­st.

TUT­TO PRON­TO A PRI­MA­VE­RA Co­pe­na­ghen. Una fa­se del­la po­sa del­la pi­sta sul tet­to dell’in­ce­ne­ri­to­re. A pri­ma­ve­ra l’im­pian­to sa­rà aper­to al pub­bli­co. Il man­to è ver­de per una sem­pli­ce ra­gio­ne: «Il bian­co reg­ge me­no al­lo spor­co», spie­ga Ber­toc­chi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.