Re­gi­ne in lot­ta sul gran­de scher­mo

GENTE - - Sommario - DI SA­RA RE­COR­DA­TI

L’INQUIETANTE SO­VRA­NA D’IN­GHIL­TER­RA CON­TRO LA SEDUCENTE SCOZ­ZE­SE. PER IL PO­TE­RE LA PRI­MA RI­NUN­CIÒ AD AVE­RE UNA FA­MI­GLIA, L’AL­TRA NO E FU LA SUA ROVINA. LA ROB­BIE E LA RO­NAN, CHE LE INTERPRETANO, MERITANO EN­TRAM­BE LA CE­LE­BRE STATUETTA

Tre ore e mez­za di truc­co al gior­no: tan­to ci voleva per tra­sfor­ma­re la su­per­la­ti­va Mar­got Rob­bie in Eli­sa­bet­ta I. Il ri­sul­ta­to è stra­bi­lian­te: nel film Ma­ria re­gi­na di Sco­zia, al ci­ne­ma dal 17 gen­na­io, la bion­da au­stra­lia­na è ir­ri­co­no­sci­bi­le con il na­so in­gran­di­to, il ce­ro­ne spes­so e le vo­lu­mi­no­se par­ruc­che. Un look che di­ven­ta sem­pre più ri­gi­do, estre­mo e an­che spa­ven­to­so man ma­no che “la re­gi­na ver­gi­ne”, com’era co­no­sciu­ta Eli­sa­bet­ta, con­fer­ma il suo de­sti­no di don­na so­la al­la gui­da di una na­zio­ne, ri­fiu­tan­do di spo­sar­si per il ti­mo­re che un ma­ri­to pos­sa pro­va­re a sot­to­met­ter­la. Di fat­to ri­nun­ciò al­la pro­pria fem­mi­ni­li­tà per di­ven­ta­re il po­te­re fat­to don­na. «In cer­te sce­ne fac­cio fa­ti­ca a ri­co­no­scer­mi, as­so­mi­glio a Vol­de­mort [ il mo­struo­so ne­mi­co di Har­ry Pot­ter, ndr]», ha con­fes­sa­to la Rob­bie ri­fe­ren­do­si so­prat­tut­to a quan­do Eli­sa­bet­ta si am­ma­la di va­io­lo che le la­sce­rà il vol­to de­tur­pa­to.

Mol­to di­ver­so è il ca­so di Ma­ria Stuar­da, che dà il ti­to­lo al film e sie­de sul tro­no di Sco­zia. Le due co­ro­ne ver­ran­no in­fat­ti riu­ni­te so­lo nel 1603 da Gia­co­mo, il fi­glio di Ma­ria Stuar­da che suc­ce­de­rà a Eli­sa­bet­ta, la qua­le, non es­sen­do­si mai spo­sa­ta, mo­ri­rà sen­za eredi. Al con­tra­rio del­la cu­gi­na, Ma­ria scel­se la vi­ta: l’amo­re, il ma­tri­mo­nio e la ma­ter­ni­tà. La sua bel­lez­za sa­rà a lun­go in­vi­dia­ta dal­la re­gi­na in­gle­se, fin­ché que­st’ul­ti­ma non ca­pi­rà che quei do­ni sa­ran­no pu­re la cau­sa del­la rovina del­la sua ri­va­le. In un mon­do for­te­men­te pa­triar­ca­le, una don­na al po­te­re era vi­sta co­me il fumo ne­gli oc­chi.

«Una don­na con la co­ro­na è la rovina, peg­gio di una pe­sti­len­za!», tuo­na il teo­lo­go e ri­for­ma­to­re del­la Chie­sa scoz­ze­se John

Knox in una sce­na. Per que­ste stes­se ra­gio­ni Eli­sa­bet­ta ri­nun­ciò a tut­to. «La co­ro­na mi ha in­se­gna­to a di­ven­ta­re un uo­mo», di­ce nel film. È gra­zie al sa­cri­fi­cio del­la sua fem­mi­ni­li­tà che la re­gi­na d’In­ghil­ter­ra rie­sce a man­te­ne­re il po­te­re per 45 lun­ghi anni di re­gno, men­tre la cu­gi­na Ma­ria sa­rà co­stret­ta ad ab­di­ca­re nel 1567 in fa­vo­re del fi­glio Gia­co­mo, che ave­va un an­no.

Ba­sa­to su un li­bro del­lo sto­ri­co bri­tan­ni­co John Guy e scrit­to dal­lo sce­neg­gia­to­re di Hou­se of Cards Beau Wil­li­mon, il film of­fre una vi­sio­ne di­ver­sa da quel­la co­mu­ne­men­te no­ta, se­con­do cui Ma­ria Stuar­da era una de­bo­le. De­scri­ve, in­ve­ce, la sua te­na­ce re­si­sten­za nei con­fron­ti di una cor­te di uo­mi­ni che non ha mai ces­sa­to di tra­ma­re al­le sue spal­le. «Fu una del­le don­ne più frain­te­se del­la sto­ria e l’ab­bia­mo pro­po­sta sot­to una lu­ce mol­to di­ver­sa», spie­ga la re­gi­sta Jo­sie Rour­ke.

Ma­ria Stuar­da, che a so­li sei gior­ni per­se il pa­dre e di­ven­ne re­gi­na, eb­be una vi­ta tra­gi­ca. Per sfug­gi­re al­le guer­re an­glo-scoz­ze­si fu cre­sciu­ta nell’am­bien­te col­to e raf­fi­na­to del­la cor­te fran­ce­se di Ca­te­ri­na de’ Me­di­ci, do­ve a 15 anni spo­sò il re di Fran­cia Fran­ce­sco II. A 18, pe­rò, era già ve­do­va. Scel­se al­lo­ra di tor­na­re in Sco­zia, nel 1561, per re­cla­ma­re il tro­no che le spet­ta­va, dal fra­tel­la­stro Mo­ray, che ave­va go­ver­na­to in sua as­sen­za. Men­tre era via i pro­te­stan­ti, gui­da­ti dal teo­lo­go John Knox, ave­va­no pre­so il con­trol­lo del­la Chie­sa scoz­ze­se, di­mo­stran­do­si fin da su­bi­to osti­li a lei, cat­to­li­ca. Nei set­te anni di re­gno Ma­ria do­vrà af­fron­ta­re co­spi­ra­zio­ni, ri­vol­te ci­vi­li e per­fi­no una cam­pa­gna di fa­ke news che l’ac­cu­sa­va di es­se­re l’aman­te del mu­si­ci­sta ita­lia­no Davide Riz­zio.

Le ri­cer­che del­lo sto­ri­co John Guy of­fro­no l’im­ma­gi­ne di una po­li­ti­ca abi­le e di una gui­da si­cu­ra che pun­ta­va a un’al­lean­za con la cu­gi­na Eli­sa­bet­ta. Ma­ria avreb­be pe­rò pec­ca­to d’in­ge­nui­tà spo­san­do il va­ne­sio e in­fi­do lord Darn­ley, il cui uni­co obiet­ti­vo era di spo­de­star­la al­lean­do­si con gli al­tri uo­mi­ni di cor­te. Al­la fi­ne i co­spi­ra­to­ri si ri­ve­le­ran­no trop­po po­ten­ti. Fiac­ca­ta da in­nu­me­re­vo­li scon­tri e tradimenti - tra cui l’omi­ci­dio, pro­prio sot­to i suoi oc­chi, dell’ami­co Riz­zio e quel­lo del ma­ri­to, del qua­le non si è mai sco­per­to il col­pe­vo­le - si ve­drà co­stret­ta ad ab­di­ca­re nel 1567. Ma­ria al­lo­ra scap­pe­rà in In­ghil­ter­ra, cer­can­do pro­te­zio­ne dal­la cu­gi­na. L’in­con­tro tra le due re­gi­ne (an­che se non sto­ri­ca­men­te di­mo­stra­to) è tra i mo­men­ti più toc­can­ti del film, per­ché le due don­ne vi­ve­va­no una fa­sci­na­zio­ne re­ci­pro­ca: so­lo lo­ro po­te­va­no ca­pi­re che co­sa si­gni­fi­ca­va per una don­na la so­li­tu­di­ne del po­te­re. Eli­sa­bet­ta si pre­sen­ta ir­ri­gi­di­ta die­tro una ma­sche­ra d’im­pas­si­bi­li­tà, Ma­ria in­ve­ce, pur scon­fit­ta, è splen­di­da in tut­ta la sua fem­mi­ni­li­tà. Eli­sa­bet­ta com­pren­de la sof­fe­ren­za e l’iso­la­men­to del­la cu­gi­na, ma al­lo stes­so tem­po si sen­te mi­nac­cia­ta dal­la sua na­tu­ra im­pul­si­va. Ma­ria ca­pi­sce pre­sto che non ver­rà aiu­ta­ta da Eli­sa­bet­ta, che in­fat­ti la fa­rà rin­chiu­de­re per 20 lun­ghis­si­mi anni, al ter­mi­ne dei qua­li la fa­rà de­ca­pi­ta­re, nel 1587.

«Il film mostra qual è il prez­zo del po­te­re», ha det­to Saoir­se Ro­nan, che in­ter­pre­ta Ma­ria Stuar­da ed è tra le più ama­te nuove di­ve di Hol­ly­wood. «A vol­te è im­pos­si­bi­le per le don­ne riu­sci­re a man­te­ne­re il po­sto di co­man­do. Men­tre si ri­leg­ge que­sta vi­cen­da del pas­sa­to l’in­vi­to è di ri­flet­te­re an­che su quan­to av­vie­ne ai gior­ni no­stri».

«CON QUEL TRUC­CO SEMBRAVO UN MO­STRO», DI­CE MAR­GOT ROB­BIE

ERA INFLESSIBILE Mar­got Rob­bie con Guy Pear­ce, 51 anni, che in­ter­pre­ta sir Wil­liam Ce­cil, con­si­glie­re del­la re­gi­na: in­sie­me de­ci­se­ro l’ese­cu­zio­ne di Ma­ria.

SEM­PRE COMBATTIVA La Ro­nan si eser­ci­ta a spa­ra­re in una sce­na del film. L’im­pul­si­va re­gi­na di Sco­zia spe­ra­va di al­lear­si con Eli­sa­bet­ta, ma fu osteg­gia­ta dal­la sua cor­te per­ché don­na e cat­to­li­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.